Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

iper1948 22/05/2020 ore 12.44.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)DECRETO RILANCIO

Per chi fosse interessato

Nota informativa N° 4/2020

Roma, 22 maggio 2020


Oggetto: DL 34/2020 “DECRETO RILANCIO”.

Iniziamo con l’analisi delle novità introdotte dal decreto all’oggetto.

ART.24: DISPOSIZIONI IN MATERIA DI VERSAMENTO DELL’IRAP
Non è dovuto il versamento del saldo dell'imposta regionale sulle attività produttive relativa al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019, fermo restando il versamento dell'acconto dovuto per il medesimo periodo di imposta. Non è altresì dovuto il versamento della prima rata dell'acconto dell'imposta regionale sulle attività produttive relativa al 2020. Sono esclusi da tale agevolazione le banche e gli altri enti e società finanziari, le imprese di assicurazione, le Amministrazioni e gli enti pubblici.

ART.24: CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO
Al fine di sostenere i soggetti colpiti dall'emergenza epidemiologica "Covid-19", è riconosciuto un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti esercenti attività d'impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA. Il contributo non spetta ai soggetti che hanno cessato la loro attività alla data di presentazione dell’istanza. L’indennità non spetta a coloro che hanno diritto a percepire il bonus da 600 euro di cui al precedete decreto e per coloro che hanno fatturato superiore ai 5 milioni di euro. Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019. Al fine di determinare correttamente i predetti importi, si fa riferimento alla data di effettuazione dell'operazione di cessione di beni o di prestazione dei servizi. Il predetto contributo spetta anche in assenza dei requisiti di cui al presente comma ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019.
L'ammontare del contributo a fondo perduto è determinato applicando una percentuale alla differenza tra l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019 come segue:
a) venti per cento per i soggetti con ricavi o compensi indicati al comma 3 non superiori a quattrocentomila euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore
del presente decreto;
b) quindici per cento per i soggetti con ricavi o compensi indicati al comma 3 superiori a quattrocentomila euro e fino a un milione di euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso
alla data di entrata in vigore del presente decreto;
c) dieci per cento per i soggetti con ricavi o compensi indicati al comma 3 superiori a un milione di euro e fino a cinque milioni di euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto.
L'ammontare del contributo a fondo perduto è riconosciuto, comunque, ai soggetti beneficiari per un
importo non inferiore a mille euro per le persone fisiche e a duemila euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche. Il contributo di cui al presente articolo non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi,
Al fine di ottenere il contributo a fondo perduto, i soggetti interessati presentano, esclusivamente in via telematica, una istanza all'Agenzia delle entrate con l'indicazione della sussistenza dei requisiti; L'istanza deve essere presentata entro sessanta giorni dalla data di avvio della procedura telematica


per la presentazione della stessa. Solo in seguito all’erogazione del contributo, l’Agenzia delle Entrare comunicherà i dati ricevuti alla Guardia di Finanza, che li riscontrerà con quelli in possesso dal Ministero dell’Interno. Se si verificasse che ai beneficiari non spettavano contributi richiesti, nella loro totalità o in parte, il rischio è quello di incappare nell’accusa di indebita percezione e truffa ai danni dello Stato. L’importo erogato sarebbe recuperato e sarebbero applicate le sanzioni previste dalla legge. Qualora successivamente all'erogazione del contributo, l’attività d'impresa o di lavoro autonomo cessi o le società e gli altri enti percettori cessino l’attività, il soggetto firmatario dell'istanza
8 è tenuto a conservare tutti gli elementi giustificativi del contributo spettante e a esibirli a richiesta agli organi istruttori dell'amministrazione finanziaria. In questi casi, l'eventuale atto di recupero di cui è emanato nei confronti del soggetto firmatario dell'istanza.

