Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

excristian1977 13/03/2018 ore 12.22.12 Ultimi messaggi
segnala

ImportanteMATTIA FELTRI: Ciak, vi gira? (dipendenti RAI di Torino)

da la stampa


Mattia Feltri

Ci è venuta un’idea fantastica: girare una fiction sul centro di produzione che non vuole girare una fiction. Il centro di produzione è quello di Torino
, che fu gloriosissimo e ora un po’ declinante, diciamo. Non proprio competitivo con Hollywood, ecco. E non lo sarebbe diventato nemmeno con la fiction in questione, «Il paradiso delle signore», ma male non avrebbe fatto. Si trattava di una serie per la Rai che richiedeva nove mesi di lavoro a nove ore al giorno, anziché otto. E se capitava anche qualche sabato. L’ora in più sarebbe stata pagata 25 euro, che fa 125 la settimana, più di 500 al mese.

Oltre al compenso del sabato, eventualmente. Un impegno robusto, ma non una deportazione in miniera. Comunque, liberi di rifiutare. E infatti i dipendenti hanno rifiutato: 86 no, 49 sì, 32 astenuti. Si girerà a Roma con troupe esterne, poiché la produzione Rai non riesce a usare una produzione Rai. E stiamo parlando della tv di Stato, uno dei più spettacolari caravanserragli della storia dell’umanità. Chi ci rimette è Torino, secondo la regola che, per ogni euro sborsato per la fiction, tre tornano alla città: costumisti, truccatori, arredatori, fornitori di macchine, operai, affittuari, albergatori, ristoratori, per non dire del turismo (chiedete alla Sicilia quanto turismo ha portato Montalbano).

Un bel po’ di gente che ci avrebbe guadagnato sopra qualcosa e non ci guadagnerà niente. Cioè, in definitiva, i garantiti dicono di no, e chi ci rimette sono i non garantiti. E questa non è una fiction, è storia di ogni giorno.

COSA PENSATE?

io licenzierei tutti coloro che hanno detto NO.
8534937
da la stampa Mattia Feltri Ci è venuta un’idea fantastica: girare una fiction sul centro di produzione che non vuole girare una...
Discussione
13/03/2018 12.22.12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
paolowill paolowill 13/03/2018 ore 13.06.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: MATTIA FELTRI: Ciak, vi gira? (dipendenti RAI di Torino)

non posso fare il nome della casa automobilistica ma c'e un magazzino enorme qua' in prov di verona ...devono spedire i pezzi di ricambio entro 24 ore ...i dipendenti avevano anche un accordo con la casa madre sulle auto...infatti molti le comperavano a basso costo nuove e poi dopo un anno le rivendevano con forti guadagni ...arrivo al dunque ...e' stato chiesto di lavorare il sabato mattina e un ora in piu' la sera nei periodi dove c'era bisogno di smaltire gli ordini ...si sono quasi tutti rifiutati ...lo stipendio alto non attirava di lavorare il sabato o fare straordinari...alla fine tutti licenziati ...c'e una cooperativa che gestisce il magazzino hanno riassunto meta' personale ..e fanno piu' lavoro di prima con uno stipendio piu' basso del 30 % ...quando trovo la mia amica che ha rifiutato che non riesce a trovare lavoro da alcuni anni perche ' e' avanti con l'eta ogni volta mi dice che se tornasse indietro accetterebbe ..bisognerebbe privatizzare tutto in rai ...
excristian1977 excristian1977 13/03/2018 ore 14.00.23 Ultimi messaggi
CAVAJO CAVAJO 13/03/2018 ore 14.04.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: MATTIA FELTRI: Ciak, vi gira? (dipendenti RAI di Torino)

@excristian1977 scrive:
o licenzierei tutti coloro che hanno detto NO.

IN TRONCO. E NON SI DOVEVA NEMMENO CHIEDERE, FARLO E BASTA, PRENDONO LO STIPENDIO.
Valchiria03 Valchiria03 13/03/2018 ore 14.22.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: MATTIA FELTRI: Ciak, vi gira? (dipendenti RAI di Torino)

@excristian1977 scrive:
rattava di una serie per la Rai che richiedeva nove mesi di lavoro a nove ore al giorno, anziché otto. E se capitava anche qualche sabato. L’ora in più sarebbe stata pagata 25 euro, che fa 125 la settimana, più di 500 al mese.

Oltre al compenso del sabato, eventualmente. Un impegno robusto, ma non una deportazione in miniera. Comunque, liberi di rifiutare. E infatti i dipendenti hanno rifiutato: 86 no, 49 sì, 32 astenuti
.. Incredibile licenziarli in tronco , con tanta di quella disoccupazione chè ci sta in giro . :-x .vero chi tiene la panza piena, non può capire chi la tiene vuota %-)

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.