Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

x.nutella89 13/02/2018 ore 15.00.48 Ultimi messaggi
segnala

ImportanteIL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

O vi hanno raccontato una palla?

Ci hanno voluto far credere ( e con molti ci sono riusciti) che Marchionne è uguale all’operaio dell’azienda cui lavora;
quando verifichiamo che l’1% della popolazione mondiale detiene la ricchezza del restante 99 % ; quando constatiamo che il 20 % della popolazione Italiana detiene il 67 % della ricchezza nazionale;

quando è accertato che in italia vi sono 132 miliardi di evasione fiscale e di rimando si taglia la sanità si aumenta l’età pensionabile ( la piu alta in Europa) , si precarizza il lavoro per i giovani, si tagliano servizi, (e la lista potrebbe continuare) e questi poveri deficienti se la pigliano con altri poveri cristi.
Ai quali è stato rubato quasi tutto e ora vogliono rubargli anche il diritto a vivere.
Mentre invece bisognerebbe unire le forze e scatenare una rivolta generale per prendersela con chi di dovere !

Altrimenti.. di cosa cavolo parlate eh, del nulla?


8533208
O vi hanno raccontato una palla? Ci hanno voluto far credere ( e con molti ci sono riusciti) che Marchionne è uguale all’operaio...
Discussione
13/02/2018 15.00.48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.04.22 Ultimi messaggi
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.10.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@mery1981
Mery , vedo che come al solito non ci hai capito una beata...
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.13.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@x.nutella89 scrive:
Ci hanno voluto far credere ( e con molti ci sono riusciti) che Marchionne è uguale all’operaio dell’azienda cui lavora;

Mi dici quale forze politiche ci hanno fatto credere, ciò che hai scritto visto che grazie al buon Dio ancora dentro questo paese ci sono forze politiche che combattono queste disparità %-)
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.16.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@Valchiria03 scrive:
Mi dici quale forze politiche ci hanno fatto credere

Non parlo di qualche forza politica in particolare, il riferimento è al sitema nel suo complesso.
Quasi tutti hanno sposato il liberismo economico,il quale ha prodotto queste brutture.
Anche chi pensava che si potesse controllarlo, ne è rimasto vittima.
19764970
@Valchiria03 scrive: Mi dici quale forze politiche ci hanno fatto credere Non parlo di qualche forza politica in particolare, il...
Risposta
13/02/2018 15.16.42
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
DuPalle DuPalle 13/02/2018 ore 15.18.54 Ultimi messaggi
segnala

ImpressionatoRE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@x.nutella89 scrive:
Quasi tutti hanno sposato il liberismo economico,il quale ha prodotto queste brutture.

Praticamente ha riportato in auge i servi della gleba
19764971
@x.nutella89 scrive: Quasi tutti hanno sposato il liberismo economico,il quale ha prodotto queste brutture. Praticamente ha...
Risposta
13/02/2018 15.18.54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.19.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@x.nutella89 scrive:
Ai quali è stato rubato quasi tutto e ora vogliono rubargli anche il diritto a vivere.
Mentre invece bisognerebbe unire le forze e scatenare una rivolta generale per prendersela con chi di dovere !

FINCHè CI SARANNO IN QUESTO PAESE PERSONE CHE VENDONO IL LORO VOTO PER UNA MANCIATA DI EURO. TI RICORDO CHè IN SICILIA HANNO SCOPERTO CHE LE PERSONE SI VENDEVANO IL LORO VOTO PER UNA BUSTA DI SPESA E PER UNA BANCONOTA DA 50 EURO.. %-)
19764972
@x.nutella89 scrive: Ai quali è stato rubato quasi tutto e ora vogliono rubargli anche il diritto a vivere. Mentre invece...
Risposta
13/02/2018 15.19.04
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.24.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@Valchiria03 scrive:
FINCHè CI SARANNO IN QUESTO PAESE PERSONE CHE VENDONO IL LORO VOTO PER UNA MANCIATA DI EURO. TI RICORDO CHè IN SICILIA HANNO SCOPERTO CHE LE PERSONE SI VENDEVANO IL LORO VOTO PER UNA BUSTA DI SPESA E PER UNA BANCONOTA DA 50 EURO

Quello è dovuto alla povertà e alla mancanza di un istruzione che li fa diventare sogggetti critici: cittadini con i proprio diritti e propri doveri e non oggetti in mano a persone o in base al favore che possono ricevere
19764976
@Valchiria03 scrive: FINCHè CI SARANNO IN QUESTO PAESE PERSONE CHE VENDONO IL LORO VOTO PER UNA MANCIATA DI EURO. TI RICORDO CHè...
Risposta
13/02/2018 15.24.12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.30.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@x.nutella89 scrive:
Non parlo di qualche forza politica in particolare, il riferimento è al sitema nel suo complesso.
Quasi tutti hanno sposato il liberismo economico,il quale ha prodotto queste brutture.
Anche chi pensava che si potesse controllarlo, ne è rimasto vittima.

Tu scrivi quasi tutte le forze politiche hanno sposato il liberismo economico. PERò dove siamo arrivate possiamo permetterci nel ritornare indietro ,magari si spera che qualche forza politica possa almeno aggiustate i tanti errori che si soni fatti .ma non credo chè possiamo ritornare nel aver indietro tutto ciò che avevamo prima.visto chè adesso facciamo parte ,ed dobbiamo sostare alle regole dell unione europea ecco magari possiamo cercare di poter rimediare nel non farci calpestare da queste regole che ci vengono imposte ed dettate da questa unione .li bisogna essere uniti.ma finche un europa dentro quel parlamento verranno eletti personaggi politici trombati dalla politica italia ed trovano in europa un loro rifugio . mi sa che faremo poca strada %-)
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.33.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@x.nutella89 scrive:
Quello è dovuto alla povertà e alla mancanza di un istruzione che li fa diventare sogggetti critici: cittadini con i proprio diritti e propri doveri e non oggetti in mano a persone o in base al favore che possono ricevere

PURTROPPO SONO IN TANTI IN ITALIA CHE SI VENDONO IL LORO VOTO. NON DIMENTICARTI CHè SIAMO UNO DEI PAESI CON LA PIU ALTA CORRUZIONE AL MONDO... %-)
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.38.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI!

@x.nutella89 : Non siamo mai stati un popolo unito . :hehe sè no quando gioca la nazionale di calcio . Allora li siamo tutti italiani . ma fino ieri avevamo un Salvini che augurava al popolo meridionale il peggior male possibile ,ed oggi lo si vede con addosso la felpa con su la scritta Sicilia :many :many :many %-)
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.44.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Valchiria03 scrive:
ma fino ieri avevamo un Salvini

A me non interessa di salvini, in questo momento.
Il mio topic era rivolto a quelli che scrivono qui dentro che molto spesso parlano del nulla, mentre invece il nodo, a mio parere, sono proprio le cose che dicevo in apertura del topic.

