Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

SickBoy985 SickBoy985 28/10/2019 ore 01.19.34
segnala

(Nessuno)RE: Per coloro che, difendono l'evasione fiscale..

Non è la gravità della condanna ma la certezza della pena ad estirpare i problemi...
sportyfive sportyfive 28/10/2019 ore 13.48.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Per coloro che, difendono l'evasione fiscale..

@amicotuo913 : ho messo diversi video con tempi,luoghi e persone differenti per far capire il concetto..il fatto venga spiegato in modo semplificato non vanifica la veridicità..vista l'elevata percentuale di ignoranza non è possibile entrare nei dettagli...possiamo anche tornare indietro e citare il massone infido opportunista nonchè impostore Cavour,il quale contrasse un debito con i Rothschild di francia,e poi non riuscendo a pagare ne contrasse un altro con i Rothschild di Napoli..ma questa è storia,inoltre fino al 1971 vigeva la regola del gold standard,quindi il potere d'acquisto monetario seguiva altre linee..se prendiamo la fine della sovranità monetaria italiana sancita a partire dal 1981(dopo pochi anni dalla morte di Moro..pensa che casualità)la crescita esponenziale del debito pubblico è da attribuire esclusivamente alla crescita esponenziale degli interessi derivati dal chiedere i soldi al"mercato",ne consegue che i soldi adesso costano,contrariamente a ciò che era posto in essere precedentemente...la semplice domanda che bisogna farsi è "come può un "organismo" che crea soldi dal nulla avere bisogno delle mie tasse per funzionare?credo che la risposta sia elementare...il padre della teoria quantitativa della moneta ( Fischer )ha trattato ampiamente questo aspetto nella prospettiva di inflazione ecc,ma seppur la sua teoria era applicabile a quella che è stata la rivoluzione industriale del 900,aveva dei punti fissi,quale la piena occupazione tanto per citarne uno...tra l'altro,impedire una inflazione troppo alta si traduce di fatto nel non consentire alla massa di avere troppi soldi da parte,impedendo ( forse )così il crollo della funzione sociale che le persone hanno in questo organismo chiamato "società"....naturalmente nell'attuale campo di concentramento europeo nel quale viene imposta una disoccupazione strutturale del 10% tutto ciò è ridicolo...termino dicendo che quando uno stato è dipendente da "organismi" esterni,sia per moneta,energia,nel campo agroalimentare ,salute e potrei continuare ,viene declassato di fatto a una zattera in mezzo a un oceano perennemente in tempesta..le conclusioni è facile trarle
amicotuo913 amicotuo913 28/10/2019 ore 14.48.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Per coloro che, difendono l'evasione fiscale..

@sportyfive :
Ecco, vedi, esposizione interessante la tua, e ti dirò, credo che in fondo in fondo siamo con idee molto simili, anche se espresse in modo diverso.
Giuste le tue considerazioni finali...infatti viene da chiedersi..quando un paese può considerarsi ricco e/ contare qualcosa" ?
Mi sembri abbastanza documentato per sapere che tempo addietro (...molto) la valuta italiana è arrivata ha valere più dell'oro...poi è diminuita e poi ancora quel riferimento è stato cambiato con le risorse generali della nazione in esame: industrie, capitale umano, produttività e quanto altro...e per parecchi anni siamo stati in grado di essere meritevoli di stima e rispetto 1).
Ora noi vediamo che per fare soldi ci siamo venduti tutto, le aziende vanno ad investitori esteri, il patrimonio immobiliare anche (...si venderanno anche il Colosseo, prima o poi) i nostri cervelli sono chiamati altrove (ed hanno pure successo), il fabbisogno di energia cresce e cresce quindi la nostra dipendenza da fornitori esterni...e smetto altrimenti mi viene da piangere.
La moneta può essere liberamente stampata sino a quando il capitale circolante è proporzionato all'insieme della nazione, non tanto oltre; anche stamparla per darla ai fornitori esteri non funziona, perchè non sarebbe coperta da un valore corrispettivo e nessuno la vorrebbe.

(1) Un breve OT: dai ricordi di scuola mi risultavano negli anni 50 una cinquantina di raffinerie in Italia. Sono andato a controllare in rete, trovando solo il dato del 1960, con 38 raffinerie; facciamo una media e diciamo 45. Allora: un paese senza petrolio aveva in attività 45 raffinerie, perchè in questo settore come in tutti gli altri si privilegiava lo sviluppo industriale rispetto all'ambiente, al verde, all'ecologia. Era generalmente facile impiantare fabbriche, aziende e produrre di tutto. Era giusto? Era sbagliato? Onestamente non lo so; i risultati dell'inquinamento li vediamo adesso, ma una cosa è certa: il nostro benessere attuale, per quanto residuo, discende da quelle scelte.
Ora come ora, promuovere attività industriali è molto difficile: concorrenza, normativa, sindacati, ecologia, fabbriche fermate perchè "lì vive un tipo di lucertola molto raro" (fatto vero) Quindi riproporci come "potenza industriale", nelle varie forme...la vedo molto dura.
Scusa se ho divagato un pò....
sportyfive sportyfive 29/10/2019 ore 13.23.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Per coloro che, difendono l'evasione fiscale..

@amicotuo913 : so del periodo d'oro della lira...infatti come intendo io la sovranità non è solo monetaria,ma abbraccia moltissimi altri settori...quella monetaria è solo l'inizio,e l'italia ha tutti i mezzi e capacità per poter attuare questa ritrasformazione...la globalizzazione è incompatibile sotto ogni aspetto la si possa analizzare...sotto il profilo ambientale...quello umano..quello economico,quello sociale..quello della salute...personalmente sono molto allineato con la teoria keynesiana,dove non deve essere consentita la libera circolazione dei capitali,e anche dei prodotti finiti ( entro un certo limite) ma materie prime...questo modello esclude lo strapotere delle multinazionali a favore del benessere comune e lo sviluppo sociale..tutto il resto è pro multinazionali,e in tutta onestà non è compatibile con il pianeta ...quando uno stato non può investire,nella ricerca per esempio,a 360°, non può risolvere nessun problema,tantomeno quello dell' impatto ambientale,oltre a fare ricerche socialmente utili,e non economicamente utili per multinazionali..sotto qualsiasi aspetto la si veda,l'attuale finanziamento da parte di uno stato attraverso i "mercati" è dannoso

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.