Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Materialism.Idealism 11/09/2009 ore 09.30.43 Ultimi messaggi
segnala

DomandaUna domanda

Ciao ragazze e ragazzi, penso che questo sia il forum adatto per questo tema.

Qualcuno di voi, nel modo più chiaro e conciso possibile, potrebbe spiegarmi di cosa si tratta questa Teoria della complessità di cui molto spesso si sente parlare e sulla quale vengono stampati moltissimi libri?

Grazie a tutti quelli che risponderanno.

Un saluto da Mat
7953748
Ciao ragazze e ragazzi, penso che questo sia il forum adatto per questo tema. Qualcuno di voi, nel modo più chiaro e conciso...
Discussione
11/09/2009 9.30.43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
poltrona poltrona 13/09/2009 ore 03.48.40 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

in parole povere ,ma molto povere dice che siamo collegati tutto e tutti in maniera caotica,ma ordinata,
Materialism.Idealism Materialism.Idealism 13/09/2009 ore 12.34.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

poltrona scrive:
in parole povere ,ma molto povere dice che siamo collegati tutto e tutti in maniera caotica,ma ordinata,


Mah...attraverso quale energia o forza? Io sarei collegato a qualcuno che ora sta dall'altra parte del mondo?
Narciso.81 Narciso.81 14/09/2009 ore 03.22.27
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

premetto che non conosco questa teoria della complessità , ma credo di aver capito a cosa fa riferimento e cioè a livello spirituale . Noi non siamo divisi è questo il punto ... siamo un unica cosa ma nel nostro convincerci umano pensiamo di essere soli e separati , per questo per me ad esempio è anche ridicolo avere un nome .. se guardi il mare è composto di tante goccie , eppure unite esse sono un unica cosa .
Nepheses Nepheses 14/09/2009 ore 10.17.32
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

poltrona scrive:
siamo collegati tutto e tutti in maniera caotica,ma ordinata

sono in antitesi i due termini, è come se vai in macchina e schiacci freno e acceleratore.
Materialism.Idealism Materialism.Idealism 17/09/2009 ore 16.45.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

Nepheses scrive:
sono in antitesi i due termini, è come se vai in macchina e schiacci freno e acceleratore.


Non mi sembra un paragone esatto. In effetti è vero, si parla di ordine caotico, se prendi la letteratura su questo tema ci ritroverai proprio questo concetto.
filosofo3a filosofo3a 17/09/2009 ore 17.08.49
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

IL TUTTO è UNO
Nepheses Nepheses 17/09/2009 ore 17.29.10
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

filosofo3a scrive:
IL TUTTO è UNO

e fin qui ok ma di interi ci sono più di uno?
Narciso.81 Narciso.81 17/09/2009 ore 18.54.56
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

noi siamo aspetti dell'uno questo voleva intendere il filosofo ed è quello che ho detto anche io . Nepheses ogni intero è parte di un unico , la vita è come quelle bambole (matriorche) che all'interno contengono altre bambole piu piccole non si finisce mai , universi dentro universi , dall'infinitamente piccolo all'infinitamente grande , ogni cosa è un universo a se che ne contiene di piu piccoli all'interno , ma tutto forma un solo infinitamente immenso essere , è come anche l'esempio del puzzle ogni cosa della vita è un pezzo del totale e non parlo solo del lato materiale ma anche psicologico e spirituale , pensieri dentro pensieri , mondi interiori dentro altri mondi . Percio lo scopo ultimo di tutta la creazione è quello di tornare al suo ordine iniziale e uscire da questa confusione organizzativa , in quel momento diventeremo un unica cosa .





Alba.Silente Alba.Silente 17/09/2009 ore 19.47.44 Ultimi messaggi
Nepheses Nepheses 17/09/2009 ore 21.15.11
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

Narciso.81 scrive:
Percio lo scopo ultimo di tutta la creazione è quello di tornare al suo ordine iniziale e uscire da questa confusione organizzativa , in quel momento diventeremo un unica cosa .

