Roma

Roma

Forum città di Roma

Gloria1977 29/07/2014 ore 17.57.21 Ultimi messaggi
segnala

ArrabbiatoCONSILGIONON ANDATE ALLA CLINICA VETERINARIA GREGORIO VII

Cari Lettori, Amanti degli animali, Proprietari di cuccioli, Blogger, insomma, tutti Voi,
Qualche minuto per raccontarvi in sintesi la mia recentissima esperienza legata al mio Cane Carlino, al grande caldo di domenica 20 luglio – con una percezione di 36 gradi circa – del suo collasso e della mia personale paura che morisse. La premessa di base doverosa è che amo il mio cane, lo ama la mia bimba di un anno e tutta la mia famiglia col quale lui passa tutto il suo tempo. Siamo legati da quasi 4 anni e quando è entrato nella mia vita è stato un toccasana emotivo importantissimo che mi ha sostenuto in un momento molto delicato della mia vita, ma non voglio tediarvi e quindi vengo al punto.
Se avete un cane, o un altro animale in casa, potete comprendere benissimo di che tipo di legame parlo, di quanto ci si può affezionare al punto di considerarlo parte della famiglia…se non lo avete, semplicemente ascoltate perché è una breve storia di sentimenti, e questi non hanno “padroni”.
Dicevo, il mio cane si sentì male con un collasso e relativa cianosi della lingua, nonostante i bagnoli con ghiaccio per tentare di abbassare la temperatura, non siamo riusciti a ripristinare uno stato di salute regolare, tanto che provandosi a spostare per raggiungermi, aveva completamente le zampe posteriori bloccate: camminava in pratica come una foca. E’ stato necessario e provvidenziale portarlo presso un pronto soccorso specializzato e l’unico in zona (Roma nord) di domenica, a luglio, con servizio 24h su 24h è l’ospedale veterinario di Gregorio VII, presso il quale mi sono recata con mio marito e il terrore di perdere il mio cagnolino.
Appena giunti al desk ci hanno dirottati verso il pronto soccorso con 6-7 medici veterinari che a rotazione ed in gruppo parlottavano (come se non ci fossimo) mentre ripristinavano la temperatura del cagnolino, con flebo ed ossigeno da me sostenuto per permettergli di respirare meglio….dopo due ore durante le quali il mio cane ed io siamo stati in una stanzina con l’ossigeno e la flebo appunto, torna la dottoressa con una diagnosi davvero poco positiva: probabile danno neurologico e tetraplegia, pertanto si consigliava di lasciarlo in osservazione presso l’ospedale perché forse non avrebbe superato la notte, tanto che ho dovuto firmare il consenso ad essere contattata nelle ore notturne qualora l’ipotesi fosse diventata realtà, l’indomani avrebbe dovuto fare la visita neurologica per capire la natura del danno ed eventualmente intervenire.
Vi lascio immaginare il mio stato d’animo…ovviamente ho acconsentito perché il cane rimanesse presso la struttura specialistica con personale qualificato e mentre piangevo per il dispiacere mi viene presentato un preventivo di minimo\massimo di spese che, visto lo scenario palesato, ho ritenuto opportuno firmare. Così lascio il cane, pagando 250,00 euro di “acconto su prestazione”.
Ora, lasciamo perdere che “il paziente” - come lo definiscono loro - non parla per ovvia strutturazione e classe di specie di appartenenza, ma vi sembra normale una spesa di 180,00 euro circa per una notte in osservazione? Lì per lì, ripeto, ho pensato fosse la cosa più giusta, ma il giorno seguente quando ho telefonato nell’orario previsto per avere informazioni, un’altra dottoressa mi ha spiegato che il cane stava meglio…camminava…ma che forse non era il caso di andare nell’orario di visita a trovarlo perché avrebbe potuto sentirsi male…e che era molto consigliata una ulteriore notte in osservazione…COSA????? Il mio cane era stato “miracolato”, ma non potevo vederlo e dovevo ancora lasciarlo per la modica cifra di altre 180,00 euro?
Telefono al mio veterinario che mi consiglia di riprendere il cane avvertendomi delle possibili difficoltà che avrei potuto riscontrare e che lo avrebbe visitato subito…presto fatto!
Ci rechiamo in ospedale per prendere il cane e qui inizia la parte più interessante: il “paziente” non era disponibile subito, non avevo concordato il ritiro e c’erano altre spese da regolarizzare…un totale di 330,00 euro…avete capito benissimo, 330,00 euro sì fatturate, ma con mio grande dubbio in merito a quanto eseguito…certamente “il paziente” non avrebbe mai potuto dissentire o confermare! Dopo un’ora di attesa inizio ad indispettirmi e a chiedere insistentemente il mio cane, finché dopo essermi presa anche parole tipo “maleducata” perché c’è modo e modo di dire le cose, (ma ad onor di cronaca ho tre lauree e sono almeno in grado di leggere e intendere e volere) mi portano dentro un’altra stanza