Roma

Roma

Forum città di Roma

lulu.86 lulu.86 29/04/2008 ore 16.55.28
segnala

DivertitoECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!

ALEMANNO STORY È stato arrestato diverse volte: nel novembre 1981 per aver partecipato insieme ad altri quattro componenti del Fronte della Gioventù all'aggressione di uno studente di 23 anni.
Nel 1982 viene fermato per aver lanciato una molotov contro La ambasciata dell?Unione Sovietica a Roma, scontando poi 8 mesi di carcere a Rebibbia.
Nel 1988 diventa Segretario Nazionale del Fronte della Gioventù, organizzazione giovanile del MSI, succedendo a Gianfranco Fini che la gestiva dal 1977. Resterà in carica fino al 1991, caratterizzando il suo segretariato per una più spiccata linea movimentista e per la ripresa di tematiche antiamericane ed antioccidentali.
Il 29 maggio 1989 viene arrestato a Nettuno per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, manifestazione non autorizzata, tentato blocco di corteo ufficiale, lesione ai danni di due poliziotti, in occasione della visita del Presidente degli Stati Uniti d'America, George H. W. Bush, al cimitero di guerra americano. Gli saranno poi concessi gli arresti domiciliari BHE ORA SI KE STAMO NEL VENTRE DE NA VACCA :hoho
reset65 reset65 29/04/2008 ore 17.18.34
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!


a me co sto background sta piu' simpatico ... ;-)

ma l'alernativa era RUTELLI:

figlio di agiati borghesi con lussuosa villa all?EUR, dove stanziano giorno e notte due poliziotti fissi, (ecco perchè la polizia non gira per strada, fa la guardia ai beni immobili dei politici), con padre architetto e nonno direttore dell?Accademia di Belle Arti. Niente di strano, gira con ben 2 macchine di scorta, non ne ha nessun bisogno (vi risulta che qualcuno abbia mai preso di mira un ministro? Mai, l?unico fu Aldo Moro, ma ci pensò la DC), però fa sentire tanto importanti. E? risaputo, i politici che contano vanno in giro con la scorta e più ne hanno più contano.

Da giovane fu fervente cattolico, partecipò anche al concorso ?Veritas?, indetto dal Vaticano, questo fino al 1976 quando cambiò idea entrando nei Radicali, e soprattutto conoscendo molto da vicino Marco Pannella, con cui ?convisse? per parecchi anni. Un vero colpo di fulmine, un capovolgimento di idee e un improvviso anticlericalismo.

Infatti nel 1979 con lo scrittore Carlo Cassola fondò la rivista ?L?Asino?, fortemente anti-papalina. Come pacifista ed ecologista finì in carcere per aver incitato i soldati alla disobbedienza contro il nucleare, durante una manifestazione per la chiusura della centrale di Latina.
Furono anni di fuoco, nel 1980 in Sicilia, a Giarre, scese in piazza a difendere i diritti dei gay, da cui nacque l?associazione ?Arcigay Rutelli?. Niente di male, i gay hanno diritto come gli etero. Rutelli fece carriera, infatti nel 93, grazie alle sue capacità o grazie a Pannella, divenne capogruppo radicale.

Ma tutte le storie hanno un termine e nell?89 il giovane Rutelli abbandonò Pannella e si mise coi Verdi, stabilendo un?altra ?calda amicizia? con Bettino Craxi. Bobo Craxi scrisse di lui: ?Nel PSI nessuno adottò atteggiamenti servili verso Craxi e i suoi vice come quelli che Rutelli normalmente adottava?.

Grazie ai verdi, dopo quattro anni diventò Ministro dell?Ambiente ma tutte le storie hanno un termine, così ruppe anche l?amicizia con Craxi, ma non basta, doveva proprio avercela a morte perchè si dimise per protesta contro il Parlamento che aveva negato l?autorizzazione a procedere contro Craxi. Capperi, ci doveva aver litigato di brutto.

Rutelli aveva un non so che che lo spingeva sempre a cambiare, una strana irrequietezza, per cui mollò i Verdi e aderì al patto di Mario Segni. Chissà, forse una maturazione? Comunque durò poco perchè mollò pure Segni e si iscrisse al PDS, per guadagnarsi la poltrona a sindaco di Roma.