Può essere tutto questo come altro, ma mi domandavo come si fa a capire che un unico essere contiene tutto? nell'antichità per esempio adoravano una varietà sterminata di dei, le religioni monoteiste sono molto giovani compreso quella ebrea.
e poi se un ordine c'è stato e di nuovo ci sarà non è detto che sia per sempre. Infatti se c'è un ordine iniziale chi me lo fa fare di creare il disordine? se sono già una unica cosa perchè frammentarmi? te lo immagini domani esco e lascio il cervello su una panchina, l'amore sull'albero e la ragione a bere al fiume e poi mi domando (non so come) ma tanto poi ri-assemblo tutto. se fosse così facile ci saremmo già all'unità.
poltrona poltrona 18/09/2009 ore 09.53.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

ALLORA QUANDO DICONO CHE DIO SI è FATTO UOMO.....GUARDATE LE PRIME DUE PAGINE DELLA BIBBIA,,,FECERO L'UOMO A LORO IMMAGINE....DOPO FECERO 'CON LA TERRA DEL SUOLO GLI ESSERI UMANI...MA CHI FECE ..CHI CI HA FATTO?..DIO ERA SOLO ..ERA TUTTO ,MA SOLO...ALLORA INIZIO' A DIVIDERSI,CERCANDO DI ESSERE UN UNITA' OGNI VOLTA, PRIMA ,BUIO LUCE,ALTO BASSO MATERIA ANTIMATERIA,UOMO DONNA ESSERE UMANO MASCHIO ESSERE UMANO FEMMINA,E COSI' VIA,,,SEMPRE CERCANDO DI NON PENSARE DI ESSERE PARTE DI UNA SOLA COSA...PER PROVARE QUELLO CHE GIA' SAPEVA,IN MANIERA DIVERSA,,CIOE' IL BENE IL MALE E TUTTO QUELLO CHE HO SCRITTO PRECEDENTEMENTE,MA IN MANIERA INDIVIDUALE
Nepheses Nepheses 18/09/2009 ore 12.15.45
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

bhè l'unico motivo della divisione potrebbe essere invece di natura olografica.
ovvero l'uno conserva l'integrità mentre gli individualismi attraverso un sistema simile
a quello olografico sperimentano il particolare il microcosmo, altrimenti l'unità frammentata in tanti pezzi
non sarebbe più o non avrebbe più le capacità che la rendono unica, onnipotente e insomma tutte le caratteristiche
che non si possono scindere pena l'annullabilà dello stesso principio che la terrebbe in quella data posizione.
poltrona poltrona 20/09/2009 ore 16.28.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

siamo come una sfera di mercurio,divisa in un infinita di altrettante sfere ma piu' piccole
Narciso.81 Narciso.81 21/09/2009 ore 04.21.33
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

Nepheses stai parlando del tutto , cioè l'assoluto , il tutto puo scomporsi e ricomporsi come vuole non perde nulla e probabilmente lo fa per fare esperienza di se stesso come dice anche Poltrona . Parlando in maniera molto larga lo si potrebbe raffigurare alla materia quando si scompone e diventa energia non perde nulla di se stessa cambia solo la forma , cosi questo essere quando si scompone cambia nella forma ma non nella sostanza (e per forma intendo una scomposizione della sua immagine perfetta originale in tanti aspetti) . Volendo prendere poi un altra ipotesi , questo essere potrebbe addirittura non essere diviso ma semplicemente non visibile nella sua totalità , se uscissimo fuori di esso e potessimo vederlo da fuori probabilmente vedremmo la sua immagine nel suo insieme di piccoli pezzi , come l'immagine totale visibile di un puzle fatto di migliaglia di pezzittini per intenderci . Ma sono ipotesi il fatto è che stiamo parlando di quacosa di talmente grande che è persino difficile immaginare .


Nepheses Nepheses 21/09/2009 ore 09.52.02
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

tutto quello che vogliamo ... tanto saranno sempre e soltanto ipotesi mai suffragati da una prova tangibile.
sta di fatto invece che la nostra "attività" nel presente dovrebbe essere collegata forse a quello che faremo in un futuro o no?
oppure questa teoria della complessità non c'entra? Cioè, cosa vedo o cosa percepisco ora al presente che mi possa far presagire
un domani o che insomma sia collegato? Quando non avremo più corpi intendo materiali e ammettendo di non scomparire quale sarà la nostra funzione?
Narciso.81 Narciso.81 21/09/2009 ore 15.31.58
segnala

(Nessuno)RE: Una domanda

la funzione ultima come ho gia detto dovrebbe essere quella di aver ottenuto una profonda esperienza di se stesso scomponendosi e mi riferisco alla totalità , in quanto al nostro destino sicuramente è qualcosa che supera la dualità , noi siamo l'essere completo semplicemente ora scomposto , quindi tornando nella compostezza noi siamo coscenti come un unica entità e non piu come unita divise , solo questo cambia che gia di per se dice tutto .

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.