Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

excristian1977 07/11/2019 ore 11.27.59 Ultimi messaggi
segnala

ImportanteIl Pd congela l’alleanza con i grillini

da la stampa

L’ultimatum di Zingaretti e Franceschini a Di Maio e Renzi: «Così la corda si spezza»



«Non possiamo fare i donatori di sangue per questi qui». «Il Pd ogni volta ci mette le pezze e, come si dice, esce pure cornuto e mazziato». Sono queste le battute che scorrono tra palazzo Chigi e il Nazareno, dopo una giornata campale passata a combattere con(tro) i grillini. In teoria alleati, in pratica avversari. Considerati inaffidabili. E pure se Zingaretti si affretta a chiarire che «il Pd non vuole le elezioni», quel che non dice è che le mette in conto. Eccome. Se capiteranno, per colpa di altri però. «La corda così si spezza», avverte il segretario, dopo aver scelto la linea dura sull’Ilva, anche a costo di un frontale da portare alle estreme conseguenze.

Il caos sull’Ilva in cui piomba in serata il governo dice molto di come sia precipitata la situazione. Un pomeriggio di battaglie campali nel tentativo di non far schiantare la maggioranza sullo scudo penale ai manager. A inizio giornata a far prudere le mani ai Dem è Matteo Renzi, con un post proprio mentre Zingaretti è riunito con Orlando, Franceschini, ministri e capigruppo Pd sulla manovra. «Adesso che l’aumento delle tasse sulle auto aziendali è stato cancellato, ci chiediamo che fine hanno fatto quelli che una settimana fa ci insultavano». Roberto Gualtieri, al summit piddino, allarga le braccia e racconta che è stato proprio Marattin di Italia Viva, insieme alla Castelli dei cinque stelle, a proporre quella tassa all’ultimo vertice sulla manovra. La misura è ormai colma. L’esempio della prima guerra mondiale scoppiata per l’assassinio dell’arciduca Ferdinando D’Asburgo a Sarajevo ricorre nei conversari dei Dem.

«Il governo è in una situazione di debolezza e se non dimostra di poter dare una prospettiva al paese, altre prospettive più forti si impongono», dicono al Nazareno: citando la destra che ha fatto «blocco» a san Giovanni e che ora potrebbe attrarre nelle sue maglie «una decina di senatori grillini per far cadere il governo». Ma il partito non è compatto. Sull’altare del voto non tutti sono pronti a immolarsi. L’ala sinistra di Orlando, con Provenzano e Martella, e quella che fa capo a Gentiloni e Amendola, sono più sensibili alle sorti del partito che così rischia il logoramento. I centristi sono più cauti. Anche se Franceschini ha cambiato atteggiamento e ora fa la faccia dura anche lui. «O si rispettano i patti e gli accordi raggiunti con grandi sforzi, oppure è inutile farli». Tra gli ex Dc c’è un timore crescente per i sondaggi, per la gestione che fa apparire il Pd al rimorchio di Renzi e Di Maio. Delrio chiede di «intestarci qualcosa della manovra, quanto fatto di buono per i comuni e aprire un dialogo diretto con i sindaci».

Di Maio però non teme le minacce. «Non ci preoccupa ciò che dice Zingaretti, questa è la sua posizione non quella del Pd», commentano i vertici del Movimento». Ecco il clima che c’è con quelli che dovevano essere alleati in una futura coalizione, sulla quale nessuno scommette più un euro nel Pd. Con grande paura di ciò che verrà.

COSA PENSATE?

che alla luce di queste dichiarazioni si possono fare due considerazioni
1) salvini aveva fatto bene a far cadere il governo, alla faccia di chi gli ha dato contro e gli da le colpe, vedasi il PD ad esempio, quando oggi lo stesso PD sta dicendo le stesse cose verso il M5S che salvini diceva e che l'hanno portato a far cadere il governo

2) che salvini ha avuto le palle, che salvini ha dimostrato che non gli interessa la poltrona mentre al PD, continuano a dire che non si può andare avanti in questo modo col M5S ma non ci pensano proprio a mollare poltrona e potere con buona pace dell'interesse della nazione. zongaretti ha già lanciato 2/3 ultimantum ma alla fine sempre li sta, la spina non la stacca
8593714
da la stampa L’ultimatum di Zingaretti e Franceschini a Di Maio e Renzi: «Così la corda si spezza» «Non possiamo fare i donatori...
Discussione
07/11/2019 11.27.59
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
paolowill paolowill 07/11/2019 ore 12.46.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il Pd congela l’alleanza con i grillini

@excristian1977 scrive:
zongaretti ha già lanciato 2/3 ultimantum ma alla fine sempre li sta, la spina non la stacca


Finché la lega nei sondaggi non andrà sotto al 5% non si andrà' mai a votare
20180201
@excristian1977 scrive: zongaretti ha già lanciato 2/3 ultimantum ma alla fine sempre li sta, la spina non la stacca Finché la...
Risposta
07/11/2019 12.46.49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.