Fatti del giorno

Fatti del giorno

Fatti di cronaca, costume e società. Ne parlano TG e giornali... discutiamone insieme.

Lily.allen 14/07/2016 ore 08.14.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)L’italia del Quattrocento

Nel corso del Quattrocento, fase di passaggio dall’età medievale all’età moderna, l' italia era politicamente frammentata in un complesso di Stati diversi per estensione territoriale e regime politico. Tale assetto, sancito dalla Pace di Lodi del 1454 e garantito per tutta la seconda metà del secolo dalla personalità autorevole di Lorenzo il Magnifico, fu rimesso in discussione con la discesa in Italia (1494) del re di Francia Carlo VIII, che diede avvio a quel periodo di conflitti ricordati dalla storiografia come Guerre d'Italia.
L’area settentrionale della penisola era divisa fra il Ducato di Savoia, il Ducato di Milano, i domini di terraferma della Repubblica di Venezia. A queste maggiori formazioni territoriali si aggiungevano Stati di più piccole dimensioni: , il Marchesato di Saluzzo, ilMarchesato del Monferrato, il Principato vescovile di Trento, il Marchesato di Mantova, iDucati di Modena e Ferrara.
L'Italia centrale era divisa fra la Repubblica di Genova (che comprendeva anche la Corsica) le repubbliche di Firenze, Siena e Lucca (corrispondenti nell'insieme all'attuale Toscana) e i domini dello Stato pontificio, costituiti grosso modo dalle attuali Lazio, Umbria e Marche. A questi si aggiungevano realtà minori come i Ducati di Urbino e Camerino e le signorie di Perugia, Senigallia, Pesaro, Foligno, Rimini, Bologna, Faenza, Imola, Forlì, Cesena e la Repubblica di San Marino.Il Meridion epeninsulare (odierni Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e  Calabria) era unificato sotto il Regno di Napoli, mentre Sicilia e Sardegnafacevano parte della Corona d'Aragona.
L’umanesimo è un movimento ideologico-culturale che afferma la dignità degli esseri umani. Ebbe inizio nel XV secolo nell'Italia rinascimentale (il centro maggiore fu Firenze) e si diffuse in tutta l'Europa contemporanea. Il termine umanesimo deriva dal latino humanae litterae, che indica le discipline proprie dell'essere umano.
Per "Umanesimo" si intende quel vasto movimento culturale che, iniziato negli ultimi decenni del Trecento e diffusosi nel Quattrocento, ha come caratteristica principale la riscoperta dell'uomo attraverso la ricerca e la letteratura dei classici latini e greci: humanae litterae o studia humanitatis, da cui appunto trae origine il termine "Umanesimo". Questa riscoperta è un'indispensabile premessaculturale del Rinascimento, con la quale la generazione dell'età umanistica sottolinea una netta distanza tra il mondo medioevale, caratterizzato da una visione della vita, che poneva Dio al centro dell'Universo e imponeva all'uomo una totale sottomissione al volere e al potere della Chiesa e la loro visione in cui l'uomo è posto al centro dell'Universo ed è considerato artefice, padrone del proprio destino. Si diffonde una grande fiducia nell'intelligenza umana; si esaltano, in particolar modo, la dignità dell'uomo, la sua superiorità sugli altri esseri naturali, le sue innumerevoli capacità creative. Inoltre si afferma il concetto di humanitas, inteso come la voglia di conoscenza che distingue l'uomo da tutti gli altri esseri animati. Centri di diffusione della nuova cultura sono soprattutto le grandi corti signorili, in particolare la corte di Lorenzo de' Medici, detto il Magnifico, presso la quale si riuniscono moltissimi artisti e letterati del tempo. Infatti anche durante l'umanesimo si rinnovano le arti, la scultura e cominciano ad apparire alcuni personaggi importanti come Leonardo Da Vinci.
L'umanesimo è la cultura del Rinascimento; tra i due concetti vi è dunque una sorta di vicinanza: il primo si riferisce al movimento ideologico culturale legato all'esigenza di ricollegarsi al mondo greco-latino; mentre il secondo si riferisce alle manifestazioni artistiche e fenomeni di costume, come la quasi totale scomparsa delle rappresentazioni di Dio e dei santi, sostituite dalle rappresentazioni dell'uomo. Il Rinascimento italiano politicamente terminò con la morte di Lorenzo il Magnifico (1492), mentre culturalmente proseguì per tutto il secolo successivo, fino agli inizi del XVII secolo. In questo periodo c'è anche un umanesimo monastico il quale non si riduce al camaldolese Ambrogio Traversari; ad esempio nell'ordine delle Clarisse si riconoscono delle vere e proprie monache-umaniste, quali Camilla da Varano.
8424939
Nel corso del Quattrocento, fase di passaggio dall’età medievale all’età moderna, l' italia era politicamente frammentata in un...
Discussione
14/07/2016 8.14.32
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
lelush lelush 14/07/2016 ore 14.56.59
segnala

(Nessuno)RE: L’italia del Quattrocento

@Lily.allen scrive:
il centro maggiore fu Firenze

e poi la fiorentina viene cosi' sfottuta continuamente in campionato...non c'è piu' rispetto per il passato a sto mondo! :nono
MARIELLONZOLA MARIELLONZOLA 16/07/2016 ore 18.15.00 Ultimi messaggi
pepp1968 pepp1968 17/07/2016 ore 22.03.06
segnala

(Nessuno)RE: L’italia del Quattrocento

non a caso la riforma protestante avviene nello stesso periodo
elisabetta2016 elisabetta2016 18/07/2016 ore 18.37.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: L’italia del Quattrocento

Grazie per avermi riportato alla memoria l'importanza culturale e storica dell'Umanesimo, che a dire il vero avevo un po' dimenticato.
Ho passato tanto tempo a leggere e approfondire argomenti che riguardano il 700 e il 600, cioè l'illuminismo, e prima di allora il secolo XVII , e soprattutto il periodo napoleonica, che ho dimenticato chi ha gettato le basi di quei massimi valori occidentali che poi hanno accompagnato tutti i secoli successivi e hanno in maniera ancora più vigorosa rappresentato i principi di base dell'Illuminismo,
Hai in maniera perfetta , e soprattutto chiara, spiegato cos'era l'umanesimo è perché è stato un movimento culturale importantissimo-
L'italia è la patria del rinascimento e dell'umanesimo.
Esistono opere artistiche da noi , che solo a guardarle , ti commuovi al pensiero che l'uomo abbia raggiunto tale profondità di animo di pensiero e di sentimento.

Un opera valga per tutte: gli affreschi di Pinturicchio e la sua scuola nella Biblioteca Piccolomini di Siena.
Ma questo è solo un piccolo esempio.
elisabetta2016 elisabetta2016 18/07/2016 ore 18.38.04 Ultimi messaggi

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.