Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

xpescatore xpescatore 01/04/2008 ore 10.41.42
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

Sinda ha scritto:
? :mmm cosa vorrebbe dire?

xpescatore ha scritto:
Cristian, credo onestamente che sia inutile insistere su un argomento che evidentemente non è ben compreso da persone che non distinguono il pubblico dal privato, adducendo vecchiette e soap.
E' come dire che la vecchietta può commettere un reato perchè non conosce la legge, ma è persino assurdo pensare che ci sia una sola persona in Italia che non sa quali siano le reti pubbliche e quelle private, come se poi quelle private fossero solo quelle di Berlusconi, mentre le reti locali non le contesta nessuno anche perchè sono quasi tutte schierate a sx.

Sinda come ben sai ci sono moltissime reti locali che trasmettono a livello regionale o interprovinciale.
Basta seguirne alcune e ti accorgi che sono quasi tutte schierate a sx come del resto quasi tutta la stampa locale e nazionale.

cristian1977 cristian1977 01/04/2008 ore 11.29.04
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

Sinda ha scritto:
Domanda: ma cosa significa non essere faziosi?
significa raccontare i fatti a 360° anzichè raccontare solo alcune cose omettendone altre ad esempio.
fare una puntata su mastella indagato dove lui non si può difendere (al di la di quello che uno può pensare di mastella) perchè non partecipe alla trasmissione, non è corretto. come non è corretto non aver usato lo stesso metodo per dire che l'inchiesta su di lui è stata archiviata
il diritto di cronaca e il buon giornalismo prevedono
il contraddiorio tra le parti
e dire tutte infomrazioni del caso ovvero: oggi dico che tizio è indagato (se è vero) e domani dico che non lo è più (se l'inchiesta è decaduta)
se io dico che tu sei indagata e faccio una trasmissione parlando male di te ma poi quando tu risulti innocente o estranea non dico nulla. quello è fare pessimo giornalismo oltre che essere faziosi
cosa intendi con uso personale della tv?
dire solo quello che a me conviene quindi
per fede si tratta di parlare bene di berlusconi e male degli avversari
per santoro parlare bene dei suoi amici di sx e male di tutti gli altri
con la differenza che fede è in una tv privata ed io non gli pago lo stipendio. a santoro invece gli pago lo stipendio e quindi vorrei che non usasse il mezzo televisivo per fini personali
che c'azzecca il confronto con Mastella? Avere una certa impostazione politica, palesarla, non vuol dire fare uso personale della cosa pubblica.
è la stessa cosa. entrambi hanno usato dei servizi pubblici per fini personali
mastella ha usato un aereo di stato (pagato con i miei soldi) per andare ad un Gp
santoro usa la tv pubblica (pagata con i miei soldi) per fare informazione di parte
Usare un mezzo di rappresentanza per portare a scuola i figli invece lo è. I giornalisti fanno molte cose: dal dare notizie all'occuparsi di trasmissioni di opinione. Io al mondo del giornalismo non chiedo imparzialità, per il semplice fatto che l'imparzialità se si fa opinione NON ESISTE! Io chiedo libertà di espressione e di pensiero, cosa che in Italia, purtroppo, manca totalmente.
l'imparzialità la si fa raccontando la cronaca senza metterci del tuo. l'opinione si può fare ma deve essere appunto un opinione e non detta come se fosse cronaca verità
fare cronaca come fa santoro aiutato dal suo amico travaglio dove si insinuano le cose non è fare cronaca ma solo insinuazioni che non dicono nulla se non a far passare un sospetto, una diceria per vera solo per dare contro a qualcuno
se tizio ha rubato per dovere di cronaca va detto chiaro e tondo
dire che sembrerebbe che tizio abbia rubato perchè caio l'ha sentito dire da sempronio ma le cose sono poi incasinate perchè ...... non è croncaca non è fare giornalismo ma è fare gossip
con la chiara intenzione di far passare tizio per ladro anche se le prove non ci sono e le voci di tali sospetti sono solo dicerie
E questo è grave. Così ci si attacca al problema della faziosità, che dal mio punto di vista è un falso problema.
non è un falso problema perchè se io metto su ad arte una serie di sospetti su di te facendoli passare per veri e per cronaca tu potresti essere rovinata
Era Voltaire che diceva più o meno: non approvo le tue idee, ma sarei pronto a morire per difenderle!
dillo a santoro non a me. è lui che non rispetta le idee altrui perchè non le prende nemmeno in considerazione. per lui valgono solo le sue di idee e se non la pensi come lui non ti fa parlare



