Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

vensolo 30/10/2019 ore 10.21.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

Invece dei soliti slogan ci dica in dettaglio come farebbe lui e con quali soldi.
Secondo me si sta meglio all'opposizione quando si deve fare la finanziaria … ma per quanto tempo puo' andare avanti ?
8593349
Invece dei soliti slogan ci dica in dettaglio come farebbe lui e con quali soldi. Secondo me si sta meglio all'opposizione quando...
Discussione
30/10/2019 10.21.21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
66lauretta 30/10/2019 ore 10.24.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@vensolo : Ma no, Salvini la scrive con deficit al 5% e poi ulula che va in EU e se la fa approvare.
È Nembo Kid lui, a parole
nera1965 nera1965 30/10/2019 ore 10.32.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

Perché fare domande così scomode e difficili a un “politico” che, come ha dimostrato in agosto, manco conosce la propria costituzione?
20176173
Perché fare domande così scomode e difficili a un “politico” che, come ha dimostrato in agosto, manco conosce la propria...
Risposta
30/10/2019 10.32.14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 10.36.05
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

MA QUALI COPERTURE? UNO STATO NON DEVE CERCARE LE COPERTURE NON è UN' AZIENDA... MA STUDIATE UN PO DI ECONOMIA
Te.Sdrumo1 Te.Sdrumo1 30/10/2019 ore 10.43.12
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@vensolo scrive:
SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

voi pentabibbiani incapaci state cercando suggerimenti?
nera1965 nera1965 30/10/2019 ore 10.44.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

Sono arrivati quelli che vogliono promuovere l’industria dello stampaggio di banconote. Abbiamo preso i soldi di paesi esteri che hanno comprato quote del nostro debito? Nessun problema attiviamo la stampante e tutto si risolve, come per magia.
Chissà perché poi quando questi fenomeni vanno al governo non lo fanno, anzi fanno l’opposto, aumentano le tasse
20176179
Sono arrivati quelli che vogliono promuovere l’industria dello stampaggio di banconote. Abbiamo preso i soldi di paesi esteri che...
Risposta
30/10/2019 10.44.14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 10.45.36
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

FACCIAMO AVANZO PRIMARIO DA 30 ANNI... MA QUALI COPERTURE ANDATE CERCANDO... COME SEI IL GIAPPONE PER LA RICOSTRUZIONE DEL SISMA+ TSUNAMI AVESSE DOVUTO CERCARE LE COPERTURE.... ORA SAREBBE FALLITO CON UNA TASSAZIONE ALLE STELLE...
BEATA L' IGNORANZA SE STA BENE DE MENTE DE CORE E DE PANZA (CIT DON BURO) CHE PER VOI è DIVENTATO DON EURO
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 11.01.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@vensolo scrive:
Invece dei soliti slogan ci dica in dettaglio come farebbe lui


Già fatto.
E' scappato per farla fare a qualcun altro e dopo criticarla.

P.S.: Tutto è facile quando a doverlo fare è qualcun altro. ;-)
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 11.05.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
UNO STATO NON DEVE CERCARE LE COPERTURE


Se uno stato non deve cercare coperture finanziarie per quale motivo TUTTI gli stati del mondo emettono titoli di debito pubblico?

N.B.: Pregasi esporre riferimenti verificabili evitando di dilungarsi sulle convinzioni personali. Rammento infatti che queste ultime non posseggono valutazione di mercato.
THAMIEL333 THAMIEL333 30/10/2019 ore 11.07.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@nera1965 : GUARDA CHE MARCHIONNE NON LA CONOSCEVA MA CHE CAVOLO DICE
nera1965 nera1965 30/10/2019 ore 11.11.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek scrive:
Se uno stato non deve cercare coperture finanziarie per quale motivo TUTTI gli stati del mondo emettono titoli di debito pubblico?

Giustissima considerazione alla quale non sapranno risponderti.
intermezzo intermezzo 30/10/2019 ore 11.13.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

Mi chiedo perché lo vogliano sapere da salvini. Chiedano ai 5stelle, sono altrettanto loquaci e la manovra precedente l'han fatta loro.
intermezzo intermezzo 30/10/2019 ore 11.19.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
MA QUALI COPERTURE? UNO STATO NON DEVE CERCARE LE COPERTURE NON è UN' AZIENDA... MA STUDIATE UN PO DI ECONOMIA

Il fatto, vecchio mio, è che stiamo emettendo titoli in euro, un euro su cui non abbiamo nessun controllo. E' questo il motivo per cui titoli in euro emessi da diversi stati oggi hanno valore in funzione di quello dello stato più forte. Quel che dobbiamo temere è la sua ripresa dopo la caduta improvvisa di molti mesi fa, ovviamente sostenuta dalle istituzioni uè e prossimamente dalla bce.

