Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

ruccutiello ruccutiello 09/10/2018 ore 23.16.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@KitCarson1971 scrive:

Si parla di Dio in continuazione


Io infatti ho precisato che il mio post non era rivolto solo a quello.
E comunque, certo, quello teologico religioso è un argomento forte, gli interventi finora vertono su esso.

Io non riesco a credere che anche un sasso è Dio, e anzi vedo in questa affermazione una semplificazione, un limite che per convenzione ci si da, e che in questo modo, non fa decollare pensieri 'laterali' ulteriori.
In questo senso una tara.
ruccutiello ruccutiello 09/10/2018 ore 23.24.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@Sthula scrive:
sarebbe meglio esprimersi in italiano, cosa avresti voluto dire?


Voglio dire che semplicemente l'idea che vuole stabilire 'cosa è' Dio, 'dove sta' Dio, 'come si manifesta' Dio, e lo fa attraverso tesi 'convinte', metta dei freni, dei paletti alle menti, alle sensibilità, alle possibilità di intendere 'diversamente' Dio, o un sasso, come diceva Kit.

Da parecchie delle tue affermazioni, convinte, decise, pleonastiche quasi, leggo freni più che stimoli.
E questo, io te l'ho già detto, nel tuo interesse, è un modo di esprimersi che allontana più che avvicinare.

E certo, ognuno fa come vuole e pensa come vuole poi, ma qua io mi confronto.

KitCarson1971 KitCarson1971 09/10/2018 ore 23.46.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@ruccutiello scrive:
Io infatti ho precisato che il mio post non era rivolto solo a quello.
E comunque, certo, quello teologico religioso è un argomento forte, gli interventi finora vertono su esso.

Io non riesco a credere che anche un sasso è Dio, e anzi vedo in questa affermazione una semplificazione, un limite che per convenzione ci si da, e che in questo modo, non fa decollare pensieri 'laterali' ulteriori.
In questo senso una tara.

Hai semplificato ulteriormente il tuo concetto. Permettimi di provare a fare altrettanto.

Nel post precedente parlavo di una "FORZA". Va detto (semPer) che l'analisi di questa forza è impedita e NON è possibile varcare la barriera di questo Principio (Dio), se non per via indiretta, la convergenza delle forze e la MANCANZA di dispersione nell'UNIVERSO (niente si distrugge, ma tutto si trasforma) rappresentano bene questa unità che stà al di là e dentro ad ogni cosa che noi chiamiamo Dio, termine a ben vedere inventato da noi.

Dio non è possibile vederlo (come noi intendiamo questa desiderio) però questo Principio-Dio è unico, su questo non c'è dubbio. Egli è il Principio di partenza di qualsiasi forza facente parte della struttura universale, questo pensiero, seppure possa sembrare filosofico, è indubitabile. Dio è assolutamente UNO: nella NON dualità di Dio manifesto e di Dio immanifesto. Come si fa a disconoscere un Dio manifesto nella stessa natura che ci circonda?
Un saluto
Sthula Sthula 09/10/2018 ore 23.54.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@ruccutiello scrive:
E certo, ognuno fa come vuole e pensa come vuole poi, ma qua io mi confronto.

Ovvio, e anche io mi confronto, avendo alle spalle un vissuto e esponendo quello che io ritengo giusto che sia. Entrare nei panni di un altro oppure esporre una visione diversa dalla mia, equivarrebbe a negare tutto del mio vissuto e delle mi convinzioni. Se invece volessi leggere come mi esprimevo decine di anni fa, lo potresti sempre fare, qui dentro c'è traccia del mio nik e di quello precedente. E allora capirai che certe convinzioni nascono anche dal vissuto
KitCarson1971 KitCarson1971 10/10/2018 ore 09.25.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@Sthula scrive:
Se invece volessi leggere come mi esprimevo decine di anni fa, lo potresti sempre fare, qui dentro c'è traccia del mio nik e di quello precedente. E allora capirai che certe convinzioni nascono anche dal vissuto

