Calcio

Calcio

Ho la testa nel "pallone": dai campionati italiani a quelli esteri, dalle coppe europee al calciomercato.

80.GALAXY 26/02/2018 ore 14.36.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Muro della vergogna parte seconda

Ricordiamo qui alcune delle pagine più nere del calcio nostrano. Partite che sono rimaste impresse nella memoria perché palesemente condizionate da fattori esterni e/o scandalose direzioni arbitrali.

8533940
Ricordiamo qui alcune delle pagine più nere del calcio nostrano. Partite che sono rimaste impresse nella memoria perché...
Discussione
26/02/2018 14.36.48
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
80.GALAXY 80.GALAXY 26/02/2018 ore 14.36.57 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 26/02/2018 ore 14.37.10 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 26/02/2018 ore 14.42.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Muro della vergogna parte seconda

A chiarirci come andarono le cose in quegli anni neri c'ha pensato l'ex presidente azzurro Corrado Ferlaino, quasi a volersi lavare la coscienza.

-

L'ex presidente del Napoli rivela i trucchi per far sfuggire il Pibe de oro all'antidoping. E sullo scudetto del '90: "Avevo buoni rapporti col designatore..."


NAPOLI, 11 settembre 2003 - Trucchi per sfuggire alle maglie dei controlli antidoping, designazioni degli arbitri compiacenti se non pilotate, coperture per salvare Maradona. Corrado Ferlaino vuota il sacco - il suo almeno - in una pepatissima intervista rilasciata al quoidiano Il Mattino di Napoli. "Maradona mi attacca sempre - racconta l'ingegnere -, mi ritiene un nemico ma l'ho salvato decine di volte. Con l'antidoping soprattutto. Dalla domenica sera al mercoledì Diego era libero di fare quel che voleva, ma il giovedì doveva essere pulito. Moggi, Carmando, il medico sociale chiedevano ai giocatori se erano a posto. Io non sapevo cosa accadeva, ma qualche anno dopo ho scoperto che, se qualcuno era a rischio, gli si dava una pompetta contenente l'urina di un altro; lui se la nascondeva nel pantalone della tuta e nella stanza dell'antidoping, invece di fare il suo 'bisognino', versava nel contenitore delle analisi l'urina 'pulita' del compagno. Nonostante questo Diego, quel giorno del 1991, fu trovato positivo".
"Moggi - continua Ferlaino riferendosi all'allora manager del Napoli - aveva chiesto a Maradona se era in condizione e lui rispose: sì, lo sono, va tutto bene. Il fatto è che i cocainomani mentono a sé stessi. Risultò positivo e quando l'allora presidente federale Nizzola mi chiamò in via confidenziale per darmi la notizia fu troppo tardi. Insistetti, gli dissi: presidente dimmi cosa posso fare, ma lui rispose: ormai non puoi fare più nulla". E sul sistema di controllo in vigore oggi: "Non si può andare in tuta a fare i controlli, bisogna essere nudi. quindi il trucco della pompetta è irrealizzabile. Adesso c'è una lista con dei numeri, ognuno corrisponde a un calciatore, un medico preposto li estrae a sorte. Ma non è difficile trovare medici amici. Per cui basta toccare con le mani inumidite dalla saliva i numeri dei giocatori sicuramente puliti, così i numeri diventano più luccicanti e quando si estrae si sa come scegliere. Una specie di sorteggio pilotato, insomma".

Altre rivelazioni sul secondo scudetto vinto dal Napoli nel 1990: "Allacciai buoni rapporti con il designatore Gussoni. Il Milan aveva un arbitro molto amico, Lanese, a noi invece era vicino Rosario Lo Bello, che era un meridionalista convinto. Il campionato si decise il 22 aprile: il Milan giocava a Verona, Gussoni designò Lo Bello per quella partita; successe di tutto, espulsioni, milanisti arrabbiati che scaraventarono le magliette a terra: persero 2-1. Noi vincemmo serenamente a Bologna per 4-2 e mettemmo in tasca tre quarti di scudetto". E la famosa monetina di Alemao a Bergamo? "Fu colpito - spiega l'ingegnere - forse ingigantimmo l'episodio ma la partita comunque era già vinta a tavolino. Facemmo un po' di scena. L'idea fu del massaggiatore Carmando. Alemao all'inizio non capì, lo portammo di corsa all'ospedale, gli feci visita e quando uscii dichiarai addolorato ai giornalisti: 'Non mi ha riconosciuto'. Subito dopo scoppiai a ridere da solo, perché Alemao era bello e vigile nel suo lettino".


