Esoterismo e mistero

Esoterismo e mistero

Dal mito alla realtà, parliamo di alchimia, magia, religioni, misteri irrisolti, paranormale, filosofia...

Arct.urus 11/05/2021 ore 00.55.35 Ultimi messaggi
segnala

PerplessoCome fare per arginare l'Islam?

E' inevitabile che numericamente l'Islam diverrà la prima religione del pianeta, purtroppo. Come fare per affrontare questo dato di fatto che graverà sulle generazioni future? Esprimete le vostre idee in merito. Riporto intanto un paio di opinioni di personaggi illustri, un grande filosofo e un illuminato riformatore.
Arthur Schopenhauer aveva detto nel suo 'Il mondo come volontà e rappresentazione' (1819): “Nel Corano troviamo la forma più squallida e più povera di teismo. Ammettiamo pure che molto sia andato perduto nella traduzione, ma in quest’opera io non sono riuscito a scoprire nemmeno un pensiero dotato di valore.”
Mustafa Kemal Atatürk disse:
«Per quasi cinquecento anni, queste regole e teorie di un vecchio arabo e le interpretazioni di generazioni di religiosi pigri e buoni a nulla hanno deciso il diritto civile e penale della Turchia. Loro hanno deciso quale forma dovesse avere la Costituzione, i dettagli della vita di ciascun turco, cosa dovesse mangiare, l’ora della sveglia e del riposo, la forma dei suoi vestiti, la routine della moglie che ha partorito i suoi figli, cosa ha imparato a scuola, i suoi costumi, i suoi pensieri e anche le sue abitudini più intime. L’Islam, questa teologia di un arabo immorale, è una cosa morta. Forse poteva andare bene alle tribù del deserto, ma non è adatto a uno Stato moderno e progressista. La rivelazione di Dio! Non c’è alcun Dio! Ci sono solo le catene con cui preti e cattivi governanti inchiodano al suolo le persone. Un governante che abbisogna della religione è un debole. E nessun debole dovrebbe mai governare»


8612614
E' inevitabile che numericamente l'Islam diverrà la prima religione del pianeta, purtroppo. Come fare per affrontare questo dato...
Discussione
11/05/2021 0.55.35
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
Arct.urus Arct.urus 11/05/2021 ore 01.27.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Come fare per arginare l'Islam?

l'Islam si considera da sempre in guerra contro il resto del mondo. È il jihad del dar al-islam (la casa dell'islam) detta anche dar es salaam (casa della pace) contro il dar al-harb (la casa della guerra, ossia noi tutti che siamo kuffàr, miscredenti).
Nei fatti, finora l'Islam è stato piuttosto in guerra con se stesso. da 14 secoli, cioè fin dal suo inizio, fin da quando è nato, l'Islam è sempre stato guerreggiante. Una banale disputa per ragioni dinastiche che si trascina da 1400 anni tra sunniti e sciiti, con reciproci massacri e moschee incendiate.
E tutto questo per seguire un uomo malato di allucinazioni che neurologi moderni hanno diagnosticato come affetto da epilessia del lobo temporale. Uno squallore planetario umiliante per il genere umano.
Vero è che tutte le religioni fanno pietà per quanto sono scombiccherate e inconsistenti, ma nessuna è al livello di abiezione quanto l'islam, responsabile delle mutilazioni genitali femminili di 100 milioni di ragazzine. In Paesi come la Somalia praticamente tutte le donne sono infibulate.
Ne avrei di cose da raccontarvi, avendo avuto come amici persone finire in médicins sans frontières, amici che me ne hanno raccontate di cotte e di crude, su ciò che succede davvero nell'intimità delle hamule, delle famiglie allargate musulmane.
Per natura in tutto il mondo le donne tendono a vivere circa il 10% in più dell'uomo, ma questo vantaggio biologico viene meno in ambienti rurali islamici, e ad esempio in varie zone dell'Afghanistan accade addirittura e di gran lunga il contrario, lì i maschi vivono molto più a lungo delle femmine. Ma è stato proprio un saggio professore egiziano dei nostri giorni a dire la cosa più esatta sull'Islam: "L'Islam sta segando il ramo su cui è poggiato". La forza di un popolo dipende dalla sua cultura, e quale cultura può avere un popolo che pone su due piani diversi i maschi e le femmine? Ogni famiglia numerosa rurale tende a far studiare bene solo i figli maschi che sono gli unici che contano, ma è notorio che il livello cognitivo di ogni figlio dipende molto più dal livello culturale della madre che da quello del padre: quindi ecco perché l'islam sta segando il ramo su sui è poggiato. Se un arabo colto d'Egitto del Marocco, dell'Iraq etc vuole leggere qualunque cosa importante di letteratura, di medicina, di scienze, etc deve per forza leggere il tutto in lingue occidentali: gli arabi non traducono praticamente nulla nella loro lingua! Gli arabi che amano tanto la guerra non sanno farsi da soli nemmeno le armi da guerra. Hanno imparato a costruirsi autarchicamente solo i kalashnikov e poco altro, e senza Toyota non so come avrebbero fatto non essendo capaci di costruirsi nemmeno un pick up.
Arct.urus Arct.urus 11/05/2021 ore 01.39.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Squarci biografici su Maometto fondatore dell'Islam.

