Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

Maria.Teresa Maria.Teresa 25/11/2008 ore 17.16.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A ventouno che il 25/11/2008 0.32.11 ha scritto:
Carissimo Nivasio ma quale mentalitÓ?
Io sono un uomo libero, ho le mie idee a prescindere, nord o sud , destra o sinistra ,ricco o povero, dotto o non, io ho una mia entitÓ e personalitÓ e non mi faccio influenzare da nessuno

In ogni modo non sono nato in Italia, i miei erano napoletani,e da 27 anni vivo in Emilia.

Rispondo: Tutti diciamo le stesse parole che dici tu. In veritÓ siamo tutti figli della nostra antropologia e non ne potremo mai uscire... potremmo divenirne consapevoli o entrarne in un'altre, ma non potremo mai essere puro sirito libero.

M.T.
nivasio nivasio 25/11/2008 ore 20.57.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A ventouno che il 25/11/2008 0.32.11 ha scritto:
Carissimo Nivasio ma quale mentalitÓ?
Io sono un uomo libero, ho le mie idee a prescindere, nord o sud , destra o sinistra ,ricco o povero, dotto o non, io ho una mia entitÓ e personalitÓ e non mi faccio influenzare da nessuno

In ogni modo non sono nato in Italia, i miei erano napoletani,e da 27 anni vivo in Emilia.

Rispondo: Carissimo Ventouno mi fa molto piacere di sentirtelo dire.Non dimenticare mai d'essere un uomo libero.
Materialism.Idealism Materialism.Idealism 26/11/2008 ore 06.22.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A nivasio che il 24/11/2008 21.42.14 ha scritto:
A Materialism.Idealism che il 20/11/2008 23.47.04 ha scritto:

Chiedo a tutti voi.

La poesia rappresenta una via di fuga da una reltÓ che ci delude?

E' forse una medicina che oltre a guarire l'animo rende il mondo pi¨ bello?

Il Poeta cerca l'introvabile forse?

Io penso che la Poesia sia Fuga.

Non so fuga da cosa, ma sento che di fuga si tratta e voglio fuggire lontano.

:-)

Rispondo: La poesia non Ŕ mai fuga dalla realtÓ e se pure in certi suoi esiti <<avanguardastici >> puo tradursi in visione disimpegnata dalla vita,in una sorte di evasione,si tratta pur sempre di qualcosa che origina a stretto contatto con la realtÓ,perchŔ se pure si vuole evaderne lo si puo solo a patto di sentirne la presenza,la costrizione nell'esserne dentro.

Rispondo: io sento che il mio amore per la Poesia e per la Letteratura mi porta lontano, per questo parlo di fuga. Bello il tuo intervento, come come molto spesso lo sono.
tormentata1984 tormentata1984 26/11/2008 ore 12.48.18 Ultimi messaggi
segnala

EmozionatoRE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A Materialism.Idealism che il 20/11/2008 23.47.04 ha scritto:

Chiedo a tutti voi.

La poesia rappresenta una via di fuga da una reltÓ che ci delude?

E' forse una medicina che oltre a guarire l'animo rende il mondo pi¨ bello?

Il Poeta cerca l'introvabile forse?

Io penso che la Poesia sia Fuga.

Non so fuga da cosa, ma sento che di fuga si tratta e voglio fuggire lontano.

:-)

Rispondo: Naturalmente..........tutto ci porta a fuggire da una realtÓ che fa schifo, che ci delude attimo dopo attimo......c'Ŕ chi usa i sogni per sfuggire, chi usa la pittura , chi usa la scultura e quant'altro e poi c'Ŕ tanta gente come noi che usa la poesia e la letteratura per sfuggire da questo male inguribile che Ŕ la realtÓ...........ciao ciao baci:angel
nivasio nivasio 26/11/2008 ore 13.47.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A Maria.Teresa che il 25/11/2008 17.16.34 ha scritto:
A ventouno che il 25/11/2008 0.32.11 ha scritto:
Carissimo Nivasio ma quale mentalitÓ?
Io sono un uomo libero, ho le mie idee a prescindere, nord o sud , destra o sinistra ,ricco o povero, dotto o non, io ho una mia entitÓ e personalitÓ e non mi faccio influenzare da nessuno

In ogni modo non sono nato in Italia, i miei erano napoletani,e da 27 anni vivo in Emilia.

