Salute e Benessere

Salute e Benessere

Sei in forma o hai qualche chilo di troppo? Scambiamoci qualche idea su come mantenere la linea!

snTRbono snTRbono 23/08/2011 ore 20.18.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

marte730
per prima cosa la situazione in africa non è proprio quella che ti fanno vedere le associazione di raccolta fondi (associazioni ruba fondi le chiamo io),è tutto amplificato in maniera esponenziale e mi sembra anche ovvio il motivo.

poi non si può paragonere luoghi in cui manca acqua potabile,cibo e igiene...anche l'occidentale fisicamente messo meglio in queste condizioni morirebbe molto presto.

NON SI PUò FARE UN PARAGONE CON VARIABILI COMPLETAMENTE DIVERSE.
paolodel56 paolodel56 23/08/2011 ore 21.36.55
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

@ snTRbono: Sarà anche amplificato, però la vita media, credo si aggiri sui 40 anni, e la gente muore perchè non ha farmaci equivalenti ad un' aspirina, o poco più, sul resto, non mi pronuncio (ruba fondi), ormai ne abbiamo viste di tutti i colori, " S' è visto Po pieno e Po vuoto", dicono dalle mie parti. Credo però che la farmacologia sia importantissima, si sono fatti passi da gigante, io non riesco a capire chi è contro i medicinali senza se e senza ma, voi avrete anche ragione a dire che le multinazionali e le grosse ditte farmaceutiche speculano, però, se io ho ancora mia madre, (90 anni), che è Parkinsoniana, lo devo ai medicinali ed ai centri che si sono sviluppati ed evoluti in questi anni, ma non è l' unica, ho visto persone più giovani di me, ammalate di Parkinson dovreste saperlo che questa malattia porta alla morte. Non voglio sentire NESSUNO che mi parla di cure alternative, o quant' altro, perchè non ce ne sono. E gli dico subito del somaro...............
snTRbono snTRbono 23/08/2011 ore 23.31.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

paolodel56
Sarà anche amplificato, però la vita media, credo si aggiri sui 40 anni, e la gente muore perchè non ha farmaci equivalenti ad un' aspirina

non è la mancanza di farmaci a fare vittime,ma la mancanza di acqua potabile,cattiva igiene e scarsa nutrizione...ma questa è solo una piccola parte di africa.
un occidentale in tali condizioni potrebbe prendere tutte le aspirine,cazzi e mazzi che vuole,ma farebbe la stessa fine.

Credo però che la farmacologia sia importantissima, si sono fatti passi da gigante, io non riesco a capire chi è contro i medicinali senza se e senza ma,

a mio avviso la farmacologia è una merda...sono degli assassini.
poco tempo fa uscì un articolo in cui il governo francese vuole stanziare dei fondi per la ricerca su le malattie rare che colpiscono anche solo l'1% della popolazione.
questo perchè tali malattie non trovano l'interesse delle industrie farmaceutiche in quanto i costi di produzione e di ricerca sarebbero troppo elevati per i guadagni dati dall'1% della popolazione.

TI PARE GIUSTO CONDANNARE QUESTE PERSONE A CONVIVERE CON TALI MALATTIE SOLO PERCHè NON REDDITIZIE?

credi ancora che essi siano dei benefattori,la verità è che la cura per una malattia viene diffusa solo se più redditizia rispetto a quella già esistente.
se un gruppo di ricerca scopre una cura essa deve essere venduta alle case farmaceutiche per essere prodotta e se essa e meno redditizia di quella già in uso comprano il brevetto senza mai produrla,ma continuando a usare le vecchie cure.

questo meccanismo non avviene neanchè più perchè non esistono quasi più gruppi di ricerca che hanno fondi propri,quindi sono le case farmaceutiche che investono e quindi decidono e pilotano cosa ricercare.

ad esempio se oggi per curare i tumori si usa ancora chemio e radio terapia è solo perchè esse portano un business incredibile...ti parlo per aver vissuto tale situazione con un parente.

un'altra cosa è che più effetti collaterali hanno i farmaci prodotti e meglio è,in quanto il manifestarsi di tali effetti porterà a l'uso di un altro farmaco,che porterà altri effetti collaterali e quindi ne servirà ancorà un altro e così via.

