Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Peltier14 Peltier14 22/09/2018 ore 22.57.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@Sthula scrive:
per me il male assoluto non è un atto ma una condizione mentale che porta l'uomo a negare Dio.
Il concetto mentale di Dio e' un non senso, egli e' innominabile. Affermare che Dio esiste (il suo esserCi) e', paradossalmente, afferrmare che non esiste. Cio' a cui ti riferisci e' un idea di un Dio antropizzato, magari necessario e consolatorio,ma schiacciato nel nostro orizonte. Le varie tracce incoerenti, disseminate nell'immanente, e' tutto cio' che abbiamo che, non ci consentono pero', di giungere a considerazioni cosi' ardite e romanzate.
Sthula Sthula 22/09/2018 ore 23.33.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@Peltier14 scrive:
Il concetto mentale di Dio e' un non senso, egli e' innominabile. Affermare che Dio esiste (il suo esserCi) e', paradossalmente, afferrmare che non esiste. Cio' a cui ti riferisci e' un idea di un Dio antropizzato, magari necessario e consolatorio,ma schiacciato nel nostro orizonte. Le varie tracce incoerenti, disseminate nell'immanente, e' tutto cio' che abbiamo che, non ci consentono pero', di giungere a considerazioni cosi' ardite e romanzate.

Quanto scrivi è una contraddizione in termini, le tracce che abbiamo non ci consentono di giungere a considerazioni, dici tu, ma esordisci con il dire che non ha senso affermare che Dio esiste anzi è paradossalmente accostabile alla non esistenza. Quindi prima chiarisciti i pensieri. Il concetto mentale di Dio ha un senso ben preciso, perché è quello che ci fa scegliere. Se per noi Dio non esiste, è chiaro che ogni scelta resta impossibile in questo versante, mentre resta sempre possibile il concetto espresso da Buddha per esempio, ma è tutto un altro discorso.
Ripeto, il male assoluto per l'uomo è quello di non credere a Dio. Certamente il credere o il non credere non va ad influenzare l'immanenza o la trascendenza divina.
Peltier14 Peltier14 22/09/2018 ore 23.59.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

Ascolta a questo punto ti dovresti essere accorto che a guidarmi non e' la limitata logica formale, ma anche quella speculativa. La regola del terzo escluso non e' sinonimo di confusione ,ma di superamento. In alcune branche della scienza affermare che ''la porta e' aperta perché e' chiusa'' non e' un'eresia,oppure essere vivi o morti contemporaneamente, ecc. ecc. Se non si supera cio' , non saremmo mai in grado di intuire il rapporto profondo(non solo geometrico) fra il raggio e l'apotema che ci dischiude la sfera superiore. In conclusione le affermazioni cosiddette contradditorie come ''e' molto piu' vicino a Dio, chi lo nega'' non e' il parto di una mente confusa ma piuttosto distaccata.
ruccutiello ruccutiello 23/09/2018 ore 00.05.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@Sthula scrive:
Ripeto, il male assoluto per l'uomo è quello di non credere a Dio


Pleonastico.

Ma solo per fartelo notare, sembra invece affermare 'Il male è non riuscire a convincere uomini sull'esistenza di Dio'
Sthula Sthula 23/09/2018 ore 00.06.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@Peltier14 : Ok, allora si va a ruota libera, distaccata o meno. Ma cosa c'entra dire tutto e il contrario di tutto per dimostrare distacco! Semplicemente si analizza quanto viene proposto e volendo si indaga, non mi sembra poi una forma inferiore di dialogo
Sthula Sthula 23/09/2018 ore 00.09.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@ruccutiello scrive:
Ma solo per fartelo notare, sembra invece affermare 'Il male è non riuscire a convincere uomini sull'esistenza di Dio'

Ci risiamo, a me sembri ridondante. Io scrivo una cosa e tu interpreti un'altra all'opposto. Non ci posso fare niente. Posso solo aggiungere che il rapporto tra un uomo e Dio è sempre individuale, non ci possono essere intermediari o persuasori e non mia volontà o interesse convincere nessuno, quello che scrivo è il frutto dalla mia personale convinzione. Che poi tu ti senta offeso, deluso, annoiato o pleonastizzato, come preferisci dire, è un tuo problema ricettivo
19936845
@ruccutiello scrive: Ma solo per fartelo notare, sembra invece affermare 'Il male è non riuscire a convincere uomini...
Risposta
23/09/2018 0.09.58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ruccutiello ruccutiello 23/09/2018 ore 00.12.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@Sthula scrive:
il male assoluto per l'uomo è quello di non credere a Dio


Sono affermazioni forti, estreme anche per un credente, secondo me, forse esagerate.
Sthula Sthula 23/09/2018 ore 00.14.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@ruccutiello scrive:
Sono affermazioni forti, estreme anche per un credente, secondo me, forse esagerate.

Esatto, sono esagerate forse per chi vive interamente la sfera fisica. Alla fine i mali o i peccati non sono quelli legati a tale sfera
19936849
@ruccutiello scrive: Sono affermazioni forti, estreme anche per un credente, secondo me, forse esagerate. Esatto, sono esagerate...
Risposta
23/09/2018 0.14.23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Peltier14 Peltier14 23/09/2018 ore 14.55.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@Sthula : Prima una breve riflessione per tutti. Consideriamo cio' di cui dibattiamo,qualcuno direbbe e' roba pesante e quindi le difficolta', financo a capirsi, sono enormi.Poi c'e' la passione e l'attaccamento per le propie convinzioni,e il gioco e' fatto. Ma cmq tutto cio' e' un privilegio .
Il mio ''distacco'' si riferiva alla logica formale rispetto ad altre logiche. Non e' una ruota libera di dire il contrario di tutto tanto per rendere superiori queste logiche alternative. Ti dico che ci sono ambiti dove il senso comune e la logica formale non esistono. Non sto' parlando dei manicomi ma di realta' di cui noi stessi siamo fatti. Non ritieni quindi che considerare questi ''mondi'' sia utile e necessario.specialmente quando si affrontano tematiche che di per sé sono oltre?? E' difficile lo so ,ma quando si decide di attraversare territori sconosciuti e irreali non possiamo pretendere di imbatterci in oggetti familiari e immediatamente decifrabili. Alcune particolari conoscenze avrebbero dovuto avere delle ricadute culturali al pari di cruenti rivoluzioni ed invece tutto e' scivolato in silenzio in una indifferenza da paura(ad esempio il mondo della meccanica quantistica).
Sthula Sthula 23/09/2018 ore 19.11.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La riproduzione

@Peltier14 : Se ti dicessi di aver capito tutto quanto hai scritto direi una mezza verità, qualcosa ho capito ma poi alla fine di cosa vogliamo parlare, di meccanica quantistica, di riproduzione o di spiritualità?
19937178
@Peltier14 : Se ti dicessi di aver capito tutto quanto hai scritto direi una mezza verità, qualcosa ho capito ma poi alla fine di...
Risposta
23/09/2018 19.11.51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.