Ah ecco, mi sa che il pungolo che gli faceva cambiare vestito veloce come Fregoli era la carriera politica. Sembra che riuscisse a vincere la poltrona di Roma grazie all?appoggio televisivo di Maurizio Costanzo, cui promise e consegnò il posto di assessore alla giunta comunale di Roma, che poi che c?entrava Costanzo col comune non si capiva.

Ma si avvalse anche dell?aiuto della moglie Barbara Palombelli, sposata solo con rito civile nel 1982, giornalista de La Repubblica, che attraverso il giornale gli fece non poca pubblicità. E? quella stessa Palombelli che oggi da giornalista di Repubblica è passata a giornalista di Mediaset, perchè Berlusconi, si a, paga di più; si sa, la carne è debole, e quella dei coniugi Rutelli è debolissima.

Anche nel sesso Rutelli è trasformista e va nelle due direzioni. Ma anche qui nulla di male, un bisessuale ha diritti come gli etero o come i gay o come i trans ecc.

L?anticlericalismo procede spedito e irruento, tanto è vero che, durante il primo mandato di Roma, issò la bandiera vaticana a Campidoglio per protesta, indicando che a Roma comandava lo strapotere del Papa. Bisogna capirlo, le pressioni della Chiesa sui politici non sono una cosuccia da niente.

Comunque fu riconfermato sindaco nel 1997, e qui avvenne il miracolo. Chissà: un sogno, una visione, un angelo, fattostà che improvvisamente Rutelli si convertì al Cattolicesimo.

Durante i due mandati si scontrò con il sovraintendente ai beni culturali Adriano La Regina, vero intenditore d?arte, quello stesso che ha stigmatizzato Veltroni per la truffa degli obelischi di Roma, mai restaurati ma avvolti per treanni nei tubi innocenti solo per guadagnarne la pubblicità che vi faceva appiccicare su.

Qualcuno mormora che lo fece per scalare vertici più alti, ma le male lingue non mancano mai. Fattosta che si precipitò a sposarsi in chiesa nel 1995 in vista dell?Anno Santo del 2000. Fosse questa la spinta alla conversione? Eh già, avere nelle mani il business di un Giubileo farebbe gola a tanti. e Rutelli non fece eccezione. Da quel momento lo vediamo a braccetto coi cardinali, e per essere più convincente si defilò per la prima volta dal World Gay Pride del 2000, Gay Pride cui non aveva mai mancato e per cui si era battuto.
La comunità gay si risentì non poco del tradimento del compagno di battaglie e Pannella commentò ?Stava con noi quando aveva i pantaloni corti e ora sta coi vescovi, ha fatto la comunione in tutte le parrocchie di Roma?.
Ma la via dell?Opus Dei era ormai imboccata. Per il Giubileo aprì alla mafia ben 700 cantieri, il suo mandato era agli sgoccioli e doveva racimolare il massimo. Roma divenne invivibile con cento strade bloccate dai lavori dove, come al solito, non si vedeva mai un operaio, perchè la mafia non si sporca le mani, ma subappalta a un?aziendina che si fa i lavori uno alla volta, con pochi operai altrimenti costa troppo.

Non pago dei cantieri fece un?altra prodezza: ordinò la smobilitazione del Complesso Di S. Maria della Pietà a Roma, un bellissimo parco con padiglioni fine ottocento che accoglievano i malati di mente nonchè sezioni staccate dell?Università La Sapienza dove si faceva ricerca.

Con la scusa della ricerca, un gruppo di medici, psichiatri, biologi e psicologi lavoravano in equipe per aiutare col solo ticket minimale (e spesso anche senza) una folla di malati mentali che non avrebbero mai avuto i soldi per curarsi. Ma l?ordine di Rutelli fu drastico: renderli tutti autonomi entro un anno e poi via tutti, perchè lui doveva costruire nel parco gli alberghi per i pellegrini del Giubileo, per cui tutto da demolire.