Guarda un po' come e perché i tedeschi criticavano Draghi.



asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 11.20.09
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek : ma cosa cenrano i titoli di stato con le coperture... ma santo dio... siamo davvero all'asinara qui dentro.
ma perchè il giappone non emette titoli?
e secondo te cerca coperture?
ma torna alle elementari
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 11.23.18
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek : i titoli di stato si sono sempre emessi... ma il problema è la banca centrale... che garantisce tali titoli sottraendoli alla speculazione di mercato... questo è il punto..
fintanto staremo in questa gabbia... tutte le manovre sarano recessive... e puoi anche metterci topolino e paperino al governo... ma nulla potrà cambiare...
quello che deve scendere sono i tassi reali sul debito che devono essere inferiori al tyasso inflattivo... solo cosi il debito si contiene.. ma per farlo devi essere sovrano e avere la sovranità monetaria che non significa stampare a piacimento come pensa la nera della leopolda... che di economia capisce come io io di termodinamica
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 11.26.17
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@intermezzo : appunto... ma è una truffa. la bce non è la proprietaria dell' euro... ma è l' unica che lo emette... cosa be diversa.
ma da 20 anni si è surrogata il diritto di ptrestarla alle banche che la pestano agli stati... e a noi a circa il 4,5% di interesse....
questo è il punto... se la prestasse come dovrebbe direttamente a ente creditizio statale... si risparmierebbero 70 miliardi di interessi annui che sono il vero problema del nostro debito.... abbiamo già pagato 3900 milairdi di interessi...e 1100 dia vanzo primario ma nessuno lo dice...
e ci arrovelliamo sul taglio dei parlamentari , cioè un cappuccino a testa a dire culo
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 11.31.28
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE




1979 – 1989: la parte terminale della prima repubblica.
In questo periodo, il peso del debito pubblico sul PIL è cresciuto di ben 32 punti percentuali. Il fattore determinante tale crescita è rappresentato dagli interessi passivi (+80,6 punti di PIL). Altri 50,1 punti sono da attribuire al disavanzo primario. Discreto il contributo alla discesa del parametro da parte della crescita reale del PIL (-18,1 punti) e rilevante quello del deflatore del PIL (-67,4 punti) legato al tasso di inflazione piuttosto robusto di quegli anni.

1989 – 1999: la fine della guerra fredda, l’inizio della seconda repubblica e l’ascesa del processo di globalizzazione.
Il quadro cambia con l’avvento degli anni ’90. La manovra del governo Amato nel 1992 e la rincorsa per l’aggancio alla moneta unica europea, imposta dai governi dell’Ulivo a partire dal 1996, mutano la struttura dei conti pubblici, che tendono a presentare avanzi primari anche consistenti. Cosicché, mentre la componente interessi passivi accentua la sua pressione verso l’alto sul rapporto debito / PIL (+ 106,7 punti), il saldo primario viene a cambiare di segno diventando un elemento di contenimento del peso del debito (-27,4 punti). Si entra, inoltre, nel periodo delle privatizzazioni delle aziende pubbliche, sebbene dai dati emerga che il loro contributo alla riduzione dell’incidenza del debito non sia stato determinante (-6 punti nel decennio).

La crescita reale del PIL rispecchia sostanzialmente il contributo dato nel decennio precedente (anche se è inferiore di circa 4 punti). Invece, la spinta contenitiva del deflatore del PIL appare meno efficace (solo 42 punti di riduzione contro i -67,4 del periodo precedente), probabile conseguenza del convergere dell’inflazione italiana verso la media europea.

Nel complesso, negli anni ’90 del peso del debito pubblico sul PIL è aumentato di quasi 22 punti.

1999 – 2009: il consolidamento del processo di globalizzazione, lo scoppio della crisi subprime e la grande recessione.
In questo decennio, l’allineamento dei tassi di interesse in prossimità di quelli dei Paesi core dell’Unione Monetaria permette di contenere la spinta all’incremento della voce interessi passivi (51,9 punti di PIL rispetto ai 106,7 della decade precedente). Scende anche la forza contenitiva dell’avanzo primario (-19,1 punti contro -27,4) e non manca il contributo dei proventi da privatizzazioni, anche se rimane su valori sostanzialmente marginali.

Vi è, però, una rottura con il passato: si riduce drasticamente la capacità della crescita reale del PIL di contenere l’incremento del peso del debito. Appena -5,2 punti, anche in conseguenza della “grande recessione” del 2009. La stessa componente inflattiva (deflatore del PIL) appare meno incisiva, dimezzando il suo effetto di abbattimento del peso del debito rispetto al decennio precedente.

In questa decade comunque un miglioramento evidente c’è se la crescita dell’incidenza del debito pubblico sul PIL è limitata a meno di tre punti percentuali.

2009 – 2016: la crisi dei debiti sovrani e la deflazione nell’Eurozona:
Questo periodo si presenta come uno dei più difficili per l’economia italiana. Nel 2010 scoppia la crisi del debito greco, seguita dalle difficoltà di Irlanda, Portogallo, Cipro e successivamente Spagna. Nel 2011 le tensioni si scaricano anche sull’Italia i cui titoli di Stato sul mercato secondario si deprezzano rapidamente.

In questi sette anni il peso del debito pubblico sul PIL aumenta di oltre 19 punti, portandosi al livello record del 132%. Ancora una volta sono gli interessi passivi a guidarne l’aumento. La politica di bilancio (saldo primario) non va oltre una riduzione di 9,7 punti; irrilevante è il contributo delle privatizzazioni, mentre i versamenti effettuati ai fondi di salvataggio europei (e quelli bilaterali alla Grecia) appesantiscono il rapporto di 3,6 punti.

