Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

PRATOAZZURRO 13/08/2017 ore 11.25.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)L'EURO: LA MONETA PIU IMMORALE DELLA STORIA

AIUTA I FORTI AD ESSERE PIU FORTI E I DEBOLI A ESSERE PIU DEBOLI

QUESTO IN SINTESI IL NUOVO POST DI ALBERTO BAGNAI

SE VOLETE I DETTAGLI LEGGETE QUI

https://goofynomics.blogspot.it/2017/08/euro-forte-o-dollaro-debole.html
8514680
AIUTA I FORTI AD ESSERE PIU FORTI E I DEBOLI A ESSERE PIU DEBOLI QUESTO IN SINTESI IL NUOVO POST DI ALBERTO BAGNAI SE VOLETE I...
Discussione
13/08/2017 11.25.17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
PRATOAZZURRO PRATOAZZURRO 13/08/2017 ore 11.26.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'EURO: LA MONETA PIU IMMORALE DELLA STORIA

Insomma, la storia sembra vada così: siamo entrati nell'euro perché era forte, non era debole come la liretta, e quindi ci avrebbe riparato dalle bufere, ma ora che l'euro si rafforza, ecco che l'orizzonte si intorbida e appaiono difficoltà (ex multis). Insomma: l'euro è quella valuta forte che però ti aiuterebbe se fosse debole!

Inauditi paradossi, o consueta faciloneria?

La risposta la sapete: è dentro di voi ed è giusta, e ora vi spiego perché. I ragionamenti come quello qua sopra sono totalmente eurocentrici, come eurocentrica è la costruzione dell'Unione Europea, basata sul presupposto che a noi "ariani" sarebbe riuscita una cosa che nel mondo nessuno aveva mai tentato (perché assurda): creare uno stato federale senza prima fare tabula rasa! L'eurocentrismo è oggettivo: tutti parlano di euro forte, senza capire che in realtà è il dollaro a essere debole. Se volete, è l'errore uguale e contrario a quello di chi straparlava di liretta debole, senza in realtà capire che era il marco a essere forte (come abbiamo discusso ampiamente qui). Mi sembra sufficientemente ovvio che il rapporto di cambio fra un paese economicamente e politicamente forte e uno economicamente e politicamente debole sia guidato da quanto accade nel paese forte. Ora, così come la Germania era più forte dell'Italia (affermazione da qualificare, ma non mi attardo), oggi gli Stati Uniti sono decisamente più forti della loro creatura, l'Unione Europea. Quindi, quello che accade al cambio fra euro e dollaro ci conviene leggerlo sub specie dollari, piuttosto che sub specie euri.
PRATOAZZURRO PRATOAZZURRO 13/08/2017 ore 11.29.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'EURO: LA MONETA PIU IMMORALE DELLA STORIA

Quindi, quando vi parlano di euro forte, ascoltate con un sorriso di circostanza, e ricordatevi sempre, però, che è il dollaro a essere debole (esattamente come quando vi parano di liretta dovreste fare un sorriso di circostanza, e ricordarvi del marcone, che schiacciava sia la liretta, che la sterlinuccia, che il franchino, ecc.).

E la morale della favola qual è?

Che noi, come Italia, sugli equilibri dei mercati valutari non influivamo più di tanto né prima, né ora, ma almeno prima avevamo una valuta prezzata in modo confacente alla nostra economia, e i risultati si vedevano. Aggiungo che noi, come eurozona, siamo comunque in balia dei mercati valutari quanto e più di quanto lo fossimo prima come Italia, perché se prima lo shock causato da un indebolimento del dollaro veniva assorbito in modo diverso dalle diverse economie europee, ora dobbiamo assorbirlo tutte allo stesso modo, il che amplifica la disfunzionale dinamica dell'euro: quella di essere una valuta debole coi forti, e forte coi deboli.

Che poi è esattamente quello che ci si può attendere da una valuta tedesca...
excristian1977 excristian1977 13/08/2017 ore 11.58.17 Ultimi messaggi

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.