xpescatore xpescatore 01/04/2008 ore 11.33.46
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

cristian1977 ha scritto:
Sinda ha scritto:
Domanda: ma cosa significa non essere faziosi?
significa raccontare i fatti a 360° anzichè raccontare solo alcune cose omettendone altre ad esempio.
fare una puntata su mastella indagato dove lui non si può difendere (al di la di quello che uno può pensare di mastella) perchè non partecipe alla trasmissione, non è corretto. come non è corretto non aver usato lo stesso metodo per dire che l'inchiesta su di lui è stata archiviata
il diritto di cronaca e il buon giornalismo prevedono
il contraddiorio tra le parti
e dire tutte infomrazioni del caso ovvero: oggi dico che tizio è indagato (se è vero) e domani dico che non lo è più (se l'inchiesta è decaduta)
se io dico che tu sei indagata e faccio una trasmissione parlando male di te ma poi quando tu risulti innocente o estranea non dico nulla. quello è fare pessimo giornalismo oltre che essere faziosi
cosa intendi con uso personale della tv?
dire solo quello che a me conviene quindi
per fede si tratta di parlare bene di berlusconi e male degli avversari
per santoro parlare bene dei suoi amici di sx e male di tutti gli altri
con la differenza che fede è in una tv privata ed io non gli pago lo stipendio. a santoro invece gli pago lo stipendio e quindi vorrei che non usasse il mezzo televisivo per fini personali
che c'azzecca il confronto con Mastella? Avere una certa impostazione politica, palesarla, non vuol dire fare uso personale della cosa pubblica.
è la stessa cosa. entrambi hanno usato dei servizi pubblici per fini personali
mastella ha usato un aereo di stato (pagato con i miei soldi) per andare ad un Gp
santoro usa la tv pubblica (pagata con i miei soldi) per fare informazione di parte
Usare un mezzo di rappresentanza per portare a scuola i figli invece lo è. I giornalisti fanno molte cose: dal dare notizie all'occuparsi di trasmissioni di opinione. Io al mondo del giornalismo non chiedo imparzialità, per il semplice fatto che l'imparzialità se si fa opinione NON ESISTE! Io chiedo libertà di espressione e di pensiero, cosa che in Italia, purtroppo, manca totalmente.
l'imparzialità la si fa raccontando la cronaca senza metterci del tuo. l'opinione si può fare ma deve essere appunto un opinione e non detta come se fosse cronaca verità
fare cronaca come fa santoro aiutato dal suo amico travaglio dove si insinuano le cose non è fare cronaca ma solo insinuazioni che non dicono nulla se non a far passare un sospetto, una diceria per vera solo per dare contro a qualcuno
se tizio ha rubato per dovere di cronaca va detto chiaro e tondo
dire che sembrerebbe che tizio abbia rubato perchè caio l'ha sentito dire da sempronio ma le cose sono poi incasinate perchè ...... non è croncaca non è fare giornalismo ma è fare gossip
con la chiara intenzione di far passare tizio per ladro anche se le prove non ci sono e le voci di tali sospetti sono solo dicerie
E questo è grave. Così ci si attacca al problema della faziosità, che dal mio punto di vista è un falso problema.
non è un falso problema perchè se io metto su ad arte una serie di sospetti su di te facendoli passare per veri e per cronaca tu potresti essere rovinata
Era Voltaire che diceva più o meno: non approvo le tue idee, ma sarei pronto a morire per difenderle!
dillo a santoro non a me. è lui che non rispetta le idee altrui perchè non le prende nemmeno in considerazione. per lui valgono solo le sue di idee e se non la pensi come lui non ti fa parlare


