Pausa Caffè

Pausa Caffè

Prenditi una pausa ed entra qua! 5 minuti di chiacchiere in libertà.

fuggi.fuggi fuggi.fuggi 13/04/2014 ore 17.25.51
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

CptHarlok scrive:
A proposito... Figghi Figghi chiedi a Willa... gli asparagi selvatici protetti?

A proposito, si parlava di pungitopo che è vietato credo ovunque. Per l' agrifoglio non so. Idem per gli asparagi selvatici. Comunque l' uso e il raccolto di TUTTI I PRODOTTI DEL BOSCO E DEL SOTTOBOSCO sono regolati. La prossima volta gugla meglio prima di comparire ad minchiam ;-)
fuggi.fuggi fuggi.fuggi 13/04/2014 ore 17.27.19
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

CptHarlok scrive:
si ma che con gli asparagi selvatici hai detto una cagata....te ne sei accorta

Ma te ne sei accorto che tu la stai facendo?
Non stuzzicarmi troppo...Non ti conviene.
CptHarlok CptHarlok 13/04/2014 ore 17.29.38 Ultimi messaggi
CptHarlok CptHarlok 13/04/2014 ore 17.31.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

Pungitopo - Ruscus aculeatus

Famiglia: Liliaceae

Nome comune: Pungitopo

Nome friulano: Ruscli, Rusticions

Etimologia: Il primo termine del binomio è il nome con cui gli antichi Romani chiamavano la pianta. il secondo si riferisce alla presenza cladodi appuntiti e pungenti.

Habitat: E’ una pianta spontanea del bacino mediterraneo, caratteristica dei boschi di leccio (Quercus ilex L.) e di caducifoglie, dove può essere facilmente rinvenuta nel sottobosco. Comune in tutto il territorio italiano, particolarmente al Sud, in terreni pietrosi o rocciosi, dal livello del mare fino a circa 1400 m d’altitudine. ll Pungitopo è pianta estremamente rustica, resistente al freddo, agli agenti inquinanti e alle avversità, adattabile a tutti i tipi di terreno e a tutti gli ambienti. Predilige esposizioni ombreggiate o a mezz'ombra.

Caratteri morfologici: Pianta erbacea perenne sempreverde fornita di un robusto rizoma da cui si dipartono fusti legnosi, eretti, alti fino a 1 m, semplici alla base ma riccamente ramificati verso l`alto. Le vere foglie sono estremamente ridotte e caduche; la loro funzione è svolta da particolari rami appiattiti che prendono il nome di cladodi. Questi, lunghi 2-4 cm, hanno forma ovato-oblunga e terminano all’apice con una spina pungente. I fiori, unisessuali su piante dioiche, si formano sulla pagina superiore dei cladodi e sono piccoli e verdastri e sbocciano tra febbraio e aprile. Il frutto è una bacca globosa, di circa 1 cm di diametro, colore rosso brillante, che persiste lungamente sulla pianta.

Raccolta: Si raccolgono i nuovi getti (turioni) di colore bruno-violaceo che, in primavera, emergono dal terreno fra gli spinosissimi rami degli anni precedenti. La pianta nel suo insieme si colloca nel commercio floreale del periodo delle festività natalizie mentre i rizomi sono utilizzati in erboristeria.

Uso in cucina: I turioni del Pungitopo si consumano come gli Asparagi selvatici o coltivati, ma hanno un sapore più amarognolo e richiedono un maggior tempo di cottura. Per allontanare l`eccesso di sostanze amare si suole cuocerli in abbondante acqua. Una volta lessati, si mangiano conditi con sale, pepe, olio e succo di limone oppure si usano come ingredienti per le frittate. La fortuna di questo ortaggio nella cultura gastronomica delle diverse regioni d`Italia è varia. In Lombardia, i getti del Pungitopo sono considerati una leccornia e vengono venduti in mazzetti presso i fruttivendoli a prezzi assai più elevati di quelli degli Asparagi coltivati e dello stesso Asparago selvatico.

Proprietà farmaceutiche: Le radici del pungitopo vengono raccolte tra settembre e novembre, il rizoma viene pulito ed essiccato al sole. La radice e il rizoma del pungitopo contengono saponine steroidi, dall'azione vasocostrittrice e antinfiammatoria, e rutina, che ha azione protettiva dei capillari. Il rizoma è proteico e diuretico; viene usato per combattere le emorroidi e contro il gonfiore delle gambe.


Avvertenze

Poichè in molte regioni è considerato simbolo di buon augurio, specialmente durante il periodo natalizio, la sua raccolta indiscriminata ha fatto si che sia diventata una specie protetta in molte regioni italiane.* Pertanto prima di raccoglierlo, accertatevi di poterlo fare.

* In toscana NO .... in Veneto neppure
FIKUS FIKUS 13/04/2014 ore 17.33.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

fuggi.fuggi scrive:
Mi sembra ovvio! Ma tu stai preparando il terreno per futuri illeciti?

illeciti?

spiega e fai attenzione a quello che scrivi :hoho
18041048
fuggi.fuggi scrive: Mi sembra ovvio! Ma tu stai preparando il terreno per futuri illeciti? illeciti? spiega e fai attenzione a...
Risposta
13/04/2014 17.33.39
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
fuggi.fuggi fuggi.fuggi 13/04/2014 ore 17.33.54
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

CptHarlok scrive:
Piace eh?

Cosa? La comparsa ad minchiam? Per niente. Diciamo che tutto quello che riguarda te e i tuoi cloni mi da piuttosto fastidio.
fuggi.fuggi fuggi.fuggi 13/04/2014 ore 17.35.31
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

@ CptHarlok:
E quindi? Dopo questa non ti rimane che incollare il DSM RIGOROSAMENTE IV.
CptHarlok CptHarlok 13/04/2014 ore 17.36.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

fuggi.fuggi scrive:
i tuoi cloni

Te sei di fuori come un terrazzo!!!

soffri anche tu della mania da persecuzione dei cloni??

Apri Skype Bischerella e ti dimostro che dietro QUESTO nik c'è UNA persona
fuggi.fuggi fuggi.fuggi 13/04/2014 ore 17.36.59
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

FIKUS scrive:
illeciti?

Hai presente "l' incapacità di intendere e volere" ? Se continui a scrivere a cavolo ti spiani la strada avendo x testimoni ;-)
beat.le beat.le 13/04/2014 ore 17.39.03
segnala

(Nessuno)RE: Ho fatto un sogno

:ronf :sbong :testata :cosaaa

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.