Per carità, allora dillo che vuoi vederci con la bava alla bocca, debordi già nel presente.... :-( :dancer
ruccutiello ruccutiello 10/10/2018 ore 20.19.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@KitCarson1971 scrive:
Nel post precedente parlavo di una "FORZA". Va detto (semPer) che l'analisi di questa forza è impedita e NON è possibile varcare la barriera di questo Principio (Dio), se non per via indiretta, la convergenza delle forze e la MANCANZA di dispersione nell'UNIVERSO (niente si distrugge, ma tutto si trasforma) rappresentano bene questa unità che stà al di là e dentro ad ogni cosa che noi chiamiamo Dio, termine a ben vedere inventato da noi.

Dio non è possibile vederlo (come noi intendiamo questa desiderio) però questo Principio-Dio è unico, su questo non c'è dubbio. Egli è il Principio di partenza di qualsiasi forza facente parte della struttura universale, questo pensiero, seppure possa sembrare filosofico, è indubitabile. Dio è assolutamente UNO: nella NON dualità di Dio manifesto e di Dio immanifesto. Come si fa a disconoscere un Dio manifesto nella stessa natura che ci circonda?


Proseguo con molta difficoltà, devo dirlo, nonostante tu dici di voler semplificare.
Il fatto che ciascuna delle tue frasi sottolineate (le metto in sequenza):

Nel post precedente parlavo di una "FORZA".
Va detto (semPer) che l'analisi di questa forza è impedita
e NON è possibile varcare la barriera di questo Principio (Dio),
se non per via indiretta, la convergenza delle forze
e la MANCANZA di dispersione nell'UNIVERSO
(niente si distrugge, ma tutto si trasforma)
rappresentano bene questa unità che stà al di là e dentro ad ogni cosa
che noi chiamiamo Dio, termine a ben vedere inventato da noi.

Dio non è possibile vederlo
(come noi intendiamo questa desiderio)
però questo Principio-Dio è unico,
su questo non c'è dubbio.
Egli è il Principio di partenza
di qualsiasi forza facente parte della struttura universale,
questo pensiero, seppure possa sembrare filosofico, è indubitabile.
Dio è assolutamente UNO:
nella NON dualità di
Dio manifesto e di Dio immanifesto.
Come si fa a disconoscere un Dio manifesto nella stessa natura che ci circonda?

sono perfettamente equivalenti, almeno per me, a quello che avevi detto prima 'un sasso è Dio stesso'.

Tu in questo post hai scritto poco, ma, al pari di Sthula, hai riempito di 'certezze' e di assunti la tua esposizione e, per quanto ne possa aver afferrato io che ho una mente semplificata, questi sono (o possono essere) viziati, tendenziosi, di parte, incerti, non dimostrati o non dimostrabili, frutto di condizionamenti, di visioni personali, di fede, per carità, assolutamente legittimi se espressi nell'ambito di un 'io credo', ma assolutamente dubbi se si intende essere imparziali, al di sopra delle parti.

E leggere 'certezze' mi fa sorgere dubbi. Non so se capita ad altri, sarei curioso di saperlo, o magari di essere smentito.

KitCarson1971 KitCarson1971 10/10/2018 ore 21.04.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....



Ciao Ruccutiello, semplificare la "figura" e l'esistenza di un Principio senza fine è alquanto difficile. In linea di massima L'analisi totale di questa "Forza" è impedita dalle nostre possibilità cognitive che, nonostante i loro limiti, possono determinare pur relativamente il TUTTO.
Non è questione, come tu affermi sempre più spesso, di condizionamenti ricevuti e che ormai abbiamo fatto nostri, ma di ragionamenti avulsi da pensieri preconcetti, ovvero io considero tutte quelle leggi che ruotano all'infinito, nell'eternità, cambiando forma e sostanza senza mai annichilirsi. Dio, a ragion veduta, si manifesta in queste leggi, che non tengono conto di re-ligi e religioni, nè di catechismi associati a teoremi di credi imposti, con punizioni antiche o con sotterfugi moderni, ma quella Potenza che tu sembri ignorare, comanda da sempre queste leggi. Questo emerge e va al di là degli anelli al naso e da vedute monocolari.

