Mondo diversamente abile

Mondo diversamente abile

Un punto di incontro e di dialogo tra ragazzi diversamente abilii e tra chi vive a loro stretto contatto.

sossio78 07/09/2007 ore 12.36.38 Ultimi messaggi
segnala

DomandaGIOVANI E VOLONTARIATO


MILANO - Quando la prima volta, in classe, ha sentito da uno dei professori la proposta di fare volontariato nei pellegrinaggi a Lourdes, l'ha rifiutata con sdegno. Roba da vecchietti e bigotti. "Ero anticonformista -racconta Mattia Giambini, 20 anni e da tre volontario Oftal (Opera federativa trasporto ammalati a Lourdes)-. Poi però ho accettato e l'esperienza mi ha come rapito, l'ho ripetuta e faccio parte del gruppo dei giovani volontari dell'Opera". Mattia è uno dei veterani fra i giovani dell'Oftal. Il 15 settembre saranno in 50 i ragazzi, dai 17 ai 20 anni, che per sette giorni diventeranno "dame" o "barellieri" per accompagnare, insieme ad altri 650 volontari più anziani, circa 400 malati nel pellegrinaggio diocesano a Lourdes. È prevista anche la partecipazione di mons. Erminio De Scalzi, vicario per la diocesi di Milano, e di circa 900 fedeli da tutta la Lombardia. Per molti dei giovani volontari è la prima esperienza di pellegrinaggio. Come lo è stato per Mattia nel 2004: "Anche se frequentavo una scuola privata religiosa, non andavo in chiesa -aggiunge-. Ho scoperto in quel primo viaggio quanto si può essere utili agli altri, in particolare alle persone meno fortunate di noi. Ero rimasto colpito dal fatto che per certi invalidi anche le azioni quotidiani più banali possono essere difficili, come quello di uscire di casa per fare una passeggiata, oppure bere un bicchiere di acqua". La vita del volontario Oftal è dura. "Durante il viaggio in treno si deve essere sempre a disposizione dei malati -racconta Mattia-. A Lourdes, poi, la giornata comincia al mattino presto e per tutto il giorno si è impegnati ad accompagnare i malati al santuario e a prestare loro assistenza". Una faticaccia, ricompensata però. "Si parte mossi dalla curiosità e dal desiderio di fare una nuova esperienza -ricorda Mattia-. Si torna con tante nuove domande, qualche risposta e soprattutto il sorriso degli ammalati".

Nello scorso anno scolastico, i volontari Oftal sono andati a parlare in 15 scuole di Milano, sia pubbliche che private, e hanno incontrato oltre 500 studenti. A tutti è stata fatta la proposta di volontariato nei pellegrinaggi. "Chi aderisce lo fa perché sente il bisogno di rendersi utile agli altri -afferma Giorgio Caprino, presidente dell'Oftal di Milano-. Non chiediamo loro se hanno fede o meno e ci sono ragazzi con alle spalle storie molto diverse tra loro. Da chi ha sempre vissuto nell'ambito della parrocchia a chi invece dice di non credere". Se non è obbligatorio avere fede, bisogna però accettare le regole e lo stile Oftal. Anche nel vestirsi. "Prima di partire spieghiamo che devono rispettare i luoghi santi in cui andranno a prestare la loro opera: anche se non sono d'accordo non devono manifestare in pubblico le loro critiche -aggiunge Giorgio Caprino-. Inoltre, no a bermuda o a pance scoperte. Ciò che mi sorprende sempre è che accettano queste regole e le rispettano lungo tutto il viaggio". Oggi il "gruppo giovani Oftal" conta circa 300 volontari. "Molti decidono di ripetere l'esperienza e spesso continuato a fare volontariato anche a Milano magari in altre associazioni -sottolinea il presidente dell'Oftal-. In una società che ha pochi punti di riferimento e pochi valori, una proposta come quella che facciamo, che richiede sacrificio e umiltà, riscuote successo anche fra i più giovani".





SE VOI PROPONGONO UNA COSA DEL GENERE PER LA PRIMA VOLTA COSA FATE?

