Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

excristian1977 excristian1977 04/07/2015 ore 12.17.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

@decimalegio scrive:
@excristian1977 :
nn è questione di soldi ma di preparazione...io personalmente assumerei più volentieri uno laureato in un'università d'eccellenza che in in altra...insomma se devo prendere uno laureato in matematica lo prendo più volentieri dalla Normale di Pisa che da quella di Firenze...



ma se io non ho la possibilità economica di trasferirmi a pisa perchè sono di bolzano o di palermo e quindi devo andare nell'università più vicina a dove vivo ecco che diventa una norma classista
intermezzo intermezzo 04/07/2015 ore 13.36.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

@excristian1977 scrive:
ma se io non ho la possibilità economica di trasferirmi a pisa perchè sono di bolzano o di palermo e quindi devo andare nell'università più vicina a dove vivo ecco che diventa una norma classista


La realtà è che spesso c'è gente che cambia università perché quella che frequenta è "troppo difficile". Pisa o Firenze per uno di Trento non fa molta differenza.
Cgb.Spender Cgb.Spender 04/07/2015 ore 13.44.32 Ultimi messaggi
Cgb.Spender Cgb.Spender 04/07/2015 ore 13.46.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

@intermezzo scrive:
c'è gente che cambia università perché quella che frequenta è "troppo difficile".



Il test è uno strumento adeguato per scremare questi soggetti
intermezzo intermezzo 04/07/2015 ore 13.50.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

@Cgb.Spender scrive:
Il test è uno strumento adeguato per scremare questi soggetti


Io ricordo che non funzionava affatto: non so ora come vada, ma ricordo che tanti facevano il test in più università, quindi successivamente lasciavano il posto libero, poi i ricorsi venivano tutti accolti, poi tanti si iscrivevano ad una facoltà per poi trasferirsi ad un'altra..... in teoria quello che dovrebbe "scremare" è il numero chiuso. Perché i test vengono gestiti diversamente dalle varie università.... magari oggi è diverso, poi non so, ci sono comunque molti ignorantoni che superano il test......

intermezzo intermezzo 04/07/2015 ore 13.55.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

Attenzione: checchè io possa dire, sono d'accordissimo con chi trova che questa norma sia anticostituzionale. Chi va valutato, va valutato secondo la sua preparazione, non certo per la sua provenienza. Chi viene dalla Bocconi e deve competere con uno più bravo di lui che arriva da Cosenza, si deve ritirare in buon ordine.

aqwmaschio aqwmaschio 04/07/2015 ore 16.10.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

@intermezzo : marchi male,fai DIS orsi giusti ma ,,da comunista.rammenda che,pure le assicurazioni fanno un distinguo tra un operaio e un notaio.non siamo tutti uguali.presempio ne tu e neppure io siamo di sangue blu,e nemmeno aspiranti tali.noi siamo noi e loro..sono loro ,come diceva il marcheser der grillo.
Controv3nto Controv3nto 04/07/2015 ore 16.11.25
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

Aggiornamento: l'emendamento in questione è stato ritirato oggi. Evidentemente il PD ha capito che non era il caso di scendere al 5% dei voti.

Per come la penso io, se la laurea ha un valore legale, è giusto che abbia lo stesso peso per tutti. Saranno poi le prove concorsuali a stabilire se è più valido il 110 della Bocconi o un 100 della Normale di Pisa. Infatti ormai da tempo nei concorsi il voto di laurea conta molto meno rispetto alla prova stessa che si sostiene durante la selezione.

E' vero che comunque nel mondo del lavoro privato i selezionatori guardano anche l'università di provenienza dei candidati e questo tante volte penalizza molto i laureati meridionali. Così come è anche vero che molti laureati, per ovviare a questo inconveniente, fanno magari tutti gli esami sempre al Sud, mentre per la tesi si iscrivono ad un ateneo del Nord in modo da rendere più appetibile il titolo anche per le imprese private.

Lo posso dire con sicurezza perchè conosco personalmente gente che si è arrangiata in questo modo. Mentre la Gelmini ha fatto una operazione inversa, ad esempio....


Detto questo, penso che lo Stato debba pretendere da tutte le sue università il rispetto di alcuni standard minimi uguali per tutti. Non è possibile avere un carico di studio e una modalità d'esame molto diversi da Università a Università per lo stesso tipo di materia all'interno di un medesimo corso di studi. Il Ministero dovrebbe guardarci dentro molto più approfonditamente per risolvere quelle anomalie che comunque sono note da tempo immemore.....
aqwmaschio aqwmaschio 04/07/2015 ore 16.16.55 Ultimi messaggi
segnala

DisperatoRE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

Vabbuo,,conviene fare come il..trota.
aqwmaschio aqwmaschio 04/07/2015 ore 16.18.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Da ora in poi nei concorsi pubblici conterà di più l'ateneo di provenienza

@Controv3nto : aggiornamenti del pd? No comment...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.