A causa del biennio di recessione (2012 – 2013) sperimentato sotto l’esecutivo Monti, l’effetto della “crescita” reale del PIL cambia di segno e, addirittura, determina un leggero incremento del parametro in esame. Nello stesso tempo, però, la deflazione in cui cade il nostro Paese (e l’Europa) limita drammaticamente anche il contributo stabilizzatore del deflatore del PIL che si riduce a solo -8,5 punti.

Qualche considerazione finale.
È difficile sfuggire al dato più rilevante evidenziato dall’analisi: in tutto il periodo e in tutti i sottoperiodi esaminati, il principale (quando non l’unico) fattore di crescita del rapporto tra debito pubblico e PIL è rappresentato dagli interessi passivi. Il saldo primario, con l’eccezione del primo decennio, ha costantemente contribuito a ridurre il peso del debito sul PIL, in particolare durante il percorso di aggancio alla moneta unica europea. E questo ha rilevanti implicazioni sui meccanismi di genesi del debito, non essendo stata tanto la spesa pubblica (pensioni, sanità, etc.) o la scarsità di risorse fiscali a gonfiare il debito, bensì gli interessi pagati su quel debito stesso. Questa prova dovrebbe mettere una pietra tombale sul cicaleccio di quanti si ostinano a sostenere che “abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità”, che “ah, le pensioni di anzianità”, che “non ci possiamo permettere la sanità pubblica” e altre corbellerie di tal fatta. In tutto il periodo esaminato, lo Stato italiano si è dissanguato non tanto per garantire ai propri cittadini migliori e più numerosi servizi ma piuttosto, perversamente, per corrispondere una generosa remunerazione ai propri finanziatori (sia nazionali che esteri).

In questo panorama, la scelta di tagliare la spesa pubblica per pagare gli interessi sul debito appare in una luce affatto nuova. Non una asettica necessità derivante da imperscrutabili meccanismi tecnici, bensì la decisione di penalizzare le fasce meno abbienti della popolazione per continuare a garantire un soddisfacente reddito ai creditori del debito pubblico nazionale.

Inoltre, i dati ci dicono che il più efficace strumento per contenere l’aumento del peso del debito non sarebbe affatto la crescita economica (con buona pace di tutti i “crescitisti”), bensì il deflatore del PIL (assimilabile, per certi versi, all’inflazione). Purtroppo, guardando al futuro, non sarebbe bene fare molto conto sul deflatore del PIL come strumento per limitare il peso del debito sul PIL (peraltro, per diverse ragioni che non è possibile esaminare qui, non sarebbe neanche desiderabile). Infatti, appare difficile immaginare una ripresa dell’inflazione a causa dell’attuale panorama di modesta dinamica economica e, soprattutto, nel quadro di un’Unione Monetaria che premia le economie più efficaci nel ridurre le retribuzioni (e le tutele) dei lavoratori. Finché la via maestra per aumentare la competitività dei sistemi produttivi nazionali sarà considerata la compressione salariale, vi sono poche probabilità di vedere i prezzi al consumo riprendere una dinamica fisiologica.

Da qui l’utilità di ragionare in termini di rendimento reale dei titoli pubblici. Infatti, se prendiamo in esame i due contributi alla variazione del rapporto tra debito pubblico e PIL quali la spesa per interessi e il deflattore del PIL, otteniamo una approssimazione (dal punto di vista logico) del contributo ascrivibile al rendimento reale dei titoli pubblici. L’evoluzione di tale valore nell’arco di tempo in osservazione è rappresentata nel grafico sotto:
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 11.31.47
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

studiate invece di scrivere minchiate colossali..
vensolo vensolo 30/10/2019 ore 11.41.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 : allora non dovrebbe vendere i bot ai fondi pensiome stranieri quelli fiutano le sole che noi ci beviamo
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 11.45.31
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@vensolo : dovremmo avere una banca centrale che garantisce il debito.. come giappone , usa e gb...
e che cintenga i tassi e li alzi o li abbassi a seconda delle esigenze economiche....
voi davvero credete che uno stato debba cercare le coperture?
se io stato investo 100 e per farlo devo cercare 100 di coperture anzi 105 perchè ho il 5% di interessi... sai cosa significa? a che mi indebito a vita perchè io 105 non le ho , secondo che i tuoi risparmi andranno a farsi friggere...
ecco il vero obiettivo della ue... acchiappare l' enorme ricchezza provata degli italiani...
quando lo capirete... sarete pronti per la maturità.
secondi te a questi strozzini interessa il tuo debito o che tu lo estingua? hai mai fatto un mutuo?
vensolo vensolo 30/10/2019 ore 11.55.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@Te.Sdrumo1 : ti e' gia' venuto il mal di testa ?
66lauretta 30/10/2019 ore 11.57.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
se io stato investo 100 e per farlo devo cercare 100 di coperture anzi 105 perchè ho il 5% di interessi... sai cosa significa? a che mi indebito a vita perchè io 105 non le ho , secondo che i tuoi risparmi andranno a farsi friggere...

