Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Peltier14 30/07/2020 ore 15.28.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Il Mistero: Strategia o Casualita' ?

Abbiamo sovente discusso sui grandi temi esistenziali e sui suoi enigmi. Ora al di la' di quanto ,ognuno di noi, sia portato a credere o non credere, emerge un quesito, su tutto, a monte. Siamo consapevoli di come la fede sia fondamentale per abbracciare una delle tesi che sposiamo e nel migliore dei casi ,qualche ''indizio'' puo' orientarci verso una tesi sostenibile ed intuitiva.
Ora la questione principe che mi pongo e' un'altra:
Perche' se rientriamo in un presunto ''progetto'' di qualsiasi natura o genere non vi sono delle tracce palesi di esso,accessibili a tutti??
Perche' tale ''progetto o se preferite, ''meccanismo'' non ha un'appendice che esprima quella ''verita'' su cui esso e' costruito?
La risposta e' che essa e' stata celata oppure che essa non esiste trattandosi di pura casualita', nella migliore delle ipotesi condizionata. La prima eventualita' porrebbe un domandone: perche' mai? Sembrerebbe un gioco sadico o un'inaccettabile pena inflitta; la seconda ipotesi poi lacererebbe ogni progettualita' ed in ogni caso celerebbe quella casualita' che e' pur sempre una ''verita''. La conoscenza negata di proposito ,seppur con la richiesta della nostra partecipazione,equivarrebbe ad un atto sprezzante nei nostri confronti.Le risposte sulla questione posta spesso sono legate al fatto che la VERITA' deve essere concquistata con abnegazione e sacrificio,oppure essa e' riservata ai semplici ed ai puri. Ma un indolente o un non illuminato perche' dovrebbe essere discriminato visto che la sua condizione che lo ''espelle'' dalla conoscenza non e' certo frutto di una sua scelta?? E qui mi fermo.
8604411
Abbiamo sovente discusso sui grandi temi esistenziali e sui suoi enigmi. Ora al di la' di quanto ,ognuno di noi, sia portato a...
Discussione
30/07/2020 15.28.07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
KitCarson1971 KitCarson1971 30/07/2020 ore 18.00.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il Mistero: Strategia o Casualita' ?

@Peltier14 scrive:
Ma un indolente o un non illuminato perche' dovrebbe essere discriminato visto che la sua condizione che lo ''espelle'' dalla conoscenza non e' certo frutto di una sua scelta?? E qui mi fermo.


La sua "condizione", come la chiami tu, è nient'altro che la sua libera scelta, o almeno, è la scelta dello spirito che l'uomo rappresenterà nella materialità, sia che maturi in Terra come altrove. L'errore di fondo quindi persiste caro Peltier... In realtà TUTTO AVVIENE secondo un indiscusso criterio di logica. Tutto si ricollega al mantenimento (in molti casi forzoso) per un equilibrio dinamico, in ragione diretta della nostra DIPENDENZA dai preponderanti fattori di natura materiale (ed anche psicologica terrena...) esistenti sul nostro pianeta. E' evidente che che in questa prospettiva, la validità di certe norme (che ti fanno storcere il naso...) resta comunque confinata entro i ristretti limiti materiali su detti.

Limiti, mi permetto di ripetere, confinati, segnati dal contingente FISICO e PSICHICO. Detto questo va da sè il ridimensionamento dell'aspetto pseudo "normale" del comportamento umano, alla ricerca di una totale libertà, senza rendersi conto della parte spirituale che lo compone. Da questo NON "sentire" entra giocoforza il concetto da sempre espresso dall'uomo: il perchè del bene e del male. E qui mi fermo anch'io...
Un saluto


xAceSventurax xAceSventurax 30/07/2020 ore 19.29.24
segnala

(Nessuno)RE: Il Mistero: Strategia o Casualita' ?

NON ESISTE IL CASO, forse le vite dei pincopallini che non ostacolano i piani, ancora da me non compresi, di questa "entità" che feci uscire matto 10 anni fa al punto da manifestarsi a me col semplice scopo di tagliarmi le palle e farmi capire che qualunue genialata avessi inventato sarebbe cmq andato tutto storto per "sfortuna"....
Agli occhi di tutti, non esiste questa entità.
Chi sia non lo so, un dio maligno, il diavolo, uomini con tecnologie aliene, so solo che è tutto controllato , voi compresi venite controllati quando gli servite e non ne avete coscienza, non so cosa si provaad assere controllati come burattini con me non ci riesce altrimenti mi avrebbe fatto fare20 anni fa sotto gli occhi di tutti cio che voleva e morta li, INVECE NO SON 20 ANNI CHE MI OSTACOLA, CERCA DI UCCIDERMI DENTRO IN TUTTI I MODI E SOPRATUTTTO POTENDO LEGGERE LA MENTE ANCHE QUANDO CI PRENDO E CAPISCO COSA VUOLE LUI POTENDO LEGGERE DENTRO TROVA IL MODO DI CONFONDERMI.

