Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

linx linx 15/05/2010 ore 16.33.05
segnala

(Nessuno)"Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

"Mariarca la disperazione
nel suo sacrificio"

L'improvvisa scomparsa dell'infermiera del San Paolo che, per quattro giorni a fine aprile, si era fatta prelevare 150 millilitri di sangue, coincide con una nuova agitazione del personale. Anche a maggio, infatti, la busta paga dei dipendenti della Asl Napoli 1 rischia di arrivare in ritardo
GIUSEPPE DEL BELLO



A fine aprile, per protesta, Mariarca Terracciano si era fatta prelevare 150 millilitri di sangue. Una volta al giorno, per quattro giorni. E la Falciatore, è la tesi dei sindacalisti, garantisce il limite del 31 maggio per pagare gli emolumenti ma, avvertono, "gli stipendi vanno erogati assolutamente entro il 27". E se "dopo la riunione del 19 maggio in Regione la situazione dovesse rimanere invariata", aggiungono, si passerà allo "stato di agitazione di tutto il personale". "Che il sacrificio di Mariarca non sia inutile", è l'invito dei lavoratori che hanno conosciuto l'infermiera alla notizia degli stipendi a rischio.

"Noi, come azienda sanitaria abbiamo già completato tutte le procedure di competenza della Asl", replica la manager, "adesso, resta una seconda fase che, però, è appannaggio della Regione". Il subcommissario Giuseppe Zuccatelli assicura: "Con il presidente Caldoro stiamo individuando gli strumenti per pagare entro il 27. E sono ottimista: avendo già presentato il riordino della rete ospedaliera, il 19 dal tavolo congiunto dei ministeri di Economia e Salute, avremo dei risultati. Noi opereremo al massimo delle nostre energie, ma il centrodestra deve assumersi la responsabilità di aver tolto la norma che bloccava i pignoramenti per tutto il 2010: se fosse ancora vigente gli stipendi sarebbero stati erogati puntualmente".

A esprimere sconcerto per la morte della Terracciano e a censurare lo "sperpero nella sanità, sintomo della sofferenza inflitta al cittadino" è Saverio Annunziata, dirigente nazionale dello Smi, il sindacato dei medici di famiglia italiani. Ma le reazioni arrivano a cascata perché, anche se l'autopsia non dovesse rivelare alcun nesso di causa effetto, resta la drammatica successione di eventi: una morte avvenuta a distanza di venti giorni dall'autoprelievo e una condizione di stress inflitta ad un dipendente. "Di certo è stata la disperazione a spingerla all'estrema protesta", osserva Annunziata, "è inconcepibile che un diritto primario, come quello di ricevere lo stipendio dopo un mese di lavoro, venga negato. La pessima gestione della sanità ha portato disastri economici che si ripercuotono sui cittadini e sui lavoratori".

Prende posizione anche il presidente dell'Ordine dei medici Gabriele Peperoni che, riferendosi al mancato pagamento dello stipendio ai lavoratori della Napoli 1, parla di un "epilogo insopportabile, che deve far riflettere sui risvolti umani, familiari e sociali che questi episodi possono determinare. Esprimo forte e sentito cordoglio per la morte della signora". Si tratta di una tragedia, aggiunge Peperoni, che colpisce "chi onestamente vive del proprio lavoro, svolgendolo, peraltro, con grande professionalità e dedizione a fianco degli ammalati". Dal direttore sanitario del San Paolo, Maurizio Di Mauro, parole di sconforto ma anche di certezza: "La morte di Mariarca mi ha sconvolto umanamente ma non credo assolutamente che sia attribuibile al prelievo. A ucciderla, mentre era in servizio, è stato un arresto cardiocircolatorio improvviso. Era una bella persona, di grande umanità e professionalità".

L'ex assessore alla Sanità Mario Santangelo, che è anche chirurgo e docente universitario, si associa al dolore generale ("di fronte a una morte del genere deve esserci massimo rispetto") ma non ritiene la protesta responsabile del decesso: "Per amore di verità occorre evitare strumentalizzazioni e collegamenti azzardati. Appare difficile che prelievi di sangue come quelli descritti possano aver causato una morte improvvisa. E questo, soprattutto perché la crisi ha colpito la signora una settimana dopo la sospensione della protesta. Se ci fosse stato un collegamento, i problemi sarebbero emersi subito". I funerali di Mariarca Terracciano si terranno alle 10 di oggi, nella chiesa di Santa Maria di tutti i Santi in via Sant'Antonio Abate, tra porta Capuana e piazza Carlo III.

(15 maggio 2010)
BY REPUBBLICA
Ciuccellone Ciuccellone 15/05/2010 ore 16.56.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

Oddio che palle, sono 2 girni che la meni con questa storia. Se è morta è stato un incidente, in quanto la perdita di 600 millilitri di sangue non possono uccidere una persona, quindi è stato qualcos'altro che l'ha uccisa.
E non venirmi a dire che è un'eroina, in quanto anche nell'ipotesi assurda che ci fosse qualsiasi rischio a levarsi quelle 4 gocce di sangue, non credo volesse morire per uno stipendio in ritardo.
Ora la vogliamo piantare con queste menate patetiche e demagogiche?
RoxAndTheDogs RoxAndTheDogs 15/05/2010 ore 17.06.15
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

Ciuccellone scrive:
Oddio che palle, sono 2 girni che la meni con questa storia. Se è morta è stato un incidente, in quanto la perdita di 600 millilitri di sangue non possono uccidere una persona, quindi è stato qualcos'altro che l'ha uccisa.
E non venirmi a dire che è un'eroina, in quanto anche nell'ipotesi assurda che ci fosse qualsiasi rischio a levarsi quelle 4 gocce di sangue, non credo volesse morire per uno stipendio in ritardo.
Ora la vogliamo piantare con queste menate patetiche e demagogiche?


