Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

geniale87 geniale87 10/12/2008 ore 23.05.40
segnala

(Nessuno)PENA DI MORTE


LA PENA DI MORTE E' LA PIU' ABERRANTE E INGIUSTIFICATA VENDETTA DELLO STATO NEI CONFRONTI DEL COLPEVOLE DI UN DELITTO

QUANDO SENTO DIRE CHE LA PENA DI MORTE E' GIUSTA MI VENGONO I BRIVIDI

LEGGETE VICTOR HUGO E SAPRETE COSA NE PENSAVA LUI

DOVREBBERO ABOLIRLA GLI STATI CHE SI VOGLIANO CONSIDERARE AVANZATI E MODERNI
josser josser 11/12/2008 ore 00.32.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

io la reintrodurrei anche in Italia per casi come quello del tipo che ha ucciso i due ragazzini in motorino bruciando un semaforo rosso mentre guidava ubriaco e drogato , per i due di erba , per gli assassini di tommaso onofri , per quei due animali che hanno ucciso quella coppia di custodi a treviso , per ametovic , per le deficenti che hanno ucciso la suora Mainetti , per pietro maso , per berlusconi , prodi , veltroni , di pietro , dalema , fassino , andreotti ,bossi , la russa , bassolino , riina, provenzano , schiavone e chissa quanti che ora non mi vengono in mente , casomai aggiungeteli voi   
nevias63 nevias63 11/12/2008 ore 01.04.51
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

visto che in Italia hanno introdotto tante cose quand'è che introducono anke la pena di morte?????
e....nn me la sento di specificare x quali fatti....alcuni veramente sono troppo crudeli......io vorrei avere il porto d'armi....BRIVIDI??? niente a confronto a ki ha subito per sè o per i suoi cari tragedie e dolori indescrivibili..
19m80 19m80 11/12/2008 ore 01.32.06
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A nevias63 che il 11/12/2008 1.04.51 ha scritto:
visto che in Italia hanno introdotto tante cose quand'è che introducono anke la pena di morte?????
e....nn me la sento di specificare x quali fatti....alcuni veramente sono troppo crudeli......io vorrei avere il porto d'armi....BRIVIDI??? niente a confronto a ki ha subito per sè o per i suoi cari tragedie e dolori indescrivibili..

Rispondo: ma perchè non te ne vai in america dove tutto questo già c'è?

(e non han risolto nulla lo stesso - anzi.)
nevias63 nevias63 11/12/2008 ore 01.59.02
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

Non ho voglia di descrivere i particolari di quello ke fanno..........agghiacciante.....una bambina di nove mesi morta per essere stata violentata con l'intestino spappolato.........ed altri tanti altri.....ke ci vado a fare in America????' fosse per me... darei l'ergastolo come hanno fatto con i coniugi di erba..l'altra sera in tv ho visto il processo, ha parlato il sopravissuto e ha raccontato quando gli hanno tagliato la gola.. e sentiva sua moglie urlare....poi ho dovuto cambiare canale.......ci facciamo un caffè a questi???? :-(
gli danno l'ergastolo e poi li fanno uscire........
19m80 19m80 11/12/2008 ore 02.14.23
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A nevias63 che il 11/12/2008 1.59.02 ha scritto:
Non ho voglia di descrivere i particolari di quello ke fanno..........agghiacciante.....una bambina di nove mesi morta per essere stata violentata con l'intestino spappolato.........ed altri tanti altri.....ke ci vado a fare in America????' fosse per me... darei l'ergastolo come hanno fatto con i coniugi di erba..l'altra sera in tv ho visto il processo, ha parlato il sopravissuto e ha raccontato quando gli hanno tagliato la gola.. e sentiva sua moglie urlare....poi ho dovuto cambiare canale.......ci facciamo un caffè a questi???? :-(
gli danno l'ergastolo e poi li fanno uscire........

Rispondo: io quello che proprio non capisco è perchè la tesi contraria al no alla pena di morte sia sempre quella tipo: allora prendeteli a casa vostra....lasciamoli liberi cosi magari tocca a voi....facciamogli il caffè...

non vedo cosa c'entri. la pena di morte tocca corde di principi umani che vanno oltre tutto ciò. oltre al discorso di uno stato che si prende la responsabilità di uccidere - divenendo quindi carnefice(nel caso di omicidio di uno che poi si scoprisse innocente, che si fa? si uccidono tutti i membri di uno stato perchè han commesso un'omicidio? no? e perchè no?) ci sono pene quali l'ergastolo che per particolari delitti, il codice prevede. vogliamo dire che poi l'ergastolo non sempre viene fatto? ok. ma cosa c'entra il resto? chi ha parlato di lasciarli liberi?

la pena di morte negli stati dove c'è non cambia lo stato di cose. la pena di morte oltre che dall'hugo sopra citato è stata demolita come questione anche da balzac e beccaria che sosteneva come non fosse l'intensione(cioè l'intensità) della pena la cosa importante ma l'estensione ad esercitare un ruolo preventivo.

dici una bambina massacrata...pensi che il colpevole di ciò si sentirebbe più tranquillo all'idea di morire subito per questo delitto o all'idea di doversi guardare dal codice carcerario nel caso in cui dovesse scontare un ergastolo?


marla100 marla100 11/12/2008 ore 08.59.10
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A josser che il 11/12/2008 0.32.24 ha scritto:
io la reintrodurrei anche in Italia per casi come quello del tipo che ha ucciso i due ragazzini in motorino bruciando un semaforo rosso mentre guidava ubriaco e drogato , per i due di erba , per gli assassini di tommaso onofri , per quei due animali che hanno ucciso quella coppia di custodi a treviso , per ametovic , per le deficenti che hanno ucciso la suora Mainetti , per pietro maso , per berlusconi , prodi , veltroni , di pietro , dalema , fassino , andreotti ,bossi , la russa , bassolino , riina, provenzano , schiavone e chissa quanti che ora non mi vengono in mente , casomai aggiungeteli voi

Rispondo: JOSSER siamo sulla stessa linea d'onda !!! APPROVO e sono d' accordissimo su' TUTTI coloro che hai nominato, senza esclusione di NESSUNO.....

marla100 marla100 11/12/2008 ore 09.06.26
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A nevias63 che il 11/12/2008 1.59.02 ha scritto:
Non ho voglia di descrivere i particolari di quello ke fanno..........agghiacciante.....una bambina di nove mesi morta per essere stata violentata con l'intestino spappolato.........ed altri tanti altri.....ke ci vado a fare in America????' fosse per me... darei l'ergastolo come hanno fatto con i coniugi di erba..l'altra sera in tv ho visto il processo, ha parlato il sopravissuto e ha raccontato quando gli hanno tagliato la gola.. e sentiva sua moglie urlare....poi ho dovuto cambiare canale.......ci facciamo un caffè a questi???? :-(
gli danno l'ergastolo e poi li fanno uscire........

Rispondo: Ma avete visto le facce da ebeti dei due assassini !? L'UNICA cosa di cui si PREOCCUPAVANO era quello di non essere DIVISI !? COSA :urlo ?????????? Io Giudice, ne' avrei mandato uno a Mamone ( in Sardegna ) l' altra a Milano.....naturalmente NON in isolamento, ma alla merce' degli altri detenuti....Nel giro di pochi giorni , ce li saremo tolti dai coglioni, anche perche' piu' soggiornano nelle Patrie Galere, piu' dobbiamo tassarci noi, per mantenerli......E non mi venite a dire che sono CINICA....Chiedetelo ai famigliari dei sopravvissuti cosa si prova.....

M40ALprov M40ALprov 11/12/2008 ore 10.26.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE


Non solo approvo, ma penso che dovremmo fare una class action per danni morali ed economici contro D'Alema e gli altri "benpensanti" che hanno perso il loro tempo, pagato con i nostri soldi, per fare una crociata contro la pena di morte nel mondo.

Vero, diranno i soliti benpensanti, che dove è in vigore non si riduce tanto la criminalita'.. che vi sono degli sbagli e degli innocenti uccisi dallo Stato.. vero.. ma difronte a certi casi in cui la colpevolezza è sicura al 300%, e dove v'è colpa.. premeditazione e/o efferatezza.. vien da chiedersi x che a queste persone si debba concedere di vivere.. a nostre spese, mentre loro, a degli onesti cittadini che spesso manco conoscevano, hanno tolto ogni seconda chances..



BK
dOlsissimabimbOzza dOlsissimabimbOzza 11/12/2008 ore 10.43.35
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A M40ALprov che il 11/12/2008 10.26.52 ha scritto:

Non solo approvo, ma penso che dovremmo fare una class action per danni morali ed economici contro D'Alema e gli altri "benpensanti" che hanno perso il loro tempo, pagato con i nostri soldi, per fare una crociata contro la pena di morte nel mondo.

Vero, diranno i soliti benpensanti, che dove è in vigore non si riduce tanto la criminalita'.. che vi sono degli sbagli e degli innocenti uccisi dallo Stato.. vero.. ma difronte a certi casi in cui la colpevolezza è sicura al 300%, e dove v'è colpa.. premeditazione e/o efferatezza.. vien da chiedersi x che a queste persone si debba concedere di vivere.. a nostre spese, mentre loro, a degli onesti cittadini che spesso manco conoscevano, hanno tolto ogni seconda chances..



BK

Rispondo: :inchino
19m80 19m80 11/12/2008 ore 11.03.23
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE


ma cosa dovrebbe placare la pena di morte?

la rabbia di chi con un delitto non c'entra niente? diventa una mera questione economica dunque?

esiste un caso al mondo nel quale un familiare, un amico di una persona ammazzata, vedendo poi l'assassino uscire dopo anni si sia fatto giustizia da sè?

per placare la propria rabbia da cittadino serve necessariamente uccidere colui il quale ha ucciso? e cosa cambia tra chi uccide - e chi lucidamente uccide per mera ripicca o uno strambo senso di giustizia dopo?

non sarebbe meglio forse che si chieda certezza della pena, durezza della pena, lunghezza adeguata della pena, contribuzione limitata della pena da parte dei cittadini, con magari qualche forma di lavoro interno ad una struttura carceraria che porti il detenuto ad automantenere la propria carcerazione?

no.

o pena di morte o niente.

mah.
nebula87 nebula87 11/12/2008 ore 11.06.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A M40ALprov che il 11/12/2008 10.26.52 ha scritto:

Non solo approvo, ma penso che dovremmo fare una class action per danni morali ed economici contro D'Alema e gli altri "benpensanti" che hanno perso il loro tempo, pagato con i nostri soldi, per fare una crociata contro la pena di morte nel mondo.

Vero, diranno i soliti benpensanti, che dove è in vigore non si riduce tanto la criminalita'.. che vi sono degli sbagli e degli innocenti uccisi dallo Stato.. vero.. ma difronte a certi casi in cui la colpevolezza è sicura al 300%, e dove v'è colpa.. premeditazione e/o efferatezza.. vien da chiedersi x che a queste persone si debba concedere di vivere.. a nostre spese, mentre loro, a degli onesti cittadini che spesso manco conoscevano, hanno tolto ogni seconda chances..



BK

Rispondo: il fatto è che non si discute sul metodo italiano sbagliato, ma sulla pena di morte. son d'accordo sul fatto che quì in italia non ci sia un metodo punitivo giusto, ma non per questo dobbiamo riversare il nostro bisogno di giustizia su un sistema estremo come quello adottato in america. la pena di morte è amorale.
nebula87 nebula87 11/12/2008 ore 11.08.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A 19m80 che il 11/12/2008 11.03.23 ha scritto:

ma cosa dovrebbe placare la pena di morte?

la rabbia di chi con un delitto non c'entra niente? diventa una mera questione economica dunque?

esiste un caso al mondo nel quale un familiare, un amico di una persona ammazzata, vedendo poi l'assassino uscire dopo anni si sia fatto giustizia da sè?

per placare la propria rabbia da cittadino serve necessariamente uccidere colui il quale ha ucciso? e cosa cambia tra chi uccide - e chi lucidamente uccide per mera ripicca o uno strambo senso di giustizia dopo?

non sarebbe meglio forse che si chieda certezza della pena, durezza della pena, lunghezza adeguata della pena, contribuzione limitata della pena da parte dei cittadini, con magari qualche forma di lavoro interno ad una struttura carceraria che porti il detenuto ad automantenere la propria carcerazione?

no.

o pena di morte o niente.

mah.

Rispondo: esatto. son d'accordo.
19m80 19m80 11/12/2008 ore 11.18.03
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A nebula87 che il 11/12/2008 11.06.56 ha scritto:
A M40ALprov che il 11/12/2008 10.26.52 ha scritto:

Non solo approvo, ma penso che dovremmo fare una class action per danni morali ed economici contro D'Alema e gli altri "benpensanti" che hanno perso il loro tempo, pagato con i nostri soldi, per fare una crociata contro la pena di morte nel mondo.

