Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

daxdaxdax daxdaxdax 17/01/2019 ore 11.58.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@fiume.sandcreek :
si appunto la realtà è basata sui fatti ma mi sembra che percepisci i fatti in modo discutibile

1-3) solo in politica basiamo le convinzioni sul pensiero della maggioranza questo non significa che la maggioranza sia depositaria del sapere non centra nulla!
la politica si basa sul voto della maggioranza che vota in base a ciò che ritiene giusto.
e questo sistema è il modo piu efficace che conosciamo per tutelare gli interessi di tutti.

sicuramente la responsabilità politica è anche degli italiani
la nostra colpa...intendo dei cittadini è quella di disinteressarci alla cosa pubblica
purtroppo pochi si interessano di politica o lo fanno in modo superficiale questo permette
ai "marpioni" di appropriarsi della politica e creano un sistema
a uso e consumo di una certa categoria ecco perche si parla di casta! una casta che controlla tutti i poteri.

ecco perchè c'è stato uno scollamento tra gli interessi dei cittadini e gli interessi dei politici mestieranti....non so se l'hai notato ma ultimamente come vengono chiamati al voto prendono delle stonfolate referendum elezioni. e vengono favorite forze antisistema questo avviene in tutta europa.

2/4 i tecnici...dunque io sono un tecnico quindi te lo dico da tecnico
altissime capacità tecniche in politica non sono requisito essenziale ..
ho provato a fare molti esempi ma evidentemente non riesco a comunicare la mia idea oppure
semplicemnte hai idee diverse...ma per me siamo arrivati a un punto in cui l'italiano medio di medie capacità coadiuvato dai tecnici darebbe un indirizo politico migliore di molti tecnici che fanno politica di professione.se realmente libero
le sue scelte sarebbero prese in favore degli italiani e non di questa o quella categoria o interesse.

per farti capire cosa intendo un italiano che ha subito le storture del sistema riuscirebbe a comprendere meglio le esigenze di un servizio o di una necessità pubblica.

5) Da come vota la gente non sono l'unico a cui non piace l'europa cosi come è. E di nuovo se la maggioranza la pensa cosi o l'europa cambia oppure sarà lei ad estinguersi.
20015982
@fiume.sandcreek : si appunto la realtà è basata sui fatti ma mi sembra che percepisci i fatti in modo discutibile 1-3) solo in...
Risposta
17/01/2019 11.58.48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 17/01/2019 ore 12.21.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@daxdaxdax :

Se la politica non appaga i tuoi bisogni cambia i tuoi bisogni o cambia il modo per soddisfarli.
Non pretendere debba essere la politica a cambiare per accontentarti.
Rimarresti deluso.
20015991
@daxdaxdax : Se la politica non appaga i tuoi bisogni cambia i tuoi bisogni o cambia il modo per soddisfarli. Non pretendere...
Risposta
17/01/2019 12.21.54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
daxdaxdax daxdaxdax 17/01/2019 ore 12.30.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@fiume.sandcreek scrive:
Se la politica non appaga i tuoi bisogni cambia i tuoi bisogni o cambia il modo per soddisfarli.
Non pretendere debba essere la politica a cambiare per accontentarti.
Rimarresti d


ehhehehe cambino i bisogni e'! scusa se sorrido
ma mi è venuta in mente la frase attribuita a Maria Antonietta
NON HANNO PANE ... MANGINO LE BRIOCHE!
ricordi come è finita?
guarda che è la politica che in democrazia deve essere espressione del popolo non il contrario!
poi per carità puoi sempre preferire la plutocrazia sei libero!

fiume.sandcreek fiume.sandcreek 17/01/2019 ore 12.41.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@daxdaxdax scrive:
puoi sempre preferire la plutocrazia sei libero!



Preferisco l'aristocrazia.
I migliori a decidere, gli altri ad eseguire quanto predisposto.
Chi è migliore sceglie bene, chi è peggiore sceglie male.
Ed il popolo è peggiore.
Lo dimostra il fatto che da decenni le sue scelte originano solo lamentele e piagnistei.
Che il popolo riconosca quindi di non possedere competenze e cognizioni atte a ben scegliere e lo faccia fare a chi è migliore di lui.

P.S.: A parte i bisogni primari (mangiare, bere, coprirsi se c'è freddo o curarsi se ci si ammala tutti gli atri sono modificabili.
daxdaxdax daxdaxdax 17/01/2019 ore 13.03.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@fiume.sandcreek scrive:
Preferisco l'aristocrazia.
I migliori a decidere, gli altri ad eseguire quanto predisposto.


e' esattamente la tesi dei patrizzi nell antica Roma
o del clero quando aveva il potere temporale!...cmq
poi nella storia avviene
che i popoli si autodetermano
e spazzano via le aristocrazie perchè
queste aristocrazie fanno il loro bene e non quello del popolo infatti oggi
i paesi avanzati oggi sono tutte democrazie.(con i loro limiti e problemi)

le aristocrazie storicamente tendono a limitare e a tenere il popolo nell'ignoranza ad escluderlo proprio per mantenere i loro privilegi
secondo me invece la qualità di una nazione dipende proprpo dal popolo!
+ c'è cultura e piu il popolo potrà bilanciare interessi specifici con gli interessi diffusi
e nella collaborazione e nella partecipazione che c'è il vero sviluppo e la ricchezza per tutti.
Ford diceva è vero progresso solo quendo è per tutti.






