Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Agosalvo84 Agosalvo84 29/07/2007 ore 18.24.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CREDERE IN DIO?

DottorS ha scritto:

goldriver53 mio caro tu sei come un cane che si morde la coda, un pensiero che nega se stesso; come puoi essere così sicuro che tale pensiero è soltanto causato da un aggregato di molecole e di mediatori chimici cerebrali; come puoi essere sicuro che se vedi il cielo, se guardi le stelle, se osservi le galassie, se hai spirito critico, intuitività, capacità di proiettarti verso il futuro tutto guesto è semplicemente dovuto ad un codice genetico che casualmente si è messo insieme e a delle reazioni elettriche che avvengono nel tuo cervello; come puoi essere sicuro che se vedi il celo questo avviene perche il cielo e tutto il resto sono già in te.

Lascia stare la fisica quantistica, anche Zichici e Rubbia dicono che non centra niente con la fede.

E' vero che l'universo è un infinito, ma è un infinito retto da infinite leggi e non dal caso; nell'universo non regna il caso ma la casualità; questo è un principio accettato da quasi tutti i fisici moderni.

Quindi se tu hai un intelligenza, deve esistere anche il Principio di questa intelligenza.

Comunque se non vuoi credere che ci possa essere un Dio, chiamalo infinito, chiamalo principio, libero di farlo, non ci sono punizioni per l'ateismo; l'ateo non fa male a nessuno, è solo una modalità di pensiero, molto spesso migliore di tante religioni.
Scusami dottS se il caso è stato in grado (come dicono tutt'oggi le ultime teorie)di mettere in sesto una situazione che tra l'altro è la stessa per cui siamo qui come gli si può dare poca importanza? forse l'importanza del caso è stata ridimensionata o addirittura non presa propio in merito rispetto alle sue potenzialità,anche perchè se è un caso o una casualità che tot milioni di anni fà si sono sviluppate determinate caratteristiche per far si che oggi siamo quà,bisognerebbe rivalutare le potenzialità del caso
Agosalvo84 Agosalvo84 29/07/2007 ore 18.28.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CREDERE IN DIO?


Volevo che questo messaggio lo leggesse e mi rispondessse Goldriver53.

Leggi osho?
DottorS DottorS 29/07/2007 ore 18.43.25
segnala

(Nessuno)RE: CREDERE IN DIO?


goldriver53 su molti punti sono d'accordo con te,

Mi piaci perchè ti interessi di fisica quantistica; se crei un sito su questo FORUM (io non sono tanto capace) ti faccio conoscere una teoria fisica nuova, che spiega la minima densità dello spazio; siccome che l'argomento è troppo grosso e fuoriesce dal tema di Dio è opporuno trattarlo come nuovo argomento
goldriver53 goldriver53 29/07/2007 ore 18.45.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CREDERE IN DIO?

Agosalvo84 ha scritto:

Volevo che questo messaggio lo leggesse e mi rispondessse Goldriver53.

Leggi osho?

Letto Osho e altri, anche Krisnamurti,


Voglio aggiungere che, il nostro destino, ammesso che esista, è di vivere con gioia, ma in definitiva chi ci impedisce di vivere tale estasi?


Consideriamo un fattore, noi viviamo perchè percepiamo l'ambiante mediante cinque sensi, (be ce ne sono di più, solo che non ci hanno insegnato), un cieco sviluppa molto più il senso del tatto, dell'udito dell'odorato, un sordo muto sviluppa molto pi altri sensi, eppure il cieco vede, a modo suo, il sordo muto sente e parla a modo suo, e noi?


Quando vedo un oggetto, non vedo il reale oggetto, vedo solo lo stimolo distale dell'oggetto, la luce che proietta l'oggetto sulla mia retina, in definitiva l'oggetto lo vedo dalla retina in poi, ma lo vedo non perchè l'oggetto è fatto in un certo modo, perchè i miei organi sensoriali sono fatti in un certo modo, i quali trasmettono un'onda che l'encefalo, dietro memorie e inferenze, ricostruisce in base a ciò che sà sull'oggetto.


