Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

voldben 19/10/2018 ore 21.27.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Chi è il sensitivo?



Il sensitivo, uomo o donna, è come del resto la parola stessa fa intuire, una persona che riesce a percepire e vedere il prana (energia vitale che avvolge i corpi animali e vegetali).
Sono chiamati sensitivi anche il chiaroveggente, il telepatico, il medium, il rabdomante, il telecinetico, il cartomante, ed altri ancora. Questi nonostante abbiano delle doti non offrono nient'altro che il loro potere, il chiaroveggente può solo vedere, il telepatico può percepire solo le onde mentali, il medium può mettersi in contatto con entità disincarnate, il rabdomante può solo trovare l'acqua, e cosi via per tutti gli altri. Per il sensitivo pranico le cose sono diverse, esso può percepire il prana dei corpi animali e vegetali. Può percepire l'energia racchiusa in una parte di un corpo, e stabilirne l'intensità. Può inoltre interagire con il prana stesso modificando il flusso d'energia, può con l'esperienza e la pratica vedere l'aura (energia che avvolge tutti i corpi viventi), può vederne il colore, determinando il suo stato di purezza o di contaminazione. Può percepire la bontà o cattiveria, l'irritabilità, oppure la calma. Può inoltre spingersi in altri campi del paranormale con risultati eccellenti, i quali possono variare dalla volontà e l'impegno con cui il sensitivo li affronta.
Le persone dotate di questo senso sono molte, ma poche riescono a svilupparlo correttamente.
Molte persone non accettano le cure di un sensitivo perché non credono che l'aura esista, tanto meno credono che possa ammalarsi. Oggi la scienza riconosce che l'essere umano è circondato da un'aura invisibile, ma non accetta che quest'energia possa interagire con il corpo materiale e che a sua volta possa ammalarsi come un qualunque altro organo.
Le malattie prodotte dall'energia pranica non hanno un'origine materiale, per questo la scienza medica si allontana negando ogni cosa che non possa essere curata con farmaci. Queste malattie dell'energia, sono spesso legate alla nostra spiritualità, a come viviamo e come interagiamo con i nostri simili.
L'energia pranica non può essere offesa come il corpo fisico da fattori materiali come un bastone, una lama, un incidente stradale. Il pensiero è l'arma che può offendere e colpire anche gravemente il prana facendolo ammalare. Il prana può essere colpito da una malattia fisica che agendo direttamente sui chakra coinvolge il prana nella parte controllata dal chakra coinvolto. La cattiveria, l'egoismo, l'odio, il troppo amore, la lussuria, l'avarizia, la mancanza di fede, portano ad uno squilibrio del prana di tutto il corpo. La cura di queste malattie praniche, se non vogliamo andare da un buon pranico, sono curabili praticando tecniche che riescono a spostare o modificare l'energia da un chakra ad un altro, ripristinando così il flusso di energia fra i vari chakra
8565902
Il sensitivo, uomo o donna, è come del resto la parola stessa fa intuire, una persona che riesce a percepire e vedere il prana (e...
Discussione
19/10/2018 21.27.58
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
ruccutiello ruccutiello 19/10/2018 ore 22.30.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?

@voldben : sono un pò scettico sulle effettive capacità di distinguere o captare aure corporee o incorporee.
Parto da una considerazione semplice: oggi la capacità tecnologica di analisi immateriale è diventata enorme, basta pansare che in qualsiasi ambiente e proprio ora, adesso, intorno a noi si diffondono onde elettromagnetiche, radiazioni luminose, onde gravitazionali e svariati altri elementi che nessun sensitivo riesce a decodificare, mentre apparecchi di uso comune lo fanno con enorme dettaglio (GPS, onde radio, TV, telefonia, ecc.)
Mi chiedo dunque in base a cosa esso (sensitivo) potrebbe riuscire, visto che parliamo di qualcosa che nemmeno i potentissimi e sensibilissimi sistemi di ricezione riescono a 'leggere'...