Vero, diranno i soliti benpensanti, che dove è in vigore non si riduce tanto la criminalita'.. che vi sono degli sbagli e degli innocenti uccisi dallo Stato.. vero.. ma difronte a certi casi in cui la colpevolezza è sicura al 300%, e dove v'è colpa.. premeditazione e/o efferatezza.. vien da chiedersi x che a queste persone si debba concedere di vivere.. a nostre spese, mentre loro, a degli onesti cittadini che spesso manco conoscevano, hanno tolto ogni seconda chances..



BK

Rispondo: il fatto è che non si discute sul metodo italiano sbagliato, ma sulla pena di morte. son d'accordo sul fatto che quì in italia non ci sia un metodo punitivo giusto, ma non per questo dobbiamo riversare il nostro bisogno di giustizia su un sistema estremo come quello adottato in america. la pena di morte è amorale.

Rispondo: quoto.

solo a mio parere non è nemmeno una questione di amoralità o meno...è proprio non so come dire....ma mi pare che sia una questione vecchia, già dibattuta, sono stati scritti da menti eccelse enormi tomi, libri e trattati su una questione che arrivava ormai a noia già a loro e ad essere considerata quasi con sorpresa ancora una questione già cento, duecento, trecento anni fa...insomma, ma possibile che si debba sempre tornare indietro. ma quando ci evolveremo un pò?

basta con sta questione....cerchiamo - appunto - altre strade, altre modalità altri sistemi, altre situazioni, altri principi. ma minchia ma sempre alla clava si deve tornare?
M40ALprov M40ALprov 11/12/2008 ore 13.13.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE


19m80, allora, delle menti eccelse, dei tomi, delle balle e straballe pensate da altri, consentimelo, ma.. ME NE FREGO.

quello che dico ed insisto a dire, e qualcuno mi segue in questo mio modesto pensiero di uomo comune ( piu' o meno..) , è che :

- in un'Italia dove la pena, per qualsiasi delitto, è tutto meno che certa.

- in un'Italia dove chi commette un crimine ha piu' garanzie e diritti di chi lo subisce.

- in un'Italia dove spesso non sei tranquillo ad uscire la sera, e nemmeno di giorno, in cui bande italiane e straniere, di ragazzi, aggrediscono ed uccidono senza motivo, in cui delinquenti violenti accoppano e poi se la danno ..

- in un'Italia dove OGGI, le regole non sappiamo cosa siano e non vogliamo rispettarle, e con le regole.. nemmeno il rispetto per il prossimo, in mille piccole coglionate quotidiane.. ma anche in cosette molto piu' serie.

Beh, in queste condizioni, che non sono da guerra civile, ma che non sono neppure da viver tranquilli od in modo civile.. OGGI, in quest'Italia, io dico che la pena di morte per CERTI delitti, e per chi è reo .. se non confesso almeno.. colpevole al di sopra di ogni ragionevole dubbio, la morte è l'unica pena possibile; avete parlato di Erba.. un bambino ucciso.. che male aveva fatto ? avete parlato di Ahmetovic.. 4 ragazzi morti.. 4 ragazzi che non conosceranno la vita, non potranno piu' vivere, godere, riprodursi, sentir musica, amare...; avete parlato del piccolo Tommy, rapito per soldi ed ucciso per cattiveria.. che colpe aveva quel piccolo angelo ? avete parlato di chi ha massacrato 2 custodi.. non due paperoni, due esseri umani.. per rapina.. e per spregio... QUESTI CRIMINALI , QUESTI COLpEVOLI, VIVONO, BEVONO MANGIANO E MAGARI SCOpANO , E MAGARI RIDONO E GODONO QUALCOSA DELLA VITA.. le loro vittime NO.. e per le vittime che dovremmo metterli al muro, se vi serve uno che spari o che gli faccia l'iniezione letale.. fatemi un'email, vengo sicuramente !

Altrimenti ci troveremo con omicidi politici, tipo certi brigatisti, che dopo pochi anni sono fuori a far convegni.. , con delinquenti abituali ed incalliti liberi dopo un decennio di tornare a uccidere.. , con extracomunitari ubriaconi e/o violenti che, perchè la loro è una cultura "diversa", ci accoppano e poi vanno al bar a raccontarla.

personalmente vorrei sentire il parere di qualcuno che abbia perso un parente, un'amico, non credo che tutti siano della mia opinione.. ma alcuni son certo di si.

pena di morte come vendetta ? si, mi sta' bene, verso chi ha VOLUTO intenzionalmente uccidere o verso chi ha ucciso per colpa grave, come guidare in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti.

Spero, prego che non capiti mai nulla che mi porti alla circostanza di dover agire per rappresaglia o per reazione d'autodifesa, perchè se dovesse capitare, se dovessero minacciare me o la mia famiglia , se dovessero aver ucciso qualcuno dei miei, e se mi trovassi nella circostanza e nella possibilita' di farli secchi, beh, oggi come oggi dico, che lo farei a testa alta, che sia a mani nude, con un'arma bianca, con qualsiasi oggetto mi capiti in quel momento, investendoli , facendoli saltare in'aria, avvelenandoli o cuocendoli con delle miccoonde, d'impulso o con ragionamento.. se lo Stato non mi garantisce di togliere dal mondo civile questa/e persona/e.. faccio da me.

Ripeto, spero non mi succeda, ma oggi la penso cosi'.

Chi non rispetta la vita altrui, non merita che la propria venga rispettata, siamo troppi in questo mondo, cerchiamo di preservare i buoni ed eliminare i cattivi.. e non ditemi che bisogna vedere se certa gente è cattiva.. con gli esempi che avete fatto.. se qualcuno ha dubbi, è da ricovero.

BK
aggiungimisufacebook aggiungimisufacebook 11/12/2008 ore 13.21.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

voi invocate la pena di morte come soluzione e come deterrente.cioè si vuole introdurla per punire e per scoraggiare dall'emulare certi reati.in realtà a questi fini non ha utilità.quindi il tutto si risolve in una maggiore crudeltà da parte dello stato,che diventa aguzzino,smentendo la sua funzione di tutelante dei diritti umani.
tanux tanux 11/12/2008 ore 13.21.51
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

vogliamo introdurre pure che chi ruba gli vengano tagliate le mani e la lapidazione per le prostitute :hoho
19m80 19m80 11/12/2008 ore 13.34.50
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A M40ALprov che il 11/12/2008 13.13.42 ha scritto:

19m80, allora, delle menti eccelse, dei tomi, delle balle e straballe pensate da altri, consentimelo, ma.. ME NE FREGO.

quello che dico ed insisto a dire, e qualcuno mi segue in questo mio modesto pensiero di uomo comune ( piu' o meno..) , è che :

- in un'Italia dove la pena, per qualsiasi delitto, è tutto meno che certa.

- in un'Italia dove chi commette un crimine ha piu' garanzie e diritti di chi lo subisce.

- in un'Italia dove spesso non sei tranquillo ad uscire la sera, e nemmeno di giorno, in cui bande italiane e straniere, di ragazzi, aggrediscono ed uccidono senza motivo, in cui delinquenti violenti accoppano e poi se la danno ..

- in un'Italia dove OGGI, le regole non sappiamo cosa siano e non vogliamo rispettarle, e con le regole.. nemmeno il rispetto per il prossimo, in mille piccole coglionate quotidiane.. ma anche in cosette molto piu' serie.

Beh, in queste condizioni, che non sono da guerra civile, ma che non sono neppure da viver tranquilli od in modo civile.. OGGI, in quest'Italia, io dico che la pena di morte per CERTI delitti, e per chi è reo .. se non confesso almeno.. colpevole al di sopra di ogni ragionevole dubbio, la morte è l'unica pena possibile; avete parlato di Erba.. un bambino ucciso.. che male aveva fatto ? avete parlato di Ahmetovic.. 4 ragazzi morti.. 4 ragazzi che non conosceranno la vita, non potranno piu' vivere, godere, riprodursi, sentir musica, amare...; avete parlato del piccolo Tommy, rapito per soldi ed ucciso per cattiveria.. che colpe aveva quel piccolo angelo ? avete parlato di chi ha massacrato 2 custodi.. non due paperoni, due esseri umani.. per rapina.. e per spregio... QUESTI CRIMINALI , QUESTI COLpEVOLI, VIVONO, BEVONO MANGIANO E MAGARI SCOpANO , E MAGARI RIDONO E GODONO QUALCOSA DELLA VITA.. le loro vittime NO.. e per le vittime che dovremmo metterli al muro, se vi serve uno che spari o che gli faccia l'iniezione letale.. fatemi un'email, vengo sicuramente !

Altrimenti ci troveremo con omicidi politici, tipo certi brigatisti, che dopo pochi anni sono fuori a far convegni.. , con delinquenti abituali ed incalliti liberi dopo un decennio di tornare a uccidere.. , con extracomunitari ubriaconi e/o violenti che, perchè la loro è una cultura "diversa", ci accoppano e poi vanno al bar a raccontarla.

personalmente vorrei sentire il parere di qualcuno che abbia perso un parente, un'amico, non credo che tutti siano della mia opinione.. ma alcuni son certo di si.

pena di morte come vendetta ? si, mi sta' bene, verso chi ha VOLUTO intenzionalmente uccidere o verso chi ha ucciso per colpa grave, come guidare in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti.

Spero, prego che non capiti mai nulla che mi porti alla circostanza di dover agire per rappresaglia o per reazione d'autodifesa, perchè se dovesse capitare, se dovessero minacciare me o la mia famiglia , se dovessero aver ucciso qualcuno dei miei, e se mi trovassi nella circostanza e nella possibilita' di farli secchi, beh, oggi come oggi dico, che lo farei a testa alta, che sia a mani nude, con un'arma bianca, con qualsiasi oggetto mi capiti in quel momento, investendoli , facendoli saltare in'aria, avvelenandoli o cuocendoli con delle miccoonde, d'impulso o con ragionamento.. se lo Stato non mi garantisce di togliere dal mondo civile questa/e persona/e.. faccio da me.

Ripeto, spero non mi succeda, ma oggi la penso cosi'.

Chi non rispetta la vita altrui, non merita che la propria venga rispettata, siamo troppi in questo mondo, cerchiamo di preservare i buoni ed eliminare i cattivi.. e non ditemi che bisogna vedere se certa gente è cattiva.. con gli esempi che avete fatto.. se qualcuno ha dubbi, è da ricovero.

BK

Rispondo: ma fai delle premesse che valgono anche all'inverso. perchè coi se, allora possiamo anche dire di mandarli nello spazio. non è che si può pensare che una giustizia non capace di punire si svegli poi e passi alla punizione massima per eccellenza.

il passaggio alla pena di morte non è mai stato successivo, ma regressivo. dove viene messa, la giustizia va indietro, perchè il controsenso sta nel fatto che lo stato condanni un uomo per un reato che gli farà. dunque non è di poco conto il fatto che se poi quest'uomo sia innocente, lo stato stesso dovrebbe essere ucciso. non è proprio di poco conto.

tolto che dici che non ti frega dei grandi pensatori...mah insomma, non so, ognuno è libero di dire quello che vuole, però siccome poi fai l'esempio del boia, di consiglio di leggere balzac su tale argomento.

vuoi un parente di una vittima? eccomi qua. mai chiesto vendetta. non esiste al mondo un caso di persona che si sia fatta giustizia da sè se non in ambienti di mafia o quando il delitto d'onore era consentito(ma li non parliamo di omicidio per omicidio...). non esiste casistica. non c'è. un motivo ci sarà anche o no? e certo che c'è. che l'essere umano ad un certo punto, pur se non perdona, non riesce a macchiarsi di un crimine che ha aborrito. soprattutto perchè la rabbia non è un sentimento che dura in eterno e dopo un pò viene da chiedersi a cosa giovi essere assassino di un assassino.

tolto che questi criminale, che si macchiano del delitto di bambini, farebbero volentieri a cambio piuttosto che stare anche solo due minuti in prigione con la pena di morte. infatti, la prima pena che viene loro data è l'isolamento - e tu mi dirai che invece dovrebbero lasciare che venga ucciso - ma vai a chiedere ai pedofili in prigione se preferiscono morire, o passare cinque sei anni in prigione fra i comuni...(tolto che sulla durata o le modalità di detenzione e i luoghi, io dissento fortissimamente ma è un altro paio di maniche)
Sunshine1988 Sunshine1988 11/12/2008 ore 13.36.20
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

La giustizia, almeno teoricamente, si dovrebbe porre al di sopra dei crimini dell'uomo, altrimenti non sarebbe più tale. Se si condanna a morte un uomo perchè, ad esempio, ha ucciso qualcuno, lo stato compirebbe lo stesso crimine per cui ha emesso la condanna. Mi spiego meglio: se un uomo commette un omicidio, allora viene condannato a prescindere dal fatto che l'ucciso sia stata una persona integerrima o un pazzo assassino; al limite potrà avere delle attenuanti nel secondo caso (vendetta personale,...), ma la condanna c'è. Lo stesso è per lo stato. Se venisse applicata la legge del taglione, la giustizia perderebbe legittimità, essendosi abbassata al livello dei condannati.
M40ALprov M40ALprov 11/12/2008 ore 13.38.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE


Balzac, Hugo, ed altri, non son qua oggi..

