Pausa Caffè

Pausa Caffè

Prenditi una pausa ed entra qua! 5 minuti di chiacchiere in libertà.

Bullshit.Detector 10/01/2019 ore 19.29.07 Ultimi messaggi
segnala

DivertitoA chi LI VUOLE MALE....

Esclusivo: come il barone della droga messicano El Chapo è stato abbattuto dalla tecnologia
made in Israel


La guerra del Messico contro i suoi cartelli ha sempre avuto un obiettivo primario: catturare Joaquín Guzmán Loera, l'uomo più ricercato del mondo e il più potente barone della droga del paese. E grazie ad una compagnia di Herzliya, con un piccolo aiuto da parte di un attore non protagonista e stella telenovella, è riuscito a fare proprio questo.

È stata un'operazione di arresto che ha fatto notizia in tutto il mondo, non solo a causa dell'obiettivo, il barone della droga El Chapo, considerato l'uomo più ricercato al mondo (una volta che Osama bin Laden è stato abbattuto), ma anche a causa del altri partecipanti non disposti - uno dei più grandi telenovellari messicani e l'attore americano Sean Penn. Da allora, la speculazione e le storie hanno circondato proprio l'uomo che è riuscito a scappare nuovamente dalla prigione. Questo fine settimana, per la prima volta, pubblicheremo la storia completa dietro la cattura di El Chapo, una storia che presenta un sistema di intercettazione telefonica noto come Pegasus, creato dalla compagnia israeliana NSO.

La storia inizia nel 2011, quando fu completato lo sviluppo iniziale del sistema Pegasus.

Pegasus può assumere il pieno controllo di un telefono cellulare, compreso l'ascolto delle chiamate, la lettura di ogni comunicazione scritta, l'utilizzo del microfono per intercettare le conversazioni nelle sue vicinanze e scattare foto (ma non video) con la sua videocamera. È stato anche in grado di ottenere l'accesso a tutte le informazioni necessarie per accedere a conti bancari, e-mail e così via senza la necessità di hackerare questi account. Il sistema permetteva persino il controllo e il monitoraggio dell'uso della batteria, quindi la persona a cui era stato interrotto il telefono non era la più saggia del fatto che lui o lei fossero stati privati della loro privacy.


Il presidente del consiglio di amministrazione della NSO, il generale Avigdor Ben-Gal, e gli amministratori delegati Omri Lavie e Shalev Hulio hanno deciso di dimostrare il loro prodotto al primo cliente. Per la prima volta, fonti che hanno familiarità con la storia dell'azienda confermano che questo cliente era il Messico, che soffriva di criminalità organizzata sfrenata, cartelli della droga e traffico di esseri umani.

L'accordo ha funzionato con successo per entrambe le parti. Una task force creata per combattere il crimine ha improvvisamente sviluppato occhi e orecchie, ei suoi membri hanno abbracciato con entusiasmo lo staff dell'NSO quando dal nulla hanno potuto vedere e sentire ciò che era sempre impenetrabile e fuori dalla portata, specialmente quando si trattava del testo BBM crittografato servizio messaggi su BlackBerrys, il telefono di riferimento per i membri del cartello.

Persino il presidente del Messico ha invitato la vigilia di Natale 2011 a ringraziare personalmente NSO. "Non avrei potuto chiedere un regalo di Natale migliore, con quello che ci hai dato, possiamo finalmente sradicare i cartelli", disse loro.

Dal primo giorno, era ovvio quale fosse l'obiettivo principale nella battaglia contro i cartelli della droga messicani: il grande capo, Joaquín Archivaldo Guzman Loera. Meglio conosciuto come El Chapo, era il capo del più potente cartello della droga del mondo, e l'uomo più ricercato del mondo dopo la morte di Osama bin Laden.

El Chapo era già stato catturato nel 1993, ma è fuggito dal carcere nel 2001. Grazie all'utilizzo anticipato del sistema NSO, insieme ad altre misure, i messicani sono riusciti a localizzarlo nel febbraio 2014 nel suo appartamento a Mazatlán, al largo della costa del L'oceano Pacifico. Fu catturato senza combattere e imprigionato di nuovo.

Mentre era in prigione, El Chapo utilizzava telefoni nascosti che aveva in suo possesso (alcuni sotto sorveglianza NSO) per cercare di avere un film di Hollywood o un programma televisivo basato sulla sua vita. Durante queste telefonate, ha chiesto ai suoi avvocati di trovargli qualcuno del settore cinematografico o televisivo per assumersi l'incarico. Gli avvocati si sono rivolti alla stella messicana della telenovella Kate del Castillo, che interpretava un barone della droga in una soap opera messicana.

Nel luglio 2015, El Chapo ha scioccato il mondo quando è fuggito di nuovo, questa volta attraverso una galleria scavata sotto la doccia nella sua cella in una casetta a circa due chilometri dalla prigione.

