Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

robi970 robi970 15/07/2008 ore 16.58.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

A Ricki1978 che il 15/07/2008 16.52.38 ha scritto:

No no Robi...la famosa guerra delle parole... dove sta lo squilibrio se di fronte all'aumento dei prezzi del 20% aumentano gli stipendi della stessa proporzione?

O lo squilibrio reale si manifesta quando gli stipendi aumentano del 2% e l'inflazione reale supera abbondantemente il 10%

ricki, è un cane ke si morde la coda.

se gli stipendi inseguono l'inflazione, si avrà un aumento incontrollato della liquidità, quindi un aumento dell'inflazione ecc... ma anke un aumento dei costi di produzione e quindi dei listini ecc..
in qsto caso era, sì, d'obbligo l'aumento dei tassi di sconto.... ke però rendevano più povero il povero e aumentavano il debito pubblico
Ricki1978 Ricki1978 15/07/2008 ore 17.08.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

A robi970 che il 15/07/2008 16.58.21 ha scritto:
A Ricki1978 che il 15/07/2008 16.52.38 ha scritto:

No no Robi...la famosa guerra delle parole... dove sta lo squilibrio se di fronte all'aumento dei prezzi del 20% aumentano gli stipendi della stessa proporzione?

O lo squilibrio reale si manifesta quando gli stipendi aumentano del 2% e l'inflazione reale supera abbondantemente il 10%

ricki, è un cane ke si morde la coda.

se gli stipendi inseguono l'inflazione, si avrà un aumento incontrollato della liquidità, quindi un aumento dell'inflazione ecc... ma anke un aumento dei costi di produzione e quindi dei listini ecc..
in qsto caso era, sì, d'obbligo l'aumento dei tassi di sconto.... ke però rendevano più povero il povero e aumentavano il debito pubblico

Rispondo: E devo capire però lo squilibrio....non lo vedo.. o meglio non c'è. E' una bufala. L'aumento dei costi di produzione e dei listini è compensato dall'aumento degli stipendi proporzionale che mantengono l'equilibrio. nel momento in cui è venuto meno questo automatismo...i salari hanno trasferito ricchezza al capitale. Ecco perchè la scala mobile non è funzionale al sistema capitalista..riduce drasticamente lo sfruttamento.
hellassa hellassa 15/07/2008 ore 17.15.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

Siamo caduti nel tranello delle Banche Centrali: prestare denaro a tassi stracciati, così da immettere tanta liquidità nel sistema economico e quindi generare inflazione. Il problema attuale non è l'inflazione, ma l'indebitamento progressivo che famiglie e stati hanno affrontato negli ultimi anni acquistando tutto a rate e ripagando le Banche con denaro + interessi.......Ora, terminato il giochetto, le Banche corrono ai ripari innalzando il tasso di interesse in quanto non hanno denaro a sufficienza per rimborsare i propri creditori in quanto hanno prestato senza avere copertura.......l'Argentina, ragazzi, insegna.......
big46 big46 15/07/2008 ore 17.21.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

A Ricki1978 che il 15/07/2008 17.08.52 ha scritto:
A robi970 che il 15/07/2008 16.58.21 ha scritto:
A Ricki1978 che il 15/07/2008 16.52.38 ha scritto:

No no Robi...la famosa guerra delle parole... dove sta lo squilibrio se di fronte all'aumento dei prezzi del 20% aumentano gli stipendi della stessa proporzione?

O lo squilibrio reale si manifesta quando gli stipendi aumentano del 2% e l'inflazione reale supera abbondantemente il 10%

ricki, è un cane ke si morde la coda.

se gli stipendi inseguono l'inflazione, si avrà un aumento incontrollato della liquidità, quindi un aumento dell'inflazione ecc... ma anke un aumento dei costi di produzione e quindi dei listini ecc..
in qsto caso era, sì, d'obbligo l'aumento dei tassi di sconto.... ke però rendevano più povero il povero e aumentavano il debito pubblico

Rispondo: E devo capire però lo squilibrio....non lo vedo.. o meglio non c'è. E' una bufala. L'aumento dei costi di produzione e dei listini è compensato dall'aumento degli stipendi proporzionale che mantengono l'equilibrio. nel momento in cui è venuto meno questo automatismo...i salari hanno trasferito ricchezza al capitale. Ecco perchè la scala mobile non è funzionale al sistema capitalista..riduce drasticamente lo sfruttamento.

però ai tempi della scala mobile c'era questo pseudo aggancio al carovita (sempre inferiore al reale), che portava a degli aumenti preventivi........sapendo dello scatto si aumentava prima e con gli interessi per la volta successiva.

Se non si bloccano PRIMA gli aumenti diventa un elefante che si morde la coda
metello22 metello22 15/07/2008 ore 17.23.15
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

negli usa sta parlando bernanke: questi sono sold out
Ricki1978 Ricki1978 15/07/2008 ore 17.28.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

A big46 che il 15/07/2008 17.21.05 ha scritto:
A Ricki1978 che il 15/07/2008 17.08.52 ha scritto:
A robi970 che il 15/07/2008 16.58.21 ha scritto:
A Ricki1978 che il 15/07/2008 16.52.38 ha scritto:

No no Robi...la famosa guerra delle parole... dove sta lo squilibrio se di fronte all'aumento dei prezzi del 20% aumentano gli stipendi della stessa proporzione?

