Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

bergman.1 bergman.1 19/01/2013 ore 01.26.00
segnala

(Nessuno)abisso Melaverso

In un abisso Melaverso,un luogo inadatto alla mia orbita,
sollecito Pirandello nell'attesa di un equipollente
situato nella regione piu' estranea della mia galassia
Mentre la gravita' respira sogno indisturbato
rapaci sonanti, libellule taglienti
e demoni celesti travestiti di blu
scivolando in una sinfonia patetica
Sono o non sono la parte di ME che vive?
in questa campagna deserta la sirena si e' arresa
un setaccio umano del simular cosciente
rimane come effetto transitorio della Melamente,
ma quale allegoria del presente puo' dimostrar che quest'uomo e' creatura?

da (Scene da un Melaverso)
platonkarataev57 platonkarataev57 19/01/2013 ore 14.19.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

Capito un tubo, ma proprio un tubo, solo che qui non risponde nessuno, un saluto te lo faccio io.
serendipityjo serendipityjo 21/01/2013 ore 13.05.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

I tuoi passi ti condussero

I tuoi passi ti condussero
in tutta naturalezza fino a questo pensiero:
tempo e spazio sono traversati
dal ritmo d'un corpo in movimento
nell'aria inappuntabile del crepuscolo
come già avrai letto nell'una o nell'altra
delle riviste che talvolta consulti.
Scivoli sul filo della tua vita
quantica. Tanti mondi
precipitano, che portano ai quattro angoli
dei mari, le parole nulla muteranno
di queste terrene leggi
- neppure l'argilla
dove prende forma una poesia
senza superficie, la forma
originaria del tuo desiderio.

Paul Bélanger, Origine des méridiens, 2005.
17291145
I tuoi passi ti condussero I tuoi passi ti condussero in tutta naturalezza fino a questo pensiero: tempo e spazio sono traversati...
Risposta
21/01/2013 13.05.13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
platonkarataev57 platonkarataev57 21/01/2013 ore 18.54.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

@ serendipityjo:
@ bergman.1:

Sembrate Franco Battiato che discute con Enrico Ghezzi, naturalmente uno dei due virato al femminile.

:ok
17292081
@ serendipityjo: @ bergman.1: Sembrate Franco Battiato che discute con Enrico Ghezzi, naturalmente uno dei due virato al...
Risposta
21/01/2013 18.54.02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    4
serendipityjo serendipityjo 23/01/2013 ore 22.07.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

platonkarataev57 scrive:
Sembrate Franco Battiato che discute con Enrico Ghezzi, naturalmente uno dei due virato al femminile.


io faccio Battiato
bergman, invece, fa Ghezzi :D
platonkarataev57 platonkarataev57 24/01/2013 ore 19.55.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

@ serendipityjo:

:many :many giuro che non sapevo di questo video, grande Sere !
:many :many
bergman.1 bergman.1 27/01/2013 ore 00.22.24
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

serendipityjo serendipityjo 27/01/2013 ore 19.28.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

platonkarataev57 scrive:
Capito un tubo, ma proprio un tubo


Il testo poetico è inspiegabile, non inintelligibile.
Octavio Paz

platonkarataev57 platonkarataev57 27/01/2013 ore 19.34.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

serendipityjo scrive:
Il testo poetico

Questa classificazione è di per se già una spiegazione :-)
follettocapriccioso follettocapriccioso 05/02/2013 ore 17.54.59
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

@ bergman.1: Non dirmi che le hai scritte tu........ :bataboing

recitata è stupenda!

Anche questa è bella....non sarebbe male recitata!