Due sono le ragioni: o sono tutti piccoli imprenditori ( bottegai ecc.) ai quali stanno bene queste disuguaglianze e l'evasione, visto che probabilmente la praticano anche loro, o non capiscono nulla e si limitano al tifo.
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.46.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

UNA COSA ABBIAMO VISTO IN QUESTO VENTENNIO . CHE LA SINISTRA, FACEVA COSE DI DESTRA ,E LA DESTRA COSE DI SINISTRA ,MA PURTROPPO I BURATTINAI ERANO SEMPRE GLI STESSI . . QUESTO PAESE RITORNERà ALLA NORMALITA QUANDO LA SINISTRA FARà COSE DI VERA SINISTRA. MA CREDO CHE CI VORRANNO DECENNI PRIMA DI POTER VEDERE UNA VERA FORZA DI SINISTRA,DEGNA DI QUESTO NOME %-)
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.48.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Valchiria03 scrive:
UNA COSA ABBIAMO VISTO IN QUESTO VENTENNIO . CHE LA SINISTRA, FACEVA COSE DI DESTRA ,E LA DESTRA COSE DI SINISTRA ,MA PURTROPPO I BURATTINAI ERANO SEMPRE GLI STESSI . . QUESTO PAESE RITORNERà ALLA NORMALITA QUANDO LA SINISTRA FARà COSE DI VERA SINISTRA. MA CREDO CHE CI VORRANNO DECENNI PRIMA DI POTER VEDERE UNA VERA FORZA DI SINISTRA,DEGNA DI QUESTO NOME smile

Tutto dipende da ogni singolo cittadino e da come si atteggia di fronte ai problemi veri e non le cazzate o scatenando la guerra tra poveri
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.50.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
l mio topic era rivolto a quelli che scrivono qui dentro che molto spesso parlano del nulla, mentre invece il nodo, a mio parere, sono proprio le cose che dicevo in apertura del topic.

Magari chi difende queste schifezze politiche avrà ricevuto dei favori ed oggi si trovano in debito con queste schifezze di politici . in un paese di raccomandati dive per prenotare una visita ospedaliera devi raccomandarti ed poi magari si rimane in debito e quindi come lo si può ricompensare tale debito nel votare ciò che non avresti mai voluto votare capisci come e ridotto questo paese . %-)
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.54.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Valchiria03 scrive:
Magari chi difende queste schifezze politiche avrà ricevuto dei favori ed oggi si trovano in debito con queste schifezze di politici . in un paese di raccomandati dive per prenotare una visita ospedaliera devi raccomandarti ed poi magari si rimane in debito e quindi come lo si può ricompensare tale debito nel votare ciò che non avresti mai voluto votare capisci come e ridotto questo paese


Appunto il mio topic voleva proprio mettere in risalto le palle che si sono bevuti molti italiani: che non ci sono piu classi sociali , che Marchionne è uguale all'operaio e che lo scontro non deve essere contro chi detiene la vera ricchezza del paese, ma contro altri poveri cristi che rivendicano solo un diritto a vivere
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 15.54.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
Tutto dipende da ogni singolo cittadino

Lo so ma tu come ben sai questo che ci governano sanno chè una noce dentro un sacco non fa rumore. ecco perche il tuo topic . nel dirci uniamoci. . ma con chi ci vogliamo unire con coloro che ancora oggi pur avendo toccato la cacca che hanno votato continuano ancora nel difenderla. potrei mai unire il mo pensiero politico con chi oggi qua dentro difende uno come il pinocchio renzi %-)
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 15.58.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Valchiria03 scrive:
Lo so ma tu come ben sai questo che ci governano sanno chè una noce dentro un sacco non fa rumore. ecco perche il tuo topic . nel dirci uniamoci. . ma con chi ci vogliamo unire con coloro che ancora oggi pur avendo toccato la cacca che hanno votato continuano ancora nel difenderla. potrei mai unire il mo pensiero poitico cinchi oggi qua dentro difende uno come il pinocchio ren

E' un topic all'interno di un forum, non ha la pretesa di chissa cosa, ma spero che almeno faccia riflettere.
Se non è cosi, vivo ugualmente bene. :ok
Per dirla alla @Dupalle, mi arimbalza ahaha
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 16.04.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
che Marchionne è uguale all'operaio e che lo scontro non deve essere contro chi detiene la vera ricchezza del paese, ma contro altri poveri cristi che rivendicano solo un diritto a vivere
Infatti il Marchionne quali forze politiche l'hanno difeso .. li leggevamo gli utenti in questo forum come elogiavano il Marchionne chè e stato l'artefice nel aver tolto la dignità dei lavoratori italiani . notizia DI OGGI CON QUESTA RIFORMA DEL LAVORO . I RICATTI SESSUALI contro le donne sono triplicati , ci credo bene adesso il datore di lavoro si può permettere nel licenziare senza giusta causa. %-)
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 16.07.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
ma spero che almeno faccia riflettere.

Certo che fa riflettere., fa riflettere del come una certa politica ha venduto la dignita di questo popolo %-)
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 16.07.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Valchiria03 scrive:
li leggevamo gli utenti in questo forum come elogiavano il Marchionne chè e stato l'artefice nel aver tolto la dignità dei lavoratori italiani . notizia DI OGGI CON QUESTA RIFORMA DEL LAVORO . I RICATTI SESSUALI contro le donne sono triplicati , ci credo bene adesso il datore di lavoro si può permettere nel licenziare senza giusta causa. smile

Lo so benissimo, appunto per questo apro questi topic, per dire semplicemente che il vero problema è la ricchezza in poche mani, non certo altri poveri che a stento sopravvivono
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 16.17.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
Lo so benissimo, appunto per questo apro questi topic, per dire semplicemente che il vero problema è la ricchezza in poche mani, non certo altri poveri cristi.

Ci rendiamo conto che arma potente ha dato nelle mani a questi datori di lavoro basta che una povera ragazza si rifiuta NEL NON ACCETTARE NESSUNA Avance DAI UN PROBABILE DATORE DI LAVORO ED IL GIORNO DOPO SI RITROVA MAGARI disoccupata %-)
DuPalle DuPalle 13/02/2018 ore 16.19.17 Ultimi messaggi
segnala

ImpressionatoRE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 : si chiama globalizzazione, ovvero far lavorare gli occidentali ai prezzi degli orentiali, illudere gli orientali di poter lavorare ai prezzi degli occidentali, e contemporaneamente fare una montagna di soldi, che sempre grazie alla globalizzazione, diventano esentasse. Tranquilla, è tutto legale.
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 16.22.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@DuPalle scrive:
si chiama globalizzazione, ovvero far lavorare gli occidentali ai prezzi degli orentiali, illudere gli orientali di poter lavorare ai prezzi degli occidentali, e contemporaneamente fare una montagna di soldi, che sempre grazie alla globalizzazione, diventano esentasse. Tranquilla, è tutto legale.

Questo lo so benissimo, quello che manca è la giusta reazione di chi sta in basso.