Scusami ma c'è una cosa che mi lascia perplessa, perdona l'ignoranza.
.
Se io investirice compro dieci euro di titoli dello stato, perché lo faccio? (dieci si fa x di)
Beh, io lo farei per mettere il mio capitale al riparo dall'inflazione.
Ergo con gli interessi accumulo una quota capitale che accresce la mia "ricchezza" nomericamente ma nche sul piano della valuta.
Ma se io investendo, presto, di fatto dieci euro allo stato e tra interessi e ritorno del capitale vado sotto il livello dell'inflazione mi sono impoverita.
Chi me lo fa fare di prestyare soldi allo stato?
vensolo vensolo 30/10/2019 ore 11.59.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 : avanzo primario non basta a pagare gli interessi del debito
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.07.01
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@vensolo : MA VA? E QUINDI LA SOLUZIONE SAREBBE?
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 12.07.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
ma cosa cenrano i titoli di stato con le coperture... ma santo dio... siamo davvero all'asinara qui dentro.
ma perchè il giappone non emette titoli?
e secondo te cerca coperture?
ma torna alle elementari


Visto che tu hai studiato tanto non avrai difficoltà ad esporre le tue cognizioni spiegando a chi non giunge ai tuoi livelli per quale motivo uno stato emette titoli di debito pubblico se non per ottenere copertura finanziaria inerente le sue attività e/o iniziative.

P.S.: Naturalmente sempre citando i riferimenti ad avallo evitando di basarsi su convinzioni personali.
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.13.08
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@66lauretta : VEDI IL PROBLEMA è QUESTO... E TU SENZA VOLERLO LO HAI TOCCATO...
L' INFLAZIONE ERODE UN PRESTITO VERO.... MA DIPENDE DAL TEMPO .
PRIMA DEL 1980... ANZI DEL 1990... LO STATO PRESTAVA SOSTANZIALMENTE AGLI ITALIANI... DOPO AD INVESTITORI STRANIERI...
L' ITALIANO MAGARI INVESTIVA PER POCO TEMPO O PER 10 ANNI... RICEVEVA IN CAMBIO UNA PICCOLA SOMMA... CHE POI RISPENDEVA NELL ECONOMIA REALE...ANCHE A FRUTTO DI 1% DI INTERESSE... NON MOLTO MA UELLO FACEVA SI CHE IL DELLO STATO FOSSE LA REDDITIVITà E IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI.

NEL 1980 OGNI ITALIANO RISPARMIAVA IL 25% DEL SUO CAPITALE.
OGGI SIAMO AL 2% E QUESTO PERCHè I SOLDI DELLA COLLETTIVITà... VAìENGONO SCIENTEMENTE DEFLUITI VERSO IL PAGAMENTO DEI GROSSI CREDITORI... E QUESTOI IMPLICA CHE L' INFLAZIONE RIMANGA BASSA PERCHè SI SOTTRAE MONETA DALL'E CONMIA REALE, I SALARI SI RIDUCONO... E LA MASSA MONETARIA VIENEN PORTATA ALL' ESTERO E NON PIù INVESTITA IN ITALIA, UNA SORTA DI ROBIN HOOD AL CONTRARIO.
TORNANDO ALL' INNFLAZIONE... VERO COME DICI TU SUL CREDITO... MA UN AUMENTO DELL' INFLAZIONE SI RIPERCUOTE SU UN AUMENTO SALARIALE E DELL' OCCUPAZIONE...
VUOI METTERE CON LA SITUAZIONE DI DEFLAZIONE DI OGGI CHE PORTA AD UNA DISOCCUPAZIONE STRUTTURALE?
Dasein1960 Dasein1960 30/10/2019 ore 12.16.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@vensolo scrive:
SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE[/quote
Mi parrebbe giusto!
La finanziaria di salvini è la stampante di draghi
o se preferisci un clik a bannkitalia ,pper fare la flat tax
E i casi diventano 2
Se il cavallo beve ,l'economia si rilancia ripagando il debito
Se il cavallo nn beve ,tutto il malloppone finisce sul groppone assieme all'altro malloppone
Degli italiani
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.18.24
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek : UNO STATO EMETTE TITOLI PER IMMETTERE LIQUIDITà NEL SISTEMA ... A SECONDA DELLA SUA ECONOMIA... MA SE EMETTO TITOLI CON LA MIA BANCA CHE COMPRA QUELLI IN ECCESSO NON AVRO' ALCUN PROBLEMA DI SOSTENIBILITà...PERCHè IL MIO DEFICIT è IL SURPLUS DEL PRIVATO.
OVVIAMENTE LA MASSA MONETARIA DEVE ESSERE IN FUNZIONE DI SERVIZI E INVESTIMENTI... E NON IN ECCESSO PER NON CREARE UNA IPERINFLAZIONE... COME è SUCCESSO ALL' ARGENTINA.
IL NOSTRO DEBITO FINO AL 1980 ERA DEL 56% SUL PIL... L' ITALIA ERA NEL PIENO DEL BOOM ECONOMICO...
QUINDI VISTO CHE L' ARGOMENTO NON LO CONOSCI, PRIMA INFORMATI... E POI FORSE POTRAI FARE UNA DOMANDA SENSATA....
IL PUNTO SONO I TASSI DI INTERESSE... CHE CON UNO STATO SOVRANO... AVRANNO UN RENDIMENTO REALE SOTTO IL LIVELLO INFLATTIVO... CHE ERODERà IL DEBITO MA CHE SI RIFLETTEREBBE SULLA REDDITIVIà DEI SALARI... COSA INVERSA A QUELLO CHE AVVIENE OGGI DOVE I SALARI DI DEPRIMO E I SOLDI VENGONO POMPATI ESCLUSIVAMENTE SUL MERCATO FINANZIARIO... E DOVE LA AMGGIOR PARTE DEI SOLDI è FINTO E CREATO CON UN CLICK
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.21.31
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@66lauretta :Si noti come fino al 1983, ancora due anni dopo il “divorzio” tra Tesoro e Banca d’Italia, il contributo alla variazione del rapporto debito / PIL legato al rendimento reale dei titoli pubblici (inteso come sopra specificato) risulti addirittura negativo: ossia, la remunerazione corrisposta agli investitori rimaneva inferiore all’inflazione (o meglio, al deflattore del PIL). Successivamente, il dispiegarsi dell’effetto del “divorzio” legato alla sostituzione dei vecchi titoli in scadenza, l’impennata dei tassi di interesse derivante dalla crisi della lira nel 1992 e la progressiva riduzione della dinamica inflazionistica hanno fatto sì che il rendimento reale sia diventato il fattore più propulsivo dell’incremento del rapporto tra debito e PIL (nel 1992 e 1993 sono stati toccati i massimi, con crescite intorno all’8 per cento annuo). Negli ultimi anni, l’incremento del rapporto debito / PIL attribuibile al rendimento reale pare essersi stabilizzato nell’intorno del 3% annuo.