Condivido.
Ho scritto in un altro post che a me ne hanno prelevati 500 ml in una sola volta prima di un intervento chirurgico in caso di necessità di autotrasfusione e non credo sia questa la causa della sua morte.
RoxAndTheDogs RoxAndTheDogs 15/05/2010 ore 17.19.00
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

Mariarca Terracciano
infermiera al San Paolo
di Napoli Fuorigrotta

La stipendio è un diritto della persona...Il mio può sembrare un atto di pazzia...vedere il sangue, che è vita, rende più chiara la nostra sofferenza e anche quella degli ammalati

Sarà l’autopsia a chiarire i motivi della morte di Mariarca Terracciano, 45 anni, infermiera dell’ospedale San Paolo di Napoli Fuorigrotta, che per protestare contro il mancato pagamento degli stipendi nella Asl Napoli 1 si era tolta 150 millilitri al giorno di sangue per quattro giorni, dinanzi alle telecamere di un’emittente privata partenopea. I medici tendono ad escludere che il decesso sia stato causato dalle conseguenze di quella dura forma di protesta. «Una donazione di sangue è di 500 millilitri», dicono gli ematologi, secondo i quali in condizioni di salute normali non dovrebbero verificarsi problemi.
Invece al San Paolo è accaduta una tragedia. Mariarca Terracciano, che aveva interrotto la sua protesta il 3 maggio, si è sentita male lunedì scorso mentre stava lavorando nel reparto maternità. Entrata in coma, è morta ieri. Da sempre in prima linea nelle rivendicazioni della sua categoria, aveva contratto un mutuo per l’acquisto di una casa e a causa del ritardo nel pagamento degli stipendi, era stata costretta a chiedere un prestito.
La Asl 1 è la più grande l’Italia, oltre diecimila dipendenti, in una regione, la Campania, maglia nera per la sanità con Lazio, Molise e Calabria; proprio due giorni fa il governo ha deciso di punire le quattro regioni con il taglio dei fondi Fas per il Mezzogiorno. In aprile i soldi alla Asl 1 erano finiti e gli stipendi sono stati pagati con ritardo. Mariarca Terracciano ha lasciato due figli, di 10 e 4 anni. Il marito ha autorizzato l’espianto degli organi: cuore, reni e cornee allevieranno le sofferenze di altre persone. La comunità del web si è mobilitata e la sta trasformando in simbolo; su Facebook è nato un gruppo intitolato: “io ricordo la lotta di Mariarca Terracciano”. ndignazione e rabbia sono i sentimenti più diffusi sui commenti e sui messaggi. C’è chi ha scritto: «Morti sul lavoro, Mariarca Terracciano, donna. Omicidio di stato».

http://www.europaquotidiano.it/dettaglio/118521/mariarca_terracciano
M40ALprov M40ALprov 15/05/2010 ore 17.57.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

LInx, fa' na cosa, prelevati 150 ml di cervello al giorno.

E vediamo quando la pianti di postare reiteratamente le stesse cose, che comunque, abbiamo gia' commentato.


A te non te ne fotte una sega della morta, vuoi solo il tuo nick in cima alla lista dei topic ..

BK
linx linx 15/05/2010 ore 18.00.03
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

M40ALprov scrive:
LInx, fa' na cosa, prelevati 150 ml di cervello al giorno.

E vediamo quando la pianti di postare reiteratamente le stesse cose, che comunque, abbiamo gia' commentato.


A te non te ne fotte una sega della morta, vuoi solo il tuo nick in cima alla lista dei topic ..

BK

http://forum.chatta.it/politica/8026461/-mariarca-la-disperazione-nel-suo-sacrif.aspx?pcount=4
linx linx 15/05/2010 ore 18.02.10
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

@ M40ALprov:
am tu pensi che io ho bisogno di notorieta' in questo misero forum?
A me interessa solo affermare la verita' in ogni modo possibile.
Qui la verita' viene spesso manipolata.
Lasciatemi.inPace Lasciatemi.inPace 15/05/2010 ore 18.04.33
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

ennesima bufala sinistrata.

la poveretta non è morta per le conseguenze del suo gesto che aveva sospeso il 2 maggio dopo soli 3 prelievi di sangue ma è morta 10 giorni dopo per un arresto cardiaco avvenuto sul posto di lavoro.
vergognatevi, strumentalizzate anche i morti per poter sputare il vostro veleno contro il governo.
siete penosi.
ilveritizzatore ilveritizzatore 15/05/2010 ore 18.05.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: "Mariarca la disperazione nel suo sacrificio"

@ linx: PERCHE NON SEGUI ANCKE TU L ESEMPIO DI STA SCEMA ?
ilveritizzatore ilveritizzatore 15/05/2010 ore 18.05.55 Ultimi messaggi

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.