Se devo credere ad un sensitivo, l'unica concessione che mi sento di fare è che alcuni di essi hanno sviluppato di sicuro la capacità empatica di interagire con gli altri, interpretando molto bene le paure, le ansie, i desideri, le tensioni, e sfruttando questa propensione per professarsi 'santoni'...
Sthula Sthula 19/10/2018 ore 22.37.40 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?

@voldben scrive:
La cattiveria, l'egoismo, l'odio, il troppo amore,

Il troppo amore? Si può essere ma il troppo amore non si chiama in questo modo, l'amore non può essere troppo, semmai l'amore possessivo.
E poi le informazioni sul prana mi sembrano molto diverse da quanto dicono la fisiologia induista e la medicina naturopatica
19952974
@voldben scrive: La cattiveria, l'egoismo, l'odio, il troppo amore, Il troppo amore? Si può essere ma il troppo amore non si...
Risposta
19/10/2018 22.37.40
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
KitCarson1971 KitCarson1971 20/10/2018 ore 10.36.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?


E' questo un campo che ci potrebbe portare inevitabilmente molto lontano, in buona misura sono d'accordo con l'alchemico Voldben, certo, certe distinzioni andrebbero fatte. La sensitività è ancor oggi il termine più usato per indicare, globalmente, l'insieme delle facoltà che permettono ad un dato individuo di produrre fenomeni di percezione extrasensoriale e di psicocinesi in senso lato. La sensitività può manifestarsi sia in stato di veglia che durante il sonno, sia in stato d'ipnosi o di autoipnosi o trance,in massima parte si ignorano ancora la natura dei processi che stanno alla base di queste energie.La sensitività non dipende nè dal sesso, nè dall'età, nè dalla costituzione, nè dall'intelligenza

Spesso la sensitività è ereditaria, le (famosissime) sorelle Fox avevano una zia chiaroveggente, il grande M. Home era figlio di una sensitiva, K. Goligher apparteneva ad una famiglia di sensitivi. D'altra parte la sensitività può essere sviluppata con l'esercizio, così come fece mister P. Forthuny.
Per quanto mi consta nel valutare l'interpretazione sulla sensitività, andrebbe detto che ognuno di noi sarebbe NATURALMENTE in contatto conoscitivo con il TUTTO, in misura variabile, ma del tutto naturale.
Penso che il mytyco Volben sia in errore (almeno per quanto mi concerne) laddove pone un unico ceppo di sensitività individuale. Se pur rari, vi sono sensitivi che coprono l'intera, o quasi l'intera gamma della paranormalità. Certo, si può dire che ogni sensitivo ha le sue specializzazioni, le sue "preferenze"... Si distinguono infatti i sensitivi ad effetti psichici o parapsichici(vedi telepatia, chiaroveggenza, precognizione, personificazione, ecc )ed altri ad "effetti fisici" o parafisici (psicocinesi, materializzazione, apporto, ecc ).
Un saluto
Ma si, anche all'imbronciato Sthula :-( , mi voglio rovinare... 8-)
Settembre Settembre 20/10/2018 ore 11.48.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?

quali fattori possono far retrogredire una sensitivà

riconosciuta dalla stessa persona sensitiva

fin quasi ad annullarli?

per fattori non intendo per volontà del sensitivo ma cause esterne.

gradite risposte,un saluto a tutti :-)
lollipop24 lollipop24 27/01/2020 ore 09.39.14 Ultimi messaggi
segnala

SerenoRE: Chi è il sensitivo?

Ciao io personalmente un paio di anni fa ho contattato un sensitivo per un problema con il mio partner e mi ha molto aiutata!!!
Questo è il suo sito internet: http://www.cartomanteroberto.blogspot.com
Ve lo consiglio
ROBER3O ROBER3O 09/02/2020 ore 23.00.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?

