Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Uomo.Serioo Uomo.Serioo 30/01/2012 ore 17.59.25
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

ELEVEN.02 scrive:

Che la fede sia un dono è uno dei tanti luoghi comuni che non hanno ragion d'essere.
La fede è l'adesione spontanea che liberamente concede l'individuo.
Le numerose frasi di Gesù in cui dice "Sei guarito perchè hai creduto", "Vai, il tuo servo è salvo perchè hai creduto" ecc... non avrebbero alcun senso se questo credere fosse stato donato da lui stesso.

Usando una suggestiva metafora:
gli uomini è come se vivessero all'interno di un pozzo oscuro. Dio dal di fuori getta una fune (che è la sua parola, la parola di Cristo) poi sta agli uomini decidere di aggrapparsi per uscire fuori dal pozzo oppure rimanere a marcirvi dentro.


se cerchi la verita cerchi dio, se invece cerchi un dio lo hai gia trovato..
lillo.18 lillo.18 30/01/2012 ore 22.10.36
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

quindi secondo i cristiani uno come il dailailama o addirittura il sidarta andra' direttamente al inferno perche non crede in cristo uuuuuuuuuuuuuuuu........... c'è qualcosa che non quadra. poi non so se è vero ma gesu non dice chi non è contro di me è con me o una cosa del genere cioè chi segue la mia parola ma non mi conosce segue la verità cioe dio quindi è salvo o no?. e a un soldato romano che gli chiede di aiutare un suo servo che stava per morire di salvarlo, gesu si alza per andare dal servo ma il soldato gli dice non serve sapendo quello che poteva fare gesu gli chiede solo di pregare per lui che lui si sarebbe salvato nello stesso istante il servo guarisce gesu si gira verso i discepoli e gli dice: lui che non mi conosce a piu fede di voi che siete accanto a me.
purtroppo mi sono reso conto col tempo che tutto i credenti di tutte le religioni citano solo alcuni versetti quelli che fanno piu comodo per cosi dire. e un altra cosa in tutti i testi sacri una frase va sempre in conflitto con altre 10 e vanno interpretate cosa che neanche i teologi ne vengono a capo.
Quindi siate buoni che se esiste un paradiso un posticino dio ve lo trova pure se non siete cristiani :hell 0:-)
ELEVEN.02 ELEVEN.02 31/01/2012 ore 09.39.27
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

@ lillo.18:




Personalmente non faccio parte dei cosiddetti cristiani bigotti o di quelli che recitano a memoria versetti senza ragionarci sopra. Cerco di parlare con cognizione di causa, a differenza di molti che invece disquisiscono di aldilà e di Dio senza aver mai aperto un Vangelo o una Bibbia ma credendo lo stesso di conoscere i meccanismi intrinsechi della salvezza o della dannazione.
Riguardo al Dalai Lama e alla salvezza: la Bibbia spiega chiaramente (per chi l'ha studiata o almeno letta) che il mondo è governato da satana e praticare il bene in un sistema del genere è difficilissimo perchè satana e i demoni, come creature spirituali notevolmente più intelligenti degli uomini possono far cadere chiunque in un gorgo di peccato e perdizione, sopratutto coloro che non sono protetti da quella che S.Paolo definisce "l'armatura della fede".
Ho notato che il male e il peccato di solito si accaniscono contro coloro che si arrogano il diritto di rappresentare Dio senza avere la necessaria fede, clero vaticano in primis. Coloro che appartengono ad altre religioni o confessioni sembrano essere toccati meno dalla corruzione morale, proprio perchè satana ha tutto l'interesse a corrompere coloro che invece avrebbero dovuto essere dei fari di luce.
Comunque "scagli la prima pietra chi non ha peccato" vale anche per il Dalai Lama, vale per chiunque, perchè tutti siamo ingiusti di fronte a Dio, anche il Dalai Lama.


lillo.18 lillo.18 31/01/2012 ore 13.56.19
segnala

SerenoRE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

io quello che gli passa per la testa al dalai lama non lo so ma era per citere un tipo di filosofia che seguito rispecchia il cristianesimo pur non essendo una religione.
anche il taoismo segue la stessa scia del cristianesimo, quello che ancora non capisco e perche un cristiano che ne fa di tutti i colori e chiede perdono va in paradiso e quello che invece rispetta il prossimo e fa tutto una vita didicata al prossimo e magari ha un altra fede non puo andarci. non per fare l' avvocato del diavolo :hell pure se mi è simpatico ma avete l' esclusiva? scherzo. quello che credo che dio non abbia religine d' appartenenza siamo noi che ci arroghiamo il diritto di dire dio e mussulmano o cristiano o quello che è anche perche se dio volova che tutti fossimo cristiani o di un altra religine sarebbe apparso a tutti nello stesso modo.
ELEVEN.02 ELEVEN.02 31/01/2012 ore 14.50.51
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

lillo.18 scrive:
non capisco e perche un cristiano che ne fa di tutti i colori e chiede perdono va in paradiso




Ma chi l'ha detto ? C'è scritto "Non chi dice Signore Signore va in paradiso, ma chi fa la volontà di Colui che mi ha mandato". Ovviamente credere e fare la volontà di Dio sono tutt'uno, perchè chi crede realmente si uniforma a ciò che dice Cristo.

