Circolo Letterario

Circolo Letterario

La "vecchia" bacheca Circolo Letterario si è trasferita qui!

Dasty2 Dasty2 14/07/2016 ore 17.17.26
segnala

(Nessuno)RE: xxx

@1994Enrico scrive:
La parola "volontà" tradisce la sua ignoranza su Heidegger. Lei ha citato il libro di Donatella Di Cesare, lo legga, soprattutto il paragrafo 8 Selbstvernichtung del capitolo 4 Dopo Auschwitz. E lo faccia senza "coglioneria intellettuale".

.
Dasty2 Dasty2 14/07/2016 ore 17.17.52
segnala

(Nessuno)RE: xxx

@1994Enrico scrive:
@Dasty2 scrive:
Dunque da Nietzsche il cristianesimo e visto come il centro,e l'origine del nichilismo,in quanto per sovrabbondanza di volonta di potenza finisce con l'essere il supremo negatore della stessa essenza della vita

Dove l'ha letta questa?

.
Dasty2 Dasty2 14/07/2016 ore 17.18.29
segnala

(Nessuno)RE: xxx

@1994Enrico scrive:
@1994Enrico scrive:
@Dasty2 scrive:
In sostanza a qualsiasi elementare logica appare che è, come se qli ebrei si fossero gasati per propria volontà , il nazismo tedesco nn ne porterebbe alcuna responsabilità


La parola "volontà" tradisce la sua ignoranza su Heidegger. Lei ha citato il libro di Donatella Di Cesare, lo legga, soprattutto il paragrafo 8 Selbstvernichtung del capitolo 4 Dopo Auschwitz. E lo faccia senza "coglioneria intellettuale".


"Se gli ebrei si sono annientati nei lager, è per via del GESTELL, di quel dispositivo, di quell'ingranaggio che, complottando per il dominio del mondo, hanno ovunque promosso e favorito."
Heidegger e gli ebrei (nuova edizione ampliata) pag. 228

Altro che volontà, ignorante presuntuoso che non è altro.

.
Dasty2 Dasty2 14/07/2016 ore 17.19.13
segnala

(Nessuno)RE: xxx

@1994Enrico :Ti duplico perchè nn voglio rischiare di perderti
Dasty2 Dasty2 14/07/2016 ore 17.24.21
segnala

(Nessuno)RE: xxx

@1994Enrico scrive:
Lei si è perso.

Dasty2 Dasty2 14/07/2016 ore 17.27.22
segnala

(Nessuno)RE: xxx

@1994Enrico : ma questo c'è l'ho già!
1994Enrico 1994Enrico 14/07/2016 ore 17.29.54
segnala

(Nessuno)RE: xxx

@Dasty2 scrive:
ma questo c'è l'ho già!

Dasty2 Dasty2 22/07/2016 ore 22.32.16
segnala

(Nessuno)RE: xxx

La sinistra europea compresa quella italiana è o dovrebbe per sua natura essere dalla parte del lavoro
nel'irriducibile conflitto ,che specialmente nel salario lo vede contrapposto al capitale
Solo qualche sprovveduto di scuola neoclassica ultimamente si è messo a proclamare la coincidenza identitaria dei 2 interessi in gioco,qli economisti classici keynes compreso nn si sono mai azzardati a dire simili corbellerie
L'equivoco nasce negli anni 70 quando la sinistra italiana ,assiee agki allora paesi cosiddetti nn nalineati, comincia a immaginare una terza via ,implicitanente riconoscendo riformabili le ferree leggi del capitale,che assieme al progresso economico si comincia a ritenere possa marciare in direzione opposta alla sua natura autoritaria e prevaricatrice
Esplode definitivamente con la caduta del muro 1989 quando tutta la sx si converte alle riforme liberali in favore di flessibilità e precariato( blair.zapatero ,prodi,)in sostanza la sx almeno in italia si fa carico di quelle riforme capaci di sostenere l'impresa prevalentemente a spese dei diritti e del salario del lavoratore
Dopo è stato un progressivo abbassare la guardia ,al fine di evitare ulteriori conflitti sociali dei ceti popolari e dei suoi dirigenti ,illusi che il capitale potesse arrivare ad avere un volto umano
Si instaura cosi il pensiero unico consistente nel considerare quelle forme sociali particolari come finalmente raggiunta naturalità, al di la e al di fuori delle ideologie,nn avvedendosi ,che si era solamente passati da un ideologia politica a un altra schiettamente economica,
Altri gulag cominciavano a sorgere in nome di quella religione divenuta monoteismo del mercato che come tutti i monoteismi per sua natura nn contempla concorrenti di sorta
E' tempo di riconoscere cio come il frutto piu maturo,di un preciso modo di produrre le merci e di concepire il mercato,frutto nn nato per caso,ma logica finale del capitale che per sua natura deve sempre trovare il modo di moltiplicarsi ,nn importa come nn importa dove ,nn importa percheè e a quale prezzo umano ,proprio nello stesso identico modo di un tumore nefasto!
Il primato del'economico deve trovare il suo limite laddove incomincia lo scannatoio sociale
Difficilissimo in un mondo che ha fatto della assenza del limite la propria virtu' predicata da miopi sacerdoti del'apocalisse
Il problema travalica l'aspetto economico,rimasto il solo universale principio regolatore di un mondo che a grandi passi cammina verso l'abisso
Finche riusciremo a guardaci solo come animali desideranti cui l'economico ha promesso tutto ,senza limiti,ingannandoci e nn ne trarremo le debite conseguenze nn verremo a capo di nulla
Seviziare economicamente il nostro simile prima o poi ricadrà ciecamente su tutti
Colonialismo e globalizzazione sono la stessa faccia agressiva del monoteismo economico. unicamente finalizzato alla produzione del capitale,senza limiti,che per realizzarsi deve perseguire la definitiva coercizione/estinzione di ogni differenza ideologica ,culturale, alimentare,etica, spirituale,il completo appiattimento planetario ,alla follia del'occidente
Dasty2 Dasty2 27/07/2016 ore 12.24.39
segnala

