Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

giovanat giovanat 27/06/2008 ore 19.54.41
segnala

(Nessuno)RE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO


Io mi ricordavo che Voltaire predicasse la tolleranza verso tutti, credenti o meno, e mi ricordavo che alla fine del Trattato sulla Tolleranza, abbia scritto una preghiera "laica" rivolta proprio a Dio.. E mi ricordo pure che Voltaire non abbia mai negato l' esistenza di Dio.. Ma posso anche sbagliarmi...
La preghiera è questa.

Non è più dunque agli uomini che mi rivolgo; ma a te, Dio di tutti gli esseri, di tutti i mondi, di tutti i tempi:
se è lecito che delle deboli creature, perse nell'immensità e impercettibili al resto dell'universo, osino domandare qualche cosa a te, che tutto hai donato,
a te, i cui decreti sono e immutabili e eterni, degnati di guardare con misericordia gli errori che derivano dalla nostra natura.
Fa' sì che questi errori non generino la nostra sventura.
Tu non ci hai donato un cuore per odiarci l'un l'altro, né delle mani per sgozzarci a vicenda;
fa' che noi ci aiutiamo vicendevolmente a sopportare il fardello di una vita penosa e passeggera. Fa' sì che le piccole differenze tra i vestiti che coprono i nostri deboli corpi,
tra tutte le nostre lingue inadeguate, tra tutte le nostre usanze ridicole,
tra tutte le nostre leggi imperfette, tra tutte le nostre opinioni insensate,
tra tutte le nostre convinzioni così diseguali ai nostri occhi e così uguali davanti a te,
insomma che tutte queste piccole sfumature che distinguono gli atomi chiamati "uomini" non siano altrettanti segnali di odio e di persecuzione.
Fa' in modo che coloro che accendono ceri in pieno giorno per celebrarti sopportino coloro che si accontentano della luce del tuo sole;
che coloro che coprono i loro abiti di una tela bianca per dire che bisogna amarti, non detestino coloro che dicono la stessa cosa sotto un mantello di lana nera;
che sia uguale adorarti in un gergo nato da una lingua morta o in uno più nuovo.
Fa' che coloro il cui abito è tinto in rosso o in violetto, che dominano su una piccola parte di un piccolo mucchio di fango di questo mondo,
e che posseggono qualche frammento arrotondato di un certo metallo, gioiscano senza inorgoglirsi di ciò che essi chiamano "grandezza" e "ricchezza",
e che gli altri li guardino senza invidia: perché tu sai che in queste cose vane non c'è nulla da invidiare, niente di cui inorgoglirsi.
Possano tutti gli uomini ricordarsi che sono fratelli!
Abbiano in orrore la tirannia esercitata sulle anime,
come odiano il brigantaggio che strappa con la forza il frutto del lavoro e dell'attività pacifica!
Se sono inevitabili i flagelli della guerra, non odiamoci, non laceriamoci gli uni con gli altri nei periodi di pace,
ed impieghiamo il breve istante della nostra esistenza per benedire insieme in mille lingue diverse,
dal Siam alla California, la tua bontà che ci ha donato questo istante.


Non so se abbia mai negato l'esistenza di Dio. Se così fosse il suo "credere" va inserito in un contesto anti-cristiano.
ArtoriusCastus ArtoriusCastus 27/06/2008 ore 21.59.46
segnala

(Nessuno)RE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO

A giovanat che il 27/06/2008 19.54.41 ha scritto:

Non so se abbia mai negato l'esistenza di Dio. Se così fosse il suo "credere" va inserito in un contesto anti-cristiano.

Rispondo: Non è così. Voltaire non odiava assolutamente il cristianesimo: anzi, se c'era qualcosa che odiava era l' ateismo. Voltaire andava contro ai dogmi e all' assolutismo del cattolicesimo quale religione imperante e assoluta, ma poi accoglieva in pieno il messaggio di Cristo. Non a caso ce l' aveva tanto con i preti ma poi si toglieva il cappello di fronte alle processioni.