AVETE AVUTO ESPERIENZE DEL GENERE? SEI SI RACCONTATE LA VOSTRA ESPERIENZA

COSA PENSATE DEL VOLONTARIATO?
7573258
MILANO - Quando la prima volta, in classe, ha sentito da uno dei professori la proposta di fare volontariato nei pellegrinaggi a...
Discussione
07/09/2007 12.36.38
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
sparta200 sparta200 07/09/2007 ore 12.54.03
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

Io non ho mai fatto volontariato.. Però cavoli, quanto mi piacerebbe!! Sarebbe un'esperienza unica, che soddisfazioni vedere quanto possiamo essere utili al prossimo!
ferrigiulia ferrigiulia 07/09/2007 ore 13.20.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

sossio78 ha scritto:

SE VOI PROPONGONO UNA COSA DEL GENERE PER LA PRIMA VOLTA COSA FATE?

AVETE AVUTO ESPERIENZE DEL GENERE? SEI SI RACCONTATE LA VOSTRA ESPERIENZA

COSA PENSATE DEL VOLONTARIATO?
Sai Sossio, hai preso un argomento che a me in particolare sta molto a cuore: come alcuni di voi sanno io sono Vice Presidente dell'Associazione Italiana Spina Bifida e Idrocefalo Onlus La Strada per l'Arcobaleno che raccoglie bambini, ragazzi ed oggi per fortuna anche adulti affetti da queste due patologie. Già da diversi anni si fanno campi scuola per i più piccoli e vacanze per i più grandi ed il problema che abbiamo ogni anno è proprio quello dei volontari... abbiamo alcuni "veterani" ma i ragazzi per fortuna crescono ed abbiamo sempre bisogno di un maggior numero di persone che stiano con noi durante la settimana di vacanza estiva. Personalmente il primo anno che ho partecipato come volontaria... sono rimasta stravolta, non capivo se in positivo o in negativo ma avevo mille emozioni dentro che mi agitavano. Solo dopo essere tornata a casa e riflettuto sulla settimana trascorsa tutti insieme ho preso la decisione di prendere io in mano l'organizzazione prima insieme del mio predecessore ed ora li organizzo io anche se comunque sempre con il suo sostegno e la sua esperienza... Quindi, che dire... sono esperienze non facili, fisicamente e moralmente.. ma ti lasciano tanto! Io ve lo consiglio... e se poi volete provare anche con noi.. io sono qui! Potete contattarmi e la prossima estate staremo insieme! Un bacio
sparta200 sparta200 07/09/2007 ore 15.41.18
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

Sarei felicissima di far parte della tua associazione!! Spero un giorno di poter fare una simile esperienza!! Bacione a tutti! ;-)
Servo.dellaGleba Servo.dellaGleba 08/09/2007 ore 01.11.00
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

Non voglio infierire, ma Sparta è un nick che fa effetto in questo forum.
itcomefromthedarknes itcomefromthedarknes 09/09/2007 ore 15.48.29
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

volontario per 4 anni e obbiettore per uno.....se da un lato hai un sacco di soddisfazioni...dall altro tocchi con mano situazioni come dire davvero pesanti...( che di norma ai volontari manco le fan vedere) poi una cosa che mi ha lasciato un po cosi è il contatto con certi pazienti specialmente i dializzati..si crea un bel rapporto, si parla ecc..poi magari una mattina vai in servizio e nn ti chiaman per quel solito giro, (puo succedere) ma poi per una settimana , 2 3 e alla fine la notizia il sig tal dei tali è morto.....eccoci li si sa che è una cosa inevitabile pero ci si resta sempre un po di gomma....per servo si magari nick nn appropriato visto gli usi spartani ma qui nn polemizziamo.
ferrigiulia ferrigiulia 10/09/2007 ore 10.12.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

itcomefromthedarknes ha scritto:
volontario per 4 anni e obbiettore per uno.....se da un lato hai un sacco di soddisfazioni...dall altro tocchi con mano situazioni come dire davvero pesanti...( che di norma ai volontari manco le fan vedere) poi una cosa che mi ha lasciato un po cosi è il contatto con certi pazienti specialmente i dializzati..si crea un bel rapporto, si parla ecc..poi magari una mattina vai in servizio e nn ti chiaman per quel solito giro, (puo succedere) ma poi per una settimana , 2 3 e alla fine la notizia il sig tal dei tali è morto.....eccoci li si sa che è una cosa inevitabile pero ci si resta sempre un po di gomma....
so di cosa parli e cosa si prova.. è capitato anche a me di conoscere una persona starle vicino durante quella settimana e poi.. l'anno dopo sapere che non c'è più... e dentro senti quel vuoto che può essere solo colmato dalla consapevolezza che hai ricevuto e doto ricchezza interiore.. tu senza quella persona, e quella persona senza te, saresti diverso, impoverito di quel qualche cosa che ti ha donato e viceversa... ecco perchè per fortuna ancora esiste il volontariato... grazie...
Aly1 Aly1 10/09/2007 ore 11.02.31
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO


Questa è la mia esperienza:

Faccio volontariato nell'associazione di cui parlerò qui di seguito dal 15 settembre 2006 e senza saperlo hai toccato un tasto che nella mia vita, specialmente negli ultimi mesi, mi sta aprendo nuove porte e mi sta offrendo nuove possibilità di vivere nuove esperienze sotto il profilo umano e non solo. Alla fine dell'estate 2006, quasi per caso, dopo aver cercato in rete (e non solo) modi attraverso i quali arricchire la mia rete di relazioni sociali, grazie ad un incontro reale e casuale (ma non troppo, dal mio punto vista), ho incontrato un'associazione di volontariato che mi sta dando veramente tantissimo sotto tanti punti di vista e infatti mi auguro che quando troverò un lavoro, il mio orario di lavoro sarà compatibile con gli orari dell'associazione. E farò tutto il possibile affinchè sia così. Non farò pubblicità all'associazione che frequento perchè non lo trovo giusto e poichè non voglio che si pensi, anche lontanamente, che scrivo questo post a tal fine visto che non è così, dunque non indicherò, per scelta, l'url della stessa.

Nel mio caso, in questa associazione, formata da persone disabili e non che magari la vivono di riflesso, vivendo quella dei loro figli o di persone a loro vicine, si portano avanti vari progetti, il progetto più importante che stiamo portando avanti si occupa di persone bisognose di aiuto. Si raccolgono passeggini, ovetti, fasciatoi, giochi, vestitini, lettini e quant'altro. Questo materiale viene poi distribuito a persone che vengono a richiederlo. Si tratta prettamente di persone provenienti, in linea di massima, da paesi che si trovano in situazioni di disagio quali Albania, Senegal, Etiopia, Marocco e via dicendo, ma residenti in Emilia Romagna, ma anche italiani che si trovano in situazioni di difficoltà. Io mi sono occupata di ricevere l'utenza o, nell'ultimo periodo prima della chiusura per la pausa estiva, di sistemare il materiale che ci veniva consegnato (per quanto mi riguarda, soprattutto giocattoli e calzature). Spero, però di ritornare a ricevere ed accogliere l'utenza, domani sera, alle 20:30, ci sarà un incontro per definire chi farà cosa per la stagione 2007/2008.

Siamo persone giovani, ma siamo giovani noi, l'associazione è nata un anno fa. Io ho fatto mesi di ricerca con google, cercando attraverso i siti web del comune, degli enti pubblici e attraverso le istituzioni della mia città, fino ad arrivare a quell'incontro non poi tanto casuale che ha segnato, in modo molto positivo, la mia estate 2006.

Questa è la mia esperienza che considero senza alcun dubbio molto positiva. Grazie ad essa ho potuto conoscere ed incontrare nuovi amici e sentirmi parte integrante di una nuova realtà che mi sta dando davvero tantissimo a livello umano e non solo.





Concordo pienamente con Carla quando afferma che fortunatamente esiste ancora il volontariato.

Alla prossima!

sparta200 sparta200 10/09/2007 ore 16.02.37
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

Sparta era una città guerriera, e io combatto per i miei ideali e per ciò in cui credo.. Come per esempio combattere per i diritti dei diversamente abili e cercare di rendere la loro vita più dignitosa possibile.:bye
itcomefromthedarknes itcomefromthedarknes 10/09/2007 ore 17.22.52
segnala

(Nessuno)RE: GIOVANI E VOLONTARIATO

si disquisiva del fatto che a sparta o eri perfetto o ti cacciavano giu da un burrone....ma il passato è passato e ci restan le loro gesta eroiche...finito l ot....
ora pero vorrei mettere il lato oscuro del volontariato....ove i pazienti che portavo finche ero con la divisa tutto ok...poi a causa del mio aspetto per strada si giravan dall altra parte sdegnati e il mattino dopo come se nulla fosse amici piu di prima o di gente che nn voleva farsi portare da me per via dei tatuaggi......anvedi o che rroba...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.