La penso a modo mio e continuo a pensare che per i casi indicati.. quindi senza il dubbio sulla colpevolezza.. farli secchi sia il meglio per tutti.

BK
19m80 19m80 11/12/2008 ore 13.38.59
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Sunshine1988 che il 11/12/2008 13.36.20 ha scritto:
La giustizia, almeno teoricamente, si dovrebbe porre al di sopra dei crimini dell'uomo, altrimenti non sarebbe più tale. Se si condanna a morte un uomo perchè, ad esempio, ha ucciso qualcuno, lo stato compirebbe lo stesso crimine per cui ha emesso la condanna. Mi spiego meglio: se un uomo commette un omicidio, allora viene condannato a prescindere dal fatto che l'ucciso sia stata una persona integerrima o un pazzo assassino; al limite potrà avere delle attenuanti nel secondo caso (vendetta personale,...), ma la condanna c'è. Lo stesso è per lo stato. Se venisse applicata la legge del taglione, la giustizia perderebbe legittimità, essendosi abbassata al livello dei condannati.

Rispondo: esatto.

che poi a dirla tutta, tutto ciò ha portato a due rovesci della medaglia - uno con l'ergastolo - e uno con il fatto che poi di ergastoli scontati fino all'ultimo non ce ne siano.

e qui si potrebbe aprire nuovamente una questione...
Liuu Liuu 11/12/2008 ore 14.01.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Sunshine1988 che il 11/12/2008 13.36.20 ha scritto:
La giustizia, almeno teoricamente, si dovrebbe porre al di sopra dei crimini dell'uomo, altrimenti non sarebbe più tale. Se si condanna a morte un uomo perchè, ad esempio, ha ucciso qualcuno, lo stato compirebbe lo stesso crimine per cui ha emesso la condanna. Mi spiego meglio: se un uomo commette un omicidio, allora viene condannato a prescindere dal fatto che l'ucciso sia stata una persona integerrima o un pazzo assassino; al limite potrà avere delle attenuanti nel secondo caso (vendetta personale,...), ma la condanna c'è. Lo stesso è per lo stato. Se venisse applicata la legge del taglione, la giustizia perderebbe legittimità, essendosi abbassata al livello dei condannati.

Rispondo: Sono perfettamente d'accordo....se ad uccidere è lo stato è lecito e quindi ci si abbassa allo stesso ruolo di assassini.La vita umana è sacra: Se si mette in dubbio tale principio allora è tutto lecito,anche girare armati e fare secco il primo prepotente che ci taglia la strada.Poi dicono che siamo esseri "razionali":Ma gli animali non hanno i plotoni di esecuzione.......e per finire sono stufa di leggere fregnacce da gente che ha la testa solo per dividere le orecchie...

nevias63 nevias63 11/12/2008 ore 16.54.04
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Liuu che il 11/12/2008 14.01.56 ha scritto:
A Sunshine1988 che il 11/12/2008 13.36.20 ha scritto:
La giustizia, almeno teoricamente, si dovrebbe porre al di sopra dei crimini dell'uomo, altrimenti non sarebbe più tale. Se si condanna a morte un uomo perchè, ad esempio, ha ucciso qualcuno, lo stato compirebbe lo stesso crimine per cui ha emesso la condanna. Mi spiego meglio: se un uomo commette un omicidio, allora viene condannato a prescindere dal fatto che l'ucciso sia stata una persona integerrima o un pazzo assassino; al limite potrà avere delle attenuanti nel secondo caso (vendetta personale,...), ma la condanna c'è. Lo stesso è per lo stato. Se venisse applicata la legge del taglione, la giustizia perderebbe legittimità, essendosi abbassata al livello dei condannati.

Rispondo: Sono perfettamente d'accordo....se ad uccidere è lo stato è lecito e quindi ci si abbassa allo stesso ruolo di assassini.La vita umana è sacra: Se si mette in dubbio tale principio allora è tutto lecito,anche girare armati e fare secco il primo prepotente che ci taglia la strada.Poi dicono che siamo esseri "razionali":Ma gli animali non hanno i plotoni di esecuzione.......e per finire sono stufa di leggere fregnacce da gente che ha la testa solo per dividere le orecchie...


Rispondo: KI E' D'ACCORDO CON LA PENA DI MORTE NON HA OFFESO.....ci si può parlare anke senza offendere rispettando le opinioni altrui.....tutti siamo capaci di offendere, SE SI E' STUFI DI LEGGERE LE FREGNACCE basta ignorarle...e poi tutti diciamo fregnacce.......il famoso detto è: le opinioni sono come le palle...ognuno ha le proprie...

TUTTI ABBIAMO LA TESTA X DIVIDERE LE ORECCHIE.. in mezzo però c'è una cosa pappolosa ke si chiama cervello, ed è con quello ke bisogna ragionare a meno ke non sia ancora in rodaggio.....

Io kiederei alla povera GIovanna di Roma cosa ha provato mentre quella bestia la inc.. :cens...NON chiudiamo gli :neteye :neteye....i particolari CI SONO.....IO KIEDEREI A LEI SE E' D'ACCORDO con la pena di morte...in quel caso ecco MI TAPPO LA BOCCA xkè parlerebbe KI PUO' GIUDICARE......i morti non parlano.....i vivi dicono fregnacce......quanti personaggi hanno messo in galera ke poi usciti hanno rifatto le stesse cose........il PAPA' di TOMMASO HA IL CUORE DEVASTATO DAL DOLORE........va bene niente pena di morte.......

Nessuno si cerca le sfighe x strada....potrebbe capitare a kiunque di incontrare un depravato assassino...la delinquenza ora non è un semplice scippo......ora è: ti ammazzo per DIECI EURO.......bisognerebbe andare a monte del problema x risolverlo, se prima avevamo cinque assassini ora CI SIAMO EVOLUTI ne abbiamo 50....forse la gente come me d'accordo con la pena di morte ragiona con il cervello pappoloso e con il :cuore......

sono d'accordo con ........M40ALprov e con marla100........................



sbloss sbloss 11/12/2008 ore 20.14.49 Ultimi messaggi
segnala

ArrabbiatoRE: PENA DI MORTE

la maggior parte ke dice ke nn è d'accordo cn la pena di morte dice così sl xkè a lui fortunatamente nn è successo nulla....ma vorrei vedere queste persone quando gli arriva una notizia del genere:hanno ucciso i tuoi genitori per 200€ o altro....per me queste persone nn si rendono conto del dolore.....già è immenso se una persona muore per malattia proviamo ad immaginarci se la vita gli viene tolta per mano di altre persone....io credo che se se li trovassero davanti li ucciderebbero cn le loro mani....l'istinto è uno solo fare del male a chi ci ha portato via la persona amata.....o almeno per coloro ke hanno più autocontrollo sputargli in faccia per umiliarli davanti a tutti.....cmq tutti quelli ke sn in carcere vivono alle spalle della comunità xkè da mattina a sera nn fanno niente.....le carceci sn diventate hotel di lusso dove al gg per ogni detenuto sa paga in media 1000 e passa €.....ma vi sembra giusta una cosa del genere??????????per coloro ke hanno commesso un reato così grave il meglio sarebbe la pena di morte....o se no l'ergastolo però cn i lavori forzati per guadagnarsi un pezzo di pane e un goccio d'acqua al gg.........o se no cm avevano già detto cioè mollarli in mezzo agli altri detenuti.....CIOè LA LEGGE DEL CARCERE......a farci giustizia nn saremo noi ma qualcun altro che la farà per noi.....tanto ai telegiornali dicono o ke è caduto dal letto o ke si è impiccata oppure si parla d'infarto.....ciao
MArco85TV MArco85TV 11/12/2008 ore 20.37.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

per certi casi subito la PENA DI MORTE...oppure lasciare il condannato alla famiglia che ha rovinato e possono fare quello che vogliono..
Enzipped Enzipped 11/12/2008 ore 21.16.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

Cosa frena l'essere umano ad agire per vendetta?

il carattere in certi casi, indubbiamente..in molti non vogliono macchiarsi dello stesso crimine dell'assassino..

ma per gli altri, per chi vorrebbe prendere una pistola e farsi giustizia sommaria, l'unico motivo che li frena dal farlo è che una volta compiuto l'atto verrebbero condannati a subire la stessa pena che l'assassino non ha scontato! con la certezza di scontarla però!!

Sono d'accordo con BK, siamo all'assurdo (e parlo dell'italia)..ormai chi uccide e commette reati è più tutelato della vittima! Un colpo in testa e una fossa da qualche parte possono ben fare i conti con la propria coscienza, se l'entità del torto subito è il massacro della propria famiglia!
me4you me4you 11/12/2008 ore 22.33.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Liuu che il 11/12/2008 14.01.56 ha scritto:
A Sunshine1988 che il 11/12/2008 13.36.20 ha scritto:
La giustizia, almeno teoricamente, si dovrebbe porre al di sopra dei crimini dell'uomo, altrimenti non sarebbe più tale. Se si condanna a morte un uomo perchè, ad esempio, ha ucciso qualcuno, lo stato compirebbe lo stesso crimine per cui ha emesso la condanna. Mi spiego meglio: se un uomo commette un omicidio, allora viene condannato a prescindere dal fatto che l'ucciso sia stata una persona integerrima o un pazzo assassino; al limite potrà avere delle attenuanti nel secondo caso (vendetta personale,...), ma la condanna c'è. Lo stesso è per lo stato. Se venisse applicata la legge del taglione, la giustizia perderebbe legittimità, essendosi abbassata al livello dei condannati.

Rispondo: Sono perfettamente d'accordo....se ad uccidere è lo stato è lecito e quindi ci si abbassa allo stesso ruolo di assassini.La vita umana è sacra: Se si mette in dubbio tale principio allora è tutto lecito,anche girare armati e fare secco il primo prepotente che ci taglia la strada.Poi dicono che siamo esseri "razionali":Ma gli animali non hanno i plotoni di esecuzione.......e per finire sono stufa di leggere fregnacce da gente che ha la testa solo per dividere le orecchie...


Rispondo: e allora non leggere! w la pena di morte!
Ashram1978 Ashram1978 11/12/2008 ore 23.04.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

non credo che la pena di morte sia un deterrente valido.

non sono a favore, se non in alcuni casi, per i pedofili e per quelli che godono delle sofferenze altrui.

per quest soggetti non riesco a trovare giustificazioni validi sul continuare a farli vivere.
LemonSodaJuice LemonSodaJuice 11/12/2008 ore 23.37.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

Per me la pena di morte è quasi "troppo poco"

Bisognerebbe mandare i colpevoli ai lavori forzati, tipo a pulire i bagni negli autogrill o altri lavoracci simili...
josser josser 11/12/2008 ore 23.53.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE


19m80 ha scritto : ma cosa dovrebbe placare la pena di morte? Te lo dico io , serve a far sentire moralmente risarciti i famigliari che hanno perso qualcuno per la depravazione e la delinquenza di qualcuno che non ha nessun rispetto per la vita altrui , quindi la società non deve averne per quella del delinquente .

Ti dirò di più , se dipendesse da me , incatenerei il colpevole nudo ad una colonna , in un piazzale di qualche caserma , in piena riservatezza , senza clamori , come gesù nel film la passione di cristo e armerei la mano dei parenti della vittima con dei flagelli , come quelli del film , e poi la pena la deciderebbero loro , se gli basta vederlo massacrato ma vivo , oppure se lo vogliono fare a pezzi a frustate , l' importante è che escano da quel piazzale con la soddisfazione nel cuore di essersi fatti giustizia da soli , per una volta protetti dallo stato
eleva eleva 12/12/2008 ore 00.15.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

invece è piu bella la nostra di legge vero? si..sarebbe bella se esistesse una legge. Secondo me la pensa di morte è da abolire solo perchè sono stati ammazzati troppi innocenti. Quale sarebbe secondo te la gousta pena per chi ammazza è?? Siamo tutti bravi a parlare, poi vorrei vedere se toccassero una persona a te cara se saresti tanto clemente.
nevias63 nevias63 12/12/2008 ore 01.40.28
segnala

PerplessoRE: PENA DI MORTE

A josser che il 11/12/2008 23.53.15 ha scritto:

19m80 ha scritto : ma cosa dovrebbe placare la pena di morte? Te lo dico io , serve a far sentire moralmente risarciti i famigliari che hanno perso qualcuno per la depravazione e la delinquenza di qualcuno che non ha nessun rispetto per la vita altrui , quindi la società non deve averne per quella del delinquente .

