Make.MePure 03/03/2009 ore 17.55.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Entro un mese nuove regole su cani

Entro un mese nuove regole su cani
Scatta responsabilità civile e penale
L'ordinanza contro le aggressioni dei cani entrerà in vigore entro la fine di aprile. Lo ha annunciato il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini. Sono sette gli articoli della nuova regolamentazione. Scompare la lista delle razze pericolose e arriva la responsabilità penale e civile dei proprietari. Inoltre divieto di selezioni e addestramento all'aggressività, doping e interventi chirurgici per modificare la morfologia degli animali.

Sono sette gli articoli della nuova ordinanza. Scompare la black list, ovvero la lista nera delle razze pericolose, arriva la responsabilità penale e civile dei proprietari e di chi detiene un cane anche momentaneamente, vengono vietati l'addestramento all'aggressività, selezioni o incroci pericolosi, il doping e gli interventi chirurgici destinati a modificare la morfologia di un cane o non finalizzati a scopi curativi. Tra l'altro l'ordinanza obbliga chiunque conduca il cane in ambito urbano a raccoglierne le feci e avere con sè strumenti idonei alla raccolta. In primo piano il ruolo dei veterinari cui spetterà il compito di organizzare un registro per i cani a rischio potenziale elevato. Per questi cani è obbligatorio sia il guinzaglio che la museruola.

"Questa è una giornata storica per quanto riguarda l'attività del Ministero sul rapporto uomo-animale. Un lavoro straordinario nel quadro europeo". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, presentando l'Ordinanza per la tutela "dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani". "Abbiamo stabilito per la prima volta la responsabilità del proprietario e di chi detiene momentaneamente l'animale. Per la prima volta - ha sottolineato Martini - vengono previsti corsi formativi ad hoc, un patentino e viene creata un'alleanza e una rete tra amministrazione centrale, locale, esperti e cittadini".

"I metodi adottati nelle ordinanze precedenti - ha aggiunto Martini - non avevano fondamento scientifico. Non esistono razze pericolose. Le 17 razze indicate nella precedente ordinanza hanno fallito l'obiettivo perche' di fatto non si è inciso sulla responsabilità dei proprietari tanto che non sono diminuite le aggressioni che anzi sono avvenute in modo costante e in ambito familiare oppure legate alla piaga del randagismo".

"Con questa ordinanza storica abbiamo superato - ha concluso Martini - la black list che era una foglia di fico e abbiamo alzato il livello di garanzie per i cittadini".



COSA NE PENSATE ?
7888956
Entro un mese nuove regole su cani Scatta responsabilità civile e penale L'ordinanza contro le aggressioni dei cani entrerà in...
Discussione
03/03/2009 17.55.06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
M40ALprov M40ALprov 03/03/2009 ore 18.11.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Entro un mese nuove regole su cani

dipende..

dipende se come sempre, in Italia, si fanno le regole ma poi si fanno rispettare ?

in linea di massima gli indirizzi presi mi piacciono, responsabilizzare ed educare i padroni, troppo spesso i cani fanno le spese di padroni idioti.. i cani. ed anche degli innocenti, bimbi o meno che siano.

saluti

BK
ducas27 ducas27 03/03/2009 ore 20.21.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Entro un mese nuove regole su cani

-''In primo piano il ruolo dei veterinari cui spetterà il compito di organizzare un registro per i cani a rischio potenziale elevato. Per questi cani è obbligatorio sia il guinzaglio che la museruola.''il confronto è un po' forzato ma forse il concetto equivale...i medici dovrebbero denunciare alla polizia qualsiasi malvivente o extracomunitario nn in regola che a loro si rivolge per avere doverosa assistenza,magari dopo aver commesso un crimine e con il sangue della vittima ancora addosso..bene,quanti di loro,che fanno questo lavoro per vocazione,saranno disposti a farsi promotori di un gesto tanto eclatante quanto meschino????quanti veterinari,da parte loro, segnaleranno su di un registro la latente pericolosita' di un animale di proprieta' di un loro cliente,commettendo un altrettanto gesto tanto meschino quanto controproducente?
-''vengono previsti corsi formativi ad hoc, un patentino e viene creata un'alleanza e una rete tra amministrazione centrale, locale, esperti e cittadini".mi sembra di aver capito che l'obbligo del patentino verra' imposto al padrone solo nei casi di reiterata,palese aggressivita' del cane.che senso avrebbe?cos'è,una sorta di indulto umano-canino?
-"Con questa ordinanza storica abbiamo superato - ha concluso Martini - la black list che era una foglia di fico e abbiamo alzato il livello di garanzie per i cittadini".la black list è e rimarra' sempre la targa identificativa di un certo tipo di cani,non si cancella con un colpo di spugna ne' con specchietti per le allodole come questi!
gohanina gohanina 03/03/2009 ore 22.40.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Entro un mese nuove regole su cani