Per dirla alla Luciano Gallino, nel famoso libro "la lotta di classe dopo la lotta di classe", oggi stiamo assistendo che la lotta di classe la fanno quelli dall'alto verso il basso
intermezzo intermezzo 13/02/2018 ore 16.26.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
o sono tutti piccoli imprenditori ( bottegai ecc.) ai quali stanno bene queste disuguaglianze e l'evasione,


Se parlassi chiaro forse qualcuno ti darebbe retta: ovverosia i piccoli imprenditori (bottegai) cosa sarebbero, quell'1 per cento che detiene la ricchezza mondiale? E queste classi come sarebbero composte? Da chi? E tu che sei, una proletaria o appartieni all'elite rivoluzionaria destinata a guidare le masse verso la conquista del socialismo reale? Sì, lo so, non ho capito niente. Mentre tu spiegandoti hai chiarito le idee a tutti.
DuPalle DuPalle 13/02/2018 ore 16.28.41 Ultimi messaggi
segnala

ImpressionatoRE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 : ormai hanno convinto gli operai che non sono più operai, quando ad esempio quelli che lavorano nei call center sono trattati peggio degli operai, e quindi si sentono come quelli della marcia dei 40.000. Il sistema è furbo.
tsunami1998 13/02/2018 ore 16.29.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@DuPalle scrive:
si chiama globalizzazione, ovvero far lavorare gli occidentali ai prezzi degli orentiali, illudere gli
Da incorniciareorientali di poter lavorare ai prezzi degli occidentali, e contemporaneamente fare una montagna di soldi, che sempre grazie alla globalizzazione, diventano esentasse. Tranquilla, è tutto legale.


Da incorniciare,unvedi sei bravo forte,Mi complimento Dupà
DuPalle DuPalle 13/02/2018 ore 16.31.03 Ultimi messaggi
segnala

ImpressionatoRE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@tsunami1998 : grazie, ma è un complimento immeritato perché in fondo è un concetto semplice semplice, basta aprire gli occhi per vederlo, a meno che uno non indossi i paraocchi come i cavalli.
tsunami1998 13/02/2018 ore 16.36.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@DuPalle : ahimè c è gentema tanta credimi, che non può fermarsi nemmeno a vedere tutta qst evidenza...impegnata comè dalle quotidiane lotte con le sabbie mobili.
tsunami1998 13/02/2018 ore 16.39.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@DuPalle : sai le consulenze esterne che lo stato appalta?
Ne avevano fatto una ragione di vita,bisogna averli dentro casa.
Ebbene se dai un occhiata al numero dei consulenti che da due anni aspettano il pagamento di dette parcelle,...........riesci forse,unendoli a circunnavigare mezzo pianeta.

poi dimmi se qst è uno Stato...
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 16.40.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

Istat: oltre il 43% delle donne italiane ha subito molestie sessuali, l’8,9% sul posto di lavoro.................. %-)
Valchiria03 Valchiria03 13/02/2018 ore 16.42.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

Quasi la metà delle donne italiane nella loro vita hanno subito molestie sessuali da parte degli uomini, per lo più estranei. È quanto rilevato dall’Istat nel report Le molestie e i ricatti sessuali sul lavoro, relativo agli anni 2015-2016. I numeri sono emblematici: si stima che siano 8 milioni 816mila (43,6%) le donne fra i 14 e i 65 anni vittime di qualche forma di molestia, 3 milioni 118mila (15,4%) quelle che le hanno subite negli ultimi tre anni. Per la prima volta, inoltre, sono rilevate le molestie anche ai danni degli uomini: 3 milioni 754mila le hanno subite nel corso con questa riforma del lavoro quante donne oggi non denunciano piu . infatti guarda caso sono diminuite le denunce chi sa perchè %-)
DuPalle DuPalle 13/02/2018 ore 16.42.56 Ultimi messaggi
segnala

ImpressionatoRE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@tsunami1998 scrive:
poi dimmi se qst è uno Stato

No, non è uno stato, e la cosa grave è che chi lavora per lo stato questa la cosa la sa, e adegua i propri prezzi in funzione degli enormi ritardi dei pagamenti, e indovina chi è che si ritrova ad affrontare le maggiori spese del suo stato.
tsunami1998 13/02/2018 ore 16.46.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

e qst consulent aloro volta,i sventolano dette fatture ai loro naturali creditori ma qst gli fanno :picche o paghi o parte il mastino.
Provaci a far stare di testa la gente con qst altro piccolo concetto,mica c'arriva sai?

e sai chi c è sta dentro in qst mappazza?

L intero popolo delle partite iva che vengono poi additate come evasori fiscali.







tsunami1998 13/02/2018 ore 16.56.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@DuPalle : era forse così ieri.
Oggi partecipi a delle gare al ribasso come ieri,ma chi da tecnico vuole sperare di vincere,fa i conti come se dovesse lavorare a giornata e spesso c azzecca e busca l appalto.

in difetto stando sempre dentro il settore tecnico,per partecipare alla gara devi presentare papelli intidi di mxxxa burocratica,avanzare spese rapportate all importo lavori e se poi nun becchi l appalto quei mila mila mila euro li hai buttati nel wc..

e vivere questo ?

Nel mentre gli scrupoli per quei poveracci di creditori è rode dannatamente....la vergogna pure e lo stato d animo potrebbe creare fertile terreno nella decisione di associarsi a cattive compagnie .

Ecco come son messi mil mila stimati onesti cittadini italiani.

Storiaccie che han visto i miei strabici occhi... 0:-)
intermezzo intermezzo 13/02/2018 ore 17.52.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@tsunami1998 scrive:
L intero popolo delle partite iva che vengono poi additate come evasori fiscali.


Altro concetto semplice che però da parte di chi odia a morte i bottegai fa fatica ad essere digerito. Qua non stiamo al livello della rivoluzione industriale, ma del regno di luigi xvi.

x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 18.28.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@DuPalle scrive:
ormai hanno convinto gli operai che non sono più operai, quando ad esempio quelli che lavorano nei call center sono trattati peggio degli operai, e quindi si sentono come quelli della marcia dei 40.000. Il sistema è furbo.

Esatto
Tanto piu che quelli dei call center sono precari
E' stato fatto proprio un ottimo lavoro, non c'e che dire.
Potremmo titolarlo: La vendetta!

Resta comunque aperta la questione della reazione che non c'è
Cos'è paura, o cosa?
x.nutella89 x.nutella89 13/02/2018 ore 18.34.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Valchiria03 scrive:
Quasi la metà delle donne italiane nella loro vita hanno subito molestie sessuali da parte degli uomini, per lo più estranei.

Oltre a questo che è gia grave in se, da un rapporto del Senato, si evince che le donne vengono pagate il 23% in meno nella media generale
tsunami1998 13/02/2018 ore 19.49.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@intermezzo scrive:
Qua non stiamo al livello della rivoluzione industriale, ma del regno di luigi xvi

Volendogli bene.
Dasein1960 Dasein1960 13/02/2018 ore 21.30.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
Resta comunque aperta la questione della reazione che non c'è
Cos'è paura, o cosa?

