Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Sthula 29/03/2013 ore 11.13.55 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

@ Andrearrg: Se per lei va bene, potremmo darci del "tu".

Quello che lei dice, potrebbe corrispondere alla realtà, non lo escludo, ma non comprendo cosa c'entri con il discorso che, appunto, ho riferito sopra.

Cioè, se dessimo per buona quella teoria, ognuno in vita, potrebbe essere l'artefice del suo futuro, soprattutto in una visione ultraterrena. Considero anche, come positivo, il fatto che gli atei, siano liberidi poter interrompere il loro viaggio, senza per questo, essere sottoposti a pene eterne, tra l'altro, non commisurate rispetto all'effimera vita sulla terra.

Se da una parte, è vero che cattivi maestri, possano inculcare dei concetti erronei, è altrettanto vero che quanto ho riportato sopra, non corrisponde al credo di una religione, ma si basa su di uno scritto rivelatorio che non obbliga nessuno, semmai lo incita alla lettura del libro, unicamente come base di riflessione. In questo caso non ci sono maestri o maestrini, che sciorinano la loro giusta o errata cultura, ma la sola visione della rivelazione.

Che poi, in altri contesti, si assista ad un proliferare di maestri, che improvvisando o meno, gettano cattiva luce, su questi argomenti, è un fatto noto.

Andrearrg Andrearrg 29/03/2013 ore 11.28.17
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

Ho scritto male. Non volevo dire Argomento, ma Metodo.
L'argomento in questione, la scelta per l'aldilà, non credo che sia molto conosciuto. Ma è il Metodo che usa un simile pedagago che è pericoloso, perché inculca l'idea che basta scegliere un lato, una posizione, per reputarsi superiori, 'prescelti'.
Sthula 29/03/2013 ore 11.53.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

Andrearrg scrive:
Ma è il Metodo che usa un simile pedagago che è pericoloso, perché inculca l'idea che basta scegliere un lato, una posizione, per reputarsi superiori, 'prescelti'.


In quel caso però, non si trattava di una posizione, tanto per reputarsi superiori o fare prescelti o proseliti. IN effetti tutto quanto viene descritto, in maniera analitica in detta rivelazione, all'atto pratico si potrebbe estrinsecare anche in persone che mai, ebbero sentito parlare di tali convinzioni.

Infatti l'elemento caratterizzante di tutto questo discorso, non è da individuare in una professione di fede, quanto in quella Luce, di cui si discuteva nell'altro post.

Se quindi, la Luce è tutta interiore e presente in ogni uomo, è chiaro che non ci potranno mai essere prescelti o superiori, dato che la stessa LUce è un Frammento localizzato molto vicino al corpo umano e allo stesso tempo, di ugual valore.(riferito ad ogni Luce, dentro ciascuno)
Fmasu Fmasu 29/03/2013 ore 12.15.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

la morte non esiste... il non ricordare cosa o chi eravamo prima di essere persone umane crea l'illusione di essa! forse non eravamo ancora evoluti spiritualmente.. ma non ci è dato sapere il perche non possiamo ricordarlo, per il momento! ma tutto ha un suo perche!

la morte non esiste
Sthula 29/03/2013 ore 12.30.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

Fmasu scrive:
a morte non esiste... il non ricordare cosa o chi eravamo prima di essere persone umane crea l'illusione di essa! forse non eravamo ancora evoluti spiritualmente.. ma non ci è dato sapere il perche non possiamo ricordarlo, per il momento! ma tutto ha un suo perche!

la morte non esiste



E su questo fronte, non avremmo problemi, "la morte non esiste", la sento ridire da molti anni, ma non cambia la sostanza delle cose.

Intanto ci troveremmo di fronte al quesito del non ricordo. Se non ricordo chi sono stato, è evidente che quelle vite vissute non hanno un senso, un valore, o cmq non influiscono sul mio vissuto attuale, e questo è un grande contro senso.

Ma più in definitiva, se diamo una spiegazione così spicciola, della morte che non esiste e aggiungiamo che ci dovrà pur essere una spiegazione, non abbiamo detto niente, proprio nulla. Ci affideremmo cmq, a ipotesi sostenute da altri, senza alcuna prova. Proprio come tutte le altre ipotesi.