Rispondo: Tutti diciamo le stesse parole che dici tu. In veritÓ siamo tutti figli della nostra antropologia e non ne potremo mai uscire... potremmo divenirne consapevoli o entrarne in un'altre, ma non potremo mai essere puro sirito libero.

M.T.

Rispondo: siamo figli non schiavi della nostra antropologia.
Materialism.Idealism Materialism.Idealism 26/11/2008 ore 16.15.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A nivasio che il 26/11/2008 13.47.45 ha scritto:
A Maria.Teresa che il 25/11/2008 17.16.34 ha scritto:
A ventouno che il 25/11/2008 0.32.11 ha scritto:
Carissimo Nivasio ma quale mentalitÓ?
Io sono un uomo libero, ho le mie idee a prescindere, nord o sud , destra o sinistra ,ricco o povero, dotto o non, io ho una mia entitÓ e personalitÓ e non mi faccio influenzare da nessuno

In ogni modo non sono nato in Italia, i miei erano napoletani,e da 27 anni vivo in Emilia.

Rispondo: Tutti diciamo le stesse parole che dici tu. In veritÓ siamo tutti figli della nostra antropologia e non ne potremo mai uscire... potremmo divenirne consapevoli o entrarne in un'altre, ma non potremo mai essere puro sirito libero.

M.T.

Rispondo: siamo figli non schiavi della nostra antropologia.

Rispondo: anche Dio (se esiste) Ŕ figlio della sua antropologia?
Maria.Teresa Maria.Teresa 26/11/2008 ore 17.20.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A Materialism.Idealism che il 26/11/2008 16.15.25 ha scritto:
A nivasio che il 26/11/2008 13.47.45 ha scritto:
A Maria.Teresa che il 25/11/2008 17.16.34 ha scritto:
A ventouno che il 25/11/2008 0.32.11 ha scritto:
Carissimo Nivasio ma quale mentalitÓ?
Io sono un uomo libero, ho le mie idee a prescindere, nord o sud , destra o sinistra ,ricco o povero, dotto o non, io ho una mia entitÓ e personalitÓ e non mi faccio influenzare da nessuno

In ogni modo non sono nato in Italia, i miei erano napoletani,e da 27 anni vivo in Emilia.

Rispondo: Tutti diciamo le stesse parole che dici tu. In veritÓ siamo tutti figli della nostra antropologia e non ne potremo mai uscire... potremmo divenirne consapevoli o entrarne in un'altre, ma non potremo mai essere puro sirito libero.

M.T.

Rispondo: siamo figli non schiavi della nostra antropologia.

Rispondo: anche Dio (se esiste) Ŕ figlio della sua antropologia?

Rispondo: Bella domanda Mat.

Sicuramente di DIO non possiamo dire nulla, ogni parola nostra Ŕ figlia del nostro modo di pensare, quindi la nostra parola Ŕ antropologia. Sappiamo solo che DIO Ŕ oltre la nostra antropologia; oltre la nostra ontologia; oltre la nostra realtÓ resa schiava dalla parola. Ovviamente per chi crede nella sua esistenza.

M.T.
Maria.Teresa Maria.Teresa 26/11/2008 ore 17.22.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A nivasio che il 26/11/2008 13.47.45 ha scritto:
A Maria.Teresa che il 25/11/2008 17.16.34 ha scritto:
A ventouno che il 25/11/2008 0.32.11 ha scritto:
Carissimo Nivasio ma quale mentalitÓ?
Io sono un uomo libero, ho le mie idee a prescindere, nord o sud , destra o sinistra ,ricco o povero, dotto o non, io ho una mia entitÓ e personalitÓ e non mi faccio influenzare da nessuno

In ogni modo non sono nato in Italia, i miei erano napoletani,e da 27 anni vivo in Emilia.