Maometto da Medina alla Mecca (scorci biografici rigorosamente copiati da siti autorevoli della Rete)

Nel 623 (nel mese di Chaval, ottavo dall'Egira) Maometto prese una nuova moglie: Aysha di nove anni. Aysha era la figlia di Abu Bakr ed era stata destinata a Maometto fin da quando aveva sei anni.
Maometto, comprato un terreno incolto, provvide a far costruire la sua casa. Un edificio molto semplice in pietra e mattoni d'argilla con un cortile su cui si affacciavano gli appartamenti delle mogli Sawda ed Aysha.
Per pregare, i musulmani si riunivano nella casa di Maometto. Essendo il luogo dove si prosternavano venne chiamato masgid, dal siriaco masgheda, da cui deriva l'italiano moschea.
Maometto assunse la funzione di hakim, legislatore e giudice supremo chiamato a dirimere i contrasti della complessa società di Medina, e la funzione di qaid, capo militare.
I muhajirun (cioè i convertiti rifugiatisi a Medina, fuggitivi dalla Mecca), privi di risorse economiche, decisero di risolvere i loro problemi facendo delle razzie (ghazawat) a danno delle carovane dei meccani dirette in Siria.
Nel gennaio del 624 Maometto inviò un gruppo di uomini con degli ordini sigillati a Nakhlah, per intercettare una carovana che veniva dallo Yemen. Il gruppo era guidato da Abd Allah ibn Gahs, che aprì la lettera dopo dieci giorni di marcia. I musulmani attaccarono con successo una piccola carovana. Uccisero un meccano e ne fecero prigionieri altri due.
La razzia era stata effettuata verso la fine del mese sacro di Ragiab, un periodo di pace osservato da tutte le tribù arabe per consentire il pellegrinaggio (umra) alla Mecca. La carovana, che stava ritornando dalla Mecca, non si aspettava assolutamente di essere attaccata.
La violazione del mese sacro venne giustificata da Maometto con una rivelazione divina (Corano, II, 217).
Nel febbraio del 624 Maometto decise di cambiare la direzione (qibla) a cui bisogna rivolgersi durante la preghiera: non più Gerusalemme, ma la Mecca.
Nel marzo del 624 (anno II dell'Egira) venne tentata una seconda razzia a danno dei meccani. La carovana, guidata da Abu Sufyan, il capo del clan degli Umayyah, stava tornando da Gaza. C'erano più di mille cammelli, 50.000 dirham di merci.
Maometto, alla guida di circa 300 uomini, emigrati dalla Mecca e abitanti di Medina, decise di impadronirsi della carovana.
Abu Sufyan,informato dell'imminente attacco di Maometto, deviò il suo percorso a marce forzate e si mise in salvo.
Intanto dalla Mecca, a cui Abu Sufyan aveva chiesto aiuto, avevano inviato in soccorso circa 800 uomini. Alcuni volevano ritornare indietro, non sussistendo più il motivo per cui erano stati inviati. Ma altri, tra cui Abu Lahab, vollero lo stesso dare battaglia.
Il 12 del mese di Ramadan del II anno dell'Egira, i meccani e i musulmani si scontrarono presso il pozzo di Badr, a circa 105 chilometri da Medina.
Maometto ebbe la sua prima grande vittoria come capo militare e religioso.
Tra i meccani perirono 44 persone e tra i musulmani 14. Altri 44 meccani furono fatti prigionieri. La sorte dei prigionieri è incerta. Pare che alcuni siano stati riscattati, altri uccisi e qualcuno anche convertito. Tra gli altri venne messo a morte Nadr ibn al-Harit, un poeta che raccontava le storie della Persia. La sua colpa: aver attratto molti ascoltatori distogliendoli dall'ascoltare le prediche di Maometto.
Il bottino fu molto inferiore a quello che si sarebbe potuto avere se si fosse catturata la carovana. Sorsero anche molte controversie sulla divisione del bottino.
La battaglia è considerata l'inizio del jihad, lotta religiosa e militare contro i nemici dell'Islam. Da allora i musulmani caduti in battaglia furono considerati martiri (shahid).
Tornato a Medina Maometto accusò gli ebrei della tribù dei Banu Qainuqa di aver collaborato con i meccani.
Nell'aprile del 624 assediò la loro fortezza (atam). Dopo 15 giorni gli ebrei si arresero. Si salvarono dal massacro per intervento di Abd Allah ibn Ubayy, sayyid degli Hazrag, che in precedenza era stato alleato della tribù ebraica.