Credere = vivere secondo morale oggettiva (amare il bene)
Non credere = vivere in maniera amorale o secondo morale soggettiva, che è la stessa cosa (amare il male)

Nella Bibbia c'è anche scritto di rare persone che "pur non conoscendo la Legge sono faro di luce a se stessi, perchè fanno inconsapevolmente ciò che la Legge comanda, avendola scritta nei loro cuori". Questa frase sottolinea che quacuno, anche se vivente in un sistema sociale distorto e malvagio, riesce lo stesso a praticare il bene. Purtroppo si tratta di mosche bianche.


lillo.18 lillo.18 31/01/2012 ore 20.13.49
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

credimi ce ne piu di quanto pensi, sicuramente cosa c'è dentro una persona non posso saperlo quella è una cosa individuale, ma conosco molte persone che fanno volontariato che non sono credenti e ci sto a contatto ogni giorno, lo ripeto non posso sapere cosa pensano ma dai loro atti per me fanno del bene da come parlano anche. Comunque potremo parlare di religine per ore ma non ne verremo mai a capo, non perche tu ai ragione o viceversa ma perche la tua è questione di fede in un Dio che è cristiano la mia e questione si di fede ma di un Dio di tutti per questo penso che Dio non ha religione è solo una cosa nostra.
ELEVEN.02 ELEVEN.02 01/02/2012 ore 14.05.43
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

@ lillo.18:





Le persone non si salvano per merito o per opere. Questo concetto è una distorsione operata dal cattolicesimo. Se così fosse vorrà dire che Dio ci aspetterà con una bilancia dove pendono due pesi, uno rappresentato dalle opere cattive, l'altro dalle opere buone e a seconda dove penderà la bilancia si avrà un giudizio rispettivamente negativo o positivo. Non è così, non può essere così, perchè nella vita subentrano un'infinità di fattori che possono portare a fare del bene oppure no, e questi fattori non sempre sono correlati all'animo dell'individuo, anzi quasi mai.
Per esempio posso essere un idividuo violento e aggressivo solo perchè il mio organismo sviluppa un'alta concentrazine di ormoni androgeni e testosterone, viceversa posso essere mite e tranquillo perchè il mio corpo produce molti estrogeni.
Oppure sono nato in una famiglia dedita al volontariato e i genitori mi hanno trasmesso tutto il valore dell'altruismo e la gioia del dedicarsi agli altri, viceversa nascendo da una famiglia di delinquenti cresco circondato da esempi negativi che mi portano a concepire come giusto il fare altrettanto. Se nasco a Napoli sarò in un modo, se nasco a Tokyo posso essere l'opposto.
Chi possiede però sepolta dentro sè un'idea di bene e giustizia oggettivi, chiunque e da qualsiasi contesto provenga, nel momento in cui sente o legge le parole di Cristo trova una corrispondenza tra queste e il "suo sentire" (non a caso Gesù si paragona al pastore la cui voce le pecore riconoscono e seguono), nasce così la fede, nel riconoscere come assoluto e imprescindibile il precetto "Non fare agli altri ciò che non vuoi sia fatto a te". Lo spirito dell'individuo che si accosta quindi alla fede viene trasformato e con esso viene trasformata l'intera persona qualunque sia il contesto ambientale, organico o genetico che lo caratterizza, e da quel momento si inizia anche a compiere le opere, che sono una conseguenza della fede, non la causa.


monia1971 monia1971 03/02/2012 ore 20.27.50
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

ciao a tutti ,molte affermazioni che ho letto mi hanno fatto sorridere anche xche' certe cose bisogna cercarle sui libri e studiarle seriamente .io lo faccio da quando avevo 9 anni ,ho letto tanto e vissuto esperienze sulla pelle dell'esistenza dell'aldila',se cosi vogliamo chiamarlo.non ha niente a che fare col paradiso e l'inferno delle religioni,e' un diverso stato mentale e "fisico",si e' puro spirito immerso nell'amore mantenendo le nostre caratteristiche terrene ...mio padre era ateo e vi assicuro che dopo la sua scmparsa (4 anni fa) si e' mostrato a tutti noi in famiglia piu vivo e presente che mai.i segni li riceviamo tutti ma bisogna avere la mente aperta e non solo concentrata sulle cose terrene,dialogare con i nostri cari scomparsi e il nostro angelo ,senza aspettarsi effetti speciali o apparizioni chissa' come ,ma piccoli segni tangibili .x chi fosseinteressato consiglio il libro"sono ancora con noi"di massimo parodi ,semplice scorrevole e illuminante anche x chi non ha mai letto niente in tema.ciao a tutti e buona vita
ELEVEN.02 ELEVEN.02 04/02/2012 ore 10.24.33
segnala

(Nessuno)RE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

monia1971 scrive:
chi fosseinteressato consiglio il libro"sono ancora con noi"di massimo parodi



Morire per rimanere ancora in questo mondo di merda sarebbe la più grande beffa che si possa immaginare, il vero inferno.

lillo.18 lillo.18 04/02/2012 ore 13.13.32
segnala

SerenoRE: perche chiedersi cosa c'è dopo la morte?

monia sono daccordissimo con te, e qui e adesso che bisogna vivere bene, e per rispondere a eleven, questo e un mondo stupendo, siamo solo noi a vederlo bianco o nero, è solo un tuo punto di vista.
il paradiso o l' inferno lo facciamo noi con le nostre azioni, se poi ci sarlà un qualcosa poi lo vedro di la. :hell . e moni se hai avuto un esperienza del genere e davvero stupendo, io so poco di queste cose e non ho mai avuto esperienze delo genere, ma questo non cambia il mio punto di vista, una persona buona e buona qui ed è buona dove andra, sse tu ai visto che c'è qualcosa dall' altra parte ti a sicuramente cambiato come persona, in peggio o in meglio, sicuramente in meglio magari ti comporti in modo diverso con gli altri aiutandoli se questo ti aiuta nella vita terrena ben venga. 0:-)

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.