È dal 1992 che la riduzione del peso del debito sul PIL viene perseguita attraverso gli avanzi primari. Alla luce dei risultati, si tratta di un percorso inefficace che, in ogni caso, richiede tempi lunghi, anche a causa delle ricadute di tale scelta sulla dinamica economica e sui prezzi (tempi, in ogni caso, incompatibili con le regole del fiscal compact). In alternativa, il contenimento del rapporto tra debito pubblico e PIL si potrebbe realizzare mediante la riduzione del rendimento reale corrisposto sui titoli pubblici, ma questa sua compressione richiede un intervento di indirizzo politico di non semplice articolazione che non è possibile trattare in questa la sede, sebbene, alla luce dell’emergenza, esso risulti ormai indispensabile. Infatti, questa strada appare come l’unica via per riportare, in un arco temporale ragionevole, l’incidenza del debito su valori meno patologici e, in tal modo, tornare a conferire ai governi italiani uno spazio di manovra fiscale e di politica economica degni di un Paese sovrano. Ma, fattore ancora più rilevante, il dispiegamento di maggiori risorse pubbliche rappresenta altresì la condizione necessaria per mantenere quell’indispensabile coesione sociale senza la quale l’esistenza stessa di una nazione appare pericolosamente messa in discussione.
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 12.24.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
i titoli di stato si sono sempre emessi... ma il problema è la banca centrale... che garantisce tali titoli sottraendoli alla speculazione di mercato... questo è il punto..
fintanto staremo in questa gabbia... tutte le manovre sarano recessive... e puoi anche metterci topolino e paperino al governo... ma nulla potrà cambiare...
quello che deve scendere sono i tassi reali sul debito che devono essere inferiori al tyasso inflattivo... solo cosi il debito si contiene.. ma per farlo devi essere sovrano e avere la sovranità monetaria che non significa stampare a piacimento come pensa la nera della leopolda... che di economia capisce come io io di termodinamica


Le tue interessanti considerazioni di cui sopra generano un certo numero di lecite domande:

- Affermi che i titoli di debito pubblico si sono sempre emessi, però in precedenza hai affermato che uno stato dotato di sovranità monetaria non deve cercare coperture finanziarie, hai inoltre aggiunto che i titoli di debito pubblico non vengono emessi per ottenere coperture finanziarie. Ma allora per quale motivo vengono emessi nel presente come venivano emessi in passato quando non esisteva la valuta unica?

- In quali occasioni una banca centrale nazionale ha sottratto i titoli di debito pubblico alla speculazione finanziaria? Con quali metodi? Quali risultati? In base a quali presupposti concreti e dimostrabili è possibile ipotizzare una analoga funzione in ambito del mercato globale?

- I tassi reali sul debito dipendono dall'affidabilità sul mercato del'emittente dello stesso, non da provvedimenti legislativi. Se presti 100 Euro ad Haiti o al Mozambico pretenderai un tasso di interesse maggiore rispetto ad analogo prestito fornito alla Francia o all'Olanda.

- Negli anni in cui l'Italia godeva di sovranità valutaria non sempre i tassi di interesse sul debito pubblico erano superiori al tasso di inflazione, tale situazione non si è modificata grazie ad interventi della Banca centrale.

