Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

tellus27 tellus27 17/04/2015 ore 15.02.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

Ma non esageriamo con la scrittura,esistono anche altre forme di comunicazione : Socrate non scrisse
nulla e lasciò tanto,la scrittura barocca malgrado la magnificenza esprimeva pochi concetti,quella
futurista non aveva strutture logiche ecc.ecc. io tornerei al buon VICO quando dice VERUM ET FACTUM
CONVERTUNTUR O PIU' SEMPLICEMENTE AI NOSTRI ANTENATI QUANDO DICONO : REM TENE, VERBA SEGUENTUR(Marco
Porcio CATONE 234-149 A.C.)
zar.atustra zar.atustra 17/04/2015 ore 17.08.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

ma cosa credete che l'evoluzione vi porti a vivere in eterno e non piuttosto verso un corto circuito distruttivo? Tutti dicono pensare alle generazioni future e vogliono lasciare loro questo mondo peggiorato. E il seme che va selezionato, le cose che servono ad una elevazione che non significa prendere l'ascensore. L'uomo nuovo non dovrà usare memorie e culture artificiali suscettibili di interpretazioni non attuali o riportate o dolosamente mistificate. Le idee devono essere contestabili al momento e di persona pagando il prezzo che diamo loro anche se fosse la nostra cancellazione. Non si deve attendere la lievitazione per gonfiarle di boria e presunzione. Diventa come il gioco del telefono che si faceva da piccoli passando una parola al proprio vicino e chiedendone conto dopo una serie di passaggi che l'avevano trasformata in un'altra cosa. Ricordate che avevo parlato della ripartenza: pare che bastino due persone di sesso diverso e prima di arrivare a sette miliardi potremo farci qualche segnale di fumo. L'unico presupposto da tenere in considerazione è un cervello predisposto al bene e non principalmente al male come quello del quale molti ingiustamente godono ora. Ehilà, ma devo fare tutto io? Ciao
MidnightGambler MidnightGambler 17/04/2015 ore 18.40.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

@zar.atustra scrive:
Pensa a come potrebbe essere diverso il mondo (probabilmente migliore) se ogni comunicazione si dovesse fare di persona...


Quindi qualsiasi faccia da cu con la quale finora me la sono cavata con una mail, una cartolina, un post-it dovrei vederla di persona ? Ogni volta ? No, pietà, ridatemi tutti i miei filtri e le mie sovrastrutture.
18675341
@zar.atustra scrive: Pensa a come potrebbe essere diverso il mondo (probabilmente migliore) se ogni comunicazione si dovesse fare...
Risposta
17/04/2015 18.40.16
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Archeo68 Archeo68 20/04/2015 ore 15.33.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

Dire "verbo" non aiuta a capire. Giovanni, ossia lo sconosciuto autore di quello scritto poiché i vangeli sono testi adespoti, e cioè non si sa chi li abbia scritti e l'attribuzione di nomi è solo arbitraria o propagandistica, scegliete voi, non dice verbo bensì logos, en arché o logos e cioè in principio era il logos, termine greco intraducibile con una sola parola in qualunque lingua moderna. il logos è il verbo certo, ma è anche la parola o meglio quel che sta prima della parola e cioè il pensiero che si formula prima che la pronunciamo, è il procedimento mentale che ci permette di risolvere un'equazione, è quel che proviamo quando rimaniamo esterrefatti di fronte alla bellezza di un dipinto, è quindi il ragionamento ma anche l'emozione, quel che fa scaturire da noi la lacrima di gioia o di dolore indipendentemente dalla nostra volontà. Tutto questo non è traducibile in un solo termine evidentemente. Poi il verbo è presso dio è un'altra esemplificazione che non rende perché dice invece o logos (che come vedete non è il verbo ma molto di più) apò zeos e cioè il logos è presso dio ma anche il logos "viene" da dio e verso dio va, ritorna. E poi conclude il logos è dio. Nella traduzione si perde pressoché tutto il concetto, che solo in greco riacquista senso. Il resto del ragionamento è nel Fedro di Platone. Espresso un po' meglio e cioè col libro si cessa di essere sapienti e si comincia a essere filosofi, ossia la nostra memoria si rivolge verso l'esterno non più verso l'interno. Platone sceglie di essere filosofo e scrive, Socrate preferisce restare sapiente e non scrive. Ma se Platone non avesse scritto noi di Socrate non sapremmo nulla. Cosa sia meglio nessuno lo sa, su questo erano d'accordo entrambi. Probabilmente.
zar.atustra zar.atustra 20/04/2015 ore 16.26.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