Eclisse nel MElaverso


incespico tumultandomi nel tuo pianeta vagabondo
orfana di stella senza casa
attraccato alla tua sfera ingoio
baffo libeccio di un torto negato
soffio distante di una vita simbiotica
che di scadenza ignota va delirando
offro il mio plasma alla causa
vampiro alieno di sembianze astrali
rinnego il mio gene di essere pulsante all'Imperatrice
nell' eclisse totale di Mela...
dominazione lucerna.. fuga di memoria
corrente alternata... abbandonare la nave
abbandonare la nave.........


chissà dove l'ho trovata.......:clap :clap
platonkarataev57 platonkarataev57 05/02/2013 ore 18.55.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

follettocapriccioso scrive:
Eclisse nel MElaverso


Da diligente scolaro avrei alcune domande da porre sul brano postato da Folletto, mi permetto di esporle :

1) qual'è il significato del verbo tumultare sconosciuto a tutti i dizionari di italiano che ho consultato?

2) la dizione "pianeta vagabondo" non è forse una ripetizione da evitare, visto che il significato originale della parola pianeta è appunto vagabondo ? gli antichi si trovavano infatti questi oggetti celesti che appaiono simili alle stelle a vagare nel cielo a causa del loro moto di rivoluzione attorno al sole, a differenza delle stelle che per la loro infinita distanza rispetto a quella dei pianeti ci appaiono come immobili

3) dal verso "orfana di stella senza casa" mi sembra di capire che l'io narrante è di sesso femminile. se questo è vero si deve allora ritenere che sia la narratrice ad ingoiare il "baffo libeccio di un torto negato" (questa locuzione mi è ahime' rimasta oscura) che stava attraccato alla sfera dell'interlocutore a cui l'io narrante si rivolge. Interlocutore fra l'altro proprietario del pianeta di cui al primo verso.

mi fermo qui per adesso, buonasera a tutti


17326577
follettocapriccioso scrive: Eclisse nel MElaverso Da diligente scolaro avrei alcune domande da porre sul brano postato da...
Risposta
05/02/2013 18.55.09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Cerimonie.ridicole Cerimonie.ridicole 05/02/2013 ore 19.28.01
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

platonkarataev57 scrive:
Da diligente scolaro



gentilissimo penso di poter risponderle al posto del maestro, curo le sue regie,
la dialettica Melaversa fa parte di un surrealismo proveniente da altre leggi grammaticali
il tutto ricoperto da liberta' autoriali che non dimenticano neologismi

cordialmente
Cerimonie
platonkarataev57 platonkarataev57 05/02/2013 ore 19.49.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

Cerimonie.ridicole scrive:
gentilissimo penso di poter risponderle al posto del maestro, curo le sue regie,
la dialettica Melaversa fa parte di un surrealismo proveniente da altre leggi grammaticali
il tutto ricoperto da liberta' autoriali che non dimenticano neologismi


Ti ringrazio ma non direi che tu mi abbia risposto. Buona serata.
17326704
Cerimonie.ridicole scrive: gentilissimo penso di poter risponderle al posto del maestro, curo le sue regie, la dialettica...
Risposta
05/02/2013 19.49.17
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Cerimonie.ridicole Cerimonie.ridicole 05/02/2013 ore 20.22.52
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

(io)incespico tumultandomi nel tuo pianeta vagabondo
(tu sei come un')orfana di stella senza casa
(io sono)attraccato alla tua sfera (ed)ingoio
(il tuo) baffo libeccio di un torto negato


l'io narrante puo' essere di qualsiasi genere
l'oggetto protagonista di questa eclisse e' femmminile
ma contiene metafore
il baffo e' una metafora
i pianeti non sono di nessuno non hanno proprietari
sono 'come' pianeti
il pianeta vagabondo viene utilizzato come termine astronomico
per astri che non hanno un sistema solare
gli antichi che hanno costruito gli stargate tenevano nascosta l'esistenza di Nibiru
ma spiegare in questi termini rende tutto meno 'poetico'
non e' un testo di Piero Angela
follettocapriccioso follettocapriccioso 05/02/2013 ore 20.50.17
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

Per quanto mi riguarda mi è piaciuta da morire la parte recitata. Mi ha colpita soprattutto
la sonorità del pezzo, che mi ha proiettata in un mondo cosmico.
Ha colpito la mia parte istintiva.
Non mi sono soffermata né sull'analisi grammaticale, tanto meno su quella logica.