- Dovresti specificare cosa intendi con il termine "SOVRANITA' MONETARIA" poiché può prestarsi a varie interpretazioni.
66lauretta 30/10/2019 ore 12.26.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 : Io mi sare fatta questa idea dimmi se è del tutto sbagliata.
Se io stato mi faccio prestare dei soldi da Banche e privati.
Questi alla fine del giro, pagati interessi e restituito capitale, per forza di cose devono avere avuto un ritorno attivo.
Cioè se prima avevano 100, al netto dell'inflazione devono trovarsi una cifra valutariamente maggiore del 100 iniziale.
Supponendo che l'inflazione sia stata del 5% devono trovarsi in tasca 107 o quello che è, ma una cifra che ha coperto sia l'inflazione ma anche le spese.

lo dtato come copre questo deficit o come lo poteva coprire?
Con l'inflazione la moneta vale meno e quindi maggiore è la necessità di contante.
Ovviamente in un sistema dove l'inflazione è fisiologica e non causata da disastri, in quest'ultimo caso è diverso.
Ma se l'inflazione è fisiologica ciè con percentuali accettabili, lo stato stampa e copre la perdita che ha accumulato con i prestiti che si è fatto fare.
Come ho detto con se le percentuali di inflazione sono disastrose, la stampa, non basta più

pabloyglorioso pabloyglorioso 30/10/2019 ore 12.29.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@vensolo :

te la sei più chiarita l'idea del chile poi?

certo che la scrive una finanziaria alternativa, ieri sera dalla Berlinguer lo ha spiegato bene.


m poi dirla tutta a cosa serve che spieghi......tu la capiresti?

sarebbe una manovra in deficit per investimenti e meno tasse per tutti. credo sia complicato che tu comprenda appieno il significato, ma io ci provo lo stesso.
nera1965 nera1965 30/10/2019 ore 12.40.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek : C.V.D
Fuga in avanti con avvitamento carpiato finale.
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 12.43.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
UNO STATO EMETTE TITOLI PER IMMETTERE LIQUIDITà NEL SISTEMA ... A SECONDA DELLA SUA ECONOMIA... MA SE EMETTO TITOLI CON LA MIA BANCA CHE COMPRA QUELLI IN ECCESSO NON AVRO' ALCUN PROBLEMA DI SOSTENIBILITà...PERCHè IL MIO DEFICIT è IL SURPLUS DEL PRIVATO.
OVVIAMENTE LA MASSA MONETARIA DEVE ESSERE IN FUNZIONE DI SERVIZI E INVESTIMENTI... E NON IN ECCESSO PER NON CREARE UNA IPERINFLAZIONE... COME è SUCCESSO ALL' ARGENTINA.
IL NOSTRO DEBITO FINO AL 1980 ERA DEL 56% SUL PIL... L' ITALIA ERA NEL PIENO DEL BOOM ECONOMICO...
QUINDI VISTO CHE L' ARGOMENTO NON LO CONOSCI, PRIMA INFORMATI... E POI FORSE POTRAI FARE UNA DOMANDA SENSATA....
IL PUNTO SONO I TASSI DI INTERESSE... CHE CON UNO STATO SOVRANO... AVRANNO UN RENDIMENTO REALE SOTTO IL LIVELLO INFLATTIVO... CHE ERODERà IL DEBITO MA CHE SI RIFLETTEREBBE SULLA REDDITIVIà DEI SALARI... COSA INVERSA A QUELLO CHE AVVIENE OGGI DOVE I SALARI DI DEPRIMO E I SOLDI VENGONO POMPATI ESCLUSIVAMENTE SUL MERCATO FINANZIARIO... E DOVE LA AMGGIOR PARTE DEI SOLDI è FINTO E CREATO CON UN CLICK


Altra serie di affermazioni che genera atrettanti quesiti:

- Affermi che uno stato emette titoli per immettere liquidità nel sistema. Ma i titoli di debito pubblico vengono coperti proprio dalla liquidità presente nel sistema. Chi acquista titoli di debito pubblico lo fa in cambio di una contropartita, e se quest'ultima non è stimolante evita di impiegare il suo denaro in investimenti che non gli convengono. Per quale motivo quindi un cittadino o una compagnia finanziaria dovrebbero acquistare titoli di debito pubblico ad un tasso che non reputano appetibile? Ed in base a quali presupposti, che hai distrattamente omesso di citare, l'utilizzo di liquidità del sistema per l'acquisto di titoli di debito pubblico contribuisce all'immissione di analoga liquidità nello stesso sistema?

- La tua Banca che acquista i titoli in eccesso che non trovano acquirenti sul mercato dove acquisisce gli importi atti a sostenere tale acquisto?

- Visto che l'argomento non lo conosco e tu invece si perché eviti sistematicamente di esporlo insieme ai presupposti concreti e verificabili atti ad avallarlo invece di citare le tue convinzioni personali e riferimenti storici relativi a sistemi economici che non esistono più?

- Quali elementi concreti e verificabili, che hai accuratamente evitato di esporre, dimostrano che uno stato dotato di sovranità monetaria riesce a mantenere i tassi di interesse sul debito pubblico superiori al tasso di inflazione?

- Perché esiste il debito pubblico se uno stato non deve cercare coperture finanziarie?

- Se oggi il denaro è finto e creato con un click come veniva invece creato ai tempi della Lira? E come viene creato negli stati dotati di sovranità monetaria?
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 12.45.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
HAI SPARATO UNA TALE QUANTITà DI MINCHIATE CHE NON VALE NEMMENO RISPONDERTI...
O CAPISCI DI COSA STIAMO PARLANDO O FARESTI MEGLIO A TACERE


Non hai che da esporre le minchiate alle quali fai riferimento e gli elementi concreti e verificabili che le dimostrano tali.
Mi chiedo cosa ti impedisca di farlo.
Ma probabilmente rimarrebbe una delle tante domande alle quali ti sei dimostrato incapace di replicare.
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.48.33
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek scrive:
I tassi reali sul debito dipendono dall'affidabilità sul mercato del'emittente dello stesso, non da provvedimenti legislativi. Se presti 100 Euro ad Haiti o al Mozambico pretenderai un tasso di interesse maggiore rispetto ad analogo prestito fornito alla Francia o all'Olanda.