Quale sia il disegno di questa entità non l'ho ancora capito, so solo che sarò anche un prescelto ma un prescelto nato sotto una stella nera, la mia vita da che ho memoria è sempre andata per il verso sbagliato sempre per eventi casuali che l'hanno rovinata
EtaPeta EtaPeta 31/07/2020 ore 12.09.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il Mistero: Strategia o Casualita' ?

La fede è già di per se un mistero, tanto che molti usano queste due parole come sinonimi.
L'assunto è che serve una "base comune", e questa è la fede.
Ci sono cose filosofiche che possono essere ussufragate dalle parole ma non dimostrate.
Per queste cose fede e fiducia sono appunto le basi comuni.
Un'altra base comune è l'esperienza, che a prescindere dalla conoscenza è operativa.
Un'esperienza di vita può essere condivisa ma non apprezzata dalle altre persone tanto quanto lo è da chi la fa'.
Il mistero viene di conseguenza, tanto più che c'è chi non ha interesse o peggio ancora deplora le cose soggettive ed ha interessere a far rimanere queste cose misteriose (ed occulte ai più).
Peltier14 Peltier14 01/08/2020 ore 15.00.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il Mistero: Strategia o Casualita' ?

@KitCarson1971 : Mi perdonerai,sono costretto ad esprimermi in modo grossolano ,proprio al fine di evitare fraintendimenti. La questione mi e' chiara. Le due sfere distinte ma fuse ''vivono'' nei loro ambiti con una totale interdipendenza. Tuttavia dobbiamo considerare cio' che statisticamente si verifica nell'immanente che sperimentiamo e come questo sia ''sentito'' dai piu'. Tu lo dici: ''Limiti, mi permetto di ripetere, confinati, segnati dal contingente FISICO e PSICHICO ''. Tale e' una condizione non scelta e per la quale lo ''spirituale'' non e' avvertito. Gioco forza non posso ''sentire'' la coovalenza immanenza/trascendenza e pertanto mi trovo in un ambito ''parziale'' del sentire quell'Ente completo. Legittimo e' pertanto il pormi il quesito del titolo. In caso contrario dovrei accettare una legittimazione di un gruppo ristretto, di un ''elite'' fatta di pochi eletti che fra l'altro sarebbero tali senza alcun merito. Tutti di fatto sceglierebbero l'illuminazione per accedere alla ''Conoscenza'' piuttosto che ritrovarsi nella nebbia. Quale sarebbe la scelta libera individuale che ci fa' ''ascoltare la Voce''? L'aspetto discriminatorio si impone. L'impianto assomiglia molto ad una sorte di ''premio di produzione'' per non meriti fra l'altro. Occorre chiarire ed eliminare ogni equivoco del genere. Che lo Spirituale apra all'immanente e ne abbia un ''ritorno''ci sta' , ma se' lo spirituale e' escluso dall'orizonte di comprensione dell'esperienza immanente mediamente,a causa di quei limiti menzionati,che scelta libera e meritoria potrebbe mai fare l'individuo calato nel materiale? E in che modo poi un atto di fede(non scelta) puo' pesare in termini di merito personale? Questi punti sono troppo critici. Ciao
KitCarson1971 KitCarson1971 01/08/2020 ore 18.20.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il Mistero: Strategia o Casualita' ?



Ciao Peltier. Proverò ad esprimermi il più semplicemente possibile. Doveroso altresì ripetere, che io NON ho, e non ho MAI preteso d'avere l'esclusiva per grazia divina, ma solo studi, appartenenze, direttive, insegnamenti, discernimenti, esclusioni e nel tempo accettazioni sulle varie problematiche spirituali, setacciate e a ragion veduta fatte mie.
L'ancora del soma tiene ogni uomo fisso nel mare illusorio della materialità. Non puoi pretendere che un arrampicatore sociale, un ubriacone, uno stupratore, un assassino, una prostituta per scelta, sentano tali necessità trascendenti che vai elencando, certo NON come se fossero loro precluse per una sorta di bigottismo, o meglio/peggio, per divertire un Dio di stampo/matrice umana. Ma sia ben CHIARO, pure la loro esistenza risulta ESSENZIALE, unica, importantissima per le finalità spirituali a lungo/breve termine, qui discusse (vedi karma e reincarnazione). Anche loro, esistenza dopo esistenza si scrolleranno dall'anima il ciarpame più infimo della materialità, arrivando a concepire quell'Essenza universale da tanti (non tantissimi...) così agognata.