ART 26: RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE DELLE IMPRESE DI MEDIE DIMENSIONI
Tale misura è rivolta alle società di capitale con ricavi non superiori ai 5 milioni di euro che abbiano subito una riduzione dei ricavi causa emergenza COVID superiore al 33% nei mesi marzo e aprile rispetto all’anno precedente. La delibera di aumento di capitale a pagamento potrà essere fatta entro il 31/12/2020 e purché la società rispetti tali ulteriori requisiti:
- Non sia considerata impresa in difficoltà ai sensi dei regolamenti europei
- Si trovi in situazione di regolarità contributiva e fiscale
- Si trovi in regola con la normativa di prevenzione di infortuni da lavoro
- Non abbiano avuto condanne gli amministratori e i soci

L’importo del credito d’imposta riconosciuto è pari al 20% del capitale conferito ed è utilizzabile dall’anno di effettuazione dell’investimento e in quelli successivi fino a totale utilizzo. Il credito di imposta non concorre alla formazione del reddito.

ART.28 CREDITO D’IMPOSTA CANONI LOCAZIONE NON ABITATIVA
Ai soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto, spetta un credito d'imposta nella misura del 60 per cento dell'ammontare mensile del canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all'esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.
Il credito d'imposta è commisurato all'importo versato nel periodo d'imposta 2020 con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio e per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale con riferimento a ciascuno dei mesi di aprile, maggio e giugno. Ai soggetti locatari esercenti attività economica, il credito d'imposta spetta a condizione che abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento di almeno il cinquanta per cento rispetto allo stesso mese del periodo d'imposta precedente. Il credito d'imposta di cui ai commi precedenti è utilizzabile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta di sostenimento della spesa ovvero in compensazione

ART. 30 RIDUZIONE BOLLETTE ELETTRICHE
Per i mesi di maggio, giugno e luglio 2020, l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente dispone, con propri provvedimenti, la riduzione della spesa sostenuta dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione diverse dagli usi domestici.

ART.68: PROROGA CASSA INTEGRAZIONE
Possono fruire di ulteriori 5 settimane i trattamenti di cassa integrazione che saranno erogati direttamente dall’INPS.

ART. 72: CONGEDO DIPENDENTI
Per l'anno 2020 a decorrere dal 5 marzo e sino al 31 luglio 2020, e per un periodo continuativo o frazionato comunque non superiore a trenta giorni, i genitori lavoratori dipendenti del settore privato hanno diritto a fruire, per i figli di età non superiore ai 12 anni di uno specifico congedo, per il quale è riconosciuta una indennità pari al 50 per cento della retribuzione.
Viene inoltre aumentato il bonus baby sitter da 600 a 1.200 euro secondo le modalità del decreto precedente e potrà essere usato anche per il pagamento di centri estivi.

ART. 80: SOSPENSIONE DEI LICENZIAMENTI
Per 5 mesi, a partire dal 17 marzo 2020, a prescindere dal numero dei dipendenti occupati, il datore di lavoro non può recedere dal contratto di lavoro per un giustificato motivo oggettivo.

ART.82 REDDITO DI EMERGENZA
Ai nuclei familiari in condizioni di necessità economica in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, è riconosciuto un sostegno al reddito straordinario denominato Reddito di emergenza (di seguito "Rem"). Le domande per il Rem sono presentate entro il termine del mese di giugno 2020 e il beneficio è erogato in due quote. Il Rem è riconosciuto ai nuclei familiari in possesso cumulativamente, al momento della domanda, dei seguenti requisiti:
a) residenza in Italia, verificata con riferimento al componente richiedente il beneficio;
c) un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all'anno 2019 inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000. Il predetto massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave
d) un valore dell'ISEE inferiore ad euro 15.000.

Il rem non è compatibile con compatibile con la presenza nel nucleo familiare di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità previste nei precedenti decreti (bonus 600 euro), titolari di pensione o di redditi di lavoro dipendente.