I Banu Qainuqa ebbero salva la vita ma dovettero abbandonare le loro armi e tutti i loro beni mobili ed immobili.
La vittoria di Badr aveva dato fiducia a Maometto che intensificò le razzie anche contro tribù beduine come i Sualim e i Gastafan (nel mese di Chawal dell'anno II dell'Egira), i Banu Talaba e i Banu Muharib.
Alì sposò Fatima, una figlia di Maometto. Dal matrimonio nacquero Hasan e Husain.
Othman sposò Ruqayya, un'altra figlia di Maometto.
Maometto sposò un’altra donna ancora, Hafsa, figlia di Omar e vedova di Hunais.
Nel 625 i meccani misero in campo un esercito di tremila uomini al comando di Abu Sufyan. Comandante della cavalleria era Halid ibn al-Walid, il generale che in seguito sarà chiamato "La spada dell'Islam".
Maometto riuscì a radunare 1.000 uomini. Abd Allah ibn Ubayy sconsigliò Maometto dall'accettare la battaglia fuori della città, ma non riuscendo a convincere il profeta si ritirò con i suoi 300 uomini.
Il 19-20 novembre del 625, ai piedi della collina di Uhud, i due eserciti si scontrarono. Abu Sufyan riportò una grande vittoria. Maometto venne ferito e rischiò di rimanere ucciso. Hamza, zio del Profeta, venne ucciso.
Abu Sufyan non inseguì l'esercito sconfitto fino a Medina, forse per timore degli uomini di Abd Allah ibn Ubayy. Preferì ritornare immediatamente alla Mecca.
Tornato a Medina Maometto accusò gli ebrei della tribù dei Banu Nadir di non aver preso parte al combattimento, forse perché si era combattuto di sabato.
Venne emanato l'ordine di espulsione degli ebrei Banu Nadir, che tentarono di resistere chiudendosi nelle loro fortezze. Maometto allora prese ad incendiare i palmeti e le coltivazioni. L'azione era assolutamente proibita dalle tradizioni arabe, ma Maometto la giustificò con una rivelazione divina (Corano, LIX, 5)
I Banu Nadir ebbero salva la vita ma dovettero abbandonare le loro armi e tutti i loro beni mobili ed immobili. Venne consentito di portare via solo quanto era possibile trasportare su un cammello per ogni tre persone.
Il bottino, non essendo bene di guerra, fu attribuito integralmente a Maometto che lo diede al gruppo degli emigrati dalla Mecca.
Alla fine del 626 i meccani riunirono un esercito di 10.000 uomini e lo posero sotto il comando di Abu Sufyan.
Maometto, su consiglio di uno schiavo persiano Salman al-Farisi, fece costruire una trincea intorno a Medina.
Quando l'esercito meccano arrivò fu sorpreso dal dispositivo difensivo del tutto inusuale tra gli arabi. Non poté attaccare la città e fu costretto a porre l'assedio.
L'11 marzo del 627 Abu Sufyan decise di interrompere le operazioni militari.
La decisione fu presa a causa del freddo intenso, ma anche a causa di divergenze interne allo schieramento alleato dei meccani. Pare che Maometto abbia intrapreso una intensa attività diplomatica per dividere i suoi avversari.
Durante l'assedio perirono sei musulmani e tre meccani.
Gli ebrei Banu Qurayza vennero sospettati di aver cospirato con il nemico. Durante l'assedio alcuni di essi erano già stati uccisi.
Quando i meccani si ritirarono Maometto attaccò il quartiere dei Qurayza, che resistettero un mese. Alla fine si arresero senza condizioni. Gli uomini, quasi un migliaio, vennero tenuti legati per tre giorni, dopo di che furono tutti sterminati. Le donne e i bambini ridotti in schiavitù, e in parte venduti. La schiava giudicata più bella Maometto la prese per sé.
Durante l'assedio un solo musulmano era stato ucciso da una donna con una pietra.
I beni degli ebrei vennero attribuiti a Maometto che li diede agli emigrati dalla Mecca.
Così Maometto, a 57 anni, prese come sua concubina l'ebrea Ruhaina, che poi si convertì all'Islam.
Con lo sterminio dei Qurayza l'unità politica e religiosa di Medina giunse a compimento.
Nel dicembre del 627 Maometto organizzò un attacco contro i Banu Mustaliq, una tribù nomade nell'area delle vie carovaniere dirette dalla Mecca verso la Siria.
I Banu Mustaliq vennero sconfitti. Maometto sposò Guwairya, figlia del capo dei Mustaliq.