Un pò come quando si è di fronte ad un quadro...ci si lascia trasportare dalle emozioni
che il dipinto ti evoca....e che ti fa dire : mamma mia...che bello!

curo le sue regie,
...forse mi son persa qualcosa? dovrò verificare
con più attenzione in internet... :nono1




bergman.1 bergman.1 05/02/2013 ore 21.03.13
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

GRAMMATICA

Forse e sempre forse
avverbi che noia mi date
coi vostri quasi e quasi niente
quando fioriscono gli apostrofi

E tutti voi punti e virgole
che brulicate dentro i vivai
dove nuotano i congiuntivi
io vi impacchetto e vi lego

Siate maledetti paragrafi
perché si avverino le profezie
bastardi timorosi dei grammatici
e pessimi suonatori di sintassi

Succhiate i vostri imperativi
e lasciateci dormire
una buona volta
è la notte
e la canicola


Philippe Soupault
follettocapriccioso follettocapriccioso 05/02/2013 ore 21.10.19
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso



a proposito di surrealismo! :haha

GuyF.awkes GuyF.awkes 07/02/2013 ore 16.34.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

il maestro? ahahahahahahahahahahahahahahahhahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahhahahaahahahahahahahahahahahahahahahhahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahhahahaahahahahahahahahahahahahahahahhahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahhahahaahahahahahahahahahahahahahahahhahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahhahahaahahahahahahahahahahahahahahahhahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahhahahaahahahahahahahahahahahahahahahhahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahahhahahahahahhahaha

oh, mio dio, ragazzi!

stanno per coperchiarsi tante, ma tante di quelle tombe!!!!!

Cerimonie.ridicole Cerimonie.ridicole 07/02/2013 ore 21.03.42
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

@ GuyF.awkes: carissimo esiste una cosa chiamata ironia che molti sottovalutano, le tombe lasciamole
dove stanno :-)
platonkarataev57 platonkarataev57 07/02/2013 ore 21.08.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

GuyF.awkes scrive:
il maestro?


Che c'è da ridere Guy ? forse non lo sai ma Cerimonie ha portato Bergman all'esame di stato, guarda esiste anche la documentazione filmata i nomi sono cambiati ma sono riconoscibilissimi:



:ok
17332148
GuyF.awkes scrive: il maestro? Che c'è da ridere Guy ? forse non lo sai ma Cerimonie ha portato Bergman all'esame di stato,...
Risposta
07/02/2013 21.08.45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
bergman.1 bergman.1 07/02/2013 ore 21.45.31
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

la luce pagana raschia dal boccheggiar del nulla
GuyF.awkes GuyF.awkes 09/02/2013 ore 12.26.56 Ultimi messaggi
GuyF.awkes GuyF.awkes 09/02/2013 ore 12.30.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

ok, cioè, io non volevo, ma visto che qui si parla di Maestri, salvo poi rintanarsi dietro la famigerata ironia, beh... vediamo questo componimento cosa lascia:
già dal primo verso vorrei smettere di leggere: che cazzo è un melaverso????
continuiamo:
sollecito Pirandello? banale
equipollente? la parola meno poetica della storia, e molto arcaica direi
la gravità respira: è una metafora? per dire cosa? non ha alcuna pregnanza poetica, è solo un compiacimento onanistico
rapaci sonanti, libellule taglienti: per fare la rima usa due aggettivi molto infantili e anche qui privi di senso poetico
demoni celesti travestiti di blu: il verso più brutto di tutta la poesia
in questa campagna deserta la sirena si e' arresa: quale campagna??? fin'ora ha parlato di galassie, sogni... non si capisce! e poi: perchè la sirena??? che cazzo centra la sirena con la campagna??? si è arresa, ok, ma a chi o a cosa???? non si capisce
un setaccio umano del simular cosciente: sai dirmi cosa significa 'sta roba????
rimane come effetto transitorio della Melamente: la melamente che cazzo è????
ma quale allegoria del presente puo' dimostrar che quest'uomo e' creatura?: boh, qui mi arrendo, è una cosa completamente scollegata da tutto il resto...
inoltre quando uno scrive usa le parole e i segni del linguaggio... l'apostrofo e l'accento sono due cose diverse, non mi pare difficile pigiare sulle vocali accentate...