ART.84: NUOVA INDENNITA’ LAVORATORI DANNEGGIATI DAL COVID
Ai soggetti già beneficiari per il mese di marzo dell’indennità da 600 euro, la medesima è erogata anche per il mese di aprile 2020. Ai titolari di partita iva non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che abbiano subito una comprovata riduzione di almeno il 33 per cento del reddito del secondo bimestre 2020, rispetto al reddito del secondo bimestre 2019, è riconosciuta una indennità per il mese di maggio 2020 pari a 1000 euro. A tal fine il reddito è individuato secondo il principio di cassa come differenza tra i ricavi e i compensi percepiti e le spese effettivamente sostenute nel periodo interessato e nell'esercizio dell’attività, comprese le eventuali quote di ammortamento. A tal fine il soggetto deve presentare all'Inps la domanda nella quale autocertifica il possesso dei requisiti di cui al presente comma. L'Inps comunica all'Agenzia delle entrate i dati identificativi dei soggetti che hanno presentato l'autocertificazione per la verifica dei requisiti. L'Agenzia delle entrate comunica all'Inps l'esito dei riscontri effettuati sulla verifica dei requisiti sul reddito di cui sopra con modalità e termini definiti con accordi di cooperazione tra le parti. Stesso trattamento è previsto per i co.co.co che abbiano cessato il rapporto alla data di entrata in vigore del presente decreto. Tali indennità non concorrono alla formazione del reddito.

ART. 85 INDENNITA’ LAVORATORI DOMESTICI
Ai lavoratori domestici che abbiano in essere, alla data del 23 febbraio 2020, uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva superiore a 10 ore settimanali è riconosciuta, per i mesi di aprile e


maggio 2020, un’indennità mensile pari a 500 euro, per ciascun mese. L’indennità di cui al comma 1 sono riconosciute a condizione che i lavoratori domestici non siano conviventi con il datore di lavoro.
Le indennità non sono tra loro cumulabili.

ART.119: INCENTIVI PER EFFICIENTAMENTO ENERGETICO
Le spese inerenti al risparmio energetico sostenute tra il 1/7/2020 e il31/12/2021 possono essere detratte in 5 anni nella misura del 110% nei seguenti casi:
- Le spese ammesse sono quelle per gli interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie, il cosiddetto “cappotto termico” per intenderci. La detrazione Irpef, che potrà essere ceduta e trasformata in credito di imposta, è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 60.000.
- Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento o anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici.
- interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all'installazione di impianti fotovoltaici.
- Per la messa in sicurezza degli edifici dal pericolo sismico la norma prevede che in caso di cessione del bonus del 110% a una compagnia di assicurazione con la stipula di una polizza che copra il rischio da eventi calamitosi, la detrazione oggi prevista al 19% sale fino al 90% del costo dell’assicurazione sottoscritta.

Ai fini dell’accesso alla detrazione gli interventi devono dimostrare il miglioramento di almeno due classi energetiche dell'edificio, ovvero, se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante l'attestato di prestazione energetica (A.P.E).
Tali disposizioni si applicano agli interventi effettuati dai condomini e dalle persone fisiche non esercenti arti e professioni su unità immobiliari, con esclusione di edifici unifamiliari diversi da quello adibito ad abitazione principale.
Ai fini dell'opzione per la cessione o per lo sconto di cui all'articolo 121, il contribuente richiede il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d'imposta.
Ferma l'applicazione delle sanzioni penali ove il fatto costituisca reato, ai soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni infedeli si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000 a euro 15.000 per ciascuna attestazione o asseverazione infedele resa. I soggetti stipulano una polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a 500 mila euro, al fine di garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività prestata.

ART.120: CREDITO D’IMPOSTA PER L’ADEGUAMENTO AGLI AMBIENTI DI LAVORO
È riconosciuto un credito d'imposta in misura pari al 60 per cento delle spese sostenute nel 2020, per un massimo di 80.000 euro, in relazione agli interventi necessari per far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del virus COVID-19, ivi compresi quelli edilizi necessari per il rifacimento di spogliatoi e mense, per la realizzazione di spazi medici, ingressi e spazi comuni, per l'acquisto di arredi di sicurezza, nonché' in relazione agli investimenti in attività innovative, ivi compresi quelli necessari ad investimenti di carattere innovativo quali lo sviluppo o


l'acquisto di strumenti e tecnologie necessarie allo svolgimento dell’attività lavorativa e per l'acquisto di apparecchiature per il controllo della temperatura dei dipendenti e degli utenti. Il credito d'imposta di cui al comma 1 è cumulabile con altre agevolazioni per le medesime spese, comunque nel limite dei costi sostenuti ed è utilizzabile nell'anno 2021 esclusivamente in compensazione.