Make.MePure scrive:
Sono sette gli articoli della nuova ordinanza. Scompare la black list, ovvero la lista nera delle razze pericolose, arriva la responsabilità penale e civile dei proprietari e di chi detiene un cane anche momentaneamente, vengono vietati l'addestramento all'aggressività, selezioni o incroci pericolosi, il doping e gli interventi chirurgici destinati a modificare la morfologia di un cane o non finalizzati a scopi curativi (MA MAGARI!). Tra l'altro l'ordinanza obbliga chiunque conduca il cane in ambito urbano a raccoglierne le feci e avere con sè strumenti idonei alla raccolta (LO DETTA IL BUONSENSO). In primo piano il ruolo dei veterinari cui spetterà il compito di organizzare un registro per i cani a rischio potenziale elevato. Per questi cani è obbligatorio sia il guinzaglio che la museruola (SECONDO ME SE UNO SA DI AVERE UN CANE PERICOLOSO DOVREBBE CAPIRLO DA SOLO DI METTERE GUINZAGLIO E MUSERUOLA, C'è BISOGNO CHE LO DICA LA LEGGE?).

Per la prima volta - ha sottolineato Martini - vengono previsti corsi formativi ad hoc, un patentino (SONO D'ACCORDO) e viene creata un'alleanza e una rete tra amministrazione centrale, locale, esperti e cittadini" .

"I metodi adottati nelle ordinanze precedenti - ha aggiunto Martini - non avevano fondamento scientifico. Non esistono razze pericolose (MA DAI!?!? OH CI SONO ARRIVATI). Le 17 razze indicate nella precedente ordinanza hanno fallito l'obiettivo perche' di fatto non si è inciso sulla responsabilità dei proprietari tanto che non sono diminuite le aggressioni che anzi sono avvenute in modo costante e in ambito familiare oppure legate alla piaga del randagismo".

scemm scemm 04/03/2009 ore 04.35.12 Ultimi messaggi
Make.MePure Make.MePure 04/03/2009 ore 09.28.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Entro un mese nuove regole su cani

a me il veterinario qualche mese fa ha detto che sembrava volessero fare un patentino per i possessori di cani cosi detti "pericolosi" vedi lista nera...
M40ALprov M40ALprov 04/03/2009 ore 12.04.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Entro un mese nuove regole su cani

IL "patentino" ha senso secondo me, inizialmente per i cani di razze potenzialmente mordaci o di grossa stazza, in seconda battuta per tutti, visto che , pericoli a parte, non va' dimenticato il fastidio provocato da cani piccoli ma abbaioni, o lasciati liberi di scorazzare e rompere le palle al prossimo.

Ho qualche dubbio sulla competenza dei veterinari, non che siano dei pistola come chi commenta i threads, con AH AH AH, o MAH.., ma, come per i medici degli umani, anche i veterinari hanno diverse specializzazioni (a parte il generico.. che va' bene per cose comuni, ma oltre si deve affidare ad uno specialista), e non possono per forza di cose essere onniscenti.

Tanto meno possono per forza aver studiato comportamentismo, o psicologia canina.

Quindi hanno competenza a decidere ?? a capire ??

Non credo, sarebbe come chiedere ad un medico generico, di stabilire il quadro psicologico esatto di una persona...e quindi se sia socialmente pericolosa o meno.

BK

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.