Cristian QUOTO! Chiaro e preciso
:clap :clap :clap :clap
maistancodi maistancodi 01/04/2008 ore 11.59.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

xpescatore ha scritto:
cristian1977 ha scritto:
Sinda ha scritto:
Domanda: ma cosa significa non essere faziosi?
significa raccontare i fatti a 360° anzichè raccontare solo alcune cose omettendone altre ad esempio.
fare una puntata su mastella indagato dove lui non si può difendere (al di la di quello che uno può pensare di mastella) perchè non partecipe alla trasmissione, non è corretto. come non è corretto non aver usato lo stesso metodo per dire che l'inchiesta su di lui è stata archiviata
il diritto di cronaca e il buon giornalismo prevedono
il contraddiorio tra le parti
e dire tutte infomrazioni del caso ovvero: oggi dico che tizio è indagato (se è vero) e domani dico che non lo è più (se l'inchiesta è decaduta)
se io dico che tu sei indagata e faccio una trasmissione parlando male di te ma poi quando tu risulti innocente o estranea non dico nulla. quello è fare pessimo giornalismo oltre che essere faziosi
cosa intendi con uso personale della tv?
dire solo quello che a me conviene quindi
per fede si tratta di parlare bene di berlusconi e male degli avversari
per santoro parlare bene dei suoi amici di sx e male di tutti gli altri
con la differenza che fede è in una tv privata ed io non gli pago lo stipendio. a santoro invece gli pago lo stipendio e quindi vorrei che non usasse il mezzo televisivo per fini personali
che c'azzecca il confronto con Mastella? Avere una certa impostazione politica, palesarla, non vuol dire fare uso personale della cosa pubblica.
è la stessa cosa. entrambi hanno usato dei servizi pubblici per fini personali
mastella ha usato un aereo di stato (pagato con i miei soldi) per andare ad un Gp
santoro usa la tv pubblica (pagata con i miei soldi) per fare informazione di parte
Usare un mezzo di rappresentanza per portare a scuola i figli invece lo è. I giornalisti fanno molte cose: dal dare notizie all'occuparsi di trasmissioni di opinione. Io al mondo del giornalismo non chiedo imparzialità, per il semplice fatto che l'imparzialità se si fa opinione NON ESISTE! Io chiedo libertà di espressione e di pensiero, cosa che in Italia, purtroppo, manca totalmente.
l'imparzialità la si fa raccontando la cronaca senza metterci del tuo. l'opinione si può fare ma deve essere appunto un opinione e non detta come se fosse cronaca verità
fare cronaca come fa santoro aiutato dal suo amico travaglio dove si insinuano le cose non è fare cronaca ma solo insinuazioni che non dicono nulla se non a far passare un sospetto, una diceria per vera solo per dare contro a qualcuno
se tizio ha rubato per dovere di cronaca va detto chiaro e tondo
dire che sembrerebbe che tizio abbia rubato perchè caio l'ha sentito dire da sempronio ma le cose sono poi incasinate perchè ...... non è croncaca non è fare giornalismo ma è fare gossip
con la chiara intenzione di far passare tizio per ladro anche se le prove non ci sono e le voci di tali sospetti sono solo dicerie
E questo è grave. Così ci si attacca al problema della faziosità, che dal mio punto di vista è un falso problema.
non è un falso problema perchè se io metto su ad arte una serie di sospetti su di te facendoli passare per veri e per cronaca tu potresti essere rovinata
Era Voltaire che diceva più o meno: non approvo le tue idee, ma sarei pronto a morire per difenderle!
dillo a santoro non a me. è lui che non rispetta le idee altrui perchè non le prende nemmeno in considerazione. per lui valgono solo le sue di idee e se non la pensi come lui non ti fa parlare


Cristian QUOTO! Chiaro e preciso
:clap :clap :clap :clap
quoto
10Pintu10 10Pintu10 01/04/2008 ore 13.58.14
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