In più, nel comprensorio c?erno padiglioni che accoglievano psicotici non in grado di gestirsi, persone totalmente deliranti che vivevano lì da una vita, totalmente inebetiti e incapaci di gestirsi. Ma Rutelli assunse i cosiddetti assistenti sociali, psicologi in erba disoccupati, occupati a tempo e sottopagati, a cui ordinò di insegnare ai malati a gestirsi, fare la spesa, cucinare, pulire la casa, pagare le bollette ecc. In due anni doveva avvenire il miracolo, nonostante i malati (tutti dementi gravi che provenivano dal manicomio precedente tipo lager) avessero una paura fregata già ad uscire dal comprensorio, sia pure accompagnati.

Vi furono cartelloni, proteste, i malati andarono in TV a scongiurare il sindaco che non li gettasse in mezzo a una società che li terrorizzava, ma fu tutto inutile, Rutelli non rispose mai, e tutti furono gettati allo sbaraglio.

Ricordo una psicologa che mi riferì costernata: - La mia paziente aveva imparato a fare tutto, le avevamo preso un miniappartamento in affitto, arredato con beni di fortuna ma in fondo grazioso, il lunedì successivo doveva trasferirsi alla nuova casa, sembrava tranquilla, ma la domenica morì d?infarto. - Quei malati finirono per strada, come barboni, a morire di polmonite o di infarto, ma i padigioni furono liberati.

Da notare che quel complesso sorse a fine ottocento per un?opera di carità di una nobile che la cedette al comune per accogliere gli orfani.

Poi il Papa gli disse che era stato un lavoro inutile perchè l?accoglienza l?avrebbe fatta la Chiesa, i B&B l?avrebbero fatta le monache, quei soldi entravano al Vaticano, tutto guadagno senza tasse fin da allora, perchè pensionati e B&B figuravano come monasteri e nessuno osava confutare.

Ancora oggi si litiga sulla destinazione del comprensorio, perchè il suo valore fa gola a dx e sx. Un tempo sede manicomiale, con quei terribili luoghi di detenzione ove accadeva qualsiasi sopruso, giustamente chiuso per la legge Basaglia, poteva essere ristrutturato per organizzazioni sanitarie umane, ma dove non c?è business non ci si muove, e i bei padiglioni cadono a pezzi destinati al crollo.


Dal Messaggero di s. Antonio, perchè ormai Rutelli scrive sui giornali cattolici, sul giubileo disse che il suo era: - Un approccio di servizio. Il mio compito è di servire un avvenimento che entra a far parte della storia della mia città: senza gli anni santi, dal 1300 in poi, Roma non avrebbe il suo volto moderno di città civile, oltre che la sua impareggiabile funzione e autorità morale e religiosa. Personalmente sono cristiano, ho una formazione cattolica e una lunghissima militanza politica laica. Queste due storie della mia vicenda personale mi permettono di vivere in semplicità e con spirito di servizio, che è ancor più accresciuto con la mia nomina a commissario straordinario per il Giubileo per la città di Roma ?

Dichiarò che a Roma c?erano oltre 700 cantieri aperti, di cui 130 per il giubileo. Ce l?aveva fatta, si era aggiudicato il titolo che gli permetteva di maneggiare una montagna di soldi, ben 13000 miliardi delle vecchie lire (equivalente oggi a 26 miliardi di euro, una grossa finznziaria) con cui fece restaurare le chiese e trasformò i conventi in alberghi, cosicchè il Vaticano ci guadagnò tre volte: oltre ad aver ottenuto dallo stato i soldi per farlo, ha fatto pagare dai pellegrini pellegrini per farli dormire e non ha sborsato un euro di tasse.
E Rutelli che ci guadagnò? Ci fu la corsa folle al mangia mangia, tanto preso a speculare su quei soldi che lasciò all?Europa un contributo europeo per Roma di 750 milioni di lire che non riuscì a destinare alla capitale. Non ne ebbe il tempo, si scusò Rutelli, in effetti lui appozzava sui miliardi, che gli importava dei milioni? E soprattutto di Roma? http://isole.ecn.org/uenne/archivio/archivio2000/un15/art1083.html
Solo a Roma, sono stati investiti 13.000 miliardi (2.800 dello stato, gli altri del comune di Roma, delle ferrovie pubbliche, degli altri enti locali ed una piccola parte dei privati). Soldi presi dalle tasche di tutti i cittadini, anche dagli atei come me, con le tasse, che, ovviamente, la chiesa non paga.
Visto che siamo in Italia, oltre a finanziare spudoratamente una manifestazione privata (tale è il giubileo cattolico) con soldi pubblici, non si sono neanche creati il problema di renderne trasparente la gestione, per cui si stanno perpetrando colossali ruberie ai danni di tutti i cittadini italiani, sempre con la scusa del giubileo e con la complicità interessata della chiesa.