O lo squilibrio reale si manifesta quando gli stipendi aumentano del 2% e l'inflazione reale supera abbondantemente il 10%

ricki, è un cane ke si morde la coda.

se gli stipendi inseguono l'inflazione, si avrà un aumento incontrollato della liquidità, quindi un aumento dell'inflazione ecc... ma anke un aumento dei costi di produzione e quindi dei listini ecc..
in qsto caso era, sì, d'obbligo l'aumento dei tassi di sconto.... ke però rendevano più povero il povero e aumentavano il debito pubblico

Rispondo: E devo capire però lo squilibrio....non lo vedo.. o meglio non c'è. E' una bufala. L'aumento dei costi di produzione e dei listini è compensato dall'aumento degli stipendi proporzionale che mantengono l'equilibrio. nel momento in cui è venuto meno questo automatismo...i salari hanno trasferito ricchezza al capitale. Ecco perchè la scala mobile non è funzionale al sistema capitalista..riduce drasticamente lo sfruttamento.

però ai tempi della scala mobile c'era questo pseudo aggancio al carovita (sempre inferiore al reale), che portava a degli aumenti preventivi........sapendo dello scatto si aumentava prima e con gli interessi per la volta successiva.

Se non si bloccano PRIMA gli aumenti diventa un elefante che si morde la coda

Rispondo: Big se si morde la coda... l'equilibrio esiste!..il problemaè che ora non se la morde più la coda, perchè salari sono al palo mentre i prezzi aumentano in maniera sproporzionata. ma volete confrontare il tenore di vita sociale esistente all'epoca dei "morsi di coda" con quelli attuali?? E su..il benessere era generalizzato. Voglio che si torni a mordere la coda l'elefante o il gatto, che dir si voglia!
robi970 robi970 15/07/2008 ore 17.29.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

A Ricki1978 che il 15/07/2008 17.08.52 ha scritto:
A robi970 che il 15/07/2008 16.58.21 ha scritto:
A Ricki1978 che il 15/07/2008 16.52.38 ha scritto:
No no Robi...la famosa guerra delle parole... dove sta lo squilibrio se di fronte all'aumento dei prezzi del 20% aumentano gli stipendi della stessa proporzione?
O lo squilibrio reale si manifesta quando gli stipendi aumentano del 2% e l'inflazione reale supera abbondantemente il 10%

ricki, è un cane ke si morde la coda.
se gli stipendi inseguono l'inflazione, si avrà un aumento incontrollato della liquidità, quindi un aumento dell'inflazione ecc... ma anke un aumento dei costi di produzione e quindi dei listini ecc..
in qsto caso era, sì, d'obbligo l'aumento dei tassi di sconto.... ke però rendevano più povero il povero e aumentavano il debito pubblico

1- E devo capire però lo squilibrio....non lo vedo.. o meglio non c'è. E' una bufala.
2- L'aumento dei costi di produzione e dei listini è compensato dall'aumento degli stipendi proporzionale che mantengono l'equilibrio.
3- nel momento in cui è venuto meno questo automatismo...i salari hanno trasferito ricchezza al capitale. Ecco perchè la scala mobile non è funzionale al sistema capitalista..riduce drasticamente lo sfruttamento.

1- lo squilibrio a cui ti riferisci è una imposizione della UE, il governo italiano non può farci nulla!

2- no, ricki, mantengono l'equilibrio tra loro, ma non con l'economia esterna:
- se a me, produttore di penne, il costo dei dipendenti si alza, devo aumentare il prezzo alla vendita delle penne....
- se aumento il prezzo alla vendita, c'è inflazione
quindi dovrò alzare gli stipendi, ke mi faranno aumentare i costi e alzare i listini
la penna ke ieri vendevo a 1euro in tutto il mondo, domani NON la venderò più a 3euro in tutto il mondo, ma solo in italia... risultato:
- dai 200.000 pezzi l'anno ke vendevo, passo a 10.000 pezzi.....
- non posso più produrre 200.000, ma scenderò a 10.000...
- inutile tenere le 'vekkie' 50 persone ke producevano 200.000 penne, ne licenzio 40
- ora hai solo 10 persone ke lavorano, 40 a casa senza stipendio e le penne ke costano 3euro ke i disoccupati non possono permettersi di comprare x poter scrivere il loro curriculum

3- sul concetto potrei anke arrivare a dire ke hai ragione, sul metodo da seguire NO!
Ricki1978 Ricki1978 15/07/2008 ore 17.44.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

