Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Peltier14 29/10/2020 ore 12.23.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Specchi Inconsapevoli

Siamo consapevoli ,mediamente,di come quell'Io sentito in ognuno di noi sia poi la fonte di ogni tipo di ''ricaduta''in ognuna delle nostre Vite. Esso e' la nostra Vita stessa. I tentativi per decifrare tutto cio' sono in atto da diversi millenni ,ma poi ognuno cerchera' un rimedio per sostenerne peso e pressione. Cio' che pero' vorrei cogliere in merito e' tutt'altro.
Se misurassimo la sensibilita' dei nostri occhi alle lunghezze d'onda dello spettro della luce, ci accorgeremmo che essa e' maggiore per le frequenze giallo/verde. Tale risultato e' l'adattamento dell'occhio alla Stella Gialla a cui e' legato il nostro pianeta. Questa semplice osservazione testimonia come ogni soggetto sia in relazione e come tale relazione lo plasmi in modo specifico da poter legarsi in modo osmotico. In sostanza non solo ricevo e rilevo il giallo/verde ma lo faccio in maggior misura rispetto gli altri colori. Tant'e' quindi che sono come uno specchio che riflette qualcosa di specifico che appartiene ''intimamente'' al soggetto con il quale mi relaziono. Ora qualsiasi sia l'essenza profonda di un uomo, di un aspetto possiamo essere certi: la ''Realta''in cui esso e' immerso ,riflette in modo specifico tale''Essenza del Campo'' nel quale giace. Specchi e Gusci inconsapevoli di cio' che ci avvolge,tracce della nostra Origine che non puo' che trascendere quell'Io da cui siamo partiti.
8606971
Siamo consapevoli ,mediamente,di come quell'Io sentito in ognuno di noi sia poi la fonte di ogni tipo di ''ricaduta''in ognuna...
Discussione
29/10/2020 12.23.47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
EtaPeta EtaPeta 07/11/2020 ore 10.50.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Specchi Inconsapevoli

@Peltier14 scrive:
Specchi e Gusci inconsapevoli di cio' che ci avvolge,tracce della nostra Origine che non puo' che trascendere quell'Io da cui siamo partiti.


A proposito di gusci, tu parli come se una tartaruga sia destinata a finire pancia all'aria perchè ha un guscio.
Rimanendo in tema ambientale e biologico, l'evoluzione è una "lama a doppio taglio" con pro e contro con punti di forza e punti di debolezza e il paradosso è che a volte coincidono.
Il valore aggiunto è ciò che si prende (e si da')non ciò che si ha.
Diceva Einstein che non si può risolvere un problema utilizzando gli stessi paradigmi che lo hanno generato (il che potrebbe implicare il liberarsi dal "guscio"), ma nel contempo puo' essere vero che non ci si può allontanare dalla propria natura (l'Io).

Nota : vedi la favola dello scorpione di esopo

oppure...
:p
Peltier14 Peltier14 09/11/2020 ore 12.20.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Specchi Inconsapevoli

@EtaPeta scrive:
Diceva Einstein che non si può risolvere un problema utilizzando gli stessi paradigmi che lo hanno generato (il che potrebbe implicare il liberarsi dal "guscio"), ma nel contempo puo' essere vero che non ci si può allontanare dalla propria natura (l'Io).

E' questa difatti una indicazione fondamentale ed ogni tentativo volto a ''forzare'' tale condizione ha in se' il fallimento. Ecco che il metodo per indagare questo terreno impossibile non possono che essere quelle tracce,quegli indizi lasciati nel processo ontologico. Quando non e' dato studiare il ''corpo'' se ne studia la sua l'ombra.La radiazione fossile di fondo ne e' un esempio in termini di metafora. La consapevolezza del guscio e' un essenziale punto di partenza per rifondare l'intero impianto esistenziale liquidato,da un formalismo logico, come un insieme di funzioni fisiologiche presidiate da una psiche ed una coscienza non meglio identificata. Una consapevolezza che non puo' che aprire a preziosi pensieri convergenti. In tale processo,fatalmente quell'Io guscio si frantuma, muore aprendo alla nuova comprensione di tutte quelle tracce presenti fin dentro quel guscio opaco.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.