Ti dirò di più , se dipendesse da me , incatenerei il colpevole nudo ad una colonna , in un piazzale di qualche caserma , in piena riservatezza , senza clamori , come gesù nel film la passione di cristo e armerei la mano dei parenti della vittima con dei flagelli , come quelli del film , e poi la pena la deciderebbero loro , se gli basta vederlo massacrato ma vivo , oppure se lo vogliono fare a pezzi a frustate , l' importante è che escano da quel piazzale con la soddisfazione nel cuore di essersi fatti giustizia da soli , per una volta protetti dallo stato

Rispondo: Questa si ke è crudeltà......nn dobbiamo diventare assassini anke noi....forse la pena di morte è giustificata dal fatto ke poi non potrà più fare del male ad altre persone ????? se proprio non deve essere pena di morte l'alternativa potrebbe essere di metterli tutti insieme su un'isola, lontano dalla civiltà e farli vivere come primitivi.......ma no! forse è meglio la pena di morte decisa dallo stato, così noi nn ci sentiamo colpevoli di avere tolto la vita a delle bestie, ke a sua volta hanno tolto la vita a degli Angeli




josser josser 12/12/2008 ore 07.25.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

nevia , forse non hai letto bene o non capisci l' italiano , la pena nella mia teoria la deciderebbero i parenti della vittima , semplicemente , se gli scappa la mano nella foga del momento e lo uccidono , lo stato si gira dall altra parte e non ha visto niente , perchè come ripeto per chi non ha rispetto della vita altrui , lo stato ne deve avere ancora meno , anzi ora mi è venuto in mente che le immagini di questi supplizi si potrebbero trasmettere nelle sale cinema dei penitenziari , sai , della serie , PUNIRNE UNO PER EDUCARNE CENTO
marla100 marla100 12/12/2008 ore 09.42.25
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A josser che il 12/12/2008 7.25.01 ha scritto:
nevia , forse non hai letto bene o non capisci l' italiano , la pena nella mia teoria la deciderebbero i parenti della vittima , semplicemente , se gli scappa la mano nella foga del momento e lo uccidono , lo stato si gira dall altra parte e non ha visto niente , perchè come ripeto per chi non ha rispetto della vita altrui , lo stato ne deve avere ancora meno , anzi ora mi è venuto in mente che le immagini di questi supplizi si potrebbero trasmettere nelle sale cinema dei penitenziari , sai , della serie , PUNIRNE UNO PER EDUCARNE CENTO

Rispondo: JOSSER la penso ASSOLUTAMENTE come te !!!!

Freddy74 Freddy74 12/12/2008 ore 10.15.26
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE




Dal 1973 negli Usa sono stati rilasciati 128 prigionieri dopo che erano emerse nuove prove della loro innocenza. Alcuni di questi prigionieri sono arrivati a un passo dall'esecuzione dopo aver trascorso molti anni nel braccio della morte. In ognuno di questi casi sono emerse caratteristiche simili e ricorrenti: indagini poco accurate da parte della polizia, assistenza legale inadeguata, utilizzo di testimoni non affidabili e di prove o confessioni poco attendibili. Ma non solo. Negli Usa, purtroppo, sono diversi i casi di prigionieri messi a morte nonostante l'esistenza di molti dubbi sulla loro colpevolezza.

I sostenitori della pena di morte affermano che essa "risarcisce" i parenti della vittima in maniera più soddisfacente rispetto ad una condanna a vita.

Anche coloro i quali vengono condannati a morte ingiustamente hanno dei vincoli familiari, chi li risarcisce per la perdita assurda che hanno subito?

Con il carcere a vita i familiari della vittima ottengono comunque un certo grado di soddisfazione delle loro istanze, mentre per la controparte innocente non c'è più nulla da fare.

128 persone che sarebbero morte ingiustamente sono la principale propaganda contro la pena di morte. in nome di quale giustizia si può pensare d sacrificare un così gran numero di persone?

GLI oltranzisti della pena di morte non possono affermare che essa viene applicata solo quando vi è la sicurezza matematica che il condannato sia colpevole perchè in molti casi non è cosi e questo inficia i presupposti su cui essi si basano.
nevias63 nevias63 12/12/2008 ore 10.33.06
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A josser che il 12/12/2008 7.25.01 ha scritto:
nevia , forse non hai letto bene o non capisci l' italiano , la pena nella mia teoria la deciderebbero i parenti della vittima , semplicemente ,
se gli scappa la mano nella foga del momento e lo uccidono , lo stato si gira dall altra parte e non ha visto niente
, perchè come ripeto per chi non ha rispetto della vita altrui , lo stato ne deve avere ancora meno , anzi ora mi è venuto in mente che le immagini di questi supplizi si potrebbero trasmettere nelle sale cinema dei penitenziari , sai , della serie , PUNIRNE UNO PER EDUCARNE CENTO

Rispondo: Ti ho capito e ti dò ragione....forse ci siamo fraintesi...vorrei solo essere io a girarmi dall'altra parte mentre allo stato gli scappa la mano.....xò se fossi un parente della vittima è vero la penserei probabilmente come hai già scritto tu e cioè:

....se dipendesse da me , incatenerei il colpevole nudo ad una colonna , in un piazzale di qualche caserma , in piena riservatezza , senza clamori , come gesù nel film la passione di cristo e armerei la mano dei parenti della vittima con dei flagelli , come quelli del film , e poi la pena la deciderebbero loro , se gli basta vederlo massacrato ma vivo , oppure se lo vogliono fare a pezzi a frustate , l' importante è che escano da quel piazzale con la soddisfazione nel cuore di essersi fatti giustizia da soli, per una volta protetti dallo stato


:ok per una volta protetti dallo stato :-)........supergiusto






Liuu Liuu 12/12/2008 ore 14.03.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Freddy74 che il 12/12/2008 10.15.26 ha scri


Dal 1973 negli Usa sono stati rilasciati 128 prigionieri dopo che erano emerse nuove prove della loro innocenza. Alcuni di questi prigionieri sono arrivati a un passo dall'esecuzione dopo aver trascorso molti anni nel braccio della morte. In ognuno di questi casi sono emerse caratteristiche simili e ricorrenti: indagini poco accurate da parte della polizia, assistenza legale inadeguata, utilizzo di testimoni non affidabili e di prove o confessioni poco attendibili. Ma non solo. Negli Usa, purtroppo, sono diversi i casi di prigionieri messi a morte nonostante l'esistenza di molti dubbi sulla loro colpevolezza.

I sostenitori della pena di morte affermano che essa "risarcisce" i parenti della vittima in maniera più soddisfacente rispetto ad una condanna a vita.

Anche coloro i quali vengono condannati a morte ingiustamente hanno dei vincoli familiari, chi li risarcisce per la perdita assurda che hanno subito?

Con il carcere a vita i familiari della vittima ottengono comunque un certo grado di soddisfazione delle loro istanze, mentre per la controparte innocente non c'è più nulla da fare.

128 persone che sarebbero morte ingiustamente sono la principale propaganda contro la pena di morte. in nome di quale giustizia si può pensare d sacrificare un così gran numero di persone?

GLI oltranzisti della pena di morte non possono affermare che essa viene applicata solo quando vi è la sicurezza matematica che il condannato sia colpevole perchè in molti casi non è cosi e questo inficia i presupposti su cui essi si basano.

Rispondo: Bello vdere che qualcuno usa il cervello come si dovrebbe...........

me4you me4you 12/12/2008 ore 15.41.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Liuu che il 12/12/2008 14.03.26 ha scritto:
A Freddy74 che il 12/12/2008 10.15.26 ha scri



Dal 1973 negli Usa sono stati rilasciati 128 prigionieri dopo che erano emerse nuove prove della loro innocenza. Alcuni di questi prigionieri sono arrivati a un passo dall'esecuzione dopo aver trascorso molti anni nel braccio della morte. In ognuno di questi casi sono emerse caratteristiche simili e ricorrenti: indagini poco accurate da parte della polizia, assistenza legale inadeguata, utilizzo di testimoni non affidabili e di prove o confessioni poco attendibili. Ma non solo. Negli Usa, purtroppo, sono diversi i casi di prigionieri messi a morte nonostante l'esistenza di molti dubbi sulla loro colpevolezza.

I sostenitori della pena di morte affermano che essa "risarcisce" i parenti della vittima in maniera più soddisfacente rispetto ad una condanna a vita.

Anche coloro i quali vengono condannati a morte ingiustamente hanno dei vincoli familiari, chi li risarcisce per la perdita assurda che hanno subito?

Con il carcere a vita i familiari della vittima ottengono comunque un certo grado di soddisfazione delle loro istanze, mentre per la controparte innocente non c'è più nulla da fare.

128 persone che sarebbero morte ingiustamente sono la principale propaganda contro la pena di morte. in nome di quale giustizia si può pensare d sacrificare un così gran numero di persone?

GLI oltranzisti della pena di morte non possono affermare che essa viene applicata solo quando vi è la sicurezza matematica che il condannato sia colpevole perchè in molti casi non è cosi e questo inficia i presupposti su cui essi si basano.

Rispondo: Bello vdere che qualcuno usa il cervello come si dovrebbe...........


Rispondo: non capisco perche tutte le volte che si discute di qualcosa si debbano tirare in ballo gli stati uniti, in quel paese tutto è elevato all'ennesima potenza, non solo le cose belle(poche) ma sopratutto le cose brutte.

in ogni caso per quelli che AMMAZZANO volutamente, quale sarebbe la tua severissima pena?e per favore non tiramo in ballo che non dobbiamo essere bestie come loro(perche questo è il motivo per cui sti figli di troia proliferano,tanto c'è sempre qualcuno clemente).
Enzipped Enzipped 12/12/2008 ore 15.51.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Freddy74 che il 12/12/2008 10.15.26 ha scritto:



Dal 1973 negli Usa sono stati rilasciati 128 prigionieri dopo che erano emerse nuove prove della loro innocenza. Alcuni di questi prigionieri sono arrivati a un passo dall'esecuzione dopo aver trascorso molti anni nel braccio della morte. In ognuno di questi casi sono emerse caratteristiche simili e ricorrenti: indagini poco accurate da parte della polizia, assistenza legale inadeguata, utilizzo di testimoni non affidabili e di prove o confessioni poco attendibili. Ma non solo. Negli Usa, purtroppo, sono diversi i casi di prigionieri messi a morte nonostante l'esistenza di molti dubbi sulla loro colpevolezza.

I sostenitori della pena di morte affermano che essa "risarcisce" i parenti della vittima in maniera più soddisfacente rispetto ad una condanna a vita.

Anche coloro i quali vengono condannati a morte ingiustamente hanno dei vincoli familiari, chi li risarcisce per la perdita assurda che hanno subito?

Con il carcere a vita i familiari della vittima ottengono comunque un certo grado di soddisfazione delle loro istanze, mentre per la controparte innocente non c'è più nulla da fare.

128 persone che sarebbero morte ingiustamente sono la principale propaganda contro la pena di morte. in nome di quale giustizia si può pensare d sacrificare un così gran numero di persone?

GLI oltranzisti della pena di morte non possono affermare che essa viene applicata solo quando vi è la sicurezza matematica che il condannato sia colpevole perchè in molti casi non è cosi e questo inficia i presupposti su cui essi si basano.

Rispondo: 25 anni di vita giuridica...25 anni di sentenze e condanne, 25 anni di casi più disparati...25 ANNI!!! e mi tiri fuori il 128? ma 128 su quanti fascicoli? 2.000.000? quanti? non si ragiona in valore assoluto


vogliamo usare il cervello come ha detto qualcuno? ok, usiamolo del tutto allora! quante sentenze sono state emesse IN 25 ANNI? quante? quante di queste sono state giuste? e mi tiri fuori 128 errori? che poi non vogliono dire niente, perchè le cause sono infinite, non sai nemmeno come si è svolto il processo, com'era la giuria, quanto sono durate le indagini! è un ragionamento che non ha alcun senso!

perchè non citiamo anche il numero di quelli rimessi in libertà e che hanno ucciso ancora?? dici che in 25 anni a quanti arriviamo? 100? 300? 1000??

penso di essermi spiegato..con le premesse di M40AL.PROV la pena di morte ci stà tutta, quindi per favore attenetevi al contesto italiano. diversi contesti, diverse ragioni, diverse conclusioni...

Innominato69 Innominato69 12/12/2008 ore 16.52.35
segnala

Arrabbiatoa josser

Concordo con quello che hai detto ed oltre ai personaggi che hai elencato aggiungerei il Papa e tutti gli ecclesiastici.
OmbradelDeserto OmbradelDeserto 12/12/2008 ore 19.49.15
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Liuu che il 11/12/2008 14.01.56 ha scritto:
A Sunshine1988 che il 11/12/2008 13.36.20 ha scritto:
La giustizia, almeno teoricamente, si dovrebbe porre al di sopra dei crimini dell'uomo, altrimenti non sarebbe più tale. Se si condanna a morte un uomo perchè, ad esempio, ha ucciso qualcuno, lo stato compirebbe lo stesso crimine per cui ha emesso la condanna. Mi spiego meglio: se un uomo commette un omicidio, allora viene condannato a prescindere dal fatto che l'ucciso sia stata una persona integerrima o un pazzo assassino; al limite potrà avere delle attenuanti nel secondo caso (vendetta personale,...), ma la condanna c'è. Lo stesso è per lo stato. Se venisse applicata la legge del taglione, la giustizia perderebbe legittimità, essendosi abbassata al livello dei condannati.