Vi invito a conoscere bene il pensiero di qualcuno, altrimenti è facile commettere degli strafalcioni clamorosi come stavolta.
andblu andblu 28/06/2008 ore 01.39.18 Ultimi messaggi
beatle.2008 beatle.2008 28/06/2008 ore 01.42.41
segnala

(Nessuno)RE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO

questa e tosta
andblu andblu 28/06/2008 ore 01.46.46 Ultimi messaggi
giovanat giovanat 28/06/2008 ore 02.42.17
segnala

(Nessuno)RE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO


Rispondo: Non è così. Voltaire non odiava assolutamente il cristianesimo: anzi, se c'era qualcosa che odiava era l' ateismo. Voltaire andava contro ai dogmi e all' assolutismo del cattolicesimo quale religione imperante e assoluta, ma poi accoglieva in pieno il messaggio di Cristo. Non a caso ce l' aveva tanto con i preti ma poi si toglieva il cappello di fronte alle processioni. Vi invito a conoscere bene il pensiero di qualcuno, altrimenti è facile commettere degli strafalcioni clamorosi come stavolta.
Anti-cristiano come approccio alla religione, come mentalità. Non nel senso di odio del Cristianesimo. Il vero cristiano non può dubitare, non può pensare in modo razionalista: deve essere fedele a Dio e alla Chiesa nella maniera più assoluta.

Per come la vedo io la preghiera è una speranza in un mondo giusto e migliore. Invoca Dio ma... mica bisogna essere cristiani per invocare Dio.
Orticabianca Orticabianca 28/06/2008 ore 09.08.22
segnala

SerenoRE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO

Questa è come quella di Einstein che ci hanno insegnato e=m c al quadrato etc etc mentre nei suoi lavori lui parla di Dio... è probabile che questo Voltaire criticasse il credere ciecamente, in modo letterale e in effetti oggi la chiesa intesa come tutti i "credenti" è messa piuttosto male... ma anche i "non credenti" quante cose fanno consapevolmente e non meccanicamente? però essa conserva il nucleo della dottrina  e ci ricorda le nostre origini più delle teorie scientifiche moderne che non danno una risposta al senso...

ArtoriusCastus ArtoriusCastus 28/06/2008 ore 09.58.59
segnala

(Nessuno)RE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO

A giovanat che il 28/06/2008 2.42.17 ha scritto:

Anti-cristiano come approccio alla religione, come mentalità. Non nel senso di odio del Cristianesimo. Il vero cristiano non può dubitare, non può pensare in modo razionalista: deve essere fedele a Dio e alla Chiesa nella maniera più assoluta.

Per come la vedo io la preghiera è una speranza in un mondo giusto e migliore. Invoca Dio ma... mica bisogna essere cristiani per invocare Dio.

Rispondo: Ancora una volta non è così, è una semplificazione assurda dire che il cattolico (visto che cattolicesimo e cristianesimo non coincidono, mettetevelo bene in testa) non usa la ragione. Basterebbe vedere quanti filosofi cristiani ci sono, o basterebbe informarsi su un certo Kung.

Voltaire invoca Dio nel vero senso della parola, visto e considerato che per lui Dio esisteva di certo. Se volete un pensatore ateo dovete rivolgervi altrove, Voltaire non era assolutamente ateo.
xena1979 xena1979 28/06/2008 ore 10.09.03
segnala

EmozionatoRE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO

CIAO ARTORIUS! BUONGIORNO:batabacio
ArtoriusCastus ArtoriusCastus 28/06/2008 ore 10.11.25
segnala

(Nessuno)RE: W VOLTAIRE, ABBASSO PADRE PIO

A xena1979 che il 28/06/2008 10.09.03 ha scritto:
CIAO ARTORIUS! BUONGIORNO:batabacio

Rispondo: :batacin Buondì

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.