A robi970 che il 15/07/2008 17.29.36 ha scritto:
A Ricki1978 che il 15/07/2008 17.08.52 ha scritto:
A robi970 che il 15/07/2008 16.58.21 ha scritto:
A Ricki1978 che il 15/07/2008 16.52.38 ha scritto:
No no Robi...la famosa guerra delle parole... dove sta lo squilibrio se di fronte all'aumento dei prezzi del 20% aumentano gli stipendi della stessa proporzione?
O lo squilibrio reale si manifesta quando gli stipendi aumentano del 2% e l'inflazione reale supera abbondantemente il 10%

ricki, è un cane ke si morde la coda.
se gli stipendi inseguono l'inflazione, si avrà un aumento incontrollato della liquidità, quindi un aumento dell'inflazione ecc... ma anke un aumento dei costi di produzione e quindi dei listini ecc..
in qsto caso era, sì, d'obbligo l'aumento dei tassi di sconto.... ke però rendevano più povero il povero e aumentavano il debito pubblico

1- E devo capire però lo squilibrio....non lo vedo.. o meglio non c'è. E' una bufala.
2- L'aumento dei costi di produzione e dei listini è compensato dall'aumento degli stipendi proporzionale che mantengono l'equilibrio.
3- nel momento in cui è venuto meno questo automatismo...i salari hanno trasferito ricchezza al capitale. Ecco perchè la scala mobile non è funzionale al sistema capitalista..riduce drasticamente lo sfruttamento.

1- lo squilibrio a cui ti riferisci è una imposizione della UE, il governo italiano non può farci nulla!

e STI CAZZI DELLA UE? Non è chiaro sufficientemente che la UE è un danno per i lavoratori ma fa gli interessi delle grosse concentrazioni di capitali?

2- no, ricki, mantengono l'equilibrio tra loro, ma non con l'economia esterna:
- se a me produttore di penne il costo dei dipendenti mi si alza, devo aumentare il prezzo alla vendita delle penne....
- se aumento il prezzo alla vendita, c'è inflazione
quindi dovrò alzare gli stipendi, ke mi faranno aumentare i costi e alzare i listini
la penna ke ieri vendevo a 1euro in tutto il mondo, domani NON la venderò più a 3euro in tutto il mondo, ma solo in italia... risultato:
- dai 200.000 pezzi l'anno ke vendevo, passo a 10.000 pezzi.....
- non posso più produrre 200.000, ma scenderò a 10.000...
- inutile tenere le 'vekkie' 50 persone ke producevano 200.000 penne, ne licenzio 40
- ora hai solo 10 persone ke lavorano, 40 a casa senza stipendio e le penne ke costano 3euro ke i disoccupati non possono permettersi di comprare x poter scrivere il loro curriculum

E no.. qui devi essere obiettivo. Lo scenario ipotizzato è apocalittico e lo dimostra il fatto che la scala mobile c'è stata in Italia e ripeto il benessere era generalizzato...chiunque mi smentisca se non è vero), unico problema, per il capitalista (la ricchezza era dstribuita e non concentrata nelle proprie mani)

3- sul concetto potrei anke arrivare a dire ke hai ragione, sul metodo da seguire NO! Se mi convinci di un metodo altrettanto equo ed efficace, benvenga... il problema sta nel fatto che il sistema economico capitalista per esser efficace NON DEVE essere equo.

Rispondo:
robi970 robi970 15/07/2008 ore 18.16.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996


lo squilibrio a cui ti riferisci è una imposizione della UE, il governo italiano non può farci nulla!
e STI CAZZI DELLA UE? Non è chiaro sufficientemente che la UE è un danno per i lavoratori ma fa gli interessi delle grosse concentrazioni di capitali?

- sugli "sti cazzi della ue", bisognava pensarci prima.... ora è un po' tardino

E no.. qui devi essere obiettivo. Lo scenario ipotizzato è apocalittico e lo dimostra il fatto che la scala mobile c'è stata in Italia e ripeto il benessere era generalizzato...chiunque mi smentisca se non è vero), unico problema, per il capitalista (la ricchezza era dstribuita e non concentrata nelle proprie mani)
-c'è stata, sì... ed ha portato l'inflazione oltre il 20% e il debito a qllo ke è oggi
inoltre, l'espansione economica ke c'era in italia a quel tempo, non è più immaginabile!!!
:mmm...in qgli anni, mi sembra ke il (non) problema "ridistribuzione" fosse attuato dalle.....BR?

Se mi convinci di un metodo altrettanto equo ed efficace, benvenga... il problema sta nel fatto che il sistema economico capitalista per esser efficace NON DEVE essere equo.
- continui a confondere la globalizzazione (voluta fortemente dai filo comunisti? x poi kiamarsi 'no global'), con il capitalismo
Ricki1978 Ricki1978 15/07/2008 ore 21.26.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: INFLAZIONE: CONTINUA A SALIRE, AI MASSIMI DAL 1996

Mi pari un pò confuso onestamente....contraddittori sono gli altri che sono pro globalizzazione e poi rompono le palle se in un mondo globalizzato senza confini oltre le merci circolano anche le persone....ma ripeto proponimi un sistema economico che sia efficace ed equo.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.