Fortunatamente non sono un sensitivo perché sono già bacato di mio, se lo fossi allora si che sarei veramente a posto, tuttavia fin da quando ero piccolo e a volte ancora adesso mi vengono come dei presentimenti che spesso o quasi sempre si rivelano veri, per esempio sono per strada e mi vengono in mente i gatti e dopo poco 3 gatti attraversano la strada, oppure faccio dei sogni che poi presagiscono un avvenimento che si avvera, per esempio due o tre giorni prima dell'11 settembre 2001 mi ero sognato i kamikaze tutta la notte dopo aver guardato un documentario, poi è venuto fuori che sembra centrassero solo con uno dei tre aerei schiantati e non se ne è capito più niente, con alcuni passeggeri resuscitati chissacome e visti in altre parti del mondo con borse di soldi, cose veramente dell'altro mondo, mi sognai di altri fatti brutti poi avvenuti, poi magari mi viene in mente un nome e spesso passando in una stessa strada e dopo un mese mettono fuori l'insegna con quel nome, la cosa mi sorprese e pensai di essere in grado di indovinare i numeri del lotto ma la cosa non funzionò per niente, a parte quello la mia vita è stata un inferno, ho subito bullismo alle medie e alle superiori bullizzato sia dai compagni di classe che dagli insegnanti e il nonnismo sotto le armi, quindi mobbing sul lavoro alla fine per guadagnare una miseria, credevo di avere il disturbo bipolare e il morbo di aspergher e ho preso farmaci inutili che mi facevano star male, poi provai un farmaco per l'epilessia che in realtà non avevo, continue emicranie, poi mi venne il dubbio di essere posseduto a causa dei miei incubi, certo, si tira avanti e in realtà non è che mi manchino le cose necessarie, ma per come la vedo io venire al mondo è uno sbaglio perché cè tutto da perdere e niente da guadagnarci.
ROBER3O ROBER3O 09/02/2020 ore 23.21.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?

Quello che mi chiedo e che non finirò mai di chiedermi è perché quella volta sono nato in questo mondo di pazzi, perché già in parte so di esserlo già di mio ma chi mi circonda è anche peggio, alcuni saranno anche molto intelligenti con diplomi e lauree, ma alla fine della fiera sono più pazzi loro di tutti gli altri, in quanto non ne esiste uno che combini qualcosa di buono, i dottori invece di curarti spesso ti uccidono e la ragione è sempre dalla loro parte, allora sono io che sono scemo del tutto, altrimenti sarebbe lecito pensare che cè qualcosa che non va nella scienza riconosciuta, vogliono andare sullo spazio, sulla luna e su marte e non sono minimamente in grado di risolvere i problemi della terra e dell'umanità e io dovrei credere che la loro scienza è perfetta, ma perché ho dovuto nascere in questo mondo di matti.
20225367
Quello che mi chiedo e che non finirò mai di chiedermi è perché quella volta sono nato in questo mondo di pazzi, perché già in...
Risposta
09/02/2020 23.21.09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Wolf.Z1 Wolf.Z1 11/02/2020 ore 19.28.57
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?

@voldben scrive:
Chi è il sensitivo?


Devi provare a fare una ricerca specifica correlata dall' aiuto di video e storie documentate.
E' una domanda quasi inutile
48anna 48anna 01/03/2020 ore 02.44.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Chi è il sensitivo?

C'è un poco di confusione tra sensitività, pranoterapia raptomante ecc... A quanto leggo nei post,nulla toglie a un individuo che ha fatto il dovuto cammino per accettare i doni e quindi equilibrare il proprio essere in modo da poterne donare per il bene altrui e con chi si professa sensitivo tramite la lettura del gioco delle carte,c'è ancora oggi molto scetticismo e mancanza di fiducia purtroppo, nei confronti di chi è in possesso di doni quale la veggenza e l'energia prano da non confondere con assolutamente con il reiki che è tutta una disciplina totalmente diversa, posso garantire che i doni (chiamo così l'energia prano emanata dalle mani prettamente per la guarigione delle malattie e delle sue sintomatologie e la veggenza) mai devono essere usati a scopo di lucro chiedendo denaro a chi chiede l'intervento.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.