Michele Santoro fa ancora un uso criminale della tv". Sceglie questa volta Milano Silvio Berlusconi per lanciare il suo nuovo editto contro il conduttore di "Annozero". Nel corso della videochat con il Corriere ieri a Milano, prima nega perfino di avere pronunciato il precedente editto contro Enzo Biagi, poi attacca Santoro: "L'uso criminoso di una televisione pubblica pagata con i mezzi di tutti consiste nell'attaccare gli avversari senza dare a questi avversari la possibilità di una replica, cosa che lui continua impunemente a fare anche adesso."

Nel frattempo, non si placa la polemica con la Lega sulla sua proposta di dare il voto agli immigrati. Dopo la bocciatura di Roberto Maroni ieri su Repubblica, è direttamente Umberto Bossi a bacchettarlo. Fino a minacciare un referendum tra gli italiani, se insisterà ancora. Il Senatur non l'ha presa bene: "Berlusconi lo conosciamo. In certi momenti fa arrabbiare gli alleati. Ma nel bene e nel male, è così. Vuole piacere, si adegua al posto dove va... Ma poi è troppo, se c'è un patto va rispettato". E Borghezio va oltre: "Se presenta un ddl, il governo è già finito".

L'ex premier sembra abbozzare. Nel corso del nuovo tour al Nord, prima a Milano e poi a Torino non solo non ne fa più cenno, ma raccoglie l'applauso più forte del pubblico torinese quando scalda la platea accusando la sinistra "di averci riempito di immigrati, tenendo troppo aperte le frontiere". Vorrebbe un modello educativo alla Sarkozy. Propone un decalogo per i giornalisti e gli insegnanti. "Dovrebbero portare sempre la cravatta" e "come gli scolari alzarsi in piedi davanti ai professori". Sostiene addirittura di essersi tenuto lontano gli anni scorsi da programmi come "Ballarò" o "Annozero" perché i politici che li ospitavano "gli facevano ribrezzo". Lui si chiama fuori, spiegando che "la sua età in politica è solo quattordici anni".
0){flashVersion =(navigator.plugins || navigator.plugins) ? navigator.plugins ? " 2.0" : "").description.split(" ").split(".") : -1; plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("webtv/2.6") != -1){flashVersion = 4;plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("webtv/2.5") != -1){flashVersion = 3;plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if(navigator.userAgent.toLowerCase().indexOf("webtv") != -1){flashVersion = 2;plug = flashVersion >= minFlashVersion;} else if((navigator.appVersion.indexOf("MSIE") != -1) &&(navigator.appVersion.toLowerCase().indexOf("win") != -1) &&(navigator.userAgent.indexOf("Opera") == -1)){var oasobj; var exc; try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.7"); flashVersion = oasobj.GetVariable("$version");} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.6"); version = "WIN 6,0,21,0"; oasobj.AllowScriptAccess = "always"; flashVersion = oasobj.GetVariable("$version");} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.3"); flashVersion = oasobj.GetVariable("$version");} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.3"); flashVersion = "WIN 3,0,18,0";} catch(exc){try{oasobj = new ActiveXObject("ShockwaveFlash.ShockwaveFlash"); flashVersion = "WIN 2,0,0,11";} catch(exc){flashVersion = -1;}}}}} plug =(flashVersion != -1)? flashVersion.split(" ").split(",") >= minFlashVersion : false;} if(plug) { oas_vis_Middle = 1; document.write(""); function loadFlashMiddle1(){ if(navigator.userAgent.indexOf("MSIE") != -1 && navigator.userAgent.indexOf("Opera") == -1){ if (extFlashMiddle1.readyState == "complete") { FlashObject(oas_swfMiddle, "OAS_AD_Middle", coordinateMiddle, "opaque", "clsid:D27CDB6E-AE6D-11cf-96B8-444553540000" ,minFlashVersion, "FinContentMiddle1"); extFlashMiddle1.onreadystatechange = ""; } extFlashMiddle1.onreadystatechange = loadFlashMiddle1; } else { OASfp=" Menu=FALSE swModifyReport=TRUE width="+oas_widthMiddle+" height="+oas_heightMiddle+" "; if (minFlashVersion == 6) { OASd.write(""); } else if (minFlashVersion == 7) { OASd.write(""); } else if (minFlashVersion == 8) { OASd.write(""); } else if (minFlashVersion == 9) { OASd.write(""); } else { OASd.write(""); } OASd.write(""); OASd.write(""); OASd.write(""); } } loadFlashMiddle1(); } else { oas_vis_Middle = 1; OASd.write(''); } if(!document.body) document.write(""); //-->
Ma la sala resta fredda. Nella sua foga di piacere a tutti costi non si accorge nemmeno delle gaffe. Al mattino, ad esempio, nel comizio milanese davanti ai militanti del Partito dei pensionati rivolto a un gruppo di signore azzarda: "Ma guarda che belle tuse, da quella parte c'è il settore della menopausa". Subito dopo, sferra un durissimo attacco contro i partiti picccoli, quelli, a suo dire del voto inutile. Dimenticando, però, che sta parlando proprio dal palco di uno di questi, quello dei Pensionati, che pur avendo preso alle scorse elezioni solo lo 0,7 per cento alla Camera e l'1 al Senato, gli ha fatto perdere le elezioni perché non si era alleato con la Cdl. Lui forse per farsi perdonare promette: "In pensione cinque anni prima alle famiglie che ospitano un anziano".