Nel maggio del 628 Maometto si diresse con il suo esercito contro l'oasi di Haybar, a circa 150 chilometri a nord-est di Medina. Nell'oasi abitava una ricca tribù ebraica. I giudei si ritirarono nelle loro fortezze e resistettero a lungo, ma alla fine dovettero cedere.
Gli ebrei ebbero salva la vita, persero i loro beni mobili, furono autorizzati a continuare a lavorare la terra con l'obbligo di versare ai musulmani la metà del raccolto. Non furono costretti a convertirsi. Un presidio musulmano fu lasciato sul posto per controllare la situazione.
Maometto sposò l'ebrea Safiya, 17 anni, figlia di uno dei Qurayza massacrati a Medina, vedova di Kinana che aveva diretto la resistenza di una delle fortezze di Haybar. Kinana era stato torturato ed ucciso.
Dopo qualche giorno venne sottomessa la comunità ebraica di Fadak, quella di Wadi al-Qurra, e quella di Tayma', città ad oltre 300 chilometri a nord di Medina.
Si stima che da queste oasi Maometto traesse una rendita annuale di almeno 32.000 quintali di datteri e cereali, che, sulla base di un consumo trimestrale di 2 quintali a testa, avrebbe consentito di mantenere almeno 4.000 uomini. I musulmani avevano trovato i mezzi economici per sostenere la propria potenza militare.
Nel febbraio del 629 Maometto fece il pellegrinaggio alla Mecca con 2.000 uomini. Dovettero lasciare alle porte della città armi e cavalli. I meccani lasciarono la città e assistettero alle cerimonie da una collina.
Maometto, 59 anni, si sposò con Maimuna bint al-Harit, sorella della moglie di al-Abbas e parente di Halid ibn al-Walid, e con Umm Habiba, figlia del potente Abu Sufyan.
Il patto di al-Hudaybiya non resse a lungo. Con il pretesto della uccisione di un musulmano, tra l'altro in un incidente a carattere privato tra due tribù, il Profeta decise di riprendere la guerra contro la Mecca.
Il 10 di Ramadan dell'anno IX dell'Egira (dicembre 629) Maometto uscì da Medina con 10.000 uomini. Per strada si aggiunsero 3.000 beduini di tribù alleate.
La Mecca aveva subito un tracollo economico con l'interruzione delle vie carovaniere, ora controllate da Medina. I meccani non opposero resistenza.
al-Abbas, appena convertito, uscì incontro a Maometto.
Abu Sufyan, compreso che non c'era possibilità di difesa, negoziò con Maometto, si sottomise e chiese una amnistia per tutti i meccani che avessero abbandonato le armi.
L'11 gennaio del 630 Maometto entrò alla Mecca alla testa del suo esercito di musulmani. Era una conquista politica e religiosa.
Rivendicò il diritto del conquistatore a ridurre in schiavitù tutta la popolazione meccana. Poi la proclamò libera. Seguì un solenne giuramento con cui tutti i meccani si impegnarono ad obbedire ad Allah ed al suo Inviato.
Maometto tuttavia non si fidò dei meccani e decise di tornare a Medina.