Rispondo: Tutti diciamo le stesse parole che dici tu. In veritÓ siamo tutti figli della nostra antropologia e non ne potremo mai uscire... potremmo divenirne consapevoli o entrarne in un'altre, ma non potremo mai essere puro sirito libero.

M.T.

Rispondo: siamo figli non schiavi della nostra antropologia.

Rispondo: Hai ragione Nivasio, siamo figli e non schiavi. Tuttavia per quanto noi pensiamo di ragionare sulle cose in maniera libera siamo sempre condizionati da qualche idea antropologica che ci fa ragionare in un determinato modo. Dovremmo vivere in modo fenomenologico la vita, ma ci˛ ci Ŕ impossibile. M.T.
nivasio nivasio 03/12/2008 ore 23.36.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A Materialism.Idealism che il 26/11/2008 16.15.25 ha scritto:
A nivasio che il 26/11/2008 13.47.45 ha scritto:
A Maria.Teresa che il 25/11/2008 17.16.34 ha scritto:
A ventouno che il 25/11/2008 0.32.11 ha scritto:
Carissimo Nivasio ma quale mentalitÓ?

Io sono un uomo libero, ho le mie idee a prescindere, nord o sud , destra o sinistra ,ricco o povero, dotto o non, io ho una mia entitÓ e personalitÓ e non mi faccio influenzare da nessuno

In ogni modo non sono nato in Italia, i miei erano napoletani,e da 27 anni vivo in Emilia.

Rispondo: Tutti diciamo le stesse parole che dici tu. In veritÓ siamo tutti figli della nostra antropologia e non ne potremo mai uscire... potremmo divenirne consapevoli o entrarne in un'altre, ma non potremo mai essere puro sirito libero.

M.T.

Rispondo: siamo figli non schiavi della nostra antropologia.

Rispondo: anche Dio (se esiste) Ŕ figlio della sua antropologia?

Rispondo: come si legge in un frammento di eraclito,caro mat,il padre Ŕ figlio di se stesso.

AntonioSorrento AntonioSorrento 04/12/2008 ore 16.56.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Poesia e Fuga (chiedo a tutti voi)

A tormentata1984 che il 26/11/2008 12.48.18 ha scritto:
A Materialism.Idealism che il 20/11/2008 23.47.04 ha scritto:

Chiedo a tutti voi.

La poesia rappresenta una via di fuga da una reltÓ che ci delude?

E' forse una medicina che oltre a guarire l'animo rende il mondo pi¨ bello?

Il Poeta cerca l'introvabile forse?

Io penso che la Poesia sia Fuga.

Non so fuga da cosa, ma sento che di fuga si tratta e voglio fuggire lontano.

:-)

Rispondo: Naturalmente..........tutto ci porta a fuggire da una realtÓ che fa schifo, che ci delude attimo dopo attimo......c'Ŕ chi usa i sogni per sfuggire, chi usa la pittura , chi usa la scultura e quant'altro e poi c'Ŕ tanta gente come noi che usa la poesia e la letteratura per sfuggire da questo male inguribile che Ŕ la realtÓ ...........ciao ciao baci:angel

Rispondo:

Detto cosý fa terrore , certo il 'mondo ' non Ŕ mai tanto bello quanto l'abbiamo sognato , o la vita spesso mai cosý interessante come un bel libro , o un bel quadro.

Ma...Fuggire serve? E a cosa? Questo continuo cercar rifugio , abbandonarsi a illusioni piu o meno reali (Dio in primis)non fa altro che rendere la realtÓ meno appetibile..

Direi quindi, sogniamo , leggiamo , scriviamo , ma...Cerchiamo anche di esser fattivi per migliorare almeno il nostro brandello di mondo.

Per me le poesie son brandelli di anima.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio Ŕ necessario accedere al sito.