MIN 8.50 DI QUESTO VIDEO UNA COSA CURIOSA
http://www.youtube.com/watch?v=JfrOVLgKHRk&feature=related
snTRbono snTRbono 23/08/2011 ore 23.58.56 Ultimi messaggi
paolodel56 paolodel56 24/08/2011 ore 05.32.13
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

Guarda, ho l' impressione che se anche stiamo a discutere per tre mesi, non ne saltiamo fuori, io ti dico solo una cosa, poi ti lascio alle tue idee, senza questi FARMACI, mia madre non ci sarebbe più. E non li puoi sostituire con delle teorie e delle baggianate. Ovviamente non li fanno pagare, per fortuna, ma quando vado in ospedale, a prenderli, col piano terapeutico di uno specialista, c' è la coda, sì, bisogna prendere il numeretto. E tutte quelle persono, senza questi farmaci, non ci sarebbero.
snTRbono snTRbono 24/08/2011 ore 11.23.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

paolodel56
ti dico la nuda e cruda verità...questi farmaci che hai messo saranno sostituiti solo per inserirne i nuovi più costosi,quindi anche se scoprissero la cura al parkinson la produrrebbero se fa fare meno soldi.

perchè non ci poniamo anche delle domande su quali siano le cause del parkinson?
paolodel56 paolodel56 24/08/2011 ore 12.28.20
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

Sezione intestazione | vai alla sezione contenuti | vai alla sezione navigazione
Sezione contetuti | Vai alla sezione intestazione | vai alla sezione navigazione
home > patologie > parkinson > Sindrome di Parkinson
Cause
Autore: Stefano Bussolon
La ricerca delle cause del Parkinson si concentra sui motivi della perdita selettiva di cellule nella substantia nigra e nel locus ceruleus. La presenza di pigmento (neuromelanina) in tali nervi costituisce un indizio importante, in quanto il pigmento è dovuto alla dopamina. La perdita del pigmento può essere attribuita alla presenza di una tossina tuttora non riconosciuta, o a un deficit di carattere genetico.

Ipotesi genetica e ipotesi tossica
Il fatto che il morbo di Parkinson, pur presentando sintomi piuttosto specifici, sia stato descritto per la prima volta solo nel 1800 (1817) costituisce un indizio a favore dell'ipotesi tossica che fa risalire la causa ad una sostanza chimica prodotta dall'inquinamento ambientale. Pur non esistendo prove dirette a supporto, tale ipotesi è tuttora presa in condiderazione dalla ricerca.

Sotto il profilo epidemiologico sono stati riscontrate delle circostanze interessanti; in primo luogo il Parkinson affligge soprattutto i non fumatori. Questo lascia supporre che la nicotina possa assolvere ad una funzione di protezione delle cellule dei gangli della base. In secondo luogo pare che l'incidenza sia maggiore nelle aree rurali che in quelle urbane.

L'ipotesi ereditaria non pare confermata da studi su gemelli identici: la diagnosi di parkinson in uno dei due gemelli non aumenta la probabilità che l'altro fratello possa contrarre la malattia, quantomeno in forma conclamata. Studi più recenti, che fanno uso della tomografia per emissione di positroni (PET), sembrano però attribuire all'ipotesi genetica un'importanza maggiore.

La scoperta che più ha contribuito all'ipotesi tossica è l'identificazione del farmaco MPTP quale causa di una patologia irreversibile simile al Parkinson. Il ruolo del MPTP venne alla luce alla fine degli anni 70, quando fu riscontrato che numerosi pazienti che contrassero il Parkinson in giovane età avevano fatto uso di sostanze stupefacenti contenenti MPTP; studi sui primati confermarono l'insorgere di Parkinson in seguito alla somministrazione di tale principio.

Una sintomatologia simile a quella del Parkinson è riscontrata nei pazienti affetti da encefalite virale (sleeping sickness). Il decorso dell'encefalite virale è più lento che nel Parkinson; nella substantia nigra si riscontra una perdita neurale maggiore che nel Parkinson, ma senza corpi di Lewy.

I pugili professionisti, a seguito dei violenti colpi al capo cui sono soggetti, possono sviluppare una sindrome di Parkinson di carattere progrssivo.

Incidenza dell'età
L'età media di insorgenza del Parkinson è di 60 anni. L'età costituisce dunque un fattore eziologico importante. Nell'adulto sano la perdita di cellule e pigmento nella substantia nigra è maggiore proprio intorno al sessantesimo anno di età. Poiché il pigmento protegge le cellule contenenti dopamina dagli effetti del MPTP, delle tossine e dei radicali liberi, la perdita di pigmenti può predisporre il cervello delle persone anziane al Parkinson.

Sebbene il calo del livello di dopamina nello striato abbia una distribuzione legata all'età differente da quella della pigmentazione della substantia nigra, può anch'esso contribuire alla predisposizione all'insorgenza del Parkinson.

Un'altro fattore degno di interesse è la crescita della concentrazione di ferro nel cervello. La concentrazione di ferro è praticamente nulla alla nascita, e cresce gradualmente fino ai 30 anni, per rimanere poi stabile fino ai 60. La presenza di ferro è concentrata nella substantia nigra e nel globus pallidus. Dopo i 60 anni la concentrazione di ferro tende nuovamente a crescere, soprattutto nello striatum. Il ferro viene assorbito a livello intestinale e trasportata al cervello da una proteina denominata transferrina. Il ferro viene immagazzinato nella glia, legato ad una proteina denominata ferritina. Finché il ferro è legato risulta innoquo, ma se viene liberato porta alla formazione di radicali liberi. Alcuni studi osservano che il livello di ferro libero è maggiore nelle persone affette da Parkinson, sebbene non sia stato possibile capire se il ferro costituisca una causa o un effetto del Parkinson.

