I problemi giovanili

I problemi giovanili

Dalla droga alla depressione, dall'anoressia all'ansia...parliamone e troviamo una soluzione.

ilmionomemaipiu 18/12/2009 ore 19.51.27 Ultimi messaggi
segnala

PerplessoIPNOSI REGRESSIVA...

ki l ha provata? o ha sentito esperienze a riguardo???
NewY0rk NewY0rk 18/12/2009 ore 20.07.56
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

@ ilmionomemaipiu:

Ne so qualcosa, ma senza averla mai provata. Dipende in parte da qual'è la tipologia di malessere di cui soffri.
Notoriamente l'ipnosi si esercita su coloro che avrebbero subito traumi profondi ma che sono stati rimossi dall'io cosciente.
E l'ipnosi può fare riemergere questi traumi. Ma va detto che l'efficacia è piuttosto controversa. Non tanto nell'emersione del trauma, quanto piuttosto nel reale beneficio che ciò possa portare..Sono noti casi di persone che messe di fronte a quanto la psiche aveva rimosso sono addirittura peggiorati se non del tutto impazziti, addirittura alcuni casi di possessione diabolica si sono verificati a seguito di questa pratica..E' una materia delicata e controversa, e lo stato stesso di ipnosi non è nemmeno chiaramente spiegato dalla scienza.
POLV3RE POLV3RE 18/12/2009 ore 21.24.35 Ultimi messaggi
Burian87 Burian87 18/12/2009 ore 21.49.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

@ NewY0rk: Concordo! Il meccanismo di rimozione in certi traumi è fondamentale per sopravvivere. Immaginate ora i bambini del Beslan (quella strage nella scuola in Russia o Cecenia non ricordo). Sentii un servizio dove psicologi spiegavano che alcuni bambini con il tempo avevano "modificato" la loro esperienza. Uno che era stato colpito dal sangue e cervello schizzato è ancora "convinto" che fosse esploso un qualche barattolo di marmellata.
ernest.7 ernest.7 19/12/2009 ore 12.40.59
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

ma non era vietata deontologikamente? o forse m sbaglio? sarebbe la prima volta in vita mia....
NewY0rk NewY0rk 19/12/2009 ore 21.28.34
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

ernest.7 scrive:
ma non era vietata deontologikamente? o forse m sbaglio? sarebbe la prima volta in vita mia....


Forse ti sbagli con l'elettroshock..
ilmionomemaipiu ilmionomemaipiu 20/12/2009 ore 03.40.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

@ POLV3RE: ahuaahau bella qsta..te ne do atto! ^_^

kmq...seriamnete..concordo cn il fatto ke sia pericoloso esercitare questa pratica in caso di traumi...ke in caso riaffiorasserro potrebbero ledere emozionalemte il soggetto...ma nel caso specifico io associavo l ipnosi all ansia...inconscia ovviamente....al fine di poter scoprire cosa nell inconscio fa scattare qsto perenne stato d animo apparentemente e razionalemte inspiegabile..
1OOOrisorse 1OOOrisorse 20/12/2009 ore 14.43.00
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

ilmionomemaipiu scrive:
concordo cn il fatto ke sia pericoloso esercitare questa pratica in caso di traumi...ke in caso riaffiorasserro potrebbero ledere emozionalemte il soggetto



in realtà psicologicamente l'ipnosi non ha rilevanza, anzi venne usato spesso inizialmente da freud poichè era positivo fra rivivere i traumi ai fini della liberazione da questi. dunque non vi è pericolo alcuno.

personalmente sto portando come tesi di laurea una ricerca sull'argomento ed ho praticato un training autogeno e più ipnosi autoindotte, oltre che fare ricerca con il mio professore. se vuoi ne parliamo meglio e dal punto di vista scientifico sull'argomento ma in breve un'ipnosi è fondamentalmente un sogno. la fidderenza fra sogno, ipnosi ed autoipnosi è il fatto che la prima è un percorso inconscio guidato dall'inconscio (dunque si crea un pensiero di pensiero senza ordini ma che se ben decifrato ritrova vari componenti emotive), la seconda applicazione è un percorso inconscio guidato dallo psicologo, mentre il terzo è un percorso inconscio guidato dalla coscienza. non si è mai registrato nessun incidente a livello di ritorsioni emotive, nella pratica ma solo cambiamenti positivi, che tuttavia hanno breve durata. oggi molta gente ricorre all'ipnosi per smettere di fumare. altri ricorrono alla meditazione guidata o condotta autonomamente per migliorare nello sport o per attacchi di ansia.