Non come la "sinistra delle favole di Veltroni". Come quella di Antonio Di Pietro "che percepisce la pensione da magistrato da quando ha quaran tacinque anni". Non quella di Bertinotti "che considera i poliziotti e i carabinietri ddei traditori del proletariato". E nemmeno quella di "quei mangiapreti dei radicali che dovranno vedersela nel Partito democratico con i teodem che sono dei paciapile".

A chi gli fa notare che non fa più sognare gli italiani risponde: "È difficile sognare oggi. Ci vuole un gran coraggio oggi a voler assumere responsabilità di governo. Bisogna essere quasi dei temerari". Dalla sala del teatro Nuovo di Torino qualcuno gli urla: "E allora non ci andare". Fa finta di nulla, ma poi ammette che "al Senato sarà difficile avere una solida maggioranza".

Torna alla sua ossessione. I piccoli partiti. "Cosa hanno mai fatto in questi anni per il paese , se non esistere per appagare l'ambizione dei loro leader"? Non cita Pier Ferdinando Casini, ma è chiaramente a lui che allude quando dice: "Non si può votare uno solo perché è un bel fieu". Quindi una raccomandazione: "Nonni e nonne, prima di andare a votare fate le prove generali con il fac simile della scheda elettorale. Quella preparata dal ministero degli Interni rischia di farvi perdere la vista. Questa volta non sbagliate".
denny968 denny968 01/04/2008 ore 15.52.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

io la trasmissione annozero la guardo senza problemi, la ritengo tutto sommato anche una buona trasmissione, fanno anche informazione, quando parlano delle case con l'amianto, e tante altre cose. è vero che lui è di pare, ma ci vuole ben altro per farmi cambiare idea 8-)
xpescatore xpescatore 01/04/2008 ore 16.26.40
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

denny968 ha scritto:
io la trasmissione annozero la guardo senza problemi, la ritengo tutto sommato anche una buona trasmissione, fanno anche informazione, quando parlano delle case con l'amianto, e tante altre cose. è vero che lui è di pare, ma ci vuole ben altro per farmi cambiare idea 8-)

Che tu guardi Annozero senza problemi non è certo uno scandalo, se fosse su una rete privata sarebbe anche normale, non la paghiamo nè tu nè io. Ma non si può consentire che questo tipo di trasmissioni di parte siano trasmesse da una rete pubblica pagata da tutti gli italiani di dx centro e sx.
Perchè dovrei pagare una trasmissione che va contro le mie idee? Pagando faccio come quello che per far dispetto alla moglie se lo tagliò! Lo posso tollerare?
Sinda Sinda 01/04/2008 ore 17.59.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