ART.121: TRASFORMAZIONE DEL CREDITO DI IMPOSTA IN SCONTO IN FATTURA
I soggetti che sostengono le spese di cui sopra possono alternativamente optare:
- Per lo sconto sul corrispettivo pattuito anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest'ultimo recuperato sotto forma di credito d'imposta, con facoltà di successiva cessione del credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari;
- per la trasformazione del corrispondente importo in credito d'imposta, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Questo meccanismo varrà anche per tutti gli altri crediti di imposta al 50 e al 65 per cento per interventi di ristrutturazioni semplici e per interventi di risparmio energetico minori, come il cambiamento degli infissi. Resta la possibilità per le famiglie di incassare il credito di imposta nei cinque anni successivi all’intervento presentandolo in dichiarazione di redditi o in compensazione.

ART.122: CESSIONE CREDITI DI IMPOSTA RICONOSCIUTI DAI PROVVEDIMENTI COVID
A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 dicembre 2021, i soggetti beneficiari dei seguenti crediti d'imposta possono, in luogo dell'utilizzo diretto, optare per la cessione, anche parziale, degli stessi ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari:
- credito di imposta per le botteghe e negozi
- credito di imposta per le abitazioni ad uso non abitativo
- credito di imposta pe la sanificazione e l’adeguamento degli ambienti di lavoro

I cessionari utilizzano il credito di imposta anche in compensazione è usufruito dal cessionario con le stesse modalità con le quali sarebbe stato utilizzato dal soggetto cedente.
La quota di credito non utilizzata nell'anno non può essere utilizzata negli anni successivi, e non può essere richiesta a rimborso.

ART.125: CREDITO DI IMPOSTA PER LE SPESE DI SANIFICAZIONE
spetta un credito d'imposta in misura pari al 60 percento delle spese sostenute nel 2020 per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, nonché' per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti. Il credito d'imposta spetta fino ad un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario. Sono ammissibili oltre alle spese di sanificazione e acquisto di dispositivi di protezione, anche le spese per l’acquisto di prodotti detergenti e disinfettanti. Il credito d'imposta è utilizzabile nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta di sostenimento della spesa ovvero in compensazione.

ART. 126: PROROGA DEI TERMINI DI RIPRESA DELLA RISCOSSIONE DEI VERSAMENTI SOSPESI
I versamenti sospesi di cui al decreto 23/2020 che avrebbero dovuto essere pagati al 30/6, vengono slittati al 16/9 con pagamento in un’unica soluzione o in 4 rate.



ART. 140: PROROGA TRASMISSIONE CORRISPETTIVI GIORNALIERI
fino al 1° gennaio 2021, non saranno punibili le violazioni commesse dagli operatori che non siano in grado di dotarsi - entro il termine del 1° luglio 2020 - del registratore telematico ovvero di
utilizzare la procedura web messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate per la trasmissione dei corrispettivi. Il regime sanzionatorio quindi non sarà applicabile in caso di trasmissione telematica dei corrispettivi entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, fermi restando i termini di liquidazione dell’IVA.

ART. 141: LOTTERIA DEGLI SCONTRINI
Viene prorogata al 1/1/2021 l’entrata in vigore della lotteria degli scontrini.