La gestione dei fondi di questo Giubileo è quanto di più arbitrario si possa immaginare; la cosa paradossale è che potrebbe essere perfettamente legale anche l?assegnazione di tutti i fondi ad una singola persona senza la realizzazione di una sola opera pubblica.

I 6.000 miliardi stanziati per l?anno santo dallo stato sono gestiti dall??Agenzia per il Giubileo? (gestita da Rutelli). Quest?agenzia non è un ente pubblico o un dipartimento ministeriale, ma una società per azioni (come la FIAT o la Telecom) che, senza alcun tipo di controllo (senza gare d?appalto, vincoli o altro) gestisce i soldi pubblici assegnategli. La cosa paradossale è che l?agenzia era nata con questa forma (tirandosi dietro gli strali dell?Unione Europea che vieta il finanziamento di un?azienda privata con fondi pubblici) con la scusa di fare in tempi rapidi e senza ostacoli burocratici una nuova linea di metropolitana a Roma.

Tutti sanno che, a Roma, basta scavare un buco in terra per trovare una statua romana; figuratevi con che credibilità pensavano di costruire, dal nulla, una linea di metropolitana in 5 anni attraverso il centro della città. Il risultato è che la metropolitana non si farà (e non si è fatta) ed i soldi verranno spesi senza alcun controllo?. Il libro più caro del mondo non è qualche testo miniato medioevale, o magari un codice leonardesco, ma un libretto di 54 pagine, scritto in pessimo italiano, assolutamente generico ed inutile (con affermazioni del tipo ?Se il dollaro sale verranno più turisti americani, se il dollaro scende un po? meno?) intitolato ?Piano degli interventi per il giubileo?: è costato 95 miliardi. - (= 210 milioni di ?, Rutelli è famoso in tal senso visto il famoso portale internet, di cui parleremo, che è costato 48 milioni di ?). Insomma come mangia Rutelli pochi riescono, ma il genuflettersi al Vaticano varrà pur qualcosa!

Questo è Rutelli.
Nel 2001 si candidò per il centro-sinistra contro Berlusconi e perse. Lamentò che per risalire la china nell?Ulivo, dovette ?mangiare pane e cicoria?, cioè ingoiare bocconi amari.

Cioè o raggiunge i vertici o si avvilisce, lo vada a raccontare alla gente che in Italia muore di fame, perchè quelli pane e cicoria se lo mangiano davvero, e senza metafora. Nonostante le amarezze nel 2001 divenne presidente nazionale della Margherita.

Ma non bastava ancora, la fame di Rutelli è insaziabile, così è diventato co-fondatore e co-presidente, insieme a Francois Bayrou, del Partito democratico Europeo (PDE). Altra carica, altro lauto stipendio, che naturalmente paghiamo noi.

Insomma la guida del comune di Roma si arricchì notevolmente, appoggiando come i suoi predecessori gli ex clienti e politici DC, le stesse losche aziende di ciclo dei rifiuti, nonché di holding edilizie dello stesso stampo. Infatti, secondo lo stile mafioso, a Roma si aprirono un?infinità di cantieri su cui non lavorava praticamente nessuno, con pochi extracomunitari arraffati dalle appaltanti mafiose che non fornirono loro alcuna sicurezza, tanto è vero che ci fu una morìa in quei cantieri.

Soprattutto senza che un solo giornale indagasse sull?operato, per quell?omertà fra destra e sinistra che copre gli inciuci mafiosi. In più consegnò alla moglie Palombelli, (nonchè alla moglie di Costanzo, per ringraziarlo per la pubblictà mediatica) la gestione degli autoparchi vigili per le auto rimosse, aumentandone a dismisura multe e costo del parcheggio, nonché la gestione degli autobus turistici romani e la gestione del transito di battelli turistici sul Tevere.