ALTYRA MINCHITATA , DIPENDONO DALL' INFLAZIONE...
STUDIA CAPRONEEEEEE
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.49.36
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@nera1965 : NON SA UN CAZZO ESATTAMENTE COME TE
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.51.54
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek scrive:
Se oggi il denaro è finto e creato con un click come veniva invece creato ai tempi della Lira? E come viene creato negli stati dotati di sovranità monetaria?

IL 93% DELLA MASSA CIRCOLANTE è MONETA ELETTRONICA, SOLO 8% CONVERTIBILE IN CONTANTE...
ORA VEDI COSA DICE LA BANCA CENTRALE IN MERITO... TE LO SEMPLIFICO PERCHè NON SEI IN GRADO DI CAPIRE INQ UANTO UN SOTTOSVILUPPATO CHE SIS SENTE INTELLIGENTE... E CIOè IL DENARO CHE HA CORSO LEGALE è SOLO QUELLO CONVERTIBILE.
ALIAS... IL RESTO è FUFFA CERATA CON UN CLICK E CIOè L' 84%
ORA TORNA ANCHE A SCUOLA
excristian1977 excristian1977 30/10/2019 ore 12.52.00 Ultimi messaggi
pabloyglorioso pabloyglorioso 30/10/2019 ore 12.55.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 :

analisi perfette caro Dottore.


concordo in toto.

bravo.
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 12.55.38
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek : LO SPREAD SI GENERA SUL MERCATO SECONDARIO E NON NEL PRIMARIO... IL PRIMARIO SEMMAI NE RISENTIRà SULL' EMISSIONE DI NUOVI TITOLI.
MA SE HO UNA BANCA CHE MI COPRE GLI INVENDUTI... RENDENDO EFFICACE QUELLI VENDUTI... LO SPREAD TE LO DAI IN FACCIA.. E NOND EVI VENIRE A NESSUNA CONTROPARTITA....
COME DEVI SAPERE CHE SE FEDERICO CAFFE' AVESSE SENTITO LA GENTE CHE PARLAVA DI TASSE COME COPERTURA DI SPESA PUBBLICA E SERVIZI... SI SAREBBE RIVOLTATO CON UNA SCURE SU DI LORO
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 12.58.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
SANTO DIO MA STAI SPARANDO MINCHIATE.... LA BANCA GARANTISCE I TITOLI NEL MERCATO SECONDARIO.. NON NEL PRIMARIO COGLIONE... VUOI CAPIRE CHE L' ARGOMENTO NON LO CONOSCIIIII

PERCHè Affermi che uno stato emette titoli per immettere liquidità nel sistema. Ma i titoli di debito pubblico vengono coperti proprio dalla liquidità presente nel sistema. Chi acquista titoli di debito pubblico lo fa in cambio di una contropartita, e se quest'ultima non è stimolante evita di impiegare il suo denaro in investimenti che non gli convengono. Per quale motivo quindi un cittadino o una compagnia finanziaria dovrebbero acquistare titoli di debito pubblico ad un tasso che non reputano appetibile? Ed in base a quali presupposti, che hai distrattamente omesso di citare, l'utilizzo di liquidità del sistema per l'acquisto di titoli di debito pubblico contribuisce all'immissione di analoga liquidità nello stesso sistema?

è UNA MINCHIATA PERCHè SE UNO STATO DECIDE I TASSI QUELLO CHE SCRIVI NON HA SENSO... NONE SISTE UNA CONTROPARTITA ...PERCHè IL TASSO è FUNZIONE DI UN RISCHIO , MA SE QUESTO NON ESISTE IL TASSO NON è DIPENDENTE DALLA SPECULAZIONE.
IO NON FACCIO L' INSEGNANTE DI SOSTENGO PER I COGLIONI COME TE
NON SAI UN CAZZO E SPARI MINCHIATE


Quali garanzie può offrire oggi una banca centrale nazionale ai creditori che hanno investito la loro liquidità in titoli di debito nazionale?
E come ha fatto la Banca Centrale ad entrare in possesso di tali garanzie?

In quali occasioni, negli ultimi cento anni, uno stato ha deciso i tassi senza considerare le valutazioni di mercato?

Da investitore che utilizza la propria liquidità per acquistare titoli di debito pubblico sto rinunciando a tale liquidità ed all'utilizzo alternativo che potrei fare di quest'ultima per un periodo più o meno lungo di tempo.
Per quale motivo dovrei affrontare tale rinuncia in mancanza di adeguata contropartita?

Quali sono esattamente le minchiate alle quali ti riferisci?
E quali elementi verificabili le rendono tali?

P.S.: Evita di perdere tempo a sbraitare e insultare, altrimenti mi costringi a ridere ancora più forte, così poi mi viene il mal di pancia dalle risate e sono costretto a rivolgermi ad un vero medico per curarlo. ;-)
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 13.03.12
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek scrive:
Quali garanzie può offrire oggi una banca centrale nazionale ai creditori che hanno investito la loro liquidità in titoli di debito nazionale?
E come ha fatto la Banca Centrale ad entrare in possesso di tali garanzie?