Trascendenza "sentita" che molti confondono con la fede. Non è neanche così, è ben raro che ciò avvenga, altrimenti tutti quelli che vanno a sbadigliare in chiesa, ascoltando (si fa per dire) esortazioni di routine, si renderebbero conto di questo Tutto. Nel PRESENTE, tu non puoi mettere sullo stesso piano (pretendere che ognuno abbia lo stesso "sentire" spirituale) un ubriacone che rincasa e obbliga la moglie a subirlo sessualmente, previa qualche sberla, con il protagonista di... una mia poesia, magari mi spiego meglio, forse...

L'eremita

Si attiva la coscienza
al nuovo giorno
la luce schianta
l'abusiva notte
il chiaror s'impone.
Come marea mattutina
si espandono i pensieri
vividi segnali
risvegliano lo spirito
dell'eremita.
Vive col corpo
ma l'anima è lontana
indipendente.
Diventa immensità
un sasso, una corolla
un'ombra su nel cielo.
Lo spazio non esiste
così come la polvere
del tempo.
Un essere minuto
abbraccia il mondo intero
l'immenso si fa luce
senza confine alcuno.
Sorride il volto scarno
all'indigenza sua padrona
il pianto si fa gioia
al rituale del mattino
al cammino di un bambino
per incontrare Dio.

Non che tutti debbano necessariamente diventare eremiti per avvertire una presenza trascendente, io sono tutt'altro, non disdegno le coccole di mia moglie e qualche calice di Pinot fresco...Ripeto: in realtà l'esperienza terrena di un eremita, santo o meno che sia, per le FINALITA' di uno spirito, per così dire "incorporato", ha la STESSA valenza (importanza) dell'esperienza terrena di un metalmeccanico, o magari di un... analfabeta cambogiano coltivatore di oppio che se ne frega dell'esistenza di un Dio, ma pensa piuttosto a riempire la pancia. Non mi sembra il caso di spiegare ulteriormente le differenze e le finalità nel breve o lungo periodo karmico. Se non si cerca con costanza di uscire, almeno parzialmente, dal greve impasse della vischiosa materia in cui siamo immersi, niente e NESSUNO ci regalerà quel "sentire" di cui sopra. Senza sforzo non si ottiene nulla nel materiale, figuriamoci nello spirituale, fin dalla nascita, questo è un mondo, posto su un piano esistenziale che non regalerà mai niente senza niente in cambio, di questo credo ne siamo tutti coscienti.
Un saluto


Peltier14 Peltier14 03/08/2020 ore 23.24.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il Mistero: Strategia o Casualita' ?

@KitCarson1971 scrive:
Se non si cerca con costanza di uscire, almeno parzialmente, dal greve impasse della vischiosa materia in cui siamo immersi, niente e NESSUNO ci regalerà quel "sentire" di cui sopra. Senza sforzo non si ottiene nulla nel materiale, figuriamoci nello spirituale, fin dalla nascita, questo è un mondo, posto su un piano esistenziale che non regalerà mai niente senza niente in cambio, di questo credo ne siamo tutti coscienti

La capacita' di trasmettere il contenuto autentico di un pensiero o di una appercezione ha un valore di grande portata. Colgo cosi' il tuo percorso. Colgo un ''ordinamento'' delle ''regole'' nella sfera trascendente che vanno accettate,condivise. Insomma c'e' una ''storia'' in un ambito cosi' immateriale, o forse i due livelli ,indissolubilmente legati sono quell'unica essenza che non si riesce a cogliere nella sua intierezza. Accettare tutto cio' e fare la nostra parte e' quanto emerge dai tuoi scritti. Un'abbandono fiducioso. Una domanda si insinua ancora una volta sussurrando: ma tutto cio' in nome di una onnipotenza ,spesso sbandierata,non si poteva evitare? Si poteva rendere piu' lieve quel masso ove riporre il capo? La risposta e' NO . Dei limiti nell'illimitato? Ma qui ho il pudore e l'umilta' di fermarmi. Ogni bene.
bartas1969 bartas1969 12/08/2020 ore 21.14.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Il Mistero: Strategia o Casualita' ?

La risposta e' che essa e' stata celata

la prima che hai detto :-))) :-)))
mi piacerebbe sapere di che argomento precisamente ti riferisci, per entrare nello specifico, esiste un forum dove l ho frequentato per 10 anni ho ancora un accont attivo che si chiama " COSENASCOSTE. che affronta i temi del paranormale. :-)

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.