Ormai dimentico del suo ruolo di pacifista appoggiò la guerra in Iraq, nonché alla Conferenza Episcopale Italiana e in Vaticano, l?ostracismo ai gay, disapprovando le loro richieste di equiparazione di coppie di fatto alle coppie matrimoniali, sostenendo le campagne antigay di Ruini e di Papa Ratzinger.
Si oppose allo stesso modo, con la stessa faccia di bronzo, al referendum per l?abrogazione della legge papalina sulla fecondazione assistita, al diritto all?aborto, alla ricerca sulle cellule staminali, al riconoscimento delle coppie di fatto etero e gay, battendosi invece a favore del finanziamento delle scuole religiose private. Insomma a favore di tutto ciò che dava soldi alla Chiesa, sono queste le regole dell?Opus Dei, tu ci appoggi le leggi che ci assegnano soldini e noi ti diamo le cariche che ti portano soldini. Delle tesche degli italiani chissenefrega, che paghino e tacciano.

Ma la sua faccia tosta non ha limiti, perchè pur avendo tradito la comunità gay di cui faceva parte, nel 2001 si rivolse al sito Gay.it per avere il sostegno dei voti gay. Lo stesso sito che poi scrisse: - Ci andrebbe di sbanderargli la dichiarazione del novembre 2007 su Eva Tremila del porno attore etero Omar Galante: ?Vorrei girare un film gay con Rutelli!?. -
In più, nell?ultimo governo in qualità di Ministro della Cultura, Rutelli si è mangiato 48 milioni di ? per un portale on line che doveva diffondere l?immagine turistica dell?Italia nel mondo. Un sito da vergognarsi, brutto stilisticamente e privo di notizie. Il sito Italia.It dopo un anno ha chiuso perchè bruttissimo e non aggiustabile.
Ora Rutelli dice che no, che erano solo 7 milioni di ?, ma non è vero, lo so per certo, se ne è beccati 48 milioni, a pagare 2000 ? al mese un grafico, ci costava 48.000 ? l?anno, e lo potevamo pagare per mille anni, oppure potevamo assumere duecento persone per 50 anni, cioè fino alla pensione.
Così i politici rubano i nostri soldi mentre tanta gente muore di fame e di freddo perchè non può pagarsi la casa.

E uno così lo facciamo di nuovo sindaco?
blackwolf1987 blackwolf1987 29/04/2008 ore 17.19.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!

Vuoi tutta la lista di terroristi lanciatori di molotov schierati nelle vostre sinistre? :hoho chi è senza peccato scagli la prima pietra
lulu.86 lulu.86 29/04/2008 ore 17.20.50
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!


ma nel mio post ho x caso detto

era mejo rutelli???

i complessi

:hoho
reset65 reset65 29/04/2008 ore 17.22.42
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!

se fossi stata di roma chi avresti votato? risposta sincera eh ...
lulu.86 lulu.86 29/04/2008 ore 17.24.38
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!


se dovevo scegliere tra i 2 rutelli, ma nn x questo lo elogio...anzi....

vado a votare sl x rispetto alle innumerevoli donne ke hanno fatto d tutto x avere questo diritto, altrimenti nn avrei votato nessuno dei 2
Ricciotto Ricciotto 29/04/2008 ore 17.25.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!

.......capita.....:many .......godo.....evidentemente non ne ha lanciate abbastanza de Molotov
blackwolf1987 blackwolf1987 29/04/2008 ore 17.30.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!


hauahuahau

MANIFESTAZIONI INTOLLERANZA...

BOMBE MOLOTOV

AD OLTRANZA!
reset65 reset65 29/04/2008 ore 17.31.29
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!

un appunto bisogna farglielo ... tutti sti incidenti ... manco na vittima ! :hihi
signorinella85 signorinella85 29/04/2008 ore 18.08.47
segnala

(Nessuno)RE: ECCO A VOI IL NOSTRO SINDACO!!!

io so sincera preferisco duecentomila volte rutelli....

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.