Rispondo: Sono perfettamente d'accordo....se ad uccidere è lo stato è lecito e quindi ci si abbassa allo stesso ruolo di assassini.La vita umana è sacra: Se si mette in dubbio tale principio allora è tutto lecito,anche girare armati e fare secco il primo prepotente che ci taglia la strada. Poi dicono che siamo esseri "razionali":Ma gli animali non hanno i plotoni di esecuzione.......e per finire sono stufa di leggere fregnacce da gente che ha la testa solo per dividere le orecchie...


Rispondo: Se provano a tagliare la strada a me,evito pure il proiettile...si fanno secchi da soli  :hihi
Freddy74 Freddy74 12/12/2008 ore 21.25.21
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Enzipped che il 12/12/2008 15.51.15 ha scritto:
A Freddy74 che il 12/12/2008 10.15.26 ha scritto:



Dal 1973 negli Usa sono stati rilasciati 128 prigionieri dopo che erano emerse nuove prove della loro innocenza. Alcuni di questi prigionieri sono arrivati a un passo dall'esecuzione dopo aver trascorso molti anni nel braccio della morte. In ognuno di questi casi sono emerse caratteristiche simili e ricorrenti: indagini poco accurate da parte della polizia, assistenza legale inadeguata, utilizzo di testimoni non affidabili e di prove o confessioni poco attendibili. Ma non solo. Negli Usa, purtroppo, sono diversi i casi di prigionieri messi a morte nonostante l'esistenza di molti dubbi sulla loro colpevolezza.

I sostenitori della pena di morte affermano che essa "risarcisce" i parenti della vittima in maniera più soddisfacente rispetto ad una condanna a vita.

Anche coloro i quali vengono condannati a morte ingiustamente hanno dei vincoli familiari, chi li risarcisce per la perdita assurda che hanno subito?

Con il carcere a vita i familiari della vittima ottengono comunque un certo grado di soddisfazione delle loro istanze, mentre per la controparte innocente non c'è più nulla da fare.

128 persone che sarebbero morte ingiustamente sono la principale propaganda contro la pena di morte. in nome di quale giustizia si può pensare d sacrificare un così gran numero di persone?

GLI oltranzisti della pena di morte non possono affermare che essa viene applicata solo quando vi è la sicurezza matematica che il condannato sia colpevole perchè in molti casi non è cosi e questo inficia i presupposti su cui essi si basano.

Rispondo: 25 anni di vita giuridica...25 anni di sentenze e condanne, 25 anni di casi più disparati...25 ANNI!!! e mi tiri fuori il 128? ma 128 su quanti fascicoli? 2.000.000? quanti? non si ragiona in valore assoluto


vogliamo usare il cervello come ha detto qualcuno? ok, usiamolo del tutto allora! quante sentenze sono state emesse IN 25 ANNI? quante? quante di queste sono state giuste? e mi tiri fuori 128 errori? che poi non vogliono dire niente, perchè le cause sono infinite, non sai nemmeno come si è svolto il processo, com'era la giuria, quanto sono durate le indagini! è un ragionamento che non ha alcun senso!

perchè non citiamo anche il numero di quelli rimessi in libertà e che hanno ucciso ancora?? dici che in 25 anni a quanti arriviamo? 100? 300? 1000??

penso di essermi spiegato..con le premesse di M40AL.pROV la pena di morte ci stà tutta, quindi per favore attenetevi al contesto italiano. diversi contesti, diverse ragioni, diverse conclusioni...


Rispondo: Tiro fuori 128 errori perchè sono quelli evidentemente più clamorosi perchè quegli errori hanno determinato la condanna a morte di persone innocenti, poi revocata fortunatamente. Non ha molto senso e logica stabilire quanti di quelli rimessi in libertà siano poi stati recidivi, se come mi pare di capire ti riferisci al totale dei condannati ai quali sono state comminate pene di diversa natura. Se com'è logico prendiamo in esame solo i condannati a morte poi liberati, le statistiche credo che siano molto prossime allo zero, anche perchè in questo caso non si parla di condannati che hanno goduto di qualche forma di indulto, ma persone vittime di errore giudiziale, non delinquenti abituali con una certa propensione a delinquere.

per quanto mi riguarda questa cifrà è enorme e fosse pure meno della metà ci sarebbe da rabbrividire Non ci sono contesti diversi perchè la morte è morte dappertutto......una delle premesse che viene fatta da m40al, ha relazione con la certezza delle prove che determinano la condanna. Questa è una premessa non attuabile perchè è evidente che quando c'è una condanna a morte vi sono pure i presupposti perche questa possa essere emessa, altrimenti dovremmo pensare che i giurati condannano a morte un'individuo non essendone pienamente convinti, cosa che francamente mi pare piuttosto difficile vista la natura della pena che essi sono chiamati a infliggere.la verita è che in un certo numero di casi si commettono degli errori perchè le premesse sono sbagliate(p.es. falsa testimonianza). questo mi basta e avanza per aborrire la pena di morte che in certi casi si rivela una clamorosa ingiustizia. ovviamente ho focalizzato l'attenzione su una delle problematiche più scottanti con la quale dovete fare i conti, ma condivido e sostengo tutte le altre ragioni che sono state evidenziate.


Enzipped Enzipped 12/12/2008 ore 22.03.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

tutta la tua replica si basa sul celeberrimo SPIRAGLIO DEL RAGIONEVOLE DUBBIO..

che la certezza completa non si può mai avere..gran balla!! ci sono casi in cui le investigazioni scientifiche riescono ad accertare SENZA OMBRA DI DUBBIO chi sia stato il colpevole di questo o quel reato (e non dimentichiamo pure che ci sono le confessioni spontanee)

in quei casi (a ragion maggiore quando confessa! ma tanto se si reintroducesse la pena di morte, altro che confessioni per ammettere la colpa e ottenere sconti!!) preferisco levare di mezzo certa ''gente'' (abuso del termine) piuttosto che mantenerla in vita (e mantenerla anche economicamente, visto che consuma e basta)

si fermi la condanna a morte se c'è anche una sola cosa che non torna (cosa che non avviene in america, ma stiamo parlando per ipotesi no?), ma si proceda quando vi sia la certezza..

detto questo ripeto, non ha senso prendere come esempio l'america coi suoi 128 casi, perchè non ci sono le premesse che sono state fatte nell'affrontare questo discorso (credo che nemmeno M40 approvi tutte le modalità ed i contesti in cui viene applicata la pena di morte negli USA, da qui il motivo per cui non si possono fare paragoni ne citazioni)
Freddy74 Freddy74 12/12/2008 ore 23.21.31
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Enzipped che il 12/12/2008 22.03.30 ha scritto:
tutta la tua replica si basa sul celeberrimo SpIRAGLIO DEL RAGIONEVOLE DUBBIO..

che la certezza completa non si può mai avere..gran balla!! ci sono casi in cui le investigazioni scientifiche riescono ad accertare SENZA OMbrA DI DUBBIO chi sia stato il colpevole di questo o quel reato (e non dimentichiamo pure che ci sono le confessioni spontanee)

in quei casi (a ragion maggiore quando confessa! ma tanto se si reintroducesse la pena di morte, altro che confessioni per ammettere la colpa e ottenere sconti!!) preferisco levare di mezzo certa ''gente'' (abuso del termine) piuttosto che mantenerla in vita (e mantenerla anche economicamente, visto che consuma e basta)

si fermi la condanna a morte se c'è anche una sola cosa che non torna (cosa che non avviene in america, ma stiamo parlando per ipotesi no?), ma si proceda quando vi sia la certezza..

detto questo ripeto, non ha senso prendere come esempio l'america coi suoi 128 casi, perchè non ci sono le premesse che sono state fatte nell'affrontare questo discorso (credo che nemmeno M40 approvi tutte le modalità ed i contesti in cui viene applicata la pena di morte negli USA, da qui il motivo per cui non si possono fare paragoni ne citazioni)

Rispondo: I casi numericamente menzionati smentiscono la tua affermazione. parliamo di fatti non convinzioni personali. e i fatti dicono che ci si è ricreduti dopo aver esaminato meglio o esserci state nuove provefavorevoli al condannato. Ancora non mi hai spiegato perchè sisia fatta marcia indietro in una moltitudine di casi. suppongo che prima di condannare a morte una persona si siano fatti tutti i riscontri e le analisi dovute, ma ciò non ha impedito l'errore. come la mettiamo?

poi, non raccontiamoci favolette, se hai soldi salvi la pelle, se sei un morto di fame che può permettersi uno straccione di avvocato con tanto di laurea comprata al mercatino sei fottuto. questo quando le prove non sono così convincenti. e poi hai idea di tutte le variabili che intervengono in un processo e che spostano l'ago della bilancia quel tanto o quel poco per condannare o assolvere l'imputato.

La giustizia è amministrata da persone fallaci benchè in buona fede, quindi è irrealistico pensare che centreranno sempre il bersaglio. quando l'uomo si arroga il diritto di sopprimere unavita si eleva aal condizione del suo fattore, con tutte le conseguenze del caso....se poi voliamo parlare della pena di morte in cina e della facilità con cui viene comminata credo che sia del tutto infantile pensare che viene condannato a morte solo che se lo merita...
19m80 19m80 13/12/2008 ore 11.40.51
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A josser che il 11/12/2008 23.53.15 ha scritto:

19m80 ha scritto : ma cosa dovrebbe placare la pena di morte? Te lo dico io , serve a far sentire moralmente risarciti i famigliari che hanno perso qualcuno per la depravazione e la delinquenza di qualcuno che non ha nessun rispetto per la vita altrui , quindi la società non deve averne per quella del delinquente .

Ti dirò di più , se dipendesse da me , incatenerei il colpevole nudo ad una colonna , in un piazzale di qualche caserma , in piena riservatezza , senza clamori , come gesù nel film la passione di cristo e armerei la mano dei parenti della vittima con dei flagelli , come quelli del film , e poi la pena la deciderebbero loro , se gli basta vederlo massacrato ma vivo , oppure se lo vogliono fare a pezzi a frustate , l' importante è che escano da quel piazzale con la soddisfazione nel cuore di essersi fatti giustizia da soli , per una volta protetti dallo stato

Rispondo: moralmente risarciti?

ma che dici? moralmente risarciti? ma esiste casistica al mondodi gente che "per sentirsi moralmente risarcita" abbia fatto questo?

non c'è. la gente - quella normale, che subisce, non vuole avere nulla a che fare con cose simili e nè è cosi facile pestare uno a sangue freddo, o ucciderlo addirittura.

ma non fate i superuomini perchè io di eroi mascherati continuo a vedere solo quelli a fumetti.


19m80 19m80 13/12/2008 ore 11.46.55
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE


quoto freddy74 in tutto.




19m80 19m80 13/12/2008 ore 12.07.51
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE


riepilogo personale.