bergman.1 bergman.1 09/02/2013 ore 19.30.13
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

GuyF.awkes scrive:
la melamente che cazzo è????

non perdere tempo a pigiare sulle vocali accentate



Cerimonie.ridicole Cerimonie.ridicole 10/02/2013 ore 01.42.34
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

@ GuyF.awkes: gentile amico dall'animo criticante siamo costernati dal fatto che il componimento non abbia incontrato la sua approvazione, chiederò al maestro di consultarla ogni qual volta debba approcciarsi ad un nuovo lavoro,ma ci lusinga il tempo dedicatoci e le porgiamo i più cordiali ringraziamenti

Chi sei?
Mah, non so.
Chi sei?
Sono un non so.
L’ironia è un’arma della borghesia. Chi sei?
Sono… sono uno che scrive.
Ah, sei un poeta!
Beh, chiamami come ti pare.
Un poeta rivoluzionario?
Sì, rivoluzionario.
E di cosa parli?
Parlo dell’uomo, dei suoi rapporti, dell’amore, parlo di un pianeta, di una campagna e di una sirena
Ah, di un sirena, ero lì che ti aspettavo! Ma non lo sai che parlare di sirene in tempo di rivoluzione è come tradire la rivoluzione?
C’è la rivoluzione?
Non fare lo spiritoso! Parlavo dell’impegno, dell’impegno ideologico.
Questa l’ho già sentita.
L’hai già sentita ma non l’hai imparata.
Non è che non l’ho imparata, è che a me non interessa il cervello che va, va, chissà dove… deve passare di qui, dentro. È l’istinto che mi interessa, lo stomaco!
Ah, lo stomaco, ero lì che ti aspettavo!
Eh ma tu mi aspetti sempre da tutte le parti!
Per forza, fai ancora il discorso sui sentimenti, sui dolori… lo so dove vuoi arrivare. Ma credi veramente di servire a qualcosa?
Mah, non so. Servo a qualcosa? Dite, ditelo voi, servo a qualcosa?… non dicono.
Non servi a niente! Sei un poeta borghese. Ti rinchiudi in te, non riesci a tirare fuori un’idea, modificarla, cambiarla.
Un’idea, modificarla, cambiarla, elaborarla… ci vuole mica tanto! È cambiarsi davvero, è cambiarsi di dentro che è un’altra cosa!
GuyF.awkes GuyF.awkes 10/02/2013 ore 14.02.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