ART.144: RIMESSIONE DEI TERMINI AVVISI BONARI
È stato previsto lo slittamento al 16 settembre di quanto dovuto fino al 31 maggio per gli avvisi bonari e adesioni. La norma rimette nei termini i contribuenti per i pagamenti scaduti tra l’8 marzo 2020 e il giorno antecedente l’entrata in vigore del decreto, quindi il 18 maggio, anche per le rateazioni in corso, delle somme chieste mediante le comunicazioni degli esiti del controllo nonché mediante le comunicazioni degli esiti della liquidazione relativamente ai redditi soggetti a tassazione separata. I versamenti sono considerati tempestivi se effettuati entro il 16 settembre 2020.

ART.145: SOSPENSIONE DELLA COMPENSAZIONE TRA CREDITO D’IMPOSTA E IMPORTI ISCRITTI A RUOLO
Nel 2020, in sede di erogazione dei rimborsi fiscali non si applica la compensazione tra il credito d'imposta ed il debito iscritto a ruolo

ART.152: SOSPENSIONE PIGNORAMENTI AGENTE DELLA RISCOSSIONE
Nel periodo intercorrente tra la data di entrata in vigore del presente decreto e il 31 agosto 2020 sono sospesi gli obblighi di accantonamento derivanti dai pignoramenti presso terzi effettuati prima di tale ultima data dall'agente della riscossione. aventi ad oggetto le somme dovute a titolo di stipendio, salario, altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, nonché' a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione, o di assegni di quiescenza. Le somme che avrebbero dovuto essere accantonate nel medesimo periodo non sono sottoposte a vincolo di indisponibilità e il terzo pignorato le rende fruibili al debitore esecutato, anche se anteriormente data di entrata in vigore del presente decreto sia intervenuta ordinanza di assegnazione del giudice dell'esecuzione.

ART. 154: PROROGA ATTIVITA’ SOSPENSIONE ATTIVITA’ RISCOSSIONE
Differimento al 31 agosto 2020 del termine “finale” di sospensione del versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione. Di seguito il link con tutte le nuove scadenze dell’agente della riscossione:
https://www.agenziaentrateriscossione.gov.it/it/Per-saperne-di-piu/covid-19/

ART.157: PRORGA DEI TERMINI PER LA GRADUALE RIPRESA ECONOMICA
Spostati i termini di notifica di atti nei confronti dei contribuenti, per evitarne la concentrazione nel periodo successivo alla crisi:
- gli atti di accertamento, contestazione, irrogazione delle sanzioni, recupero dei crediti di imposta, liquidazione, rettifica, per i quali i termini di decadenza scadono tra il 9 marzo e il 31 dicembre 2020, saranno notificati nel 2021 (l’emissione dovrà in ogni caso avvenire entro il 2020).


ART.159: AMPLIAMENTO PLATEA DEI CONTRIBUENTI CHE SI AVVALGONO DLE 730
Prevista, per l’anno d’imposta 2019, la possibilità di presentare il modello 730/2020 nella modalità “senza sostituto” anche in presenza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio. La disposizione vuole evitare che l’emergenza epidemiologica e la gravità della situazione economica che sta investendo le imprese possa determinare l’impossibilità, per molti datori di lavoro, di effettuare i conguagli derivanti dalla presentazione del 730, causando un ulteriore danno al contribuente per la mancata erogazione del rimborso spettante.

ART. 176: TAX CREDIT VACANZE
Istituito, per l’anno 2020, un bonus a favore dei nuclei familiari con reddito Isee non superiore a 40mila euro, per il pagamento dei servizi offerti in Italia da imprese turistico ricettive, dagli agriturismi e dai bed & breakfast. L’incentivo è utilizzabile, dal 1° luglio al 31 dicembre, da un solo componente per nucleo familiare ed è pari a 500 euro; l’importo è ridotto a 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone, a 150 euro per quelli composti da una sola persona. Le spese devono essere sostenute in un’unica soluzione per i servizi resi da una singola struttura e documentate da fattura elettronica o documento commerciale, in cui va indicato il codice fiscale di chi intende fruire del credito; il pagamento deve avvenire senza l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator. Il beneficio è fruibile, per l’80%, sotto forma di sconto sul corrispettivo praticato dal fornitore dei servizi (che poi lo recupera come credito d’imposta utilizzabile in compensazione o cedendolo a terzi, anche istituti di credito e altri intermediari finanziari), e, per il restante 20%, sotto forma di detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi. È prevista l’emanazione di un provvedimento attuativo del direttore dell’Agenzia delle entrate.