è la convinzione oramai planetaria che manca qualsiasi alternativa
Ilpotere nn cerca nemmeno piu di sostenere che tutto cio sia buono
Semplicemente lo presenta come naturale ,intrascendibile,brutto ma senza alternative
Tutto cio va sotto il nome di pensiero unico, la sua genesi risale al 1989 caduta del muro
gio52b gio52b 14/02/2018 ore 12.30.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
che l’1% della popolazione mondiale detiene la ricchezza del restante 99 %

Sostanzialmente quello che hai postato è vero, ma la lettura che ne viene data è travisata, mi spiego:
I dati che hai letto sono diffusi dalla Oxfam, una ong Inglese della quale, qui non è tema di elencarne gli scopi dichiarati e quanti altri soffolti ne abbia. Resta il fatto che ogni anno riesce a occupare le prime pagine dei giornali sparando dati eclatanti del tipo “62 supermiliardari hanno accumulato la stessa ricchezza di 3,6 miliardi di persone, la metà più povera della popolazione mondiale” omettendo però quello che è invece più interessante per analizzare il vero andamento economico mondiale. Infatti Oxfam non fa altro che rielaborare in chiave più consona ai propri scopi i dati diffusi dal Global Wealth Databook di Credit Suisse che riguardano la ricchezza globale netta, ovvero gli attivi meno i debiti, invero ciò che interessa di più ad un istituto di credito. Ciò vuol dire che i più poveri, tra i poveri, sono coloro che hanno molti debiti. Ma avere debiti non significa affatto essere poveri. Anzi, bisogna essere ricchi per avere molti debiti, perché le banche, in genere, fanno credito solo a chi ha la prospettiva di fare soldi e ripagare il prestito. Usando il criterio della ricchezza netta, Oxfam inserisce in fondo alla classifica persone molto ricche ma indebitate con il risultato paradossale che talvolta risulta più ricco un bambino dell’Africa, che non ha debiti e non ha nulla da mangiare, di ricchi imprenditori che hanno fatto investimenti indebitandosi. Ma i paradossi continuano. Se vai a leggere bene le statistiche di Oxfam, ti accorgerai che una volta sottratti i debiti "basta" un patrimonio di 3.582 dollari per essere nella metà più ricca del mondo. Non certo una cifra da Paperon de Paperoni. Con quasi 77mila dollari si entra nel top 10% dei detentori della ricchezza globale e si sale a 770mila dollari per il ristretto club dell'1%.. Quindi cara amica, pur non conoscendoti, posso sicuramente affermare che quantomeno sei nella metà più ricca e se possiedi un’appartamento, anche piccolo, ti potrai fregiare di essere nel 10% della popolazione più ricca. Ti sembra assurdo o no.
In realtà i dati che danno l’idea dell’andamento economico sono quelli sui redditi. Ma Oxfam ignora tali dati che sono puntualmente diffusi dalla Banca Mondiale sui redditi, che mostrano che il tasso di povertà assoluta è sceso dal 44 per cento della popolazione mondiale negli anni 80 a meno del 10 per cento di oggi: grazie alla globalizzazione i poveri non sono mai stati così ricchi nella storia dell’umanità. Quindi i 62 super-ricchi del pianeta ed il restante circa 70 milioni di super ricchi nel mondo non sono diventati paperoni rubando ai poveri, anzi il successo economico, le idee imprenditoriali e gli investimenti di molti di questi miliardari hanno permesso di alzare lo standard di vita di un paio di miliardi di persone uscite dalla povertà estrema. Marchionne o meglio la FCA, sono tra quelli che hanno investito miliardi di dollari e hanno reso migliore la vita a decine di migliaia di persone che lavorano negli stabilimenti FCA, non in Italia. Ma di chi è la colpa di questo, di Marchionne o del sistema Italia che non funziona e allontana gli investitori verso altri Paesi?? :bye

x.nutella89 x.nutella89 14/02/2018 ore 12.40.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Dasein1960 scrive:
è la convinzione oramai planetaria che manca qualsiasi alternativa
Ilpotere nn cerca nemmeno piu di sostenere che tutto cio sia buono
Semplicemente lo presenta come naturale ,intrascendibile,brutto ma senza alternative
Tutto cio va sotto il nome di pensiero unico, la sua genesi risale al 1989 caduta del muro

Quindi a tuo parere non c'e nulla da fare?
Eppure io vedo e leggo, che in giro ci sono sacche di resistenza, fermenti di vari , ( non soltanto i vari movimenti degli stati uniti con Bernie Sanders in testa, la clamorosa vittoria all'interno del partito di Corbyn in inghilterra, Podemos in Spagna) gente che comunque si autorganizza anche in Italia.

Tutto cio dovrebbe essere un segnale, o sei cosi sfiduciato che ritieni che sia tutto perduto?
x.nutella89 x.nutella89 14/02/2018 ore 14.08.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@gio52b scrive:
I dati che hai letto sono diffusi dalla Oxfam,

A dire il vero, questo squilibrio e le conseguenti disuguaglianze le trovi pure nei rapporti di due premi nobel all'economia: Stighlitz e Krugman ( oltre che di Luciano Gallino in Italia) i quali con l'apporto di vari economisti in giro per il mondo, hanno studiato il fenomeno patrendo dagli ultimi 25 anni.
Ma il topic non voleva parlare di questo, ma bensi la palla enorme che hanno voluto far credere che non ci sono piu classi sociali e del come mai le classi sociali piu deboli non si organizzano per invertire questo schifo.
gio52b gio52b 14/02/2018 ore 16.09.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
ma bensi come mai le classi sociali piu deboli non si organizzano per invertire questo schifo

La questione è molto complessa e bisogna partire dal fatto reale che i ricchi, parlo in termini di reddito, sono tutti nel mondo occidentale inteso come sistema e sono poco più del 20% della popolazione mondiale (circa 1,5 mld di anime), mentre i poveri e le classi più deboli sono tutti nei restanti Paesi (circa 5,5 mld di anime) e tra questi circa un 45% vivono nei cosi detti Paesi emergenti. Ovviamente con le debite eccezioni per ognuno dei casi. Mentre i primi possono contare su buoni redditi, lavoro, tre pasti caldi il giorno, acqua corrente nelle case, riscaldamento, auto, moto, smartphone, lavatrice, frigorifero, e altre amenità, il restante 45% della popolazione sta sognando e comincia a godere di alcuni privilegi che fino ad ora erano riservati solo ai primi. I rimanenti, hailoro, al momento hanno ben poche speranze di migliorare la loro condizione. Ci troviamo pertanto di fronte a tre differenti scenari mondiali che danno luogo ad altrettante distinte priorità rispetto agli eventi.
La priorità dei ricchi, di cui anche tu volente o nolente, fai parte, è quella di lottare per mantenere tutti i privilegi acquisiti, esempio per avere lo smartphone e i giga ecc.. Per mantenere questa ricchezza si è disposti ad affamare circa metà del pianeta, in quanto per costruire tutta quanta questa roba sono necessarie materie prime, tanta energia, che ovviamente viene sottratta alla fruibilità delle fasce deboli (quelle vere) di quei paesi, che hanno queste risorse, ma non hanno la possibilità di sfruttarle perché arretrati. Gli Stati e la politica occidentale quindi si danno fare, con più o meno successo, per mantenere e se possibile incrementare la ricchezza dei propri cittadini.
La priorità dei paesi emergenti, dove i super ricchi del pianeta, non tanto per bontà ma per incrementare ancora di più i loro redditi, hanno impiantato nuovi siti di produzione che sfornano gli stessi prodotti a minor costo che in occidente è quella di elevare la popolazione dalla condizione di estrema povertà in cui era, anche a costo di lavorare a basso costo che è sempre meglio di nulla. Anch’essi in definitiva finiscono per sottrarre qualcosa al reso del mondo: un po’ di ricchezza dall’occidente e molte materie prime dai restanti paesi.
Per gli altri, gli ultimi, circa 2 mld di esseri la priorità è quella di trovare giornalmente qualcosa da mettere sotto i denti per sopravvivere.
Come puoi ben capire più di due terzi della popolazione si è organizzata per il raggiungimento dei loro scopi; quindi chi si dovrebbe incazzare e organizzare? Forse i 2 miliardi che vivono (si fa per dire) nell'Africa subsahariana o in Bangladesh o qualche altro paese dimenticato da Dio e da gli uomini a cui anche tu contribuisci ad affamare… :ok
x.nutella89 x.nutella89 14/02/2018 ore 17.05.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@gio52b :