http://www.gazzetta.it/primi_piani/2003/pp_1.0.149501773.shtml
80.GALAXY 80.GALAXY 26/02/2018 ore 15.01.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Muro della vergogna parte seconda

negli anni '80 i nap non rubarono solo due scudetti, come ammesso da Ferlaino, ma pure la coppa Uefa, grazie ad un clamoroso errore arbitrale che permise agli azzurri di eliminare la Juventus nei quarti di finale.



Dopo essersi imposti per 2-0 nella gara d'andata i bianconeri vanno in gol anche nei primi minuti della partita di ritorno con Laudrup, ma il guardalinee sbandiera un assurdo fuorigioco, annullando la rete. Il fermoimmagine dimostra come l'attaccante danese fosse in gioco di almeno due metri! Con quel gol la Juve avrebbe chiuso il discorso qualificazione, visto che al napoli sarebbero servite 4 reti per passare. Arriva invece un rigore dubbio per il napoli, che segna poi anche il 2-0 che porta le squadre ai supplementari, allo scadere dei quali arriva la terza rete che vale la qualificazione.
19774795
negli anni '80 i nap non rubarono solo due scudetti, come ammesso da Ferlaino, ma pure la coppa Uefa, grazie ad un clamoroso...
Risposta
26/02/2018 15.01.51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
80.GALAXY 80.GALAXY 26/02/2018 ore 15.03.15 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 26/02/2018 ore 15.08.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Muro della vergogna parte seconda

L'assurdo rigore non fischiato a favore della Juventus nella finale della coppa Italia 2012 contro il napoli. Sul risultato di 0-0 Aronica entra dritto sull'uomo, scalciando Marchisio mentre si accinge a battere a rete. Rigore solare negato ai bianconeri.



80.GALAXY 80.GALAXY 26/02/2018 ore 15.18.04 Ultimi messaggi
Secret.Love Secret.Love 26/02/2018 ore 19.32.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Muro della vergogna parte seconda



Primo scudetto del Napoli conquistato a TORINO con una vittoria 1-3 viziata con 2 gol in fuorigioco. Sul primo gol (3 giocatori in off-side di cui uno in zona attiva) e sul terzo che si vede nettamente.
19775030
« video » Primo scudetto del Napoli conquistato a TORINO con una vittoria 1-3 viziata con 2 gol in fuorigioco. Sul primo gol (3 g...
Risposta
26/02/2018 19.32.51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
SantiagoNasar SantiagoNasar 27/02/2018 ore 09.38.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Muro della vergogna parte seconda

ah quindi si possono mettere anche le singole partite nel muro della vergogna? il post di raul sfiorerà le 800 risposte :hoho
80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.19.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Muro della vergogna parte seconda

@Secret.Love scrive:
Primo scudetto del Napoli conquistato a TORINO con una vittoria 1-3 viziata con 2 gol in fuorigioco. Sul primo gol (3 giocatori in off-side di cui uno in zona attiva) e sul terzo che si vede nettamente.


Mamma mia che schifo. Rubando in quello scontro diretto si cucirono mezzo scudetto sul petto. :vomitino
Ma questi sono mai riusciti a batterci onestamente? A volte però siamo riusciti a prevalere malgrado l'arbitraggio avverso. Ad esempio nella semifinale di coppa Italia dello scorso anno li abbiamo massacrati, nonostante un clamoroso rigore non fischiato per una spinta plateale su Dybala al momento del tiro.



80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.20.33 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.21.10 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.21.56 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.22.27 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.23.01 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.23.32 Ultimi messaggi
80.GALAXY 80.GALAXY 27/02/2018 ore 15.33.50 Ultimi messaggi
bruttissimo7 bruttissimo7 27/02/2018 ore 16.07.38
segnala

(Nessuno)RE: Muro della vergogna parte seconda

che vergogna eheheh

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.