è giusto il diritto penale italiano? per me no. servirebbero pene più severe e prolungate. l'ergastolo - vero - totale - andrebbe esteso e fatto rispettare. a mio avviso, l'omicidio dovrebbe sempre essere punito con l'ergastolo effettivo(parlo di volontario e simili)

amplierei anche le pene per i reati di "cattiveria gratuita" - tipo pestaggi, violenze sulle donne, sui minori etc etc che essendo fatti contro umani il più delle volte indifesi a mio parere dovrebbero rientrare nella casistica del reato contro l'umanità. quindi darei pene severissime per queste cose.

cambierei le strutture di detenzione in base a tipologia di reato e/o devianza. di modo che si possano avere dei referenti e delle condizioni idonee al tentativo di recupero e simili.

farei in modo che almeno la gran parte della detenzione sia autopagata con il lavoro sorvegliato.

ma la pena di morte - applicata dai parenti poi - non ha alcun senso(curioso poi come alcuni la vogliano ai parenti, alcuni dal boia...) e non ha senso per i motivi su detti. anche perchè, le persone civili, non sono in grado se in un momento di rabbia - di fare cose simili a quelle subite. ma ciò che distingue l'uomo civile da quello incivile è proprio la capacità di dominio di sè. prova ne sia che non c'è al mondo nessuno che abbia atteso che un omicida uscisse per poi ucciderlo o che si sia linciato fino a ucciderlo un uomo per la strada reo di qualcosa. ed è per questo che a seguito dei processi, chi ha subito un torto non si vendica - perchè ha placato - son subentrate altre cose e non sarebbe capace - mafiosi a parte - di commettere lo stesso reato. altrimenti la soluzione per far si che la rabbia sia anche consumata, sarebbe il processo sommario fatto in pubblica piazza e cosi rapido da far si che questa rabbia non si perda e sia poi usata per uccidere. e chi può ergersi a giudice perfetto in pochi minuti? vorrei proprio saperlo.


josser josser 13/12/2008 ore 13.51.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

la gente - quella normale, che subisce, non vuole avere nulla a che fare con cose simili e nè è cosi facile pestare uno a sangue freddo, o ucciderlo addirittura. Prova a chiederlo ai parenti di qelle vittime se non se la sentirebbero di distruggere a frustate chi gli ha tolto un padre , un marito , un fratello , una madre , una sorela , una moglie , se sapessero che lo stato glie lo consente , senza conseguenze , prova . Qui non si tratta di eroi mascherati , ma di giustizia , vera , tangibile , toccata con mano
Liuu Liuu 13/12/2008 ore 16.15.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Freddy74 che il 12/12/2008 23.21.31 ha scritto:
A Enzipped che il 12/12/2008 22.03.30 ha scritto:
tutta la tua replica si basa sul celeberrimo SpIRAGLIO DEL RAGIONEVOLE DUBBIO..

che la certezza completa non si può mai avere..gran balla!! ci sono casi in cui le investigazioni scientifiche riescono ad accertare SENZA OMbrA DI DUBBIO chi sia stato il colpevole di questo o quel reato (e non dimentichiamo pure che ci sono le confessioni spontanee)

in quei casi (a ragion maggiore quando confessa! ma tanto se si reintroducesse la pena di morte, altro che confessioni per ammettere la colpa e ottenere sconti!!) preferisco levare di mezzo certa ''gente'' (abuso del termine) piuttosto che mantenerla in vita (e mantenerla anche economicamente, visto che consuma e basta)

si fermi la condanna a morte se c'è anche una sola cosa che non torna (cosa che non avviene in america, ma stiamo parlando per ipotesi no?), ma si proceda quando vi sia la certezza..

detto questo ripeto, non ha senso prendere come esempio l'america coi suoi 128 casi, perchè non ci sono le premesse che sono state fatte nell'affrontare questo discorso (credo che nemmeno M40 approvi tutte le modalità ed i contesti in cui viene applicata la pena di morte negli USA, da qui il motivo per cui non si possono fare paragoni ne citazioni)

Rispondo: I casi numericamente menzionati smentiscono la tua affermazione. parliamo di fatti non convinzioni personali. e i fatti dicono che ci si è ricreduti dopo aver esaminato meglio o esserci state nuove provefavorevoli al condannato. Ancora non mi hai spiegato perchè sisia fatta marcia indietro in una moltitudine di casi. suppongo che prima di condannare a morte una persona si siano fatti tutti i riscontri e le analisi dovute, ma ciò non ha impedito l'errore. come la mettiamo?

poi, non raccontiamoci favolette, se hai soldi salvi la pelle, se sei un morto di fame che può permettersi uno straccione di avvocato con tanto di laurea comprata al mercatino sei fottuto. questo quando le prove non sono così convincenti. e poi hai idea di tutte le variabili che intervengono in un processo e che spostano l'ago della bilancia quel tanto o quel poco per condannare o assolvere l'imputato.

La giustizia è amministrata da persone fallaci benchè in buona fede, quindi è irrealistico pensare che centreranno sempre il bersaglio. quando l'uomo si arroga il diritto di sopprimere unavita si eleva aal condizione del suo fattore, con tutte le conseguenze del caso....se poi voliamo parlare della pena di morte in cina e della facilità con cui viene comminata credo che sia del tutto infantile pensare che viene condannato a morte solo che se lo merita...

Rispondo: Bene freddy .Hai centrato in pieno! Chi ha soldi si compra pure la morte.....chi è un disgraziato e senza soldi non ha nessuna alternativa. Solo questo dovrebbe far capire a chi è assetato di vendetta la fallacità della propria posizione. .....io mi sento malissimo a vedere anche solo dei film su questo argomento (nn parliamo delle esecuzioni in diretta che fanno piacere vedere solo a emeriti pzzi di.......) .Ho visto il miglio verde al cinema e alla scena della sedia elettrica sono uscita.! Dico NO E ANCORA NO a queste barbarie.Si vede ,poi,la Cina che cultura che ha.....a me fa schifo!!!Sono indietro di anni luce....e così anche l'america.




19m80 19m80 13/12/2008 ore 17.31.16
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A josser che il 13/12/2008 13.51.18 ha scritto:
la gente - quella normale, che subisce, non vuole avere nulla a che fare con cose simili e nè è cosi facile pestare uno a sangue freddo, o ucciderlo addirittura. Prova a chiederlo ai parenti di qelle vittime se non se la sentirebbero di distruggere a frustate chi gli ha tolto un padre , un marito , un fratello , una madre , una sorela , una moglie , se sapessero che lo stato glie lo consente , senza conseguenze , prova . Qui non si tratta di eroi mascherati , ma di giustizia , vera , tangibile , toccata con mano

Rispondo: ma quale sarebbe la giustizia?

per capire se siano stati loro deve esserci un processo. se c'è un processo passa del tempo. passato del tempo la gente ha sbollito l'originaria rabbia. infatti - come ho detto - non c'è casistica di persone che abbiano aspettato che un omicida uscisse per ucciderlo.

altrimenti facciamo i processi sommari, magari guidati dalla tv come succede oggi, e prendendo due casi noti - erika e omar - con le fiaccolate anti albanesi - e la campagna su marzouk(che non si trovava= era scappato - e invece era al suo paese) lo avrebbero ucciso.

era giustizia? o dopo - appurata la verità, chiedevano scusa e ammazzavano i colpevoli? e si sarebbero fatti uccidere per aver ucciso gli eventuali innocenti? non credo...

e se uno ammazza un proprio parente, i familiari poi dovrebbero ammazzare lui? tipo cogne, stefano lorenzi dovrebbe ammazzare la moglie? o varrebbe solo per omicidi di esterni su esterni? o solo chi ha voglia di uccidere può, gli altri in prigione?! ed è giustizia poi che uno che ha ucciso segue l'iter procedurale e un altro venga ammazzato di botte in pubblica piazza? mi pare proprio di no.
nevias63 nevias63 13/12/2008 ore 18.29.01
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

tanto x essere ragionevoli, con la pena di morte eviti la sofferenza a ki ha commesso un reato,e gli fai un favore, con l'ergastolo vero e proprio fatto di lavoro duro e non di piaceri e favori,dai la sofferenza lenta e giusta giorno x giorno a ki al 150% è colpevole......anke l'altro giorno ho sentito di un'uomo ke ha scontato mi pare 25anni ed era innocente........se lapido un assassino mi metto al suo livello, mi macchio di un'assassinio e mi merito la pena di morte anch'io per lo stesso reato, e per un gesto fatto in un momento di rabbia dolore e disperazione mi rovino la vita e nn ho concluso niente, nessuno ti ridarà mai la persona amata........ meglio ke MARCISCA IN GALERA nel vero senso della parola.....se poi esce di galera allora lì si ke la rabbia potrebbe prendersi possesso della nostra fragile mente già provata....
deve soffrire e deve essere lui a pregare di morire se lo facciamo noi gli togliamo il dente: VIA IL DENTE VIA IL DOLORE........è fatica e dura ragionarla in qsto modo...io sono d'accordo con la pena di morte solo nel caso però che riesca per nn farglierlo fare un'altra volta ..pena di morte magari decisa dallo stato e dopo 15 anni di galera.........e prove al 200% .....cmq deve essere:lenta agonia in carcere...
iM.fAnTaStIcA iM.fAnTaStIcA 13/12/2008 ore 19.43.27
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A nevias63 che il 13/12/2008 18.29.01 ha scritto:
tanto x essere ragionevoli, con la pena di morte eviti la sofferenza a ki ha commesso un reato,e gli fai un favore, con l'ergastolo vero e proprio fatto di lavoro duro e non di piaceri e favori,dai la sofferenza lenta e giusta giorno x giorno a ki al 150% è colpevole......anke l'altro giorno ho sentito di un'uomo ke ha scontato mi pare 25anni ed era innocente........se lapido un assassino mi metto al suo livello, mi macchio di un'assassinio e mi merito la pena di morte anch'io per lo stesso reato, e per un gesto fatto in un momento di rabbia dolore e disperazione mi rovino la vita e nn ho concluso niente, nessuno ti ridarà mai la persona amata........ meglio ke MARCISCA IN GALERA nel vero senso della parola.....se poi esce di galera allora lì si ke la rabbia potrebbe prendersi possesso della nostra fragile mente già provata....
deve soffrire e deve essere lui a pregare di morire se lo facciamo noi gli togliamo il dente: VIA IL DENTE VIA IL DOLORE........è fatica e dura ragionarla in qsto modo...io sono d'accordo con la pena di morte solo nel caso però che riesca per nn farglierlo fare un'altra volta ..pena di morte magari decisa dallo stato e dopo 15 anni di galera.........e prove al 200% .....cmq deve essere:lenta agonia in carcere...

Rispondo: detto in questo modo forse è un pò crudo... ma anche per me è così.... per i pedofili, gli stupratori, gli assassini, chi ha commesso dei massacri, ecc DEVONO vivere... per finire la loro vita nella sofferenza del carcere. Castrare i pedofili, buttare nelle celle COMUNI gli stupratori, far lavorare pesantemente e costantemente gli assassini!!!!!! questo è quello che si meritano!!! sofferenza.... non siamo di certo noi a dover decidere se farli morire o no... se loro hanno commesso un reato, che facciano i conti loro con la loro coscenza!!!!
Freddy74 Freddy74 13/12/2008 ore 21.29.29
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Liuu che il 13/12/2008 16.15.58 ha scritto:
A Freddy74 che il 12/12/2008 23.21.31 ha scritto:
A Enzipped che il 12/12/2008 22.03.30 ha scritto:
tutta la tua replica si basa sul celeberrimo SpIRAGLIO DEL RAGIONEVOLE DUBBIO..

che la certezza completa non si può mai avere..gran balla!! ci sono casi in cui le investigazioni scientifiche riescono ad accertare SENZA OMbrA DI DUBBIO chi sia stato il colpevole di questo o quel reato (e non dimentichiamo pure che ci sono le confessioni spontanee)

in quei casi (a ragion maggiore quando confessa! ma tanto se si reintroducesse la pena di morte, altro che confessioni per ammettere la colpa e ottenere sconti!!) preferisco levare di mezzo certa ''gente'' (abuso del termine) piuttosto che mantenerla in vita (e mantenerla anche economicamente, visto che consuma e basta)

si fermi la condanna a morte se c'è anche una sola cosa che non torna (cosa che non avviene in america, ma stiamo parlando per ipotesi no?), ma si proceda quando vi sia la certezza..

detto questo ripeto, non ha senso prendere come esempio l'america coi suoi 128 casi, perchè non ci sono le premesse che sono state fatte nell'affrontare questo discorso (credo che nemmeno M40 approvi tutte le modalità ed i contesti in cui viene applicata la pena di morte negli USA, da qui il motivo per cui non si possono fare paragoni ne citazioni)

Rispondo: I casi numericamente menzionati smentiscono la tua affermazione. parliamo di fatti non convinzioni personali. e i fatti dicono che ci si è ricreduti dopo aver esaminato meglio o esserci state nuove provefavorevoli al condannato. Ancora non mi hai spiegato perchè sisia fatta marcia indietro in una moltitudine di casi. suppongo che prima di condannare a morte una persona si siano fatti tutti i riscontri e le analisi dovute, ma ciò non ha impedito l'errore. come la mettiamo?

poi, non raccontiamoci favolette, se hai soldi salvi la pelle, se sei un morto di fame che può permettersi uno straccione di avvocato con tanto di laurea comprata al mercatino sei fottuto. questo quando le prove non sono così convincenti. e poi hai idea di tutte le variabili che intervengono in un processo e che spostano l'ago della bilancia quel tanto o quel poco per condannare o assolvere l'imputato.

La giustizia è amministrata da persone fallaci benchè in buona fede, quindi è irrealistico pensare che centreranno sempre il bersaglio. quando l'uomo si arroga il diritto di sopprimere unavita si eleva aal condizione del suo fattore, con tutte le conseguenze del caso....se poi voliamo parlare della pena di morte in cina e della facilità con cui viene comminata credo che sia del tutto infantile pensare che viene condannato a morte solo che se lo merita...

Rispondo: Bene freddy .Hai centrato in pieno! Chi ha soldi si compra pure la morte.....chi è un disgraziato e senza soldi non ha nessuna alternativa. Solo questo dovrebbe far capire a chi è assetato di vendetta la fallacità della propria posizione. .....io mi sento malissimo a vedere anche solo dei film su questo argomento (nn parliamo delle esecuzioni in diretta che fanno piacere vedere solo a emeriti pzzi di.......) .Ho visto il miglio verde al cinema e alla scena della sedia elettrica sono uscita.! Dico NO E ANCORA NO a queste barbarie.Si vede ,poi,la Cina che cultura che ha.....a me fa schifo!!!Sono indietro di anni luce....e così anche l'america.