tutte queste applicazioni funzionano per un principio banale: se ho un problema celato, e tramite ipnosi faccio riaffiorare le cause, posso affrontarlo nel modo corretto.

ovviamente come nel caso del fumo, l'ipnosi serve non a scavare nei ricordi quanto a dettare quello che in gergo si chiama comando: se durante una seduta lo psichiatra mi da un comando (ad esempio mi dice di non fumare o di fare una determinata azione ad una certa ora)io una volta uscito dallo stato alterato eseguirò il comando poichè mi è inconscio.
nella fattispecie la regressione che viene imposta nell'ipnosi regressiva, altera lo stato incosciente costringendo la coscienza ad elaborare logicamente delle spiegazioni, che spesso vanno a mischiarsi con la fantasia (questo è detto in parole povere, se te ne intendi di logica sillogistica e di neurologia ti dò tutti i tiferimenti). ecco che il soggetto rivive dei ricordi che però all'atto di comunicarli trova difficoltà dislessiche tali che i racconti che ne vengon fuori somigliano a quelli dei bambini: necessitano dell'ausilio di elementi fantastici per poter spiegare i vuoti. ad esempio un bambino tende a dire che il sole si muoe perchè c'è un drago invisibile a spostarlo. questo non perchè lo vede ma perchè gli consente di sorvolare su un problema apparentemente inconoscibile per collegare due sue intuizioni empiriche. un po' quello che fanno i religiosi ponendo la fede in cose che vanno al di la della comprensione


però concludo dicendo anche che non tutti i soggetti sono ipnotizzabili. in genere cade nell'ipnosi una persona su 3. e di queste solo il 40% ha un'ipnosi vera e propria. le altre subiscono solo molto condizionamento poichè se vengono punte durante l'incoscienza esse sentono dolore o si destano. cosa che non accade quando si sprofonda nell'incoscienza

potrei parlare per ore di questo argomento...
1OOOrisorse 1OOOrisorse 20/12/2009 ore 14.51.02
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

NewY0rk scrive:
Sono noti casi di persone che messe di fronte a quanto la psiche aveva rimosso sono addirittura peggiorati se non del tutto impazziti, addirittura alcuni casi di possessione diabolica si sono verificati a seguito di questa pratica.


sarei curioso di leggere nomi e cognomi, o per lo meno la fonte dalla quale hai attinto queste notizie
NewY0rk NewY0rk 20/12/2009 ore 16.23.46
segnala

(Nessuno)RE: IPNOSI REGRESSIVA...

1OOOrisorse scrive:
in realtà psicologicamente l'ipnosi non ha rilevanza, anzi venne usato spesso inizialmente da freud poichè era positivo fra rivivere i traumi ai fini della liberazione da questi. dunque non vi è pericolo alcuno.



Questa che hai scritto è una contraddizione in termini. Se l'ipnosi permette di rivivere i traumi, venendo usata come fine per la liberazione da questi, psicologicamente HA UNA BELLA RILEVANZA.



1OOOrisorse scrive:
sarei curioso di leggere nomi e cognomi, o per lo meno la fonte dalla quale hai attinto queste notizie



Me ne hanno parlato diversi medici ed è cosa piuttosto nota. Devi essere uno di quelli che pretendono fonti da chi sa o pensa cose diverse dalle tue, conosco il genere. I traumi sono sicuramente esperienze dolorose per il soggetto che li subisce, e se la loro dinamica prevede una diretta o indiretta partecipazione può innescare inevitabilmente anche moti di rigetto nei confronti di se stessi o dell'esperienza in oggetto, e a seconda della suscettibilità emotiva dell'interessato le reazioni possono essere le più disparate, dalla liberazione fino, all'estremo opposto, alla maggiore rimozione se non abberrazione patologica.
Tra l'altro è riconosciuto da una certa parte della comunità scientifica come l'ipnosi generi sovente anche falsi ricordi, e questi falsi ricordi possono talvolta sommarsi nella loro drammaticità ai traumi preesistenti, aggravandone il carico, si tratta quindi di una materia delicata da 'prendere con le molle'.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.