Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

fiume.sandcreek 02/06/2020 ore 17.19.40 Ultimi messaggi
segnala

SarcasmoItaliani, brava gente.

Ferito da tre pallini esplosi verosimilmente con un'arma ad aria compressa da uno sconosciuto a bordo di un'auto. A denunciare l'accaduto ai carabinieri un operaio indiano di 40 anni che ieri sera si trovava in sella alla sua bici su via Pontina, nei pressi di Terracina, quando è stato centrato dai pallini. Il 40enne è rimasto lievemente ferito. Sulla vicenda indagano i carabinieri. A ferragosto, ad Aprilia, sempre nel Pontino, un camerunense è stato ferito in strada da alcuni piombini sparati con un fucile da una finestra. Tre i ragazzi sono stati denunciati.

Fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Terracina-Sparano-piombini-da-auto-ferito-operaio-indiano-Tre-i-ragazzi-sono-stati-denunciati-d6692038-c242-4325-9cab-4bca6952e6fc.html?refresh_ce

Dopo tanti episodi di intolleranza nei riguardi degli stranieri, suscita preoccupazione quanto avvenuto ieri nell'agro pontino, alle porte di Roma. Il giorno di ferragosto intorno a mezzogiorno un cittadino camerunense di 50 anni, che transitava a piedi in una zona del centro di Aprilia, è stato colpito al piede sinistro da un proiettile di piombo che gli ha causato una lesione considerata guaribile in cinque giorni. Dopo aver chiesto aiuto entrando in un'attività commerciale, all'arrivo dei carabinieri la vittima ha indicato una ipotetica zona dalla quale poteva essere partito il colpo. I militari, dopo alcune verifiche e diverse perquisizioni hanno individuato i colpevoli in tre amici - un 19enne e altri due minorenni - che sono stati denunciati per lesioni aggravate. I tre giovani hanno detto che stavano provando l'arma - un fucile ad aria compressa - dalla finestra di casa, quando sono partiti dei colpi fortuiti ma, sottolineano gli inquirenti, sono consapevoli della gravità dei fatti.

Fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Spari-2bc62d4b-7714-44e8-a0a3-ec896b186026.html

Una bimba romena di un anno, che vive nel campo nomadi di via di Salone a Roma, è stata ferita alla schiena probabilmente da un colpo di pistola ad aria compressa. E' accaduto ieri. La bambina è stata sottoposta a intervento chirurgico e le hanno estratto un piccolo corpo estraneo metallico molto simile a un piombino di una pistola ad aria compressa. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri della compagnia Casilina e della stazione Alessandrina. Ascoltati alcuni familiari che avrebbero raccontato che la bambina era in braccio alla madre in strada, su via Palmiro Togliatti, quando la donna si accorta che le usciva sangue dalla schiena. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri della compagnia Casilina e della stazione Alessandrina. Gli investigatori hanno ascoltato alcuni familiari e stanno effettuando accertamenti. La madre avrebbe raccontato che intorno alle 14 passeggiava con la bambina in braccio su via Palmiro Togliatti, quando si accorta che le usciva sangue dalla schiena. "Non so chi stato" avrebbe detto la donna a chi ha avuto modo di parlare con lei. Dopo l'accaduto i nomadi della Capitale assicurano che non abbasseranno la guardia. "Non sappiamo ancora se sia o no un atto razzista, ma da oggi noi non abbasseremo la guardia n getteremo la nostra dignità a costo di organizzare delle vedette cittadine, sia per la sicurezza del nostro popolo sia per quella di tutti i cittadini" ha sottolineato Najo Adzovic, presidente dell'Associazione Nuova Vita ed ex delegato ai rom dell'amministrazione Alemanno, che stamattina ha incontrato personalmente il padre della bimba. "I rom vivono da settanta anni nel territorio dell'ex VII Municipio, attuale V, e fino ad ora non era stato mai commesso un gesto cos vigliacco contro bambini e donne Rom - ha aggiunto -. Spero che sia un caso isolato altrimenti cominciamo pensare che ci sia chi semina odio e razzismo verso gli altri e si arrivi anche a dare il diritto, magari non scritto, ma di fatto tollerato ad alcuni di essere protagonisti di orrendi crimini, senza il benché minimo rispetto della legge e delle forze dell'ordine". E sulla vicenda è intervenuta la sindaca Virginia Raggi che facendo alla bambina gli auguri "di pronta guarigione" ha detto di auspicare "che gli inquirenti facciano presto chiarezza sulla dinamica dell'accaduto". Mentre il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha definito "molto grave" quello che accaduto. "Auspico sia fatta al più presto chiarezza sull'accaduto e che venga quanto prima assicurato alla giustizia il responsabile di questo ignobile gesto" ha aggiunto. A fare visita in ospedale alla bambina la senatrice del Pd Monica Cirinn che ha parlato di "una terribile aggressione". Cirinnà ha anche aggiunto che la bimba " è in gravi condizioni". "A lei e alla sua famiglia va la nostra vicinanza - ha concluso - La magistratura far il suo dovere, ma questo clima d'odio alimentato ogni giorno di certo non aiuta".

Fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/bimba-rom-roma-ferita-aria-compressa-fucile-indagini-a2ff95d7-7ec0-4b32-8529-aca30397c1a9.html

FALERNA (CZ) – Un’aggressione razzista quella contro Mercedes Mieses Carlos Jose, il dominicano che si trovava al ristorante con la moglie, incinta e la suocera, aggredito la notte di ferragosto a Falerna. La Polizia ha individuato tre persone facenti parte del branco, mentre continuano le ricerche per identificare gli altri responsabili. Il giovane dominicano avrebbe raccontato di essere stato picchiato dal 7-8 persone che gli ripetevano “negro di merda, vattene, non sei gradito in Calabria”. Eppure non ci sarebbe stata a suo dire, alcuna provocazione: “ho mangiato e pagato il conto”. Persino alla sua compagna sarebbero state rivolte frasi di ‘incitamento’ a ‘lasciare quel nero’. Lei è italiana così come la suocera.

Fonte: https://www.quicosenza.it/news/calabria/233521-dominicano-aggredito-a-falerna-individuati-tre-aggressori

Quattro guidatori, ognuno al volante delle quattro auto lanciate nella caccia al migrante la notte di Ferragosto fra Trappeto e Partinico. Sono indagati per lesioni aggravante dall'odio razziale. Individuati fra il gruppo di 15-20 che la notte di ferragosto ha aggredito cinque migranti minorenni e l'educatrice del centro che li accoglie. Fra gli aggrediti, quattro del Gambia e uno della costa D'Avorio, c'è chi ha una frattura al volto guaribile in 20 giorni.

Erano andati a una festa in spiaggia, sono finiti per fuggire da un raid in piena regola. Gli aggressori hanno iniziato a insultarli minacciandoli di morte e poi a picchiarli, senza fermarsi neanche quando è arrivata l'operatrice col pulmino che li riportava in comunità. Parte l'inseguimento, da Trappeto a Partinico, e ancora botte fino all'arrivo delle forze dell'ordine. Ma le targhe delle macchine vengono riprese da telecamere di sorveglianza. Da lì carabinieri e procura risalgono ai quattro indagati.

E' la decima aggressione in Sicilia negli ultimi due mesi, la seconda a Partinico in venti giorni, dopo il pestaggio a fine luglio del diciannovenne senegalese Khalifa Dieng. Nel grosso borgo di 32 mila abitanti sono accolti 259 migranti in 15 centri, dove ci si sente sotto assedio per l'ostilità crescente dei segmenti più disagiati della popolazione. Il sindaco De Luca


Fonte: https://www.rainews.it/tgr/sicilia/articoli/2018/08/sic-aggressione-partinico-razziale-f614849f-01e2-4ece-a5c2-8ef92fc0f3dc.html

Insulti razzisti e botte. Vittima un senegalese di 19 anni che stamani si è presentato in caserma a Partinico, nel Palermitano, per denunciare l'aggressione di cui sarebbe rimasto vittima giovedì scorso. Secondo il racconto del giovane richiedente asilo ospite dal 2016 di una comunità, un gruppo di ragazzi l'avrebbe avvicinato mentre si trovava nella piazza del grosso centro del Palermitano prima rivolgendogli insulti razzisti e poi aggredendolo a calci e pugni. In ospedale il 19enne è stato medicato e i sanitari lo hanno dimesso con sette giorni di prognosi a causa delle ferite riportate al labbro e alle orecchie. Sulla vicenda indagano i carabinieri che hanno raccolto la denuncia del giovane richiedente asilo.

Fonte: https://www.rainews.it/tgr/sicilia/articoli/2018/07/sic-botte-insulti-giovane-migrante-51a5d30f-ba73-4535-aa2f-291064c63e78.html

Questi sono gli italiani.
Lo dicono i fatti, non le parole.
8602256
Ferito da tre pallini esplosi verosimilmente con un'arma ad aria compressa da uno sconosciuto a bordo di un'auto. A denunciare...
Discussione
02/06/2020 17.19.40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 02/06/2020 ore 17.24.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Italiani, brava gente.

@fiume.sandcreek scrive:
Italiani brava gente.

Questi sono gli italiani.
Lo dicono i fatti, non le parole.


Da generalizzazione a pregiudizio il confine è sottilissimo.

Generalizzare equivale a essere idioti.
(William Blake)
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 02/06/2020 ore 17.39.31 Ultimi messaggi
erakle.1986 erakle.1986 02/06/2020 ore 17.47.49 Ultimi messaggi
libroemoschetto60 libroemoschetto60 02/06/2020 ore 17.47.52
segnala

(Nessuno)RE: Italiani, brava gente.

@c.ioccolatino111 scrive:
toh, è arrivato il terzo "cavaliere" dell'apocalisse



Già, il SEGNALATORE compulsivo. Mi assento un quindici minuti. Il tempo di prepararmi mail e nick ex novo, che questo TRA poco me lo fanno SICURAMENTE bannare...
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 02/06/2020 ore 17.50.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Italiani, brava gente.

@libroemoschetto60 scrive:
Già, il SEGNALATORE compulsivo. Mi assento un quindici minuti. Il tempo di prepararmi mail e nick ex novo, che questo TRA poco me lo fanno SICURAMENTE bannare.


Lo vedi che sei tanto fascista quanto Alvaro Vitali è un pivot?
Esiste un regolamento.
Tu vieni bannato perché lo infrangi sistematicamente.
Questo dimostra che il tuo amore per la Legge e l'ordine è una balla come il coraggio che rivendicavi. :hell

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.