A me personalmente non hanno insegnato a percepire e a entrare in empatia con voi o con i fiori o con tutto ciò che ci circonda, cerco di farlo. ora, mi fermo e oltre a vedere quali sono le forme che si formano dentro le mie reti neurali, cerco di capire cosa provo per quell'oggetto, e cosa l'oggetto mi dice, forme d'onda?.... in ogni caso è energia.

C'è chi afferma che tutto ciò che vediamo è solo illusione.....


Sono lieto di considerare tutto intorno a me energia, pura essenza energetica, sotto svariate forme, ma energia.


rispondetemi e un saluto

goldriver53 goldriver53 29/07/2007 ore 19.00.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CREDERE IN DIO?

DottorS ha scritto:

goldriver53 su molti punti sono d'accordo con te,

Mi piaci perchè ti interessi di fisica quantistica; se crei un sito su questo FORUM (io non sono tanto capace) ti faccio conoscere una teoria fisica nuova, che spiega la minima densità dello spazio; siccome che l'argomento è troppo grosso e fuoriesce dal tema di Dio è opporuno trattarlo come nuovo argomento




Spero di essere riuscito a mettere in questo post come fate voi con il quadratino celeste, mi scuserete, se non riesco, per il momento procedo così....




Si in effetti volevo creare un sito al riguardo, mettere nuove proposte e nuove realtà, sto riordinando le idee, tieniti in contatto.

Un abbraccio

Agosalvo84 Agosalvo84 29/07/2007 ore 19.23.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CREDERE IN DIO?


anche io credo che quello che vediamo è illusione, non perchè lo so a priori ma ho avuto un qualche bagliore, o forse era un'altra proiezione anche il bagliore.in qualsiasi caso noi non siamo capaci di vedere il reale pechè quest'ultimo è un "prodotto" a se stante, noi come dice goldriver riusciamo a interpretarlo attraverso i nostri 5 sensi quindi non vediamo l'oggetto stesso ma solo la proiezione che questo esercita nella nostra mente.come dice osho:noi abbiamo solo due finestre per guardare e non riusciamo ad affacciarci in quelle altrui.Io in proposito ho scritto una mia teoria, che però riportarla quì mi è pressochè impossibile però forse riesco a riassumerla così:

Se un individuo fosse capace di affacciarsi attraverso tutte le "finestre" altrui, sarebbe capace di vedere la verità, ovvero l'oggetto o quel che si guarda per quello che è, non per come lo interpretiamo in base alla nostra conoscenza.La stessa cosa vale per i rimanenti 4 sensi... Ciaooo
goldriver53 goldriver53 29/07/2007 ore 19.57.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CREDERE IN DIO?

Agosalvo84 ha scritto:

Se un individuo fosse capace di affacciarsi attraverso tutte le "finestre" altrui, sarebbe capace di vedere la verità, ovvero l'oggetto o quel che si guarda per quello che è, non per come lo interpretiamo in base alla nostra conoscenza.La stessa cosa vale per i rimanenti 4 sensi... Ciaooo


In effetti è così, noi interpretiamo ciò che vediamo, sentiamo, e automaticamente facciamo inferenze, cioè di quell'oggetto proiettiamo ciò cui noi realmente sappiamo, Per es. qualcuno mi dice: sai che ho visto un cane? automaticamente in me scatta cio che so del cane, un animale con 4 zampe, che muove la coda, che abbaia, che ha un colore ics, ma non basta, subito faccio un collegamento per come vivo personalmente l'emozione alla parola cane, le eventuali esperienze vissute, e mi ritornano in mente non solo cosa sò del cane, ma anche come io vivo l'emozione sul cane, come lo percepisco.


Quindi in noi nasce immediata l'esigenza di dare concretezza a ciò che vediamo sentiamo, ecc.. quello che io realmente sento deve necessareamente trovare conferma.

Un saluto












Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.