Cinema

Cinema

Cinefili cronici unitevi! Recensite gli ultimi film che avete visto e dategli un voto!

elisabetta2016 25/03/2021 ore 12.43.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)I 100 anni di Nino Manfredi

E' nato nel 1921, e quest'anno ricorre il centenario della sua nascita, ossia se fosse ancora vivo oggi o ieri , insomma quest'anno compirebbe cento anni.
In occasione di questa ricorrenza le reti Rai hanno mandato in onda varie trasmissioni su di lui, interviste ai famigliari, alla moglie, ai figli, a chi lo conobbe, un documentario intitolato 'Uno nessuno centomila' fatto dal figlio luca, e poi, vari film ed altre cose ancora.
Ma proprio su questo documentario e sulla scelta del suo nome che vorrei fermarmi: "Uno nessuno centomila".
Secondo quanto detto da moglie e figlio nell'intervista resa la domenica prima da Mara Venier. Il padre e marito era cosi, uno nessuno centomila.
Questa osservazione, questo volerlo evidenziare o rimarcare , da parte dei suoi famigliari mi è parso cosi banale.
tutti conoscono il libro di Pirandello che porta questo nome e tutti conoscono il pensiero pirandelliano.
Un pensiero, che ridotto ai suoi termini essenziali, significa che ogni uomo , che la psiche umana è molteplice, non esistono stereotipo, schemi univoci. Ognuno di noi può essere molto diverso, nel tempo, nei luoghi. Poi Pirandello andava oltre, e come un buon borghese siciliano dei suoi tempi, concludeva che la società ci impone degli schemi, delle maschere, per meglio identificarci e per sentirsi più protetti.
Ma, a parte questo ultimo principio, che l'uomo e la sua psiche sia mutevole ed anche adattabile, non è poi un idea cosi nuova e neppure cosi strana.
Pensiamo solamente a quanto sappiamo adattarci a tutto .
Uno come Manfredi, essendo un attore sempre in giro per il mondo, essendo un personaggio noto e in vista, avrà avuto molteplici occasioni di vita e di incontri che noi ce le scordiamo.
Quindi la regola dell'uno nessuno centomila in lui avrà avuto modo di manifestarsi meglio che in qualunque altro essere umano.
L'occasione fa l'uomo ladro, e se i gusti poi sono semplici e leggeri, non ci vuole una scienza per capire che passare dal bianco al nero, dall'amore all'odio, dalla passione ad altro, è solo un attimo.
E allora che sottolineare a fare certe banalità del genere?
Tutti, nella loro lunga vita, avranno avuto occasioni impensabili, cosi come lui le ha avute.
Meravigliarsene o cercare di giustificarle è di una banalità e ovvietà impensabile.
Insomma, una intera famiglia molto piccola mi viene da pensare. Ancorata a sto modo perbenista a cui pensare.
8611330
E' nato nel 1921, e quest'anno ricorre il centenario della sua nascita, ossia se fosse ancora vivo oggi o ieri , insomma...
Discussione
25/03/2021 12.43.01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.