Furono uccise solo una decina di persone indicate per nome dal Profeta.
Maometto uscì dalla Mecca con un esercito di medinesi, beduini e meccani convertiti. Proclamò la guerra santa contro gli infedeli e si diresse contro la città di at-Ta'if.
Gli Hawazin, il clan più forte dei Taqif, gli abitanti di at-Ta'if, organizzarono la difesa.
Lo scontro avvenne a Hunayn. Vinsero i musulmani. Gli Hawazin furono in gran parte sterminati, compresi molti bambini. I pochi superstiti si convertirono all'Islam.
Gli abitanti di at-Ta'if si rifugiarono in città. Maometto lasciò a dirigere l'assedio Abu-Sufyan. Infine gli abitanti della città mandarono una ambasceria a Medina e conclusero la pace sottomettendosi ad Allah e a Maometto.
Nell'autunno dell'anno IX dell'Egira (629-630) Maometto preparò la campagna contro Tabuk nel nord della penisola arabica, ai confini con l'impero bizantino. Un esercito di 10.000 uomini si mise in marcia.
Gli abitanti di Tabuk, greci ed arabi, abbandonarono la città prima dell'arrivo di Maometto. Dopo 10 giorni i musulmani ripresero la via di Medina.
Il successo dell'impresa accrebbe il prestigio del Profeta. Ambasciatori arrivarono da ogni parte dell'Arabia per concludere trattati di amicizia. Anche due vescovi cristiani, Ukadir di Dumat al-Gandal e Yohanna ibn Ruba di Aila, conclusero un accordo: avrebbero pagato un tributo in cambio del diritto di continuare a professare la loro religione e della possibilità di mandare carovane verso lo Yemen.
Le tribù che si sottomettevano evitavano il jihad, la guerra santa. Si dovevano convertire all'Islam e dovevano pagare un tributo. Maometto inviava un 'amil, che assumeva le funzioni di capo della preghiera (iman), di addetto alla conversione e di esattore dei tributi.
La ricchezza affluiva a Medina e veniva reinvestita nella politica di conquista. Maometto continuò tuttavia a vivere in povertà, tra le lamentele delle sue numerose mogli.
In pochi anni tutte le tribù arabe settentrionali si sottomisero all’autorità di Maometto, o convertendosi o pagando dei tributi.
Nel marzo del 632, anno X dell'Egira, Maometto guidò il pellegrinaggio, accompagnato dalla moglie Aysha, dalla figlia Fatima e dal genero Alì. Era già malato e dovette far ripetere le sue parole alla folla dal muezzin Bilal.
L'8 giugno del 632 (23 Rabi'I dell'anno XI dell'Egira) Maometto morì nella casa della preferita Aysha, allora diciottenne. Molte fonti narrano concordi che morì stando con la testa appoggiata sui suoi seni. Si pensa ad una malattia causata dal clima umido di Medina. Venne sepolto nella stessa casa della morte. Aveva 62 anni.
KitCarson1971 KitCarson1971 11/05/2021 ore 15.53.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Come fare per arginare l'Islam?



