Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

excristian1977 14/11/2017 ore 21.27.15 Ultimi messaggi
segnala

ImportanteInseguimento nel turno 0-7: lo sfogo di un Poliziotto delle Volanti

da sostenitoridivise.altervista.org


Eccomi qua, solo dentro la Volante, fuori un trambusto di colleghi dopo l’inseguimento ed io solo dentro la Volante.
Ho il respiro affannato ed il cuore a mille dopo l’inseguimento in auto e la corsa a piedi, fuori c’è il solito casino che c’è dopo un inseguimento ma io non sento nulla, sto in macchina da solo a pensare: ma chi me lo ha fatto fare!
Turno 0-7 Viale Monteceneri, circonvallazione esterna di Milano, già c’è traffico, alle 6.55 scappa una macchina rubata: noi gli siamo dietro.
Questi signori (non saprei come definirli) cominciano a zigzagare fra le auto e nel loro fuggire rischiano di prendere in pieno una persona a bordo di uno scooter e di ammazzarlo per quanto andavano, giuro non so proprio come non l’abbiano preso. Alla fine rompono l’auto e scappano a piedi, ne inseguo uno, rischio di venire arrotato per bene da un paio di macchine su Viale Monteceneri, uno credo mi abbia mandato a quel paese e mi sarei fermato volentieri per rispondergli come avrebbe meritato ma ero un tantino occupato, come correvano però, manco scappasse il posto di lavoro!
Vabbè alla fine lo prendo, ci azzuffiamo (uso un eufemismo), perché il giovane non ne voleva per niente sapere di farsi bloccare (ho provato a dirgli: fermo! in nome della Legge, ma lui non trattava).
Lo butto a terra, lo ammanetto faccia a terra, con il rischio di provocargli un’asfissia posturale, con tutta la gente intorno che guarda, sicuramente sarò finito su qualche telefonino e fra un po’ mi si vedrà in qualche spot di qualche gestore telefonico.
Sistemo il personaggio in macchina e comunico alla Centrale quello che è successo e poi penso: ma, veramente: chi me l’ha fatto fare ! C’ho quasi quarant’anni e mi sono messo a correre dietro ad uno che ha la metà dei miei anni, magari domani qualche cittadino manderà il filmato alla televisione dove si vedrà il poliziotto (io) brutto, cattivo e fascista che picchia il povero fermato; magari poteva capitare che il fermato, per una sua patologia o perché pieno di sostanze stupefacenti, mi morisse sotto il ginocchio. Mio malgrado mi sarei potuto trovare al centro di un blog di un’altra madre che a gran voce reclamava giustizia per il figlio morto, ucciso dalla polizia; trascinato mio malgrado nel vortice della politica, perché sicuramente sarebbe arrivata la solidarietà di chi ha subito perdite per mano di individui che nulla hanno a che vedere con la democrazia ma che, se sarà eletta, contribuirà a democraticizzare.
Sarei mio malgrado diventato un quid da utilizzare per la campagna elettorale dell’uno e dell’altro, fatta ovviamente sopra la mia testa e mi sarei, mio malgrado, trovato davanti ad un magistrato che, spinto dal clamore e dall’obbligo morale di fare giustizia, mi avrebbe sbattuto in faccia il solito bell’atto dovuto. Sto in macchina a pensare (strano come certe volte il fisico è stravolto mentre il cervello va a mille) e il mio pensiero va a tutto quello che poteva essere e che, per mia fortuna, non è stato.
Penso ad Ivan Liggi, penso ai colleghi del “San Paolo” e mi chiedo ancora: che senso ha tutto ciò, vale veramente la pena?
Penso alla gente, ai cittadini, a chi vorrebbe fossi un incrocio fra Batman e l’Uomo Ragno, senza mai possibilità di commettere alcun errore; a chi mi giudica senza chiedersi mai nulla, senza mai avere un dubbio; a coloro che esprimono la loro pelosa solidarietà davanti alla mia bara coperta dal tricolore, che io purtroppo non posso sentire e di cui, a ben vedere, non me ne importa nulla, l’avrei preferita in vita.
Penso a quello che mi dicevano a proposito della funzione sociale del mio lavoro e penso a quanto lo ritenevo giusto ed a quanto mi entusiasmava l’idea di essere utile alla gente. Ecco, la gente. Non riconosco più la gente come mio referente, non ci riesco proprio. La gente è stata una vera delusione. Ciò che faccio, lo faccio per un mio diletto personale; per la considerazione che ho per la mia divisa e, anche se a volte non lo meriterebbe, per l’Amministrazione; per l’amore che provo per i colori della mia Volante e per la Pantera che è raffigurata sopra e perché, strano ma vero, ancora mi diverto a fare il poliziotto. Non lo faccio più per la gente, non lo merita secondo me. Se quel che faccio porta loro vantaggi, per me è puramente secondario. Mentre sto in macchina mi ritornano in mente le parole di mio padre: “altro che poliziotto, hai studiato, fai l’avvocato ! Pensa alla sicurezza economica della famiglia”. Mah, l’avvocato. Tutto il giorno in giacca e cravatta, davanti la scrivania. Credo che non faccia per me, meglio l’aria aperta. E meglio anche smettere di far correre i pensieri e ritornare alla realtà: rientro in Questura stravolto (già m’ero indagato tre filippini ubriachi che avevano spaccato a bottigliate un vetro di una macchina), faccio tutti gli atti, rientro a casa e riesco ad andare a dormire alle 11.30.
Mi sveglio alle 16.00 con due occhi pesti da far schifo, mangio 2 foglie 2 d’insalata perché a quell’ora c’ho lo stomaco che pare uno spillo e sbadigliando dal sonno e dalla stanchezza e ancora mi chiedo chi me l’ha fatto fare, mah !
Ma poi tanto alla fine lo so: smontante-riposo e poi alle 19.00 della “sera” sarò sulla Volante, sguardo all’autista “A Simò, stamo a’ annà ?”, sorriso sardonico di Simone “Certo capo!”. “Volante A., buonasera………”, di nuovo come se niente fosse successo, con la consapevolezza di rifare, all’occasione, tutto ciò che ho fatto fino ad ora, anche di pensare.
Solo un lettore poco attento potrebbe considerare queste parole come un invito abdicare alle funzioni del poliziotto, solo un lettore superficiale potrebbe scambiare queste mie parole per una dichiarazione di resa.
Questo è uno sfogo e tale rimane, è solo una triste riflessione di chi vede svilito il proprio lavoro. E’ l’amara riflessione di chi pensa che “questo sporco lavoro” qualcuno lo dovrà fare ma a determinate condizioni, altrimenti non ne vale più la pena. La riflessione di chi, in barba ad ogni tentativo di spersonalizzazione, vuole essere considerato per la sua umanità e non certo alla stregua di un cane da guardia.

COSA PENSATE?

analisi perfette di questo Agente Capopattuglia di una Volante
8518878
da sostenitoridivise.altervista.org Eccomi qua, solo dentro la Volante, fuori un trambusto di colleghi dopo l’inseguimento ed io...
Discussione
14/11/2017 21.27.15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
cajo.021079 cajo.021079 14/11/2017 ore 23.07.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Inseguimento nel turno 0-7: lo sfogo di un Poliziotto delle Volanti

@excristian1977 scrive:
COSA PENSATE?

C’ha quasi quarant’anni

che tra poco più di 10 anni se ne può andare in pensione.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.