Il mio ragionamento è diverso Cristian. Facciamo un esempio pratico: io annuncio che: "In un paese dell'Africa si muore di sete perché mancano gli impianti idrici" - questa è una notizia, asettica, concisa, indiscutibilmente. Oppure dico: "In un paese dell'Africa si muore di sete perché il governo non ha provveduto a far realizzare le infrastrutture per l'approvvigionamento idrico" - la notizia è la stessa, l'informazione anche, non c'è nulla di falso, ma è evidente che io giornalista o redattore ho voluto farti capire, in modo nemmeno troppo velato, che la colpa è del governo. Qualcuno potrà ribattere che sì, in quel paese si muore di fame, ma la colpa non è solo dell'attuale governo, perché il precedente ha mal governato è non ha lasciato i fondi all'attuale per fare i lavori... e così via. Ogni testata, ogni giornalista, ogni opinionista dirà la sua, liberamente, in base alle notizie che conosce ed anche in base alle proprie simpatie. Non c'è nulla di male in questo, purché vi sia la libertà di ribattere, di dire la propria.
Santoro invita solo chi vuole, Santoro tiene sponda alla sinistra, Santoro non lascia parlare... nella sua trasmissione. Ma esistono altre trasmissioni, altri giornali dove si potrà sentire dell'altro. E per questo dico che proprio nella tv pubblica tante voci devono essere libere di esprimere anche le loro faziosità. L'obiettività non è degli uomini, sono solo le tante voci che possono rendere l'uomo libero di scegliere. Per questo non condanno nemmeno Fede. Sebbene non sia assolutamente d'accordo sul fatto che, come già detto sopra, le tre reti Fininvest siano gratis. La differenza vera sta proprio nel fatto che da una tv privata tante voci non ce le possiamo aspettare, e se ciò avviene, è solo per merito della qualità del giornalista.
Chiedere una non faziosità alla tv pubblica, significa assoggettarla ancora di più agli umori della politica... chi decide che un'informazione è faziosa? Tu, io, qualche controllore? E chi controlla il controllore? Pensa alla Gabanelli, pensa alla Fallaci. Due grandi donne, due grandi giornaliste, mai schierate, sempre odiate, se la televisione pubblica venisse assoggettata al controllo della "non faziosità", credo che persone come loro si troverebbero col bavaglio sulla bocca.
M40ALprov M40ALprov 01/04/2008 ore 18.02.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione


Ribaltiamo il discorso.

Mettiamo che Fede torni in RAI, e continui a fare il fido propugnatore di San Silvio.

VI starebbe bene pagare per averlo li ?

No x che, se chiudono Rete 4 e Silvio va' al Governo.. il 20 Aprile ve lo ritrovate direttore del TG3.

BK
Sinda Sinda 01/04/2008 ore 18.06.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uso criminoso della televisione

Perché se cerchi un giornalista che sia solamente d'accordo con te, lo devi pagare... non puoi accusare la tv pubblica di faziosità, solo perché non rispecchia il tuo modo di vedere il mondo... mi pare per lo meno contraddittorio.


xpescatore ha scritto:
denny968 ha scritto:
io la trasmissione annozero la guardo senza problemi, la ritengo tutto sommato anche una buona trasmissione, fanno anche informazione, quando parlano delle case con l'amianto, e tante altre cose. è vero che lui è di pare, ma ci vuole ben altro per farmi cambiare idea 8-)

Che tu guardi Annozero senza problemi non è certo uno scandalo, se fosse su una rete privata sarebbe anche normale, non la paghiamo nè tu nè io. Ma non si può consentire che questo tipo di trasmissioni di parte siano trasmesse da una rete pubblica pagata da tutti gli italiani di dx centro e sx.
Perchè dovrei pagare una trasmissione che va contro le mie idee? Pagando faccio come quello che per far dispetto alla moglie se lo tagliò! Lo posso tollerare?

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.