In definitiva, è l'ipotesi meno traumatica, ma che al contempo non spiega nulla.
Burian87 Burian87 30/03/2013 ore 10.35.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

@ Sthula:

Il non ricordo è essenziale. Stiamo parlando di una forma (corpo) che incontra una sostanza (anima). Ora se un'anima ha compiuto un percorso all'interno e a stretto contatto con un corpo. Alla fine del percorso con la morte del corpo tale anima se deve reincarnarsi in un nuovo corpo nascente, tale corpo non ha il substrato adatto ad accogliere ricordi ed esperienze (immaginiamo il cervello di un neonato). Il non ricordo quindi è un fattore essenziale per non snaturare il corso della vita. i ricordi infatti influenzerebbero il percorso dell'anima in una nuova vita
DiavoloBiancoo DiavoloBiancoo 30/03/2013 ore 11.36.22
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

La morte è l'ultima esperienza che si puo fare in vita. Quando vi addormentate e non sognate chiudete gli occhim li riaprite e son passate 8 ore in un attimo, anche da morti non percepiremo ilt empo saremo morti per sempre ma quel per sempre durera cmq un attimo.I nostri corpi non esisteranno piu, non avremo teminazioni nervose e non capiremo piu dove finiamo noi e dove inizia una pietra.Credo che la morte sia la risposta a molti quesiti che l'uomo per sua natura non è in grado di affrontare, si vivra l'esperienza dell'attimo etenro, dell'essere tutto e niente, sara qualcosa che non ha bisogno di logica tante che nemmenos aremo in grado di capire visto che saremo privi di cervello, la logica e una invenzione una creatura come lo siamo noi, nell'aldila non servira piu, esperiremo a ebasta
Sthula 30/03/2013 ore 13.39.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

Burian87 scrive:
i ricordi infatti influenzerebbero il percorso dell'anima in una nuova vita

Anche i non ricordi, se è per questo. :-))
Burian87 Burian87 30/03/2013 ore 13.53.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

@ Sthula:
in che senso? Se la mia mente è vuota posso "affrontare un nuovo percorso". Altrimenti il mio percorso sarà troppo influenzato da quelli precedenti. Questo intendevo dire a chi si chiede del perchè di esperienze di vita di cui si perde ogni ricordo.

Anche per me comunque vivere equivale a ricordare. Al massimo vedrei le reincarnazioni come delle chances ulteriori che si danno a un'anima per compiere un percorso nuovo quando il precedente è fallito.

A volte mi chiedo se esiste un'aldilà, se in tale aldilà resta qualcosa di quello che la vita con le sue esperienze ci ha fatto diventare, o se si torna come in una sorta di tabula rasa in cui la vita terrene appaia solo come un vaghissimo indefinito ricordo. Teoricamente finendo in una dimensione senza tempo, in tale assenza di tempo o è condensato tutto o niente.
Sthula 30/03/2013 ore 14.38.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Cosa accadrà dopo la morte? Ipotesi suggestive, inquietanti, affascinanti...

@ Burian87: Nel senso che, se io non avessi ricordi di vite precedenti, potrei rifare gli stessi errori, anzi, addirittura peggiorare quello che erano state le mie vite precedenti, finendo, secondo alcune teorie, addirittura nel regno animale o vegetale :-)))

La questione dell'individualità, è qualcosa di molto importante, perché si possa perdere.
D'alra parte, se si da peso alla teoria che essa individualità farebbe capo ad uno spirito, il tutto potrebbe essere superato, ma a quale prezzo?

Secondo me non avrebbe senso, vivere nell'individualità, per poi farne a meno. Se davvero l'Universo potrebbe fare a meno delle individualità, sarebbe sempre l'UNO, e così facendo, si azzererebbero queste stesse individualità, volute dall'Universo stesso.

Sono sempre dell'avviso che l'UNO è nel tutti individuale e che ognuno è una componente indispensabile alla sopravvivenza di questo tipo di UNO.

Se si volesse vedere soltanto l'UNO come indifferenziato, non avrebbe senso questo tipo d'Universo.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.