ART. 177: ESENZIONE IMU PER IL SETTORE TURISTICO
Abolito il versamento della prima rata dell’imposta municipale propria, in scadenza il 16 giugno 2020, dovuta per gli immobili classificati nella categoria catastale D/2 (fondamentalmente, alberghi e pensioni) e gli immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività che vi si svolgono. L’esenzione spetta anche per gli stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali e per gli immobili degli stabilimenti termali.

ART. 181: SOSTEGNO ALLE IMPRESE DI PUBBLICO ESERCIZIO
Niente Tosap e Cosap dal 1° maggio fino al 31 ottobre 2020 sull’occupazione di spazi e aree pubbliche utilizzate dagli esercizi per garantire le regole del distanziamento sociale richiesto dall’emergenza epidemiologica.
Fino a quella stessa data, le domande di nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico o di ampliamento delle superfici già concesse vanno presentate per via telematica all’ufficio competente dell’ente locale, con allegata la sola planimetria, in esenzione di bollo.

ART. 229: BONUS MOBILITA’
Tale bonus è rivolto a favore dei residenti maggiorenni nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane, nei capoluoghi di Provincia ovvero nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti. Il bonus corrisponde al 60% della spesa complessiva sostenuta con un massimo di 500 euro per l’acquisto di biciclette anche a pedalata assistita e veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica quali segway, monopattini, hoverboard e mono-ruota. Il buono vale anche per l’uso di servizi di mobilità condivisa (sharing) a uso individuale esclusi quelli con autovetture. Gli acquisti devono essere effettuati dal 4 maggio 2020 fino al 31 dicembre 2020. Può

essere chiesto una sola volta ed esclusivamente per una delle destinazioni d’uso previste. Con prossimo decreto saranno stabilite le modalità e i termini per l'ottenimento e l'erogazione del beneficio.

ART. 264: SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI
L’attestazione dei requisiti per l’erogazione di benefici economici, indennità, prestazioni previdenziali e assistenziali, erogazioni, contributi, sovvenzioni, finanziamenti, prestiti, agevolazioni e sospensioni, da parte di pubbliche amministrazioni, potrà avvenire mediante dichiarazione sostitutiva. La norma prevede che in via sperimentale, e fino al prossimo 31 dicembre 2020 per tutti i procedimenti di carattere amministrativo avviati nei confronti delle pubbliche amministrazioni le domande aventi ad oggetto agevolazioni fiscali, finanziarie e del lavoro basterà un’autocertificazione (ai sensi degli articoli 46 e 47 del dpr 445/2000).
La dichiarazione sostituirà gli altri documenti necessari per le domande di accesso a contributi pubblici, come ad esempio il modello ISEE. Nel caso di false attestazioni sono però previste sanzioni pesanti.


Lo studio rimane a disposizione per chiarimenti.

Cordiali saluti

STUDIO DI CONSULENZA MASUCCI
8601932
Per chi fosse interessato Nota informativa N° 4/2020 Roma, 22 maggio 2020 Oggetto: DL 34/2020 “DECRETO RILANCIO”. Iniziamo con...
Discussione
22/05/2020 12.44.13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
tsunami1998 tsunami1998 22/05/2020 ore 13.03.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 : se ti è possibile posta l intero dispositivo avrai ed avremo delle sorprese.
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 13.13.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

troppo lungo per essere postato direttamente, ho allegato il link che riporta al pdf del decreto
tsunami1998 tsunami1998 22/05/2020 ore 13.15.08 Ultimi messaggi
tsunami1998 tsunami1998 22/05/2020 ore 13.15.09 Ultimi messaggi
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 13.16.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@tsunami1998 scrive:
eggiti l articolo che riguarda il lasciapassare per la salute.