Rispondo: Grazie Liuu, si il film era esaustivo e anche realistico perchè a quanto ne so le sofferenze a cui il condannato viene sottoposto possono essere davvero intense. Un pool di "tecnici" ha dichiarato, a proposito dell'iniezione letale, che essa provoca intense sofferenze e ci sono casi in cui il l'agonia del condannato è durata più di trenta minuti. Chissa che "piacere" per gli aventi diritto, osservare lo sventurato che si contorce in preda alle sofferenze più atroci(non a caso viene legato). Secondo me quelle persone, dopo aver vissuto quell'esperienza altamente "edificante" che non metabolizzeranno così facilmente, un pò meno umani si sentiranno di sicuro.
Freddy74 Freddy74 13/12/2008 ore 21.39.36
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A 19m80 che il 13/12/2008 17.31.16 ha scritto:
A josser che il 13/12/2008 13.51.18 ha scritto:
la gente - quella normale, che subisce, non vuole avere nulla a che fare con cose simili e nè è cosi facile pestare uno a sangue freddo, o ucciderlo addirittura. prova a chiederlo ai parenti di qelle vittime se non se la sentirebbero di distruggere a frustate chi gli ha tolto un padre , un marito , un fratello , una madre , una sorela , una moglie , se sapessero che lo stato glie lo consente , senza conseguenze , prova . Qui non si tratta di eroi mascherati , ma di giustizia , vera , tangibile , toccata con mano

Rispondo: ma quale sarebbe la giustizia?

per capire se siano stati loro deve esserci un processo. se c'è un processo passa del tempo. passato del tempo la gente ha sbollito l'originaria rabbia. infatti - come ho detto - non c'è casistica di persone che abbiano aspettato che un omicida uscisse per ucciderlo.

altrimenti facciamo i processi sommari, magari guidati dalla tv come succede oggi, e prendendo due casi noti - erika e omar - con le fiaccolate anti albanesi - e la campagna su marzouk(che non si trovava= era scappato - e invece era al suo paese) lo avrebbero ucciso.

era giustizia? o dopo - appurata la verità, chiedevano scusa e ammazzavano i colpevoli? e si sarebbero fatti uccidere per aver ucciso gli eventuali innocenti? non credo...

e se uno ammazza un proprio parente, i familiari poi dovrebbero ammazzare lui? tipo cogne, stefano lorenzi dovrebbe ammazzare la moglie? o varrebbe solo per omicidi di esterni su esterni? o solo chi ha voglia di uccidere può, gli altri in prigione?! ed è giustizia poi che uno che ha ucciso segue l'iter procedurale e un altro venga ammazzato di botte in pubblica piazza? mi pare proprio di no.

Rispondo:Alcuni vedono o bianco o nero, ma come hai ben argomentato con un pò di logica è chiaro che la giustizia sommaria generi più problematiche di quelle che apparentemente dovrebbe risolvere.
nevias63 nevias63 14/12/2008 ore 00.24.09
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A iM.fAnTaStIcA che il 13/12/2008 19.43.27 ha scritto:
A nevias63 che il 13/12/2008 18.29.01 ha scritto:
tanto x essere ragionevoli, con la pena di morte eviti la sofferenza a ki ha commesso un reato,e gli fai un favore, con l'ergastolo vero e proprio fatto di lavoro duro e non di piaceri e favori,dai la sofferenza lenta e giusta giorno x giorno a ki al 150% è colpevole......anke l'altro giorno ho sentito di un'uomo ke ha scontato mi pare 25anni ed era innocente........se lapido un assassino mi metto al suo livello, mi macchio di un'assassinio e mi merito la pena di morte anch'io per lo stesso reato, e per un gesto fatto in un momento di rabbia dolore e disperazione mi rovino la vita e nn ho concluso niente, nessuno ti ridarà mai la persona amata........ meglio ke MARCISCA IN GALERA nel vero senso della parola.....se poi esce di galera allora lì si ke la rabbia potrebbe prendersi possesso della nostra fragile mente già provata....
deve soffrire e deve essere lui a pregare di morire se lo facciamo noi gli togliamo il dente: VIA IL DENTE VIA IL DOLORE........è fatica e dura ragionarla in qsto modo...io sono d'accordo con la pena di morte solo nel caso però che riesca per nn farglierlo fare un'altra volta ..pena di morte magari decisa dallo stato e dopo 15 anni di galera.........e prove al 200% .....cmq deve essere:lenta agonia in carcere...

Rispondo: detto in questo modo forse è un pò crudo... ma anche per me è così.... per i pedofili, gli stupratori, gli assassini, chi ha commesso dei massacri, ecc DEVONO vivere... per finire la loro vita nella sofferenza del carcere. Castrare i pedofili, buttare nelle celle COMUNI gli stupratori, far lavorare pesantemente e costantemente gli assassini!!!!!! Castrare i pedofili, buttare nelle celle COMUNI gli stupratori, far lavorare pesantemente e costantemente gli assassini!!!!!! questo è quello che si meritano!!! sofferenza.... non siamo di certo noi a dover decidere se farli morire o no... se loro hanno commesso un reato, che facciano i conti loro con la loro coscenza!!!!


Rispondo: Tutto VERO...............pedofili malati, pedofili castrati.............stupratori. stuprati...........e per gli assassini con mani ke hanno ucciso, mani costantemente massacrate da duro e sporco lavoro tipo spalare mer....si è tutto così crudo e così skifoso... :-( ...ma non siamo noi i cattivi ....







josser josser 14/12/2008 ore 00.50.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

19m80 ,   l' esecuzione della pena non avverrebbe cosi , alla cazzo in culo , ci sarebbe comunque un processo e i parenti avrebbero tutto il tempo di farsi la loro idea , esattamente come succede ora , è per questo che ho detto che lascerei decidere a loro la durezza della pena , gli possono anche dare solo qualche frustata . Per quel che me ne imorta , gli potrebbero anche dare una pacca sulla spalla e dirgli , va be dai , ormai è acqua passata , tanto prima o poi moriamo tutti ( anche se ci credo poco ) alla fine ha ucciso un loro parente non un mio , contenti loro contenti tutti . Mi sembra impossibile che non riuscite a capire il senso di cose cosi elementari , vuol proprio dire non voler capire  
19m80 19m80 14/12/2008 ore 10.30.34
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A josser che il 14/12/2008 0.50.54 ha scritto:
19m80 , l' esecuzione della pena non avverrebbe cosi , alla cazzo in culo , ci sarebbe comunque un processo e i parenti avrebbero tutto il tempo di farsi la loro idea , esattamente come succede ora , è per questo che ho detto che lascerei decidere a loro la durezza della pena , gli possono anche dare solo qualche frustata . Per quel che me ne imorta , gli potrebbero anche dare una pacca sulla spalla e dirgli , va be dai , ormai è acqua passata , tanto prima o poi moriamo tutti ( anche se ci credo poco ) alla fine ha ucciso un loro parente non un mio , contenti loro contenti tutti . Mi sembra impossibile che non riuscite a capire il senso di cose cosi elementari , vuol proprio dire non voler capire

Rispondo: forse non lo si vuol capire perchè non ha alcun senso o fondamento logico.

perchè sarebbe giustizia quella che rappresenti tu? a me sembra una vaga rappresentazione di una tecnica nota come cazzodicane nella quale poi ognuno in teoria possa fare come meglio crede sfogando pulsioni - che comunque - ripeto - a seguito di un iter procedurale che impiega sempre il suo tempo - non ha mai visto, credo nella storia(mafiosi a parte) la vendetta post-datata da parte di nessuno.

senza contare che in questo caso avremmo che so: erika e omar probabilmente liberi si e no con un livido sul culo perchè non vedo comunque come un padre possa ammazzare un figlio nonostante il peggior misfatto compiuto oppure erika salva e omar ucciso in pubblica piazza(sarebbe giustizia o "culo" di aver ammazzato fratello e madre invece che due conoscenti?) - annamaria franzoni libera - dal momento che lorenzi è convinto che sia innocente o comunque le crede....

e questa è giustizia?

pensiamo solo allora a tutti i delitti di mafia - tutti sdoganati e lasciati alle faide. perchè nessuno accuserebbe nessuno, tutti liberi: signor giudice, gliela facciamo pagare noi. prego fate pure dice quello, è vostro diritto...

e quanti gradi di giudizio ci dovrebbero essere? uno? tre? sei sicuro che nel nostro paese la gente aspetterebbe prima di puntare il dito l'ultimo grado? zanfretta, che è statao accusato, processato, incolpato di essere unabomber - quanto sarebbe sopravvissuto in casa - salvo poi sapere che le prove a suo carico sono state manomesse?

non abbiamo perfezione per poter pensare di essere perfetti nella decisione. ci mancano tecnicamente i requisiti per poter decidere di vita e morte di qualcuno. ci deve sempre e comunque essere la vaga possibilità che si possa cercare e trovare l'eventuale errore. prendi quello che è uscito di prigione di recente ed era innocente- è stato dentro 30 anni. per omicidio. lo avrebbero ucciso forse i familiari della vittima a suo tempo. ed era innocente. e avendo ucciso un innocente sarebbero stati da uccidere se la vedova avesse voluto. ma erano innocenti anche loro - perchè aveva deciso un giudice che quell'uomo era colpevole. e dunque i familiari dei familiari avrebbero dovuto uccidere lei volendo - o il giudice - o i familiari del giudice. ma qualsiasi avvocato avrebbe stabilito che fossero innocenti e via così. ecco perchè non ha senso. perchè si dovrebbe attendere che qualcuno dica: basta. non voglio ucciderne più. e il punto è che sempre, chi subisce un' uccisione, non cova più dopo un pò un sentimento di vendetta - perchè non ha senso, non ridà nulla - e post datato poi, sa solo di altro omicidio.
19m80 19m80 14/12/2008 ore 10.51.47
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A Freddy74 che il 13/12/2008 21.39.36 ha scritto:



Rispondo:Alcuni vedono o bianco o nero, ma come hai ben argomentato con un pò di logica è chiaro che la giustizia sommaria generi più problematiche di quelle che apparentemente dovrebbe risolvere.

Rispondo: ne genera di gran lunga di più infatti ha "un senso" solo in quei regimi dittatoriali o in qualche modo assolutistici, filosoficamente assolutistici o retrogradi come gli usa(che sono un popolo tutto sommato giovane se volessimo guardare la questione da una visuale ad ampio raggio storico) che vedono due cose: la prima - nel caso del dittatoriale, che una persona si prende su di sè la responsabilità di gestire, guidare e far rispettare la legge che lui ritiene migliore. esempio: se josser fosse un dittatore, farebbe la pena di morte secondo tra l'altro la sua idea che sarebbe comunque diversa da quella di altri - ma si assumerebbe la responsabilità di tutto - quindi un domani, per via anche di quel principio dell'innocente ucciso, pagherebbe lui stesso poi.

la seconda, un pò come in alcuni stati usa, è quella dell'assolutismo filosofico, per il quale - meglio di cosi non si può fare, noi sappiamo tutto, noi sistemiamo tutto noi,noi noi unito al fatto che per loro poi ogni cosa è spettacolo pene capitali incluse(da notare però, che loro aggiungono anni nel braccio della morte, che è un supplizio che porta spesso il condannato comunque ad avere possibilità di riapertura del caso e di contro, a vedere la morte, come la fine dell'attesa della morte - cioè una cosa tremenda - e quindi come una liberazione(senza contare il fatto bigottissimo tutto loro, che li porta sempre a sperare che il condannato si redima, si penta, scriva un best seller, dia uno struggente messaggio ai parenti delle vittime...tutte ste cose che loro adorano...) ma la vedono come una sorta di consuetudine d'onore salvato, una specie di cavalleresco atto dovuto. solitamente dicono: ecco ora la mia blabla riposa in pace(come se il morto avesse richiesto chissà cosa - contravvenendo tra l'altro ai principi di qualsiasi fede tanto se la costruiscono loro come gli pare...) e parlano di giustizia. ma la giustizia è giusta perchè esercitata da giusti e il giusto non può essere pari al non giusto se no è non giusto. il giusto per condannare deve elevarsi, non può abbassarsi. ed elevandosi si eleva teoricamente sopra il delitto e lo condanna. se no non potrebbe farlo. ed elevandosi ne vede l'orrore(se no non potrebbe condannarlo) e dunque non può una giustizia condannare l'omicidio commettendolo o permettendo che venga commesso. siccome spesso si tira in ballo la giustizia a sproposito. la giustizia è l'elevazione della persona. perchè ci sono gli avvocati? perchè i poliziotti per esempio prima di fare qualcosa devono ragionare, fermarsi, avvisare, dire - perchè loro servono la legge, e la legge è della giustizia e dunque devono elevarsi prima di scendere.

