Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Peltier14 Peltier14 01/05/2021 ore 12.42.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una storia umana

Questa Storia Umana percepita in modo induttivo attraverso i miliardi di immagini che percepiamo quotidianamente attiene la ''Condizione'' e come tale riguarda ogni tipo ''individuazione'' psico/fisica.Lo specchio riflette la medesima immagine anche per soggetti apparentemente diversi. Cmq la storia ,per chi fosse interessato,ha un seguito. Quel cane che ciondola ,prosegue il suo cammino, ma ora non viene piu' ''visto'' da nessuno,nonostante altre presenze intorno a lui. Egli stesso se ne stupisce ,come pure per una ritrovata forma di ''benessere''. Che cosa è accaduto? Nulla! E' l'Eterno ciondolare svelato. Ed allora gli torna alla mente quanto gli fu' sussurrato: ''nulla e' come sembra, ma e' di piu',molto di più''.
20402502
Questa Storia Umana percepita in modo induttivo attraverso i miliardi di immagini che percepiamo quotidianamente attiene la...
Risposta
01/05/2021 12.42.30
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
KitCarson1971 KitCarson1971 02/05/2021 ore 18.08.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una storia umana

@Peltier14 scrive:
''nulla e' come sembra, ma e' di piu',molto di più''.


In effetti il mondo andrebbe diviso in due. Di ciò che è (che sarebbe...) e di ciò che sembra. Pareri soggettivi che poi risultano sempre polemiche e discussioni fra organisti e spiritualisti. Ho letto di fisiologia e biologia (la cagnara sul covid 19 lo impone...), che poi altro non sono che processi chimici. Ho letto di psicologia e psicoanalisi e mi sono reso conto della unilateralità o limitatezza che queste discipline comportano.

Tutti noi, chi più chi meno, siamo affetti dal male delle tre "esse": Soldi, Salute e Sesso che si scontrano con Cristianesimo Esoterico, con l'Alchimia, la Kabbala, la Mitologia... La verità caro Peltier è che siamo limitati. La limitatezza di cui parlo è quella del solo intuire l'altra faccia della (stessa) medaglia che, inevitabilmente ci riporta al punto di partenza, al sapere di non sapere, al ritrovarci deboli e confusi.

Concetti che non sfiorano un gatto quando con intima soddisfazione fa la sua "toeletta". Ma il concetto di "pulizia" non lo sfiora nemmeno, gli è completamente estraneo. Pare che lo faccia perchè il suo pelo contiene una sostanza di cui è ghiotto: è QUESTO il suo fine. Il cane a cui alludi va di pari passo alle incombenze del gatto che accenno o... ha un nome per così dire, più predominante?
Un saluto
20403275
@Peltier14 scrive: ''nulla e' come sembra, ma e' di piu',molto di più''. In effetti il mondo andrebbe diviso in due. Di ciò che è...
Risposta
02/05/2021 18.08.00
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
puffettainblujeans puffettainblujeans 03/05/2021 ore 16.42.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una storia umana

siamo esseri nell essere.una lunga catena di pene per procacciarci il nutrimento,sia esso,fisico o spirituale.ogni mestiere,ogni esistenza reca con il suo incalzare il cavallo del destino diverse necessita' come il gatto
20403644
siamo esseri nell essere.una lunga catena di pene per procacciarci il nutrimento,sia esso,fisico o spirituale.ogni mestiere,ogni...
Risposta
03/05/2021 16.42.12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Peltier14 Peltier14 07/05/2021 ore 16.16.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una storia umana

@KitCarson1971 scrive:
La verità caro Peltier è che siamo limitati.

Ascolta Kit: La questione dei nostri limiti intrinsechi,è stata da sempre posta e cio' ha in qualche modo legittimato la nostra condizione di debolezza e di confusione in cui,come osservi, versiamo. Cio'(con la massima umiltà) non lo condivido. La nostra condizione per quanto irrimediabilmente ''lacerata'' non ci priva affatto di raggiungere la consapevolezza della nostra ''portata'' , della nostra ''valenza''. Tali affermazioni non nascono da motivi di speranza ,fede o religione , ma semplicemente da una sola condizione : quella di far cadere la benda che ci rende orbi. Ma in che modo ,molti si chiederanno. Ci sono degli ''elementi'' cosi' forti ed importanti sotto il nostro naso, che vanno solo colti. Per facilitare l'operazione occorre pero' parlare un po' meno con se stessi, sperimentando il temibile' ''vuoto''. Giunti a tal segno inizieremo a cogliere la Prospettiva Rovesciata e tutto quanto che ne consegue in un modo cosi' limpido da non coltivare piu' dubbi. Saremo in grado di verificare l'Irruzione operata dall'Assoluto e ci torneranno tutti i conti sul nostro stare al mondo specifico. Certezze cosi' radicate e profonde da non necessitare di nessuna dimostrazione convenzionale, certezze che sono le Sole ad inondare ed attraversare il nostro EsserCi.
KitCarson1971 KitCarson1971 08/05/2021 ore 11.06.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una storia umana