dove non so chi sia perché ovviamente lavorano senza badge identificativo, la signora mi chiede perché sono arrabbiata e cosa è successo. Mi ritrovo a raccontare di nuovo il tutto e a dire che non né mia intenzione sostenere una spesa così elevata anche perché è veramente un insulto alla povertà, a chi sta male sul serio e a chi con 330,00 euro ci deve mangiare! Non solo, il fatto che il mio cane sia stato “miracolato”, che era consigliabile una ulteriore notte e che non era il caso lo andassi a trovare, bhé. Onestamente mi ha fatto – e molto – dubitare sulla buona fede della struttura medica. Al di là dell’amore per gli animali che è fuori discussione. Ma sentite bene: quando dico che non voglio pagare mi rispondono che non posso avere il cane! Nella guerra fredda che si era instaurata, dico alla Signora che “glielo regalo” e me ne vado piangendo.
Dopo una decina di minuti mio marito riesce a calmarmi e rientriamo per prendere il mio cagnolino…erano già in tre in stanza che stavano segnalando il mio comportamento di “abbandono” per il quale - come Voi ben sapete - ci sono sanzioni disciplinari e penali previsti (giustamente) dal codice. Ma vi rendete conto? Io abbandonare il mio cane???? Pago la differenza dovuto tra la completa indifferenza dei Signori – ed uso un eufemismo – dicendo che avrei fatto loro una “splendida pubblicità”: la cosa che più mi ha indignata??? La “Signora riccia” che mi guarda con un ghigno di sfida - consapevole della loro inattaccabilità - dicendo “faccia pure”. Oltre il danno economico – che vi assicuro è stato importante e risolto grazie al sostegno economico di mio marito e dei miei genitori – anche la beffa!
Morale della favola: poiché questi splendidi Signori giocano sull’emotività del momento, sui sentimenti e sul legame verso i nostri animali, sanno bene cosa dire e come farlo, amplificano situazioni per gettare le Persone nel panico – non a caso nella nostra ora e più di attesa ben 3 persone sono uscite piangendo - e poi si pongono e propongono come “salvatori”.
Contro di loro non si può fare nulla: ho firmato un contratto con clausole che prevedono l’invio dell’animale presso il canile\gattile municipale qualora il padrone non lo ritirasse in due giorni dalle dimissioni, in fattura la dicitura è “anticipo su prestazioni”, quindi non si specifica cosa si paga e tantomeno lo si sa chiaramente, per non parlare dei costi a dir poco allucinanti…ma 16-17 medici in organico dovranno pur essere pagati! Si sono ben organizzati a garantire una “efficientissima” struttura!!!
La mia lettera è per raccontarvi la mia esperienza, per consigliarvi di rivolgevi a veterinari che con il loro lavoro onesto, vivono e non speculano, per dirvi di mantenere il sangue freddo anche quando il problema è critico: non posso dirvi altro per non avere una diffida, ma nel rispetto della libertà di parola e opinione, perché non augurarvi di stare alla larga da certi Soggetti??? Come la “Signora riccia” che deride chi a fatica arriva a fine mese perché è onesta, ma nonostante questo ha fatto del suo meglio per il proprio cagnolino.
Carissimi, Vi ringrazio per l’attenzione, se potete divulgate questa mia storia, non chiedo nulla, solo di evitarvi una spiacevolissima esperienza personale, affettiva ed economica e dimenticavo la cosa più importante: il mio cagnolino sta benissimo, non era tetraplegia, ma una conseguenza del colpo di calore…un caro saluto a Voi e ai Vostri cuccioli.
Gloria
8277666
Cari Lettori, Amanti degli animali, Proprietari di cuccioli, Blogger, insomma, tutti Voi, Qualche minuto per raccontarvi in...
Discussione
29/07/2014 17.57.21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Juliekoala Juliekoala 15/10/2014 ore 22.21.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CONSILGIONON ANDATE ALLA CLINICA VETERINARIA GREGORIO VII

che orrore! mi dispiace che tu abbia avuto un esperienza simile :( Ringraziando Dio i miei cuccioli non hanno mai avuto problemi troppo gravi. Purtroppo anche con i veterinari bisogna trovare una persona che AMA gli animali , non che li odia o che non abbia pazienza. Non sono mai andata in questa clinica e spero di non andarci mai dato quello che mi hai scritto.
Spero che il tuo Carlino stia bene sano e salvo ( sono cani che strAdoro <3 )!
Comunque ho saputo che il miglior modo per capire cosa faccia bene al tuo cane o no sia dal DNA del pelo, sembra una stupidaggine ma come noi loro hanno delle debolezze fisiche che vanno aiutate con integratori o altri tipi di alimenti. Me l'ha consigliato proprio una cliente con un Carlino che è diventato una forza della natura dopo tutte le cure. :D

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.