è vero - sono questioni che in una società o sono dimenticato o non vengono ritenute valide - ma quando si parla di giustizia, van conosciute se no si deve parlare d'altro, invocare un nuovo codice, personalistico, soggettivo, opinabile e allora ok. altrimenti è su questi principi - magari un pò anacronistici oggi - che si basa l'umanità. non il rione. ma l'umanità.
josser josser 14/12/2008 ore 11.41.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

19m80   contenti i parenti delle vittime contenti tutti , sono loro che hanno ricevuto il danno , non io , non te , non l' Italia . L' esempio dei mafiosi te lo potevi risparmiare , ti sembra che adesso paghino per quello che fanno ?  Ma famme nu picere
maricuzza100 maricuzza100 14/12/2008 ore 11.41.11
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A geniale87 che il 10/12/2008 23.05.40 ha scritto:

LA PENA DI MORTE E' LA PIU' ABERRANTE E INGIUSTIFICATA VENDETTA DELLO STATO NEI CONFRONTI DEL COLPEVOLE DI UN DELITTO

QUANDO SENTO DIRE CHE LA PENA DI MORTE E' GIUSTA MI VENGONO I BRIVIDI

LEGGETE VICTOR HUGO E SAPRETE COSA NE PENSAVA LUI

DOVREBBERO ABOLIRLA GLI STATI CHE SI VOGLIANO CONSIDERARE AVANZATI E MODERNI

Rispondo:    geniale, mi chiedo..perchè ti accanisci tanto nel tutelare chi ha ucciso esseri umani?Io ritengo giusto togliere la vita a chi ha ammazzato una persona.Trovo incivile le persone come te che tutelano gli assassini dalla pena di morte.Geniale,ma lo capisci che gli italiani hanno paura di uscire di casa?Lo capisci che siamo prigionieri in libertà vigilata da delinquenti ed extraomunitari? Lo capisci che gli americani che condannano un assassino alla sedia elettrica!si chiama GIUSTIZIA? Lo capisci adesso che la pena di morte in italia sarebbe un potente deterrente?si o noooooo? Cazzo!   ;-(
19m80 19m80 14/12/2008 ore 11.48.35
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A josser che il 14/12/2008 11.41.09 ha scritto:
19m80 contenti i parenti delle vittime contenti tutti , sono loro che hanno ricevuto il danno , non io , non te , non l' Italia . L' esempio dei mafiosi te lo potevi risparmiare , ti sembra che adesso paghino per quello che fanno ? Ma famme nu picere

Rispondo: ma non stiamo parlando di cosa paghino o meno. l'ho detto subito: sono d'accordo con il sistema penale attuale? NO. l'ho detto.

ho usato l'esempio dei mafiosi, perchè sono gli unici che applicano il concetto di vendetta post-datata perchè appunto, hanno una regolamentazione privata, soggettiva, dislocata dal concetto di giusto "reale" - ma del tutto basato sulla vendetta come onore un pò come all'epoca cavalleresca ma senza cavalleria...

allora scusa - se contenti i parenti delle vittime contenti tutti - come mai poi si fanno i topic? e non mi dire che tu non li fai - perchè se cosi fosse - dovresti poi ammettere che c'è chi chiede la pena di morte anche per casi simili giusto? e dunque sarebbe ulteriore conferma che la visione della pena di morte viene chiesta con modalità diverse e soggettive da ognuno giusto? e ne viene fuori un concetto di giustizia o di boh, rabbia personale o qualcosa del genere? tu la applicheresti in un modo, uno in un altro, un altro in un altro ancora...e cosa c'è di giusto in tutto questo? c'è forse qualcuno più giusto degli altri che si possa arrogare il diritto di definire meglio cosa sia giusto per tutti in un ambito come togliere la vita? non penso.
19m80 19m80 14/12/2008 ore 11.50.39
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A maricuzza100 che il 14/12/2008 11.41.11 ha scritto:
A geniale87 che il 10/12/2008 23.05.40 ha scritto:

LA PENA DI MORTE E' LA PIU' ABERRANTE E INGIUSTIFICATA VENDETTA DELLO STATO NEI CONFRONTI DEL COLPEVOLE DI UN DELITTO

QUANDO SENTO DIRE CHE LA PENA DI MORTE E' GIUSTA MI VENGONO I BRIVIDI

LEGGETE VICTOR HUGO E SAPRETE COSA NE PENSAVA LUI

DOVREBBERO ABOLIRLA GLI STATI CHE SI VOGLIANO CONSIDERARE AVANZATI E MODERNI

Rispondo: geniale, mi chiedo..perchè ti accanisci tanto nel tutelare chi ha ucciso esseri umani?Io ritengo giusto togliere la vita a chi ha ammazzato una persona.Trovo incivile le persone come te che tutelano gli assassini dalla pena di morte.Geniale,ma lo capisci che gli italiani hanno paura di uscire di casa?Lo capisci che siamo prigionieri in libertà vigilata da delinquenti ed extraomunitari? Lo capisci che gli americani che condannano un assassino alla sedia elettrica!si chiama GIUSTIZIA? Lo capisci adesso che la pena di morte in italia sarebbe un potente deterrente?si o noooooo? Cazzo! ;-(

Rispondo: no.

come non lo è in america - per l'appunto.


mazingaspeciale mazingaspeciale 14/12/2008 ore 13.05.16 Ultimi messaggi
segnala

SchifatoRE: PENA DI MORTE

Vorrei esprimere tutta la mia indignazione per chi difende questi assassini. TROPPO BRAVI A FARE I PALADINI DELLA GIUSTIZIA QUANDO NON SI E' COINVOLTI PERSONALMENTE.  CHI AMMAZZA(ESCLUDENDO NATURALMENTE LA LEGITTIMA DIFESA) DEVE MORIRE E BASTA. NON CI SONO ALTERNATIVE. PURTROPPO CREDO CHE IN ITALIA LA PENA DI MORTE NON CI SARA' MAI PERCHE' C'E IL VATICANO, IL TANTO AMATO VATICANO, CHE CON LA SCUSA DEL "SIAMO TUTTI FRATELLI" ORGANIZZA CAMPAGNE A FAVORE DI QUESTI BASTARDI ASSASSINI, DISTOGLIENDONE POI L'ATTENZIONE DELL'OPINIONE PUBBLICA. LA TANTO AMATA CHIESA CHE APRE LE PORTE FACENDO OSPITARE DELINQUENTI E ASSASSINI IN LIBERTA' NONCHE' EXTRACOMUNITARI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO E CACCIANDO VIA MAGARI UN POVERO ITALIANO CHE MAGARI NON ARRIVA A FINE MESE(E SOTTOLINEO IL VERO E NON FINTO POVERO)CHE CHIEDE UN PIATTO DI PASTA ASCIUTTA, VERGOGNA!
19m80 19m80 14/12/2008 ore 16.12.49
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A mazingaspeciale che il 14/12/2008 13.05.16 ha scritto:
Vorrei esprimere tutta la mia indignazione per chi difende questi assassini. TROPPO BRAVI A FARE I PALADINI DELLA GIUSTIZIA QUANDO NON SI E' COINVOLTI PERSONALMENTE. CHI AMMAZZA(ESCLUDENDO NATURALMENTE LA LEGITTIMA DIFESA) DEVE MORIRE E BASTA. NON CI SONO ALTERNATIVE. PURTROPPO CREDO CHE IN ITALIA LA PENA DI MORTE NON CI SARA' MAI PERCHE' C'E IL VATICANO, IL TANTO AMATO VATICANO, CHE CON LA SCUSA DEL "SIAMO TUTTI FRATELLI" ORGANIZZA CAMPAGNE A FAVORE DI QUESTI BASTARDI ASSASSINI, DISTOGLIENDONE POI L'ATTENZIONE DELL'OPINIONE PUBBLICA. LA TANTO AMATA CHIESA CHE APRE LE PORTE FACENDO OSPITARE DELINQUENTI E ASSASSINI IN LIBERTA' NONCHE' EXTRACOMUNITARI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO E CACCIANDO VIA MAGARI UN POVERO ITALIANO CHE MAGARI NON ARRIVA A FINE MESE(E SOTTOLINEO IL VERO E NON FINTO POVERO)CHE CHIEDE UN PIATTO DI PASTA ASCIUTTA, VERGOGNA!

Rispondo: io consiglio invece di leggere meglio.

nessuno ha difeso gli assassini.

nessuno ha citato chiesa nè ha usato parole di stampo cattolico o comunque cristiano.

e invece qualcuno di chi ha detto il proprio no alla pena di morte E' stato direttamente coinvolto in fatti che per alcuni la richiederebbero.

il resto sulle tipologie della pena, extracomunitari o modalità di gestione delle attuali carceri non c'entra granchè con topic in sè.

la pena di morte in italia non c'è perchè abbiamo avuto grandissimi pensatori che ne hanno smontato le finalità secoli fa non per la chiesa dato che la chiesa cattolica l'ha abolita dal proprio ordinamento solo nel 69 in vaticano dal 67 e abolita totalmente solo nel 2001! nonostante l'attuale papa, abbia scritto che "tuttavia può essere consentita" soprattutto perchè è sempre stata citata nel nuovo e vecchio testamento come pratica ed è sempre stata accolta, da pensatori come sant agostino e san tommaso in nome del "bene comune".

quindi la chiesa c'entra niente.
Il.ComandanteDiavolo Il.ComandanteDiavolo 14/12/2008 ore 18.59.27
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A geniale87 che il 10/12/2008 23.05.40 ha scritto:

LA PENA DI MORTE E' LA PIU' ABERRANTE E INGIUSTIFICATA VENDETTA DELLO STATO NEI CONFRONTI DEL COLPEVOLE DI UN DELITTO

QUANDO SENTO DIRE CHE LA PENA DI MORTE E' GIUSTA MI VENGONO I BRIVIDI

LEGGETE VICTOR HUGO E SAPRETE COSA NE PENSAVA LUI

DOVREBBERO ABOLIRLA GLI STATI CHE SI VOGLIANO CONSIDERARE AVANZATI E MODERNI

Rispondo:Logicamente Victor Hugo non poteva sapere che,ad esempio , in Italia non esiste la certezza della Pena. Se ammazzi una persona, ti aspetta il famoso ergastolo, Vale a dire che dopo 15-20 anni sei libero :Fuori dalla cella. Noi siamo il paese della "Pena per niente" ,

-E cosi' via per i reati minori. tornando al tema :LA PENA DI MORTE E' LA PIU' ABERRANTE E INGIUSTIFICATA VENDETTA DELLO STATO NEI CONFRONTI DEL COLPEVOLE DI UN DELITTO . In linea di principio ,la pena di morte ,laddove esiste ,sarebbe giusto abolirla.Ma solo se ragioniamo "distaccati dall'evento",come solo lo Stato puo' fare. Ma ,nello specifico, se ad una persona viene volutamente ammazzato un fratello o ,peggio un figlio ,come si comporterebbe? .Dopo aver visto con quanta crudeltà lo ha o lo hanno ammazzato quale sarà il suo pensiero? Prova a chiedertelo.
linnolinnolinno linnolinnolinno 14/12/2008 ore 21.44.27
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A geniale87 che il 10/12/2008 23.05.40 ha scritto:

LA PENA DI MORTE E' LA PIU' ABERRANTE E INGIUSTIFICATA VENDETTA DELLO STATO NEI CONFRONTI DEL COLPEVOLE DI UN DELITTO

QUANDO SENTO DIRE CHE LA PENA DI MORTE E' GIUSTA MI VENGONO I BRIVIDI

LEGGETE VICTOR HUGO E SAPRETE COSA NE PENSAVA LUI

DOVREBBERO ABOLIRLA GLI STATI CHE SI VOGLIANO CONSIDERARE AVANZATI E MODERNI

Rispondo: sei tu ke fai venire i birivdi ! LA COSA PIU ABERRANTE è TOGLIERE LA LIBERTA A UN INDIVIDUO,FALRO STARE IN UNA CELLA DI 10 MQ CON 8 DETENUTI,SUBBIRE LE VIOELNZE DEI SECONDINOI E DEI DETENUTI , VENIRE SODOMIZZATO UMILIATO la pena di morte è il piu civile degli atti,IL MALE VA ELIMINATO NON IMPRIGIONATO!!!!!!!!

se un giorno ti uccidono i figli la moglie allora si ke potrai dire qlcs sulla pena di morte
supermanfry supermanfry 14/12/2008 ore 22.52.53
segnala

(Nessuno)RE: PENA DI MORTE

A geniale87 che il 10/12/2008 23.05.40 ha scritto:

LA PENA DI MORTE E' LA PIU' ABERRANTE E INGIUSTIFICATA VENDETTA DELLO STATO NEI CONFRONTI DEL COLPEVOLE DI UN DELITTO

QUANDO SENTO DIRE CHE LA PENA DI MORTE E' GIUSTA MI VENGONO I BRIVIDI

LEGGETE VICTOR HUGO E SAPRETE COSA NE PENSAVA LUI

DOVREBBERO ABOLIRLA GLI STATI CHE SI VOGLIANO CONSIDERARE AVANZATI E MODERNI

Rispondo: la pena di morte, come nn aveva senso in passato, ancora di + nn ha senso oggi! perciò ke c'è bisogno di 1 palingenesi generale a livello mondiale!

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.