In quali occasioni, negli ultimi cento anni, uno stato ha deciso i tassi senza considerare le valutazioni di mercato?

Da investitore che utilizza la propria liquidità per acquistare titoli di debito pubblico sto rinunciando a tale liquidità ed all'utilizzo alternativo che potrei fare di quest'ultima per un periodo più o meno lungo di tempo.
Per quale motivo dovrei affrontare tale rinuncia in mancanza di adeguata contropartita?

Quali sono esattamente le minchiate alle quali ti riferisci?
E quali elementi verificabili le rendono tali?

P.S.: Evita di perdere tempo a sbraitare e insultare, altrimenti mi costringi a ridere ancora più forte, così poi mi viene il mal di pancia dalle risate e sono costretto a rivolgermi ad un vero medico per curarlo.

I TASSI SONO IN FUNZIONE DI UN RISCHIO... STOP.
DA QUESTO DOVRESTI AVER CAPITO... RIPETO NON MASTICHI L' ARGOMENTO...è INUTILE CHE INSISTI...
UNO STATO NON è UN' AZIENDA NE' UNA FAMIGLIA
LA POLONIA NON HA DI QUESTI PROBLEMI.... STRANO NO?
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 13.05.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
LO SPREAD SI GENERA SUL MERCATO SECONDARIO E NON NEL PRIMARIO... IL PRIMARIO SEMMAI NE RISENTIRà SULL' EMISSIONE DI NUOVI TITOLI.
MA SE HO UNA BANCA CHE MI COPRE GLI INVENDUTI... RENDENDO EFFICACE QUELLI VENDUTI... LO SPREAD TE LO DAI IN FACCIA.. E NOND EVI VENIRE A NESSUNA CONTROPARTITA....
COME DEVI SAPERE CHE SE FEDERICO CAFFE' AVESSE SENTITO LA GENTE CHE PARLAVA DI TASSE COME COPERTURA DI SPESA PUBBLICA E SERVIZI... SI SAREBBE RIVOLTATO CON UNA SCURE SU DI LORO


Non ho fatto cenno alcuno allo spread, lo stai citando tu.
Io mi sono limitato a chiederti quali motivi possono spingere un investitore all'acquisto di titoli di debito pubblico in mancanza di una contropartita fornita da un tasso di interesse appetibile.
Non hai risposto.
Ho chiesto anche a cosa serve l'emissione di titoli di debito pubblico.
Tu hai affermato che il loro scopo non è reperire liquidità finanziaria sul mercato.
Però non hai specificato quale è il vero scopo di tali emissioni.
Infine avevo chiesto anche per quale motivo gli stati dotati di sovranità monetaria emettono titoli di debito pubblico visto che non ne abbisognano (tua affermazione).
E' perché non sono furbi come gli italiani?
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 13.33.49
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek : io credo che tu non abbia capito l' argomento.
Uno stato emette titoli per creare liquidità.
Il punto del post è perché finanziarsi sul.mercato a titoli decisi dagli speculatori quando tutto ciò è evitabile.
Dovresti leggere più su per capire.
Io ripeto su una chat non posso fare il maestro di sostegno
Tante cose le di' per scontato.
Il punto del post è: il debito è dovuto? E quali le cause la spesa in eccesso per cui devi cercare le coperture?
Tu invece vai per la tangente e fai domande banali alle quali la risposta è gia stata data
Ora ritenta e sarai più fortunato e nel momento in cui capisci l' assioma che uno stato non è un' azienda capirai il mucchio di cazzate che hai scritto.
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 30/10/2019 ore 21.43.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@asgv74 scrive:
Uno stato emette titoli per creare liquidità.


Dovresti spiegare in che modo l'emissione di titoli di debito pubblico provoca come conseguenza un aumento di liquidità sul mercato.
Fino ad ora non lo hai fatto, nonostante te lo sia stato chiesto più volte.
Personalmente non credo che in futuro la tua attuale posizione si discosterà da quella attuale.
Ma nulla ti vieta di smentirmi.
Come niente ti vietava in passato di rispondere almeno a qualcuno delle molteplici domande che ti sono state poste.
Ma in genere è difficile che un asino che si atteggia a cavallo inizi a nitrire invece di continuare a ragliare.
asgv74 asgv74 30/10/2019 ore 22.21.19
segnala

(Nessuno)RE: SALVINI SCRIVA LA SUA FINANZIARIA CON LE COPERTURE

@fiume.sandcreek : titoli di debito pubblico? Ma tu hai capito di cosa parli?
Ti ripeto non faccio.l' insegnante di sostegno.
Debito con chi?
Ma tu hai capito come funziona il sistema è chi sono.i mercati? Non sono quelli del pesce che crede un somaro come te.
Le risposte ne hai avute quante ne vuoi ma non sei in grado di capirle sottosviluppato.
Ma hai una laurea o sei un peracottaro.
Sai cosa sono i cds?
O perché nel 1980 avevamo il 56% debito pil con inflazione a doppia cifra?
Vai a lavare i.piatti danni retta quello è il tuo ruolo

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.