(Nessuno)RE: xxx

Matteo salvini, sgangherato profeta,con la missione di restaurare in forme nuove,ma a parità di saldi, il buon tempo andato, ritorna dalle prime pagine dei media a mostrare le ipotetiche palle al popolo italiano che dice di voler salvare dalle dabbenaggine buonista ,dalla ipocrisia pelosa,dalla pusillanime spocchia di chi tanto a lungo lo ha costretto nelle patrie fogne,nel'irrilevanza politica ,mostrandone l'inconsistenza umana
Quotidianamente attacca con parole estreme, accompagnate da sceneggiate da saltimbanco le istituzioni ,lo stato,la chiesa!
Guardacaso ,le stesse forze etiche,superstiti ,o in grado di essere recuperate o nn ancora completamente nullificate nel mirino del grande capitale finanziario assoluto,
allo scopo di radere al suolo ogni barriera etica superstite che ancora lo separa
dal rendere tutto l'esistente merce disponibile al profitto
La storia ,se dimenticata,come perverso meccanismo si ripete ,diversa solo nelle forme fatalmente mutate del tempo trascorso ,ma nella sostanza identica
Le parole di salvini equivalgono a quelle di mussolini e di ogni altro movimento populista apparso sulla faccia della della terra
Si inizia la rivoluzione sociale dalla parte del popolo ,per infliggergli nel nome della nazione ,dei sacri valori,delle decisioni virili ,innumerevoli sofferenze .poi si sceglie puntualmente di servire il grande capitale,desertificatore di ogni forma vitale in nome del profitto ,è questo giro vizioso che si è sempre verificato,che salvini ora vorrebbe rispolverare
Dasty2 Dasty2 28/07/2016 ore 14.17.48
segnala

(Nessuno)RE: xxx

Andiamo alle radici con cuore ,ragione e misura.
Aristotele individua nel metron e nella lotta alla dismisura la differenza radicale fra l’economia, e cioè la legge riproduttiva della casa comune, e la crematistica, e cioè l’arte di accumulare più ricchezze private possibili).
Marx inizia dove Aristotele si era fermato. Marx infatti nota che la produzione capitalistica è per natura illimitata, e lo afferma anche apertamente: “Il movimento del capitale - egli scrive - è senza misura”. L’economia politica fondata da Adam Smith con la Ricchezza delle Nazioni del 1776 non è a rigore una “economia” nel senso di Aristotele, ma una crematistica moderna, che pone il principio dell’illimitatezza potenziale dell’accumulazione capitalistica non come problema da indagare ma come ovvietà da constatare
Integriamo queste osservazioni con la recente dichiarazione di papa francesco,che gia aveva citato aristotele sul aereo di ritorno da uno dei suoi viaggi in america latina ,per rispondere a nn ricordo piu quale affermazione calunniosa nei suoi confronti
Dovrebbe fare riflrttere ora questa sua ,,,mi pare proprio il caso di dire
SACRO-SANTA affermazione

--«Quando la società – locale, nazionale o mondiale – abbandona nella periferia una parte di sé, non vi saranno programmi politici, né forze dell’ordine o di intelligence che possano assicurare illimitatamente la tranquillità. Ciò non accade soltanto perché l’inequità provoca la reazione violenta di quanti sono esclusi dal sistema, bensì perché il sistema sociale ed economico è ingiusto alla radice.

.si prega di prestare particolare attenzione al'ultima riga ,giacche costitusce il motivo principale delle corbellerie senza pudore oramai abituali in questo forum delle iniquità

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.