Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

amicotuo913 amicotuo913 02/12/2018 ore 15.09.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@Filodeon :
ehmm...insomma...certo che ..però..in effetti... mah!.. :testata .
Gio.1947 Gio.1947 03/12/2018 ore 13.49.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@amicotuo913 scrive:
@Gio.1947 :
Ciao...personalmente credo che non ci siano risposte alle tue domande...o almeno che non ci siano risposte precise. E' proprio per la complessità delle cose che tu dici (e di infinite altre), che gli uomini hanno pensato di "delegare" il concetto di "creazione della vita" e quindi tutto l'insieme di queste faccende ad una entità superiore e così si è data una risposta a tutto.
Chi "crede"! ha così risolto ogni problema e può dedicarsi subito al dopo, ovvero al presente; per chi non crede il discorso è più difficile, perchè cerca di trovare delle spiegazioni ragionevoli.
Sussistono però tempi che già non riesco ad immaginare: la nascita dell'universo fisico sembra risalire a qualcosa come 13 miliardi di anni addietro, mentre la vita (vedi abiogenesi) sembra sia comparsa intorno ai 4 miliardi di anni addietro; cito dalla Treccani: "abiogenesi In biologia, generazione spontanea di organismi viventi nelle condizioni primordiali del pianeta terrestre, a partire da composti inorganici e organici piuttosto semplici". Non chiedermi come abbiano fatto, ma sembra che il fatto sia avvalorato dalle scoperte di strutture microbiche risalenti a 3,7 miliardi di anni fa nelle rocce verdi di Isua, in Groenlandia.
Ora, solo parlare di miliardi di anni rende la cosa di impossibile immaginazione e quantificazione, almeno per me, ...certo che in quel lasso tempo chissà quali minime ed infinitesime mutazioni, adattamenti ed aggiustamenti, il tutto in progressione, sono stati possibili.
Però, o si crede nella creazione da parte di un essere superiore, oppure si crede nell'evoluzione naturale, per quanto sorprendente e lunghissima...non esiste, credo, una terza alternativa.
Un saluto...

Credo che l'eternità elevata all'eternità il caso mai e poi mai avrebbe potuto generare esseri capaci di auto-riprodursi
Filodeon Filodeon 05/12/2018 ore 14.47.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@Gio.1947 scrive:
Credo che l'eternità elevata all'eternità il caso mai e poi mai avrebbe potuto generare esseri capaci di auto-riprodursi

...neanche sostituendo CASO ad EVOLUZIONE e considerando questi esseri entità primordiali, la cui autoriproduzione consisteva sic et simpliciter in un filamento che si autorecideva e/o comunque si mozzava in una e/o più pericopi filamentose, laonde per cui prima c'era il filamento e dopo questo evento di mozzarellamentazionitudine autorecisorio-metamorfica si sarebbe verificato uno sdoppiamento triplicazione molti-plicazione del filamento originario che prima si trovava solo come un verme solitario e comunque anche se C'AVESSE AVUTO dei colleghi, lungi dal CIAVARE (*), essendo indiscriminatamente tutti privi di sporgenze e rientranze ( leggi peni e vagine ), per provvedere al loro ricambio generazionale non potevano far altro che ricorrere al piacere solitario dell'autocastrazione di una o più parti della loro filamentosa consistenza ?(**)...

(*) Si tratta di una licenza poetica e non un pretesto di linguaggio pornografico, infatti avevo bisogno di un vocabolo che facesse "rima paronomasica" con "C'AVESSE AVUTO" e non ho trovato di meglio, anzi mi si è presntato spontaneamente, al posto di "COITARE", il più espresssivamente succulento "CIAVARE".

(**) Il punto di domanda chiude il "periodo fraseggiato" che si apre con la "reggente" iniziale che appunto si presenta come una domanda...e che il relativo mittente spera venga corredata da debita risposta da parte del destinatario, pregato di attenersi alla sostanza del ragionamento e non all'aspetto formale e prettamente poetico con cui gli è stato giocoforza estrinsecarla.
Filodeon Filodeon 05/12/2018 ore 14.59.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@Filodeon scrive:
miracolo dei miracoli, ecco che ne è sortito proprio l'orologio Kitcartiano...

...naturalmente oltre essere stato assemblato si ritrova anche funzionante col suo tichettio che in linea con ciò che è sintetico, artificiale, prodotto dalla tecnica bionica dell'umana tecnologica ominazione, volta ad imitarei processi biologici naturali, presenta un'anomalia, del resto assolutamente trascurabile : fa kit-kat al posto di tik-tak...
amicotuo913 amicotuo913 06/12/2018 ore 01.33.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@Filodeon scrive:
...il mittente spera venga corredata da debita risposta da parte del destinatario, pregato di attenersi alla sostanza del ragionamento e non all'aspetto formale e prettamente poetico con cui mi è stato giocoforza estrinsecarla.