@Archeo68 : eccola là: la dimostrazione che la parola confonde le idee ed ancora di più se è scritta. Niente filologia per ora, apriremo una discussione finita questa missione per trovare adepti per un mondo alternativo e per un uomo alternativo. Sto studiando per un ricambio per quando usciremo dall'altra parte del buco nerissimo nel quale ci stiamo infilando. Vorrei accelerare i tempi con tutte le forze dei volontari, dilettanti ovviamente perché non esistono professionisti almeno un po' superiori a quelli di Alamogordo. Mi è venuto ora alla mente che nella prossima evoluzione della specie potremmo fare in modo di avere nei nostri progenitori gli asini anziché le scimmie. Per esempio. Chiedo aiuto. Senza ironia.
violinostadamores violinostadamores 21/04/2015 ore 12.20.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE


Strano che il Maestro, fautore della parola scritta in bello stile, non intervenga. :sbong
recominciodasette recominciodasette 21/04/2015 ore 13.09.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

@violinostadamores scrive:
Strano che il Maestro, fautore della parola scritta in bello stile, non intervenga.


Ammazza Violì, puro ammene 'sto fatto me sturba.
Nun sarà kellui nun se degna? :sbong
Filodeon Filodeon 21/04/2015 ore 15.02.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

@zar.atustra scrive:
quando usciremo dall'altra parte del buco nerissimo nel quale ci stiamo infilando

Non facciamoci illusioni, non ne usciremo mai se non spegnendo il PC ( MORTE ELETTR0ONICA ) Parafrasando il commento di Klossowskj nei confronti del pensiero di Nietzsche che «ruota attorno al delirio come attorno al proprio asse», mi sa che anche il nostro scrivere ruota attorno al gorgo informatico del BUCO NERO ELETTRONICO nel quale ci autointrappoliamo (permanentemente) tutte le volte che accendiamo il compiuter ( REINCARNAZIONE RINASCITA METEMPSICOSI PALINGENESI ELETTRONICA ) per leggere sul forum e se adoperiamo la tastiera solo per leggere passivamente finiamo per inguaiarci ancora di più che se la adoperassimo attivamente giustapponendo tra loro un po' di parole, magari forbite, non facendo altro che alterare un poco lo STERMINATO GENOMA LETTERARIO, in questo caso scritto con caratteri neri su fondo bianco che ci viene propinato da questo FORUM vero e proprio CATALIZZATORE di ANIME invischiate nel WEB...
orqcie2020 orqcie2020 21/04/2015 ore 15.54.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

@violinostadamores scrive:
Strano che il Maestro, fautore della parola scritta in bello stile, non intervenga.


Mia cara amica, se la penna è la lingua dell'anima (queste son le parole che Miguel de Cervantes mette in bocca al suo Hidalgo) allora è bene scrivere ed ancor meglio leggere. :-)))
18680600
@violinostadamores scrive: Strano che il Maestro, fautore della parola scritta in bello stile, non intervenga. Mia cara amica, se...
Risposta
21/04/2015 15.54.22
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
orqcie2020 orqcie2020 21/04/2015 ore 15.58.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ONE

@recominciodasette scrive:
Ammazza Violì, puro ammene 'sto fatto me sturba.
Nun sarà kellui nun se degna?


Figurarsi Reco, per me intervenire in questo forum comincia ad essere un onore, quando innanzi parmi esser solo onere! :-)))

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.