Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

pinch8 20/04/2011 ore 16.36.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Ricerca Usa: tre alghe ripuliscono l’acqua e producono biocarburanti

Un team di ricercatori del Rochester Institute of Technology di New York ha identificato tre tipi di microalghe, che riescono a filtrare l’acqua ripulendola da sostanze inquinanti come ammoniaca, nitrati e fosfati e di produrre metano ed etanolo

Si chiamano Scenedesmus, Chlorella e Chlamydomonas e sono le tre “super-alghe” in grado sia di pulire le acque da fattori inquinanti sia di produrre biocarburante. Lo ha scoperto un team di ricercatori del Rochester Institute of Technology di New York Tutto, arrivando a comprendere che questo doppio processo avviene in due fasi distinte: nella prima c’è l’azione-filtro: in un test di laboratorio è stato dimostrato come in sole 72 ore queste piante si sono “mangiate” il 99% dell’ammoniaca, l'88 % dei nitrati e il 99 % dei fosfati presenti.

La seconda fase comincia dopo sei giorni, momento in cui le alghe possono essere raccolte. Il team, utilizzando un metodo di spremitura meccanica del tipo analogo a quello per l’estrazione dell'olio, è riuscito a dividere la biomassa da compostare per poi inserirla o in un digestore anaerobico per fare metano o realizzare materia prima utile per produrre etanolo per carburanti “verdi”. Secondo quanto detto da Jeff Lodge, microbiologo del Rochester Institute of Technology “il processo dovrebbe essere economicamente fattibile per il trattamento fino a duecentomila litri di acque reflue al giorno. Con queste tre alghe siamo in grado di rendere l'acqua pulita e creare biodiesel per una flotta di camion”. Gli esiti della scoperta sono stati pubblicati dalla rivista New scientist.
8108973
Un team di ricercatori del Rochester Institute of Technology di New York ha identificato tre tipi di microalghe, che riescono a...
Discussione
20/04/2011 16.36.32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.