@Peltier14 scrive:
Ascolta Kit: La questione dei nostri limiti intrinsechi,è stata da sempre posta e cio' ha in qualche modo legittimato la nostra condizione di debolezza e di confusione in cui,come osservi, versiamo. Cio'(con la massima umiltà) non lo condivido.



Ciao. Meglio che io specifichi, per quanto soggettivamente mi consta, ovviamente. Che ci siano opportunità che l'essere umano debba necessariamente cogliere, è auspicabile, almeno per quelle circostanze che lo vede in grado ad intercettare, pur con tutta la serie di limiti che per natura lo compongono e quindi condizionano. Rimarcavo SOLO questo: i limiti fisici-sensoriali che ci sono propri. Di questo bisogna eticamente farcene una ragione.

Va da sè che siamo però ANCHE in grado d'intuire un "quid", un "qualcosa" che trascende, che ci sovrasta ma che, nel contempo, possiamo oggettivamente approcciare, per esempio, pensare che anche il nebuloso concetto di morte può applicarsi solamente a certe fasi del grande ciclo della vita, e MAI a tutto il ciclo. Il ragionamento è sottile, ma nel contempo semplice, inquadrato, come deve essere, in una visione più ampia, UNIVERSALE.

La vita, come moto organizzato, come Principio, da tale punto di vista è eterna (fino a questo concetto siamo tutti, chi più chi meno, in grado di configurarla). Essa può soltanto mutare livello d'espressione e di scala fisica. Quando un corpo organico si disorganizza come tale, e quindi si disgrega, termina la sua vita, ma la vita come Principio prosegue nell'ambito di quella che fu la sua organizzazione atomica od anche chimica, biochimica.

NON è la vita che s'individualizza e personalizza nell'uomo, ma QUALCOSA di diverso, cioè un "quid" che, ad un più alto livello, si serve di un complesso organico per esprimersi e questo "QUID" non può essere che ciò che chiamiamo "spirito". Quando dicevo che siamo LIMITATI, il riferimento era d'uopo per le limitatezze insite in noi, di cui sopra ma, in ogni caso, bene o male, il mio spunto, se non potendo essere ascritto a verità assoluta, nondimeno fa (almeno MI fa)indirettamente giungere ad una "dimostrazione" della sopravvivenza individuale di quel "quid" che anima il corpo umano.
Un saluto
Peltier14 Peltier14 11/05/2021 ore 23.26.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Una storia umana

@KitCarson1971 scrive:
Va da sè che siamo però ANCHE in grado d'intuire un "quid", un "qualcosa" che trascende

Quel ''quid'' ,caro Kit, non è pero' cio' che si puo' intuire che ci sia,magari in un suggestivo tramonto o nell'ambito delle numerose melasse fatte di spregevole Mistica Sentimentale. Quel ''quid'' è qualcosa di piu' concreto della Realtà che percepiamo come reale nella sua ''fisicità''. Il punto cardine è questo. Quel ''qualcosa'' è fra noi,concreto,effettivo ed essenziale. E' solo celato . E' ''scolpito''frà le righe della Matematica,della Geometria che ce ne dà una dettagliata descrizione o piu' semplicemente in ogni domanda che ci poniamo. Ma straordinariamente non è nella risposta di quella domanda ,ma è nella domanda medesima . Quel ''quid'' e' la domanda stessa,non in senso metaforico, ma concretamente. Puo' produrre le vertigini tutto cio',ma è la condizione che sperimentiamo ogni istante, come conseguenza della contaminazione,dell'irruzione dell'Assoluto. Un Assoluto piu' concreto e reale della nostra pelle.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.