Il rapporto esistente tra Dio e le leggi universali fanno testo, sono le basi e fanno "sostanza" che, al di là di quale sia il tuo pensiero, esistono. La "sostanza" dell'Universo è "sostanza del Principio", la scienza stessa ne scopre sempre più le basi fondamentali. Almeno questo dovrebbe farti riflettere su una quantità incredibile di leggi che non sono abbandonate a se stesse. E se non sono abbandonate a se stesse, chi le tiene in ordine?
Un saluto
19947835
Ciao Ruccutiello, semplificare la "figura" e l'esistenza di un Principio senza fine è alquanto difficile. In linea di massima L'a...
Risposta
10/10/2018 21.04.33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ruccutiello ruccutiello 10/10/2018 ore 21.52.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@KitCarson1971 scrive:
E se (...le leggi...) non sono abbandonate a se stesse, chi le tiene in ordine?


Vorrei dire che invidio la tua certezza sulla Sua esistenza, ma non sarebbe corretto. Io ho grossi limiti, e non riesco a persuadermi che ci sia un regista, dietro. E nemmeno che ci sia tutto questo ordine.

Saluti
19947888
@KitCarson1971 scrive: E se (...le leggi...) non sono abbandonate a se stesse, chi le tiene in ordine? Vorrei dire che invidio la...
Risposta
10/10/2018 21.52.26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
brunalu brunalu 10/10/2018 ore 22.42.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@ruccutiello :

mi ritrovo a condividere sempre i tuoi ragionamenti.
Negli altri, nonostante io mi sforzi di capire - perché io veramente vorrei capire x avere delle certezze - trovo immancabilmente sfoggio di cultura teologica ( che io purtroppo non posseggo)e di verità mai minimamente dimostrabili.
Vorrei qualche volta leggere pensieri più semplici, decifrabili anche da persone che come me non sono molto ferrate in questo campo; e hai ragione quando dici che certe asserzioni allontanano invece di avvicinare.
Sthula Sthula 10/10/2018 ore 22.57.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Credere fermamente è....

@brunalu scrive:
Vorrei qualche volta leggere pensieri più semplici, decifrabili anche da persone che come me non sono molto ferrate in questo campo; e hai ragione quando dici che certe asserzioni allontanano invece di avvicinare.

Esistono anche le domande o le chiarificazioni e ognuno nei limiti di quello che è la sua formazione ed esperienza pregressa, risponde alle domande. Anche a questo servono i forum. Ma a prescindere dal linguaggio più o meno difficile, cosa che è insita nella natura dell'argomento, io non credo che ci sia qualcuno (o forse si, non so) che voglia fare proselitismo, e in definitiva come ripeto da sempre, il rapporto con il mondo trascendente sarà sempre qualcosa di estremamente personale,interiore e intimo.
Quello che gli altri dicono, forse, lascia il tempo che trova, e credo che sia giusto così, a prescindere dal linguaggio. Nel senso che anche a parole semplici il concetto resta quello.
Però ci possono essere delle piacevoli eccezioni laddove il dialogo arricchisce entrambi gli interlocutori. Mi riprometto (sempre che ci riesca) di usare un linguaggio meno complicato, ma ripeto, se c'è vero interesse, le domande si devono fare. Nessuno vieta di aprire un post delucidativo relativo ad un certo argomento che interessa. Io non potrei aprire un post per gli altri, nel senso che non leggo nel pensiero, a meno che non me lo chiedano

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.