Ah bè, oh bè....voglio proprio vedere Giò se ti risponde e cosa ti risponde!
(cavolo, mi è andata bene...... potevo essere io il destinatario del tuo post...eheheh)
Filodeon Filodeon 06/12/2018 ore 12.13.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@Filodeon scrive:
...per provvedere al loro RICAMBIO GENERAZIONALE non potevano far altro che ricorrere al piacere solitario dell'autocastrazione di una o più parti della loro filamentosa consistenza...

Anzi, dirò di più dicendo che quegli organisnmi filamentosi, così poco biologici che a mala pena si sarebbero distinti dal semplice meccanico processo di sgretolamento di una montagna minerale in macigni in sassi in ciotoli in sabbia in cenere in polvere sottili in particolato, nessun ESSERE SUPREMO aveva pensato di programmarli con finalità teleologiche e tantomeno nessun ESERE INFIMO di dotarli di TELEOLOGIA FINALISTICA, 1) data l'esigua povertà del corredo ganglionare di cui erano corredati che lungi dal permettere loro l'AUTOCOSCIENZA li rendeva assolutamente incapaci di accorgersi che erano in compagnia anche di esseri loro simili con i quali potevano realazionarsi in maniera molto più evoluta di quella di mangiarli o esserne mangiati, figurarsi poi se potevano preoccuparsi, anche solo a livello istintivo, del RICAMBIO GENERAZIONALE, come sarebbe poi avvenuto ad organismi ganglicanamente(*) più evoluti, 2) ma soprattutto per il fatto che la divinità non era ancora stata inventata...

(*)La religione non centra, anche se anche il fenomeno religioso di tipo squisitamente sociale, sorprendentemente e con buona pace della divinità(**) non fa che seguire gli stessi processi di espansione di sdoppiamentto moltiplicattivo (chiesa apostolica, chiesa ariana e tutte la altre che le chiese vincitrici finivano col tacciarle di chiese apostate, eretiche, chiesa bizzantina chiesa anglicana(come volevasi dimostrare) luterana calvinista evangelica , e chi più ne ha più ne metta.

(**)L'evoluzione dei gangli in cervello che rende possibile vuoi il riconoscimento nonchè la comunucazione con i propri simili PERSONE PARLANTI (parolanti)(***) mediante il LINGUAGGIO VERBALE PARLATO, vuoi la vita socialmente evoluta dove il cervello sociale, a differenza del CERVELLO SPARPAGLIATO in banchi stormi sciami degli insetti, si trova EVOLUTIVAMENTE rinchiuso nella scatola cranica, aveva nel frattempo già inventato la divinità, anch'essa poi come era accaduto casualmente e non certo per teleologica teodicea divina, come abbiamo ampiamente constatato e sufficientemente dimostrato, vuoi ai filamenti organici nonchè alle chiese che se ne erano arrogate il compito di gestirla ( la divinità, o meglio il suo concetto ideale ), frammentatasi in dualistica trinitaria politeistica e rappresentata con nomi e/ o con idoli ( IDOLO= IDEOGRAMMA ).

(***)"Persona" (per-suona amplificazione del suono )significa maschera da teatro vuoi etrusco vuoi romano vuoi greco, maschera che altro non era che un marchingegno che si metteva sul volto fondamentalmente per ampliare la voce, una specie di imbuto-altoparlante che appoggiato sulla testa evitava di ricorrere alle mani che altrimenti avrebbero dovuto sostenerlo all'altezza della bocca.
Filodeon Filodeon 06/12/2018 ore 14.27.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@amicotuo913 scrive:
@Filodeon :
ehmm...insomma...certo che ..però..in effetti... mah!.. smile .
Ti sottopongo una semplice equazione proporzionale per facilitare una breccia in grado di smontare le riserve e perplessità nell'accetare inadeguata l'analogia teleologica intesa ad affermare la teleologica teodicea (per semplificare leggi "finalismo" rappresentata dall'equazione proporzionale seguente:

......................... orologio : orologiaio = cosmo : Dio...............

e per capire intuitivamente come l'analogia dell'orologio destrutturato, ma anche frantumato ammpcac non regge te ne propongo un'altra, quella dell'araba fenice (che per non disperdere inutilmente l'equazione chiamerò "fenicottero" ) che risorge dalle sue ceneri

.......................... fenicottero : uovo = orologio : embrione......................