A parte che, credo che tu ometti di dire una cosa importante e cioè che grazie alle politiche liberiste, c'e un ceto cosiddetto medio che in questi anni si è impoverito, quindi quei dati che riporti vanno aggiornati.

Dicevo, a parte questo io personalmente è proprio questo sistema che tu elencavi che voglio combattere e contrastare, perche non è da oggi che la questione è aperta.
Qui sotto in corsivo ti riporto una cosa che avevo scritto in un altro topic

Quando Willy Brandt nel 1954 in un rapporto presentato all’Onu, diceva che il mondo non è diviso tra est e ovest, ma bensi tra nord e sud del mondo, dove il 20 % della popolazione del nord ricco e opulento si fotteva l’80 % della ricchezza a scapito del restante 80% della popolazione del pianeta, forse metteva il dito nella piaga.

Questo per dire cosa?
In primo luogo che la questione è vecchia e a mio parere le politiche liberiste non hanno fatto altro che aggravarla. E questo al di la di ogni discorso, oltre a farmi schifo, credo che alla lunga sia anche controproducente anche per noi che viviamo qui.

Ma poi volendo ragionare sulle cose che dicevi, in particolar modo nell'ultima parte, il nodo riporta al tema dell'immigrazione: quei due miliardi cui tu accennavi ( ma io credo siano molto di piu i poveri nel mondo) , stanchi di subire soprusi, vedersi rubare le loro risorse dall'occidente, non avendo la forza di ribellarsi in loco contro dittatori che l'occidente ricco ha foraggiato e foraggia per mantenerli in quella situazione di povertà, si stanno semplicemente spostando e quindi migrando per rivendicare un diritto a vivere.
Quindi il problema ci riguarda.

Ci riguarda sia rispetto all'accoglienza ma, per quanto mi riguarda, in quanto essere umano che ha determinati valori.
Per essere credibili dobbiamo porci in modo serio il nodo di una vera redistribuzione della ricchezza, altrimenti non vedo futuro.
Dasein1960 Dasein1960 14/02/2018 ore 18.17.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
Quindi a tuo parere non c'e nulla da fare?
Eppure io vedo e leggo, che in giro ci sono sacche di resistenza, fermenti di vari , ( non soltanto i vari movimenti degli stati uniti con Bernie Sanders in testa, la clamorosa vittoria all'interno del partito di Corbyn in inghilterra, Podemos in Spagna) gente che comunque si autorganizza anche in Italia.

Tutto cio dovrebbe essere un segnale, o sei cosi sfiduciato che ritieni che sia tutto perduto?

Considero le politiche neoliberiste ,fatta astrazione per uomo ,ambiente ,le piu efficaci a produrre ricchezza in ottica capitale,nonche le uniche capaci di armonizzarsi al mutato sistema produttivo e alle esigenze dei mercati odierni lasciando il capitale agire al meglio assecondando im toto la sua natura rapace
Per la gioia del pirla qui al piano di sopra ,ora traslocato anche a quello di sotto capace di cantarne le magnifiche gesta e progressive sorti per una ricchezza estesa come elemosina ai piu miseraili al prezzo della sottrazione di diritti essenziali alla parte di mondo ex piu progredita.in virtu' di delocalizzazioni selvagge ,e assuluta libertà ai capitali pirati
L'economia ora viaggia all'interno di un quasi perfetto "stato di natura"
come fosse albero o animale allo stato brado,prescidendo sempre piu dall'uomo oramai robotizzato
Ritengo pure che lo "spazio"geopolitico per tale avventura sia ancora tanto
Le coscienze potranno risvegliarsi solo a testa sbattuta contro il muro
A noi nn resta che augurarci che il muro nn sia troppo duro
D'altro canto l'umanità e sempre vissuta e progrdita a colpi di testate contro il muro
gio52b gio52b 14/02/2018 ore 18.20.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
credo che tu ometti di dire una cosa importante