che n. di articolo?
tsunami1998 tsunami1998 22/05/2020 ore 13.20.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 : riguarda tutti...anche te e me .
Quando ci sono centinaia di artt. sll interno ci son disposizioni scomode che abbassamo la stima e la credibilità dei cittadini nei confronti del governo..
Vecchia usanza medioevale di cui anche questi governanti alla faccia dell h onestà continuano ad usare.
pabloinglorioso pabloinglorioso 22/05/2020 ore 13.23.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO



sta girando sui telefonini una notisziola su un eventuale aumento ai partiti.

una leggina messa dentro senza clamore...art. 133....o pag 133...............

si sa niente di preciso?


iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 13.24.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@tsunami1998 : leggi il tread sul coronavirus su questa stessa sezione del forum
tsunami1998 tsunami1998 22/05/2020 ore 13.26.31 Ultimi messaggi
erakle.1986 erakle.1986 22/05/2020 ore 13.27.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 scrive:
che n. di articolo?



adesso ti risponde che non ha voglia di farti da insegnante e che deve andare a mangiare :hoho
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 13.28.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

http://forum.chatta.it/politica/8601894/coronavirus-il-modello-svedese-.aspx?pcount=16
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 13.28.46 Ultimi messaggi
erakle.1986 erakle.1986 22/05/2020 ore 13.32.09 Ultimi messaggi
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 22/05/2020 ore 14.08.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@erakle.1986 scrive:
sei una persona di cuore amico


Il cuore ce l'ho anch'io.

N.B.: E' un muscolo che pompa sangue. ;-) :hell
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 14.18.05 Ultimi messaggi
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 22/05/2020 ore 14.19.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 scrive:
invidioso?


Dipende.
Fammi prima parlare cl tuo cardiologo e dopo ti saprò rispondere. ;-)
tsunami1998 tsunami1998 22/05/2020 ore 14.21.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 : come può notare i bimbi min insieme ai Papi min iniziano a giocare.
Non hanno la sufficiente preparazione per analizzare l argomento del thread.
Sono professionisti nel...mandare in malora certi argomenti che richiedono predisposizione e studio.
A più tardi.
P.S.:- in bocca al lupo ;-)
20279813
@iper1948 : come può notare i bimbi min insieme ai Papi min iniziano a giocare. Non hanno la sufficiente preparazione per...
Risposta
22/05/2020 14.21.51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 22/05/2020 ore 15.49.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 :

Ho letto tutto.

C'è già la corsa all'attrazione fatale. :haha
Il primo individuo: sei una persona di cuore amico!
Se tu insultassi Salvini, è facile che te lo ritrovi nel letto. :haha
Mentre se sei obiettivo e fai una bella analisi su codesto governo in carica... e al tizio non dovesse piacere ciò che scrivi, ti attacca e ti taccia di essere un imbecille leghista.

Il secondo individuo invece ti dice che il core ce l'ha anche lui e pompa sangue (ma vah? cosa mai dovrebbe pompare, grappa?) :haha
E però non ha un'anima ... è ateo e crede soltanto in se stesso.

iper caro, un suggerimento non è un consiglio:stanne fuori.
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 22/05/2020 ore 15.52.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 :

ah, già... dimenticavo.

Stato rispondendo ad un tuo thread interessante: 160 anni di unità d'italia cosa possiamo rispondere a Massimo D'Azeglio.