Articolo precedente: Sintomi e diagnosi Articolo successivo: Patologie simili al Parkinson
Test on line
Misura la tua capacità logica, il tuo lessico, le tue capacità induttive con i test on line di hyperlabs.net.

» I test di intelligenza

Neuropsy su Facebook
like

» La pagina Facebook di Neuropsy

» Il nuovo gruppo Facebook Neuropsicologia e Psicoterapia, in sostituzione al vecchio gruppo.
Sezione navigazione | Vai alla sezione contenuti | Vai alla sezione intestazione
Paragrafi
· Ipotesi genetica e ipotesi tossica
· Incidenza dell'età
Neuropsy.it
Cos'è Neuropsy.it
La Neuropsicologia clinica
Contatti
Blog
Il Blog
Emozioni
Motivazioni
Sessualità
Sezioni
Casi clinici
Articoli scientifici
Test neuropsicologici
Patologie
Neoplasie
Alzheimer
Parkinson
Trauma cranico
Demenza vascolare
Depressione
Deficit
Afasia
Agnosia
Agrafia
Amnesia
Aprassia
Dislessia
Neglect
Terapia
Psicoterapia
Assertività
Funzioni
L'intelligenza
L'attenzione
Forum
Depressione
Intelligenza
Parkinson
Alzheimer
Trauma cranico
Dislessia
Chi siamo

neuropsy.it è un progetto del dott. Stefano Bussolon, psicologo e psicoterapeuta.
Codice fiscale BSS SFN 68T26 H612A - P.iva 01651180224
web design: hyperlabs.net.
snTRbono snTRbono 24/08/2011 ore 12.48.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

mi pare si brancoli un pò nel buio a riguardo.

con tutto il rispetto per i malati di parkinson,ma credo e ho l'impressione che anche su questa patologia non si sappia tutta la verità.

il parkinson può portare alla morte,ma con processi molto lenti...possono passare anche 20 anni e visto l'insorgenza in età avanzata è probabile che i malati vadano via prima per vecchiaia che a causa del parkinson.

parlo per impressioni e per che so sulle industrie farmaceutiche...i farmaci per il parkinson mi sembrano più i soliti prescritti per alleviare i sintomi,come ad esempio il tremore,ma la malattia fa il suo corso a prescindere dal farmaco.

quindi a mio avviso tua mamma sarebbe vissuta fino a 90 anni anche senza farmaci,ma con qualche fastidio in più.
paolodel56 paolodel56 24/08/2011 ore 13.29.58
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

@ snTRbono: No, il Parkinson è una malattia degenerativa del sistema nervoso e porta alla morte, risalire alle cause, sarebbe come ricercare ciò che porta all' Alzheimer, alla SLA............I farmaci servono PER RALLENTARE il progredire della malattia, per attenuarne i sintomi e le conseguenze, ma guarire non è possibile, vivere meglio, ed anche tanto meglio sì, l' ho gia detto e lo ripeto, ho visto Parkinsoniani più giovani di me, o coetanei, quindi..........La mamma ha una fibra forte, quello sì, un fisico di quelli di una volta, ma se avessi ascoltato quel CRETINO che mi ha detto che si trattava di un tremore senile, salvo essere smentito una settimana dopo da uno specialista, a quest' ora non sò se sarei qui a digitare con mia madre al piano di sotto, che guarda la TV! Tante volte, il pericolo sono i medici, più che i farmaci, comunque, se proprio sei assolutamente contrario, non sò che dirti, mi rimane un dubbio, anzi, più di uno: ma se ti ammali, se hai dolori forti, che fai, sopporti? io gli antidolorifici, AL BISOGNO, li prendo. E se devi farti operare, rifiuti l' anestesia? A me non pare una buona idea.
Burian87 Burian87 24/08/2011 ore 13.41.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'aids è realmente causata dall'hiv oppure no?

Purtroppo sto notando che i medici di oggi sono molto più impreparati, invece di essere migliori di quelli di ieri. Almeno questo accade in Italia. Conosco diverse persone che hanno medici di fiducia in grandi città (Roma e Napoli) ormai più che settantenni, e percorrono oltre 100Km per avere una diagnosi da loro piuttosto che affidarsi a medici di famiglia più giovani, di provincia e molto impreparati. Soprattutto gli specialisti e generici di una volta, sapevano inquadrare una malattia nel suo complesso, avevano una cultura generale vasta. Oggi molti giovani specialisti sanno tutto sul loro ristretto campo ma ignorano tutto ciò che riguarda altri campi, e danno magari cure che vanno a danno di altri aspetti della salute del paziente

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.