No non l'ho omesso perchè quando dico che: “gli Stati e la politica occidentale si danno fare, con più o meno successo, per mantenere e se possibile incrementare la ricchezza dei propri cittadini” , implicita anche casi di insuccesso come per il ceto medio Italiano ancor più impoverito degli analoghi nel resto d'Europa.
Nel tuo intervento riporti l'intervento di Willy Brant del 1954, e ammetti che la questione del 20% della popolazione depredava per mantenere al propria ricchezza l’altrol’80%. è vecchia. Bene sono passati 63 anni da quell’intervento ed il mondo a visto divisioni di ogni genere e guerre. Le politiche si dividevano tra comunismi e democrazie ma entrambi cosa hanno fatto per il terzo mondo? Nulla, anzi fin troppo ma non nel bene ma nel male. Quale ideologia fosse, non interessava affatto della sorte di miliardi di esseri umani. Ognuno tirava acqua al proprio mulino per le proprie mire e attingeva tutte le risorse disponibili. Abbiamo poi assistito al fallimento planetario, universale, dell’ideologia comunista che nonostante depredasse a piene mani i paesi del terzo mondo dove aveva egemonia, è riuscita anche ad affamare le proprie popolazioni, tralasciando gli orrori che perpetrava loro. Non ti dimenticare mai che Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Bulgaria, hanno chiesto formalmente alla UE di mettere al bando il comunismo alla stregua del nazismo e di vietare l’uso della simbologia, bandiera rossa e falce e martello. Pensi che l’abbiano chiesto per sport, o pensi invece che abbiano passato anni e anni di buia e pesante repressione?
Quindi nessuno, di destra, di centro, di sinistra si è dato pena per coloro che venivano e vengono tuttora depredati. Ci voleva la globalizzazione per tirare fuori dalla merda (scusa il francesismo) un bel po’ di paesi dove, nonostante vi sia ancora povertà, rispetto ai nostri standard di vita, almeno gli abitanti riescono a mettere insieme desinare e cena e avere un tetto sulle loro teste. Prendi ad esempio la corea del Sud. E’ stato uno dei primi paesi in cui furono fatti investimenti massicci dalle multinazionali e oggi il reddito pro capite dei coreani è superiore a quello degli spagnoli e quasi al pari degli italiani. A Nord hanno il comunista Kim Jong, beati loro.
Cara amica, la globalizzazione, che non è il meglio per finalità, ha però permesso dagli anni 80 ad oggi di ridurre la povertà assoluta del pianeta dal 44% al 10%. E la politica delle democrazie e dei socialismi che ca..o hanno fatto e che fanno??
In ultimo poi non mi dilungherò oltre per non annoiarti, ritornando al ceto medio impoverito, ti rammento che in USA chi ha fatto vincere Trump è stata proprio la borghesia tradita da Obama, che contrariamente alle aspettative, è affluita alle urne in massa ribaltando i verdetti dei sondaggi.
In Italia siamo oggi nelle medesime condizioni e il disagio del ceto medio è ai massimi. Numericamente poi conta moltissimo e se tutti andranno a votare….altro che sondaggi. :hihi
x.nutella89 x.nutella89 14/02/2018 ore 19.34.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@gio52b scrive:
No non l'ho omesso perchè quando dico che: “gli Stati e la politica occidentale si danno fare, con più o meno successo, per mantenere e se possibile incrementare la ricchezza dei propri cittadini” , implicita anche casi di insuccesso come per il ceto medio Italiano ancor più impoverito degli analoghi nel resto d'Europa.
Nel tuo intervento riporti l'intervento di Willy Brant del 1954, e ammetti che la questione del 20% della popolazione depredava per mantenere al propria ricchezza l’altrol’80%. è vecchia. Bene sono passati 63 anni da quell’intervento ed il mondo a visto divisioni di ogni genere e guerre. Le politiche si dividevano tra comunismi e democrazie ma entrambi cosa hanno fatto per il terzo mondo? Nulla, anzi fin troppo ma non nel bene ma nel male. Quale ideologia fosse, non interessava affatto della sorte di miliardi di esseri umani. Ognuno tirava acqua al proprio mulino per le proprie mire e attingeva tutte le risorse disponibili. Abbiamo poi assistito al fallimento planetario, universale, dell’ideologia comunista che nonostante depredasse a piene mani i paesi del terzo mondo dove aveva egemonia, è riuscita anche ad affamare le proprie popolazioni, tralasciando gli orrori che perpetrava loro. Non ti dimenticare mai che Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Bulgaria, hanno chiesto formalmente alla UE di mettere al bando il comunismo alla stregua del nazismo e di vietare l’uso della simbologia, bandiera rossa e falce e martello. Pensi che l’abbiano chiesto per sport, o pensi invece che abbiano passato anni e anni di buia e pesante repressione?
Quindi nessuno, di destra, di centro, di sinistra si è dato pena per coloro che venivano e vengono tuttora depredati. Ci voleva la globalizzazione per tirare fuori dalla merda (scusa il francesismo) un bel po’ di paesi dove, nonostante vi sia ancora povertà, rispetto ai nostri standard di vita, almeno gli abitanti riescono a mettere insieme desinare e cena e avere un tetto sulle loro teste. Prendi ad esempio la corea del Sud. E’ stato uno dei primi paesi in cui furono fatti investimenti massicci dalle multinazionali e oggi il reddito pro capite dei coreani è superiore a quello degli spagnoli e quasi al pari degli italiani. A Nord hanno il comunista Kim Jong, beati loro.
Cara amica, la globalizzazione, che non è il meglio per finalità, ha però permesso dagli anni 80 ad oggi di ridurre la povertà assoluta del pianeta dal 44% al 10%. E la politica delle democrazie e dei socialismi che ca..o hanno fatto e che fanno??
In ultimo poi non mi dilungherò oltre per non annoiarti, ritornando al ceto medio impoverito, ti rammento che in USA chi ha fatto vincere Trump è stata proprio la borghesia tradita da Obama, che contrariamente alle aspettative, è affluita alle urne in massa ribaltando i verdetti dei sondaggi.
In Italia siamo oggi nelle medesime condizioni e il disagio del ceto medio è ai massimi. Numericamente poi conta moltissimo e se tutti andranno a votare….altro che sondaggi.


Il mio non è un discorso che si preoccupa della destra o della sinistra ( se per sinistra intendi il PD o le morbide socialdemocrazie europee), ambedue hanno sposato l'idea liberista.
Io sto parlando con te in quanto essere umano.
Al di la dell'analisi che posso benissimo attingere da qualsiasi altro , magari più interessante e piu precisa, voglio sapere se a te sta bene tutto cio: un occidente che butta milioni di tonnellate di cibo e gli altri non possono manco mangiare, un occidente che consuma piu del suo necessario ecc. ecc e dall'altro lato gente che muore di fame che è costretta a venire in Europa e beccarsi anche gli stronzi che festeggiano se muoiono nella traversata. Per me no!.

Tu dici che rispetto agli anni di Brandt qualche paese si è sollevato, a parte che non è proprio cosi, io invece penso che l'errore principale sia stato quello di esportare il nostro modello di sviluppo e di consumi in tutto il mondo e ovviamente questo crea di fatto delle disparità, disuguaglianze, poverta e un disastro sotto l'aspetto ambientale . Di questo il capitalismo mica si preoccupa...anzi.
Quindi come vedi anche il capitalismo ha fallito, visto che non riesce a garantire un benessere a tutti.

Io sarei quella che si puo definire benestante, ma certamente non gioisco quando vengo a conoscenza che il mio benessere danneggia gli altri.... anzi ti dico di più non so proprio che farmene del mio benessere se accanto a me c'e qualcuno che fatica a vivere.
x.nutella89 x.nutella89 14/02/2018 ore 19.41.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Dasein1960 scrive:
Considero le politiche neoliberiste ,fatta astrazione per uomo ,ambiente ,le piu efficaci a produrre ricchezza in ottica capitale,nonche le uniche capaci di armonizzarsi al mutato sistema produttivo e alle esigenze dei mercati odierni lasciando il capitale agire al meglio assecondando im toto la sua natura rapace
Per la gioia del pirla qui al piano di sopra ,ora traslocato anche a quello di sotto capace di cantarne le magnifiche gesta e progressive sorti per una ricchezza estesa come elemosina ai piu miseraili al prezzo della sottrazione di diritti essenziali alla parte di mondo ex piu progredita.in virtu' di delocalizzazioni selvagge ,e assuluta libertà ai capitali pirati
L'economia ora viaggia all'interno di un quasi perfetto "stato di natura"
come fosse albero o animale allo stato brado,prescidendo sempre piu dall'uomo oramai robotizzato
Ritengo pure che lo "spazio"geopolitico per tale avventura sia ancora tanto
Le coscienze potranno risvegliarsi solo a testa sbattuta contro il muro
A noi nn resta che augurarci che il muro nn sia troppo duro
D'altro canto l'umanità e sempre vissuta e progrdita a colpi di testate contro il muro

Io sono piu fiduciosa di te e gli esempi che ti ho riportato sopra lo stanno a dimostrare.
Di fatto il capitalismo è in crisi, su questo non ci piove.
Lo dimostra la crudezza di questi dati che aprono il topic
ComePioveva ComePioveva 14/02/2018 ore 19.42.46
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@Valchiria03 scrive:
ci sono forze politiche che combattono queste disparità


Stai parlando del MBF ? :hihi
gio52b gio52b 15/02/2018 ore 10.44.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
Quindi come vedi anche il capitalismo ha fallito, visto che non riesce a garantire un benessere a tutti.