si perde più tempo a scrivere una vocale e un apostrofo: sono due tasti, le vocali accentate sono un tasto solo. e comunque non è corretto. a meno che tu non sia un genio assoluto e riconosciuto, ti consiglio di attenerti alla grammatica e alla sintassi... la rivoluzione non è certo scrivere come cazzo ci pare!!! nella migliore delle ipotesi, è solo una provocazione gratuita e, lasciamelo dire, che denota un po' troppa autostima!
poi va beh, io preferirei disquisire con una persona sola piuttosto che con due metà della stessa... anche questo lo trovo piuttosto scorretto.
comunque alla fine nessun problema, non sono certo il depositario della verità sulla poesia. penso solo che un po' di umiltà non sarebbe nociva. non parliamo di maestri, di rivoluzione... parliamo di hobbisti che tentano un approccio "particolare" verso il testo poetico.
scrivere, suonare, dipingere, sono tutti modi per comunicare. sensazioni, stati d'animo, idee, quello che ti pare. per comunicare serve un linguaggio, che sia fatto di parole, note, segni. questo linguaggio, perchè sia possibile il trasfert di "dati" dall'autore ai fruitori, deve necessariamente essere universale e riconoscibile. e possibilmente sensato.
tutte quelle "sperimentazioni" che tenti di spacciare per grandi novità sono già state fatte in passato, da correnti e movimenti che trovavano nel contesto storico e sociale una motivazione d'esistere.
quello che scrivi ha lo stesso odore che si percepisce leggendo certa roba dei futuristi. o dei surrealisti. passato. roba morta. nessuna novità, nessuna rivoluzione, e nessuna urgenza sociale e/o storica. questa è la mia opinione, e il tempo che ti ho dedicato anche 'stavolta è la conseguenza del mio sconfinato amore e della mia incrollabile fiducia nella poesia. nel mio rispetto immacolato per l'arte. prima di auto-nominarsi Maestri (e senza quell'ironia che invochi ma che non hai assolutamente usato), bisognerebbe farsi un grosso grasso bagno nell'umiltà.


Una poesia è una città piena di strade e tombini
piena di santi, eroi, mendicanti, pazzi,
piena di banalità e di roba da bere,
piena di pioggia e di tuono e di periodi
di siccità, una poesia è una città in guerra,
una poesia è una città che chiede a una pendola perché,
una poesia è una città che brucia,
una poesia è una città sotto le cannonate
le sue sale da barbiere piene di cinici ubriaconi,
una poesia è una città dove Dio cavalca nudo
per le strade come Lady Godiva,
dove i cani latrano di notte, e fanno scappare
la bandiera; una poesia è una città di poeti,
per lo più similissimi tra loro
e invidiosi e pieni di rancore...
una poesia è questa città adesso,
50 miglia dal nulla,
le 9,09 del mattino,
il gusto di liquore e delle sigarette,
né poliziotti né innamorati che passeggiano per le strade,
questa poesia, questa città, che serra le sue porte,
barricata, quasi vuota,
luttuosa senza lacrime, invecchiata senza pietà,
i monti di roccia dura,
l'oceano come una fiamma di lavanda,
una luna priva di grandezza,
una musichetta da finestre rotte...

una poesia è una città, una poesia è una nazione,
una poesia è il mondo...

e ora metto questo sotto vetro
perché lo veda il pazzo direttore,
e la notte è altrove
e signore grigiastre stanno in fila,
un cane segue l'altro fino all'estuario,
le trombe annunciano la forca
mentre piccoli uomini vaneggiano di cose che non possono fare.




l'ultimo verso è il Verso Definitivo
17337911
si perde più tempo a scrivere una vocale e un apostrofo: sono due tasti, le vocali accentate sono un tasto solo. e comunque non è...
Risposta
10/02/2013 14.02.21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
bergman.1 bergman.1 10/02/2013 ore 19.47.39
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

rilassati credo che tu ne abbia bisogno, qui nessuno si professa nessuno, fatti una doccia di leggerezza nella vita serve di piu' che citare Bukowski
GuyF.awkes GuyF.awkes 10/02/2013 ore 23.08.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

sono rilassatissimo, tu usando un altro profilo hai citato te stesso dandoti del maestro, non ci vedo quell'ironia che hai invocato tentando di arrampicarti sugli specchi. non dirmi cosa serve nella vita, questa non è la vita, è solo uno stupido forum. scrivi pure i tuoi testi come ti pare, ma nel momento in cui li rende pubblici accetta le critiche e cerca di capire che non sei bravo come pensi. sei nella media degli hobbisti, fattene una ragione "maestro". tu e l'altro te che "cura le regie". mhmfff! carmelo bene dei poveri!!!!!!!!!
bergman.1 bergman.1 10/02/2013 ore 23.15.34
segnala

(Nessuno)RE: abisso Melaverso

comunque mi stai dedicando troppo tempo
ti ringrazio

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.