Avevo rettificate alcune cosette, come ad es. il teatro più antico del mondo non è lo splendido teatro San Carlo di Napoli ma il primo teatro nacque a Venezia nel 1637... ed è il teatro San Cassiano.
ma poi ho dovuto staccare, lo riprenderò, se tu vuoi.
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 16.33.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@c.ioccolatino111 scrive:
il primo teatro nacque a Venezia nel 1637

hai ragione, dovevo aggiungere tuttora esistente, il San Cassiano venne chiuso da Napoleone nel 1807
20279911
@c.ioccolatino111 scrive: il primo teatro nacque a Venezia nel 1637 hai ragione, dovevo aggiungere tuttora esistente, il San...
Risposta
22/05/2020 16.33.49
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 22/05/2020 ore 16.53.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 scrive:
hai ragione, dovevo aggiungere tuttora esistente, il San Cassiano venne chiuso da Napoleone nel 1807


Immagino vi stiate riferendo a teatri al chiuso.
Altrimenti bisognerebbe citare lo splendido teatro ellenistico di Taormina che risale al III secolo Avanti Cristo. ;-)
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 16.59.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@fiume.sandcreek scrive:
lo splendido teatro ellenistico di Taormina

bellissima Taormina dove nacque mia mamma, per l'esattezza a Giardini Naxos. Penso che quello rientri negli anfiteatri
20279931
@fiume.sandcreek scrive: lo splendido teatro ellenistico di Taormina bellissima Taormina dove nacque mia mamma, per l'esattezza a...
Risposta
22/05/2020 16.59.44
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 22/05/2020 ore 17.23.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 scrive:
bellissima Taormina dove nacque mia mamma, per l'esattezza a Giardini Naxos. Penso che quello rientri negli anfiteatri


Quando mi ci reco a vedere qualche spettacolo non posso fare a meno di pensare che in quel luogo, magari nello stesso posto occupato dalla mia persona, più di 2000 anni fa un elleno della Magna Grecia assisteva alle opere di Euripide o di Archeo di Siracusa.
E' una emozione impossibile da descrivere, bisogna provarla personalmente per comprenderla.
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 17.46.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@fiume.sandcreek scrive:
magari nello stesso posto occupato dalla mia persona,

magari eri proprio tu che hai resistito nel tempo :-))) :-)))
20279954
@fiume.sandcreek scrive: magari nello stesso posto occupato dalla mia persona, magari eri proprio tu che hai resistito nel tempo...
Risposta
22/05/2020 17.46.55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 22/05/2020 ore 21.05.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@c.ioccolatino111 scrive:
è ateo e crede soltanto in se stesso.


Lo vedi quanto sei bugiarda?
Io non ho mai affermato di essere ateo, mi sono limitato a riconoscere di non essere cristiano.
Quindi per te un individuo se non è cristiano deve essere necessariamente ateo.
C'è chi considererebbe un simile atteggiamento come una forma di estremismo religioso, chi come semplice ignoranza.
Personalmente evito di esporre commenti conscio del fatto che per i destricoli il mondo è in bianco e nero senza nemmeno alcuna sfumatura di grigio.

N.B.: Ho scritto di credere in me stesso, nel mio Dio ed in chi mi è caro. Lessicalmente il primo soggetto non esclude gli altri due.

CONCLUSIONE:

Destricoli, un mondo di alle alle quali aggrapparsi perché non hanno nient'altro a giustificare il vuoto della loro esistenza.
iper1948 iper1948 22/05/2020 ore 21.06.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@c.ioccolatino111 scrive:
è facile che te lo ritrovi nel letto

camminerò rasente al muro
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 22/05/2020 ore 21.07.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@iper1948 scrive:
magari eri proprio tu che hai resistito nel tempo


Non dirlo a voce alta.
Potrebbe esserci qualche Kurgan in giro. ;-)
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 23/05/2020 ore 10.59.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: DECRETO RILANCIO

@fiume.sandcreek scrive:
Lo vedi quanto sei bugiarda?



Tu lo sei.
Cmq, è vero, chiedo venia... Thanos si è limitato a riconoscere di non essere cristiano, altresì al suo apparire nel forum politica, quando ancora si definì essere super partes, criticò alcune religioni tra le quali il cristianesimo, giudicando le scelte fatte dai "cristiani cattolici". :-)))

Sei per caso allora musulmano? :mmm
Ma forse buddista, oppure ti dai al culto del sikhismo. :nono1

bah, non m'importa.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.