Le politiche hanno fallito, il capitalismo ha fallito i tuoi punti di riferimento falliranno inesorabilmente anch'essi, quest’ultimi, primo perché nascono già da un fallimento universale e poi, perchè il pianeta non sopporterà il benessere per tutti i suoi inquilini neanche se cediamo parte del nostro, a meno che la scienza progredisca a tal punto da riuscire a ovviare in qualche modo alla carenza di risorse. Anche in quel caso non ci sarà da gioire perchè questo produrrà una massificazione generalizzata per la maggioranza della popolazione la quale avrà lo stretto necessario per vivere, con la disponibilità di prodotti di basso livello e alimenti provenienti da coltivazioni e allevamenti geneticamente modificati. Di contro vi saranno oligarchie molto protette e benestanti che potranno permettersi tutto, avendo in mano le leve del comando e la vita stessa delle popolazioni. Brutto scenario vero? Ma molto probabile. Altra soluzione sarebbe quella di riorganizzare il pianeta per diminuirne la pressione antropica per questi buoni motivi:
• La sussistenza richiede una produzione di beni (soprattutto alimenti) ma per questa occorre, oltre al lavoro, anche capitale. Se la popolazione aumenta, bisogna usare una parte delle risorse per creare nuovi posti di lavoro. Se invece la popolazione fosse stabile, le stesse risorse potrebbero essere usate per fornire ad ogni lavoratore una più alta dotazione di capitale.
• Molte risorse minerali sono prossime all’esaurimento. Se la popolazione mondiale fosse minore, l’esaurimento di tali risorse verrebbe rallentato. Inoltre, la competizione per risorse limitate porta spesso alle guerre.
• Le attività umane producono inquinamento, con conseguenze gravissime per la salute umana, specialmente per quanto riguarda l’inquinamento marino ed atmosferico. Se la popolazione mondiale fosse minore, anche l’emissione nell’ambiente di sostanze inquinanti sarebbe minore.
• Le attività umane richiedono un alto consumo di energia, che attualmente viene ricavata soprattutto dai combustibili fossili, con gravi problemi di inquinamento e di esaurimento delle risorse. Se la popolazione mondiale fosse minore, anche il consumo di energia sarebbe minore.
• L’alimentazione dell’attuale enorme popolazione umana richiede la coltivazione di una crescente quantità di terreno, così che si riducono sempre più le foreste, essenziali per la produzione dell’ossigeno. Se la popolazione mondiale fosse minore, si potrebbe ridurre la quantità di terreno coltivato ed aumentare la superficie delle foreste.
• L’acqua è un bene che scarseggia sempre di più in vaste aree del Terzo Mondo. Se la popolazione mondiale fosse minore, vi sarebbe più acqua per tutti.
• La conservazione della natura è un’esigenza sempre più sentita da parte di una notevole parte dell’opinione pubblica, che vuole ostacolare l’estinzione di specie animali e vegetali e la perdita di habitat. A tale scopo quasi tutti i Paesi creano parchi nazionali e regionali e riserve naturali. Da ciò sorgono conflitti perché queste stesse aree sono reclamate per attività umane industriali o agricole. Se la popolazione mondiale fosse minore, vi sarebbero meno conflitti tra conservazione della natura ed attività economiche.
Chiaro che anche qui c'è un rovescio della medaglia perchè la popolazione invecchierà e ci sarà un minor ricambio generazionale e quindi una riduzione di produzione e consumi che metterà a dura prova il capitalismo, unico soggetto, oltre la chiesa cristiana, che auspica nascite e immigrazione in occidente per creare nuovi consumatori. L'invecchiamento della popolazione non comporterà solo una riduzione di consumi e quindi di lavoro ma produrrà, per il periodo transitorio, una povertà indotta per milioni di soggetti anziani che sarà difficile da contrastare. In Italia, poiché essendo a crescita zero, ne abbiamo prova, anche se in concorso con altri fattori, ci stiamo impoverendo e siamo costretti a lavorare fino a tarda età per sostenere il sistema pensionistico ed il welfare che abbiamo. L’obiettivo sarebbe quello di riportare il numero di abitanti del pianeta tra i 4-5 mld.. I sistemi migliori per far ciò sono noti, a parte l’uso dei contracettivi, e l’imposizione per legge del numero dei figli, sarebbe opportuno cercare di sviluppare, le condizioni che si associano alla minore natalità nei paesi sottosviluppati i quali hanno il più alto tasso di crescita demografica ad esempio:
• elevare le opportunità di lavoro per le donne al di fuori della famiglia
• favorire un più alto tasso di frequenza scolastica femminile, soprattutto della scuola primaria e della scuola secondaria
• elaborare programmi di salute pubblica ed un miglior livello nutrizionale della mamma e del bambino per ridurre la mortalità infantile ed indirettamente rendere meno desiderabile una famiglia numerosa
• introdurre forme di previdenza per gli anziani e sicurezza sociale può rendere meno desiderabile una famiglia numerosa come assicurazione per la vecchiaia.
In poche parole se riusciamo ad elevare lo standard di vita di queste popolazioni avremo due grandi risultati: riduzione della natalità e riduzione delle migrazioni.
Ci vuole tempo e molte risorse ma credo che potrebbe essere un ottimo investimento per l’umanità.
x.nutella89 x.nutella89 15/02/2018 ore 15.42.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@gio52b :

Spreco alimentare, si butta 4 volte la quantità di cibo per sfamare 800 milioni di persone

Solo gli Stati Uniti gettano 46milioni di tonnellate di cibo l’anno
mentre il solo cibo buttato in Europa sfamerebbe circa 200milioni di persone (FAO).

E tu mi vieni a parlare di riduzione di persone nel mondo come se quello fosse l'unico e il solo problema per salvare il mondo... ma per favore

Questo solo per limitarsi alla nutrizione, poi potrei farla lunga sugli altri disastri creati da noi, ma direi di fermarci qui , perchè vedo parliamo due lingue diverse.

Tra l'altro il tema del topic voleva richiamare l'attenzione sulle classi sociali piu deboli che non si ribellano a questo schifo cosi evidente.
Mentre noto che per i piu è molto piu interessante il gossip e le dispute tra miseri politici italiani
gio52b gio52b 16/02/2018 ore 16.15.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@x.nutella89 scrive:
Spreco alimentare, si butta 4 volte la quantità di cibo per sfamare 800 milioni di persone
Solo gli Stati Uniti gettano 46milioni di tonnellate di cibo l’anno
mentre il solo cibo buttato in Europa sfamerebbe circa 200milioni di persone (FAO).