fiume.sandcreek fiume.sandcreek 17/01/2019 ore 13.20.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@daxdaxdax scrive:
e' esattamente la tesi dei patrizzi nell antica Roma
o del clero quando aveva il potere temporale!...cmq
poi nella storia avviene
che i popoli si autodetermano
e spazzano via le aristocrazie perchè
queste aristocrazie fanno il loro bene e non quello del popolo infatti oggi
i paesi avanzati oggi sono tutte democrazie.(con i loro limiti e problemi)

le aristocrazie storicamente tendono a limitare e a tenere il popolo nell'ignoranza ad escluderlo proprio per mantenere i loro privilegi
secondo me invece la qualità di una nazione dipende proprpo dal popolo!
+ c'è cultura e piu il popolo potrà bilanciare interessi specifici con gli interessi diffusi
e nella collaborazione e nella partecipazione che c'è il vero sviluppo e la ricchezza per tutti.
Ford diceva è vero progresso solo quendo è per tutti.



Ho scritto aristocrazia, non nobiltà araldica.
Esiste oggi una aristocrazia artistica, letteraria, cinematografica, teatrale, medica, tecnologica.
Personalmente non mi sentirei mai di contestare Didier Eribon o di considerarmi pari a lui.
Allo stesso modo uno studente in medicina si dimostrerebbe ridicolo nel contestare Claudio Costa, come un motociclista, anche se provetto, non potrebbe che togliersi il cappello (anzi il casco) di fronte alla padronanza di guida di un Kevin Schwantz.
a persona intelligente nei confronti dei sopra citati chiederei loro di guidarmi, indirizzarmi e rendermi un sociologo, un medico o un motociclista migliore.
Ho scritto infatti aristocratico, che deriva da aristos, migliori, non nobiltà.
E migliori bisogna esserlo e dimostrarlo invece di limitarsi ad atteggiarsi a tali.
Ma se il popolo è limitato non potrà scegliere i migliori ma solo chi è peggiore a sua volta in modo da potercisi identificare.
Se vuoi selezionare un migliore devi prima selezionare coloro che lo scelgono e lo riconoscono come tale.

N.B.: Il popolo ha poca o nessuna importanza. Non contava niente ieri, lo stesso oggi, non credo che il domani farà eccezione a tale regola.
20016016
@daxdaxdax scrive: e' esattamente la tesi dei patrizzi nell antica Roma o del clero quando aveva il potere temporale!...cmq poi...
Risposta
17/01/2019 13.20.43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
daxdaxdax daxdaxdax 17/01/2019 ore 13.47.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

ma certo che non guido come valentino rossi e non sono bravo come nanni moretti a fare i film
ma non penso minimamente di farmi rappresentare da loro
mettendoli all'istruzione o alla motorizzazione! il punto è
chi deve scegliere i migliori? se non il popolo ? chi stabilice che sono i migliori?
quale è il meccanismo che vuoi usare..perchè il senso della democrazia è proprio questo
scegliere chi ti deve rappresentare.
ovvio che vai a votare chi pensi sia il migliore per rappresentarti.
ma mi sembra che il problema sia proprio quello tu non ami la democrazia...ma non trovi un altro strumento che in passato ha funzionato meglio


agos.62 agos.62 17/01/2019 ore 16.40.40 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@fiume.sandcreek scrive:
L'affermazione originale è stata tua, tuo quindi l'onere di dimostrarne la veridicità.

Non è vero, è lei che mi ha chiesto conto del perché ritengo sciocchezze le affermazioni di nera ricorda?Nera è contro il governo quindi lei è d'accordo con nera e quindi tocca a lei spiegare perché questo governo non và bene e poi io le risponderò.
Gio.1947 Gio.1947 17/01/2019 ore 16.51.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@agos.62 scrive:
Non è vero, è lei che mi ha chiesto conto del perché ritengo sciocchezze le affermazioni di nera ricorda?Nera è contro il governo quindi lei è d'accordo con nera e quindi tocca a lei spiegare perché questo governo non và bene e poi io le risponderò.

Se tu dici che Dio esiste, ed io dico che Dio non esiste.
Siccome per me Dio non esiste non ho argomenti e quindi non sono in grado di poterti dire e dimostrare che dio non esiste.
Se tu dici che Dio esiste hai delle prove per sostenere tale tesi e spiegarmi perchè Dio esiste.
Quindi se per te questo governo sta facendo cose buone, a te l'onere di dirci quale sono queste cose buone che sta facendo
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 17/01/2019 ore 18.40.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Domanda

@daxdaxdax scrive:
chi deve scegliere i migliori?


Coloro che sono a propria volta migliori.
Non il popolo nella sua globalità.
Quest'ultima comprende ignoranti, superficiali, ipocriti, delinquenti, ottusi, violenti, incapaci, manipolabili e cialtroni.
E costoro non potranno che sostenere qualcuno nel quale possono identificarsi, miserie umane che li caratterizzano comprese.

Il principio è tanto semplice che persino tu potresti comprenderlo.
Ma andiamo per gradi.
Innanzitutto dividiamo la popolazione in tre classi:

- i Migliori.

- i Normali.

- i Peggiori.

Ora, tu in quale di tali classi identificheresti la tua persona?
Ed in base a quali presupposti?

CONTINUA.
20016352
@daxdaxdax scrive: chi deve scegliere i migliori? Coloro che sono a propria volta migliori. Non il popolo nella sua globalità....
Risposta
17/01/2019 18.40.45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.