La fuga non ha danneggiato il desiderio di El Chapo di immortalare la sua vita sullo schermo. Pegasus ha continuato a monitorare i contatti tra i suoi avvocati e del Castillo, e in seguito il telefono speciale che gli avvocati hanno concesso all'attrice di utilizzare esclusivamente per la comunicazione testuale con El Chapo. L'intelligence militare messicana aveva ottenuto un dispositivo dello stesso raro tipo, un telefono che doveva essere impenetrabile all'hacking, che El Chapo le aveva trasmesso. Il dispositivo è stato portato nel laboratorio NSO di Herzliya, dove gli esperti hanno creato una speciale piattaforma di intercettazione tutta sua.

Con il dispositivo ora a loro disposizione, i membri dell'unità speciale hanno ascoltato in dettaglio la crescente storia d'amore tra El Chapo e del Castillo e i piani per un incontro tra di loro. Allo stesso tempo, sul suo altro telefono e sui telefoni degli avvocati, sentirono Del Castillo dichiarando con eccitazione di aver incontrato l'attore Sean Penn in un evento a Los Angeles e di averlo reclutato per il progetto. Non è chiaro se anche il telefono di Penn fosse sotto sorveglianza, ma a quanto pare non ce n'era bisogno, perché tutte le sue conversazioni e i suoi testi con Del Castillo e in seguito con lo stesso El Chapo venivano già intercettati attraverso i loro telefoni.

E così, la rete si chiuse lentamente attorno all'ignoto barone della droga. Alla fine del 2015, del Castillo e Penn si imbarcarono su un jet privato che li portò in un luogo sconosciuto, e da lì percorsero una grande distanza via terra, finché non raggiunsero il loro punto d'incontro. Sconosciuto per loro, questo viaggio fu pesantemente monitorato dagli agenti dei servizi segreti messicani, che osservarono da lontano mentre El Chapo arrivava e abbracciò Del Castillo. Gli agenti hanno deciso di non arrestare El Chapo a quel punto, apparentemente per evitare una sparatoria. Invece, lo hanno seguito per altri due mesi, fino all'8 gennaio 2016, le forze speciali messicane hanno fatto irruzione in una delle case sicure di El Chapo nella città di Los Mochis, nel nord di Sinaloa.

Scoppiò uno scontro a fuoco e El Chapo fuggì di nuovo, ma fu catturato poco dopo in un albergo vicino. È stato estradato negli Stati Uniti, dove è ora sotto processo.

La storia completa sarà pubblicata venerdì, come parte di un'intervista esclusiva con Shalev Hulio.

8579418
Esclusivo: come il barone della droga messicano El Chapo è stato abbattuto dalla tecnologia made in Israel « immagine » La guerra...
Discussione
10/01/2019 19.29.07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Bullshit.Detector Bullshit.Detector 10/01/2019 ore 19.44.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: A chi LI VUOLE MALE....





L'esercito britannico ha utilizzato un sistema anti-drone all'avanguardia
sviluppato da Israele per sconfiggere l'Unmanned Aerial Vehicle (UAV)

DRONE
che ha causato la chiusura di 36 ore dell'aeroporto di Gatwick e l'annullamento di circa 750 voli la settimana scorsa.

Il Daily Mail del Regno Unito ha riferito venerdì che l'esercito britannico ha acquistato sei sistemi Drone Dome per 15,8 milioni di sterline nel 2018 e che la tecnologia è utilizzata dall'esercito in Siria e Iraq per abbattere gli UAV pilotati dal gruppo terroristico dello Stato islamico (ISIS) .

La polizia ha cercato di usare la tecnologia che avevano in loro possesso, il che si è dimostrato inutile perché il drone utilizzato a Gatwick è stato hackerato o un drone avanzato, e quindi è stato chiamato il sistema Drone Dome dell'esercito realizzato da Rafael israeliano.

"Sono molto contento di vedere la tecnologia israeliana utilizzata all'aeroporto di Gatwick per rendere nuovamente possibile il volo", ha twittato Lord Eric Pickles.

"Buone notizie per i viaggiatori, notizie BAD per coloro che promuovono il boicottaggio dei prodotti israeliani", ha aggiunto.

Rafael, una società israeliana per la tecnologia di difesa, descrive il sistema come "progettato per fornire un'efficace difesa dello spazio aereo contro i droni ostili utilizzati dai terroristi per effettuare attacchi aerei, raccogliere informazioni e altre attività intimidatorie".

Utilizza quattro radar per offrire una copertura completa a 360 gradi per la scansione dell'intero orizzonte.

La polizia ha arrestato due sospetti alla fine del venerdì nel peggiore caos dei viaggi inflitti dai droni per colpire la Gran Bretagna. I sospettati sono un uomo di 47 anni, la sua moglie di 54 anni di Crawley. Sono stati arrestati con l'accusa di interrompere l'aviazione civile e potrebbero essere puniti con la vita in prigione.

Il motivo per i loro voli droni aggressivi non è stato stabilito, ma i funzionari dicono che non ci sono indicazioni che siano "terroristici". Non ci sono stati nuovi avvistamenti di droni dopo gli arresti.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.