e questo per evitare di farti cadere nell'equivoco già rimarcato dal mio conterraneo "collega" Carlo Rovelli che nel suo libricino, vero e proprio catechismo scientifico per chi come me si ritrova con le sinapsi cerebrali non ancora ben sintonizzate sui problemi di fisica quantistica, che si finisce per appellarsi alla teleologia vuoi evoluzionistica vuoi teologica per la gestore della coordinazione cosmica che per il fatto che la constatiamo non significa che nè l'una nè l'altra debbano essere necessariamente finalisticamente orientate : sarebbe come se il prete cattolico romano suggerisse di essere riconoscenti alla provvidenza divina perchè nella sua benigna magnanimità ci ha concesso il dono della vite che ci consente di degustare i vino, come se il prete luterano facesse la stessa riflessione esortativa riguardo al sidro che nei paesi nordici, dal momento che la vite non vi attecchisce affatto : in entrambi i casi è molto meglio restare sul piano bergsoniano della retorica poetica a fini edificanti consolatori celebrativietc senza INDURSI NELLA TENTAZIONE di applicarla a dimostrazione scientifica della presunta teodicea universale che è fondata raziociniamente su un paralogistico scambio ( Dio non voglia subdolamente surrettizio, se è vero come è vero che non si diventa vescovi e curiali, come del resto deputati e magistrati se non si sa dimostrare di essere di cervello fine ) della causa con l'effetto e avendo questi vescovi e cardinali deciso di far recitare ai LORO (*) fedeli cattolici apostolici romani la recita del "padre nostro" eppurato, quando anch'essi si rivolgeranno al Padre Eterno chiedendo per loro stessa disposizione NON ABBANDONARLI NELLA TENTAZIONE, dovrebbero finalmente includervi anche di non abbandonarli nella tentazione di fare politica, come invece hanno fatto finora...

(*)"i loro fedeli" : alltrettanto subdolamente e perfidamente assieme ai loro manutengoli del potere politico legislativo ed esecutivo vanno asserendo paralogisticamente che è per provvidenza divina che Cristo ha scelto come successore di Pietro il papa della Chiesa una santa cattolica apostolica romana, dove "una" e "santa" considerando affarismi speculazioni finanziarie e religiose indulgenze sante messe ) pedofilie intrighi ed intrallazzi politici vari nel manipolare ad uso politico quel che resta del popolo di Dio che si sta ancora lasciando infinocchiare credendo che se non obbedisce al Vaticano , Cristo lo rinnegherà nell'ultimo giorno, quando invece se la Chiesa Cattolica è riuscita a trionfare nel Rinascimento e nell'epoca attuale a non trovarsi come una delle tante case regnati svuotate pressochè di ogni potere se non quello di rappresentanza, ciò va attribuito unicamente alle PROVVIDENZIALE( si fa per dire dal momento che citando il mio "collega" Rovelli, l'impiego di tale termine in un discorso razionale e non per fini omiletici ed edificanti è puramente paralogistico )disposizioni del concilio di Trento che nel Cinquecento aveva imposto il celibato giuridico ai preti che si è rivelato, ma appunto col senno di poi, PROVVIDENZIALE e non per un misteriosa ed esoterica assistenza dello Spirito Santo...

.........

E questo per cercare di far preccia sulle tue perplessità che molto efficacemente hai manifestato con l'emoticon il cui geroglifico ho cercato di tradurre sul "quoto" :una testa che sbatte contro un muro : comunque non perchè ti voglia male ma non voglio credere che si tratti di un muro di gomma quello che sottende la trama del film di Marco Risi...



KitCarson1971 KitCarson1971 06/12/2018 ore 20.44.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@amicotuo913 scrive:
Ah bè, oh bè....voglio proprio vedere Giò se ti risponde e cosa ti risponde!
(cavolo, mi è andata bene...... potevo essere io il destinatario del tuo post...eheheh)


Ah ah ah uh uh uh. Ed anche eh eh eh oh oh oh....
KitCarson1971 KitCarson1971 06/12/2018 ore 20.47.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@Filodeon scrive:
kit-kat al posto di tik-tak...


Maestro carissimo, qual buon vento, libeccio, maestrale, tramontana, ghibli? Lei con quella bocca(ccia) può dire ciò che vuole, è sempre il benvoluto. In quanto a nutrienti la penso come Lei, d'ora in poi niente più fegato di colibrì con polenta, tantomeno fagioli con le cotiche o trippa al lardo, ma solo croccantini KitKat, consigliati da chi non perde mai il Filo...
Un saluto e... viva Brèsa. :bye
KitCarson1971 KitCarson1971 06/12/2018 ore 20.51.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L'uomo è il prodotto del caso o di Dio?

@Filodeon scrive:
Anzi, dirò di più

Benissimo, io intanto chiederò aiuto a Pompilio e al suo amico Pompeano... qualche lume in più per fare luce...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.