Non credo che parliamo lingue troppo diverse, la questione è importante, sicuramente lo è molto più dei battibecchi tra i politici ecc. cui facevi cenno. Forse ci sono punti di vista diversi nelle soluzioni, probabile poi che riscontri in te un po’ troppo filantropismo per questioni che la maggior parte delle persone vive con molto meno coinvolgimento avendo più a cuore concetti diversi, come quello di cedere meno possibile delle conquiste economico sociali raggiunte. Non penserai sul serio che una famiglia media nella quale i coniugi lavorano, i figli vanno a scuola oppure un operaio che lavora in fabbrica ed ha raggiunto una seppur piccola stabilità economica, mettano a disposizione quanto hanno, per aiutare il terzo mondo. Magari potranno avere qualche piccolo rimorso di coscienza momentaneo, quando se ne parla, il meno possibile, ma poi ognuno continuerà a pensare a se ed al suo orticello. Comunque potrei parlarti per ore e ore di questo argomento che mi interessa, anche se ti confesso in maniera sempre più scettica specie nei confronti di certi guru o presunti tali che sentenziano sul tema con slogan teatrali al fine di attirare l’attenzione e soprattutto attrarre denari da spendere bene? Ho qualche dubbio.
Come ad esempio i dati sullo spreco alimentare. Ancora una volta ci troviamo di fronte a dati che sembrano clamorosi ma che se vai a leggerli a fondo, ti rendi conto che servono solo per fini propagandistici, anche se si tratta di propaganda a fin di bene (o almeno speriamo che lo sia) Piccola divagazione, a proposito della FAO che citi per questi dati, sei mai stata in qualcuna delle sedi dell’organizzazione? se si hai notato cosa hanno tutte in comune? L’essere a dir poco faraoniche e gli stipendi dei funzionar? Lasciamo perdere….
Torniamo a noi. In primo luogo tutti gli alimenti sono soggetti a scadenza e i tempi spesso sono fin troppo cautelativi per cui molti alimenti freschi e specialmente quelli conservati, potrebbero rimanere in vendita molto più a lungo dando cosi luogo ad un minore ricambio e quindi minore spreco. Secondo la tendenza allo spreco in questi ultimi anni si è drasticamente ridotta, un pò per i costi e un pò per maggiore sensibilità da parte di tutti. Terzo le aziende cercano di gestire, i prodotti freschi, più localmente possibile al fine di evitare gli alti costi di trasporto per merci spesso di poco valore. Questo consente anche di diminuire il traffico stradale e l'inquinamento che esso produce. Quarto il cibo che viene sprecato nei supermercati, nelle mense scolastiche (che sono i maggiori imputati per lo spreco) non può raggiungere popolazioni del terzo mondo per evidenti difficoltà di trasporto. Infatti non basta produrre cibo ma bisogna essere in grado di distribuirlo e per fare ciò c'è bisogno di costosissimi mezzi di trasporto e infrastrutture quali strade, ferrovie, porti ed aeroporti che sono carenti nei luoghi dove la gente muore di fame.
Quindi può andar bene dire che c’è uno spreco alimentare ma è errato l’accostamento dei dati: “tot tonnellate di cibo possono sfamare tot milioni di persone” No, perché il costo reale di quel cibo non corrisponde al numero indicato di persone da poter sfamare che invece sarà molto, molto minore.
In realtà se si toglie il 10/15% di scarto fisiologico della produzione di cibo, che non viene sprecato ma per lo più finisce riciclato in compost o per uso energetico, ci accorgiamo che la massima parte del cibo si spreca nella filiera tra la produzione, il trasporto e la distribuzione. Quindi bisogna produrre meno, incidere e migliorare le tecnologie di conservazione, il confezionamento e la logistica di distribuzione, a partire dai trasporti, cercando di realizzare filiere più brevi. Questo ovviamente produrrà costi superiori che però saranno assorbiti totalmente o quasi dal minore spreco.
Quindi è ancora tutto da stabilire quanto sarà il reale margine residuale che rimarrà disponibile e quanto di questo andrà a beneficio della riduzione dei costi dei singoli prodotti, e quant’altro invece servirà a coprire i costi derivati da una minore produzione. Al netto di questo forse rimarrà qualche spicciolo da destinare a quei diseredati, soggetti di questa discussione. Questi spiccioli poi finiranno in mano alle varie ong, che ne tratterranno la maggior parte per mantenere le loro organizzazioni, pagarsi i loro lauti stipendi e perché no anche farsi qualche bella orgetta….
A parte le battute, anche se non rimarrà niente o poco la riduzione degli sprechi è una cosa saggia ed i benefici si conteranno non tanto per il denaro risparmiato ma per quanto meno andremo ad impattare sull’ambiente in termini energetici e d’inquinamento.
Cara amica la questione della fame nel mondo, i due mld di anime che non hanno nulla ed altre 800 milioni che appena riescono a nutrirsi, è problema che, a parole, sta a cuore a tutti sia di sinistra di centro che di destra. Va però affrontata nella giusta maniera e a livello globale, evitando il più possibile la frammentazione e la dispersione delle risorse, che ogni Stato ricco deve mettere a disposizione, in mille rigoli gestiti da più o meno oneste organizzazioni umanitarie o pseudo tali. Ci vuole un programma studiato e coordinato, da organismi internazionali, (ben controllati sul loro operato) per ogni singola zona della Terra ove vi sia denutrizione, per implementare le infrastrutture necessarie allo sviluppo di quella zona che sarà sicuramente differente dalle necessità di un’altra, lontana migliaia di km.. Questo non vuol dire imporre il nostro modello di sviluppo, concetto che anche tu disputavi, ma vuol dire gettare le basi per dare possibilità di vita a popolazioni che ora non hanno speranza, le quali mano a mano che miglioreranno le loro sorti saranno capaci di decidere il loro futuro con i modelli di sviluppo che preferiscono. Ma una cosa è certa, non potremo assolutamente seguire all’infinito il comandamento che il Signore dette ad Adamo e Eva quando lasciarono il paradiso terrestre: andate e moltiplicatevi; perché porterebbe inevitabilmente o alla fine dell’umanità o a qualche nuovo e più terribile olocausto…. Ma non ho dubbi sul fatto che qualsiasi civiltà, non appena abbia raggiungo una stabilità economica accettabile, automaticamente riduce anche le nascite, per i motivi che ti spiegavo nella mia precedente risposta….
x.nutella89 x.nutella89 16/02/2018 ore 17.22.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IL NODO DELLE CLASSI SOCIALI: E' PROPRIO VERO CHE SONO SPARITE?

@gio52b :
Lo spreco di enormi quantità cibo era solo un esempio.

Puoi farla lunga quanto vuoi, ma il nodo di una redistribuzione della ricchezza resta.
Come resta il nodo delle classi sociali,con le sue enormi disuguaglianze e un modello di sviluppo dissennato.

I dati riportati all'inizio del topic e quelli dei premi nobel lo stanno a dimostrare.
Io non credo che possiamo fingere a lungo, facendo finta che la cosa non ci riguarda.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.