La progressiva parzialità e permessivismo del nostro tempo giunge all'uopo (per l'Islam): non esiste alcun argine per la progressiva "inondazione" islamica. D'altronde loro stessi hanno enunciato il loro futuro in ambito (soprattutto) europeo: "le vostre stesse leggi, vi perderanno".

Islam significa "sottomissione e/o abbandono" a 360° all'unico Dio, Allàh. Il problema è che praticamente lo impongono anche agli altri fedeli di religioni diverse, pena il termine "miscredenti" con tutto ciò che ne consegue, jiad "santa" inclusa. La religione islamica così come la concepì Muhammad, aveva inizialmente inclusi valori e dettami ebraici e cristiani, via via sempre meno considerati.

In realtà il cristianesimo non dispiacque al nascituro Islam, ma era considerato troppo debole, troppo difficile da appropriarsi, sia mentalmente che fisicamente. Quando soprattutto: perdona il tuo nemico (perdona 7 volte sette, ossia sempre), ama il prossimo tuo come te stesso, chi di spada ferisce di spada perisce... ecc. L'Islam è più sbrigativo come, ad esempio, quando gli ebrei si rifiutarono di seguire Muhammad (chiamiamolo all'occidentale, Maometto) e la nuova religione, mal però gliene incolse perchè perdettero letteralmente la... testa, massacro iniziato dallo stesso Maometto in persona.

C'è sempre un rovescio di medaglia: il tanto virulento e temuto capo di guerra islamico, il "feroce" Saladino, si dimostrò più umano nel risparmiare la vita ai crociati sotto assedio in Gerusalemme che, da parte loro, quando espugnarono la città fecero letteralmente una carneficina, passando a fil di spada quasi tutti gli abitanti, bambini vecchi o donne che fossero. Per non parlare dei garrotamenti dei "cristiani" conquistadores a discapito dei poveri indios sud americani. In definitiva niente di nuovo, storicamente parlando, la vera belva NON è la belva, ma l'uomo, sia esso appartenente a qualsivoglia credo religioso.
Un saluto
20406720
La progressiva parzialità e permessivismo del nostro tempo giunge all'uopo (per l'Islam): non esiste alcun argine per la progress...
Risposta
11/05/2021 15.53.23
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
EtaPeta EtaPeta 05/06/2021 ore 18.29.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Come fare per arginare l'Islam?

L'Islam pensa che con la "guerra santa" proteggerà la fede e Dio.
In realtà mi piacerebbe sapere se la cosa è reciproca.
Perché la mia opinione è che quando le cose si metteranno male ed arriverà l'"apocalisse", la prima cosa a essere spazzata via sarà l'Islam.
E per "spazzata via" intendo letteralmente spazzata via da un ciclone divino.
Quando si tratterà di salvare il salvabile non penso che l'Islam sarà in lista.
Del resto cosa può fare il divino per proteggere qualcosa che non accetta neanche la fratellanza umana?

P.S.
Nel Jedismo tutti i "depositari" sono importanti (incluso Maometto), ma non dimentichiamo che le persone sono fatte di carne e ossa.
Il genere umano ha simpatie, odio e nemici.
L'Islam non sono nostri nemici (badate piuttosto ai nemici che non conoscete), ma nel contempo sono gli "ultimi dei nostri amici".
Peltier14 Peltier14 06/06/2021 ore 01.36.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Come fare per arginare l'Islam?

@Arct.urus scrive:
E' inevitabile che numericamente l'Islam diverrà la prima religione del pianeta, purtroppo. Come fare per affrontare questo dato di fatto che graverà sulle generazioni future?

E aggiungerei, come fare che tali affermazioni vengano cosi' strumentalizzate per instillare, in modo del tutto infondato odio religioso ,scomodando persino Schopenhauer ??
Arct.urus Arct.urus 05/07/2021 ore 23.59.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Come fare per arginare l'Islam?

@Peltier14 : ti vorrei far notare come le citazioni che ho fatto, sia quella di Kemal Ataturk che quella di Schopenhauer, siano assolutamente pertinenti.
Mi domando come sia possibile che una persona che mi appare pacata e razionale come te cerchi di difendere ciò che è in modo così eclatante indifendibile.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.