Mondo diversamente abile

Mondo diversamente abile

Un punto di incontro e di dialogo tra ragazzi diversamente abilii e tra chi vive a loro stretto contatto.

linx linx 23/05/2011 ore 21.44.48
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

COMUNQUE SIA LA DISABILITA' MENTALE ESISTE:DIFFICILE SPESSO RICONOSCERLA E CURARLA.
LO STESSO VALE PER LA DISABILITA' FISICA E LA MALATTIA:AD ESEMPIO IL CANCRO, SE INDIVIDUATO IN TEMPO SPESSO ATTUALMENTE LO SI CURA.
bobcom bobcom 23/05/2011 ore 22.36.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

@ KeepOnRocking: non datele retta!! ve lo dico con tutto il cuore! le medicine sono vitali.. bisogna trovare un equilibrio per stare bene: nè tante nè poche.. ci vuole pazienza ma la strada si trova!!
15738225
@ KeepOnRocking: non datele retta!! ve lo dico con tutto il cuore! le medicine sono vitali.. bisogna trovare un equilibrio per...
Risposta
23/05/2011 22.36.47
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
SADLILLY SADLILLY 23/05/2011 ore 23.07.00 Ultimi messaggi
KeepOnRocking KeepOnRocking 24/05/2011 ore 07.04.37
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

Sucomponidore scrive:
Ma se non esiste niente di che cosa stanno parlando questi che scivolo i libri?


Tutto quell'articolo, cosí come tanti tantissimi altri studi, era solo un modo per dire che il confine tra "normalità" ed "anormalità" spesso, è molto labile. Praticamente non esiste. Io almeno cosí interpreto.

E RIPETO, GRANDE E GROSSO, NON HO MAI DETTO DI BUTTARE CONTRO IL MURO LE MEDICINE DALL'OGGI AL DOMANI E CHI HA GIÁ INTRAPRESO DA ANNI ED ANNI UN QUASIASI TIPO DI PERCORSO OVVIAMENTE NON PUÓ E NON DEVE INTERROMPERLO.

Buongiorno folli di ognidove... :-)))
KeepOnRocking KeepOnRocking 24/05/2011 ore 09.08.47
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

Sucomponidore scrive:
Quando si tratta di disturbi della personalità e un po difficile parlare di dimostrazioni o prove.


Maddai? ^__^

Due parole che contengono un mondo.

DISTURBO DELLA PERSONALITÀ.

E si riparte da capo, cosa ha provocato quel disturbo nella persona?

:amen
SADLILLY SADLILLY 24/05/2011 ore 13.11.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

@ KeepOnRocking: visto che fai la saputa pur continuando a dire stupidaggini: HAI MAI SENTITO PARLARE DI COMPONENTE GENETICA???
linx linx 24/05/2011 ore 13.25.17
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

KeepOnRocking scrive:

E si riparte da capo, cosa ha provocato quel disturbo nella persona?

non lo sa nessuno
luce.line luce.line 24/05/2011 ore 16.07.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

Io credo che ci sì nasca predisposti poi ...accadono degli avvenimenti nel percorso della vita che fanno scatenare il disturbo.....magari ho detto una cavolata ma è solo un mio pensiero!!!
Per quanto riguarda farmaci e terapia psichiatrica nn sò....posso solo dirvi quello che mi fà stare più in "equilibrio" o meno nn sono un medico!!
Finalmente ho accettato di essere aiutata ed è un grande passo per me visto che ho sempre voloto fare tt da sola...e ragazzi ricominciare tt da capo dopo ogni crisi è pesante....ti senti stanchissima come se avessi corso per km senza mai fermarmi ...vuoi raggiungere un traguardo e quando ci sei vicina scopri che nn c'è più e tu hai corso per nulla perchè hai sbagliato direzione....ti fermi ti guardi intorno e c'è il vuoto, deserto....allora nn sai più dove andare...intravedi un altro traguardo ma per raggiungerlo dovrai percorrere ancora tantissimi km e tu sei stanco....stanco di ricominciare!
15740320
Io credo che ci sì nasca predisposti poi ...accadono degli avvenimenti nel percorso della vita che fanno scatenare il...
Risposta
24/05/2011 16.07.45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    3
SADLILLY SADLILLY 24/05/2011 ore 16.49.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

I medici sostengono che c'e' un'ereditarieta' genetica che scatena la malattia nel singolo in situazioni che possono essere piu' diverse: dal periodo dello sviluppo, addirittura ad una gravidanza per la donna, un lutto etc etc.
linx linx 24/05/2011 ore 17.56.17
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

linx scrive:
KeepOnRocking scrive:

E si riparte da capo, cosa ha provocato quel disturbo nella persona?


non lo sa nessuno


Helicobacter pylori responsabile dello sviluppo del morbo di Parkinson?

Si chiama Helicobacter pylori ed è un particolare batterio che porterebbe allo sviluppo dei primi sintomi del morbo di Parkinson. Questo è quanto emerso in una ricerca presentata alla 111° assemblea della Società Americana di Microbiologia. La sperimentazione eseguita dai ricercatori ha suggerito che l’infezione derivata dall’Helicobacter pylori (batterio che si annida nello stomaco) potrebbe essere corresponsabile dell’insorgere del morbo.

La professoressa Traci Testerman, della Louisiana State University Health Sciences Center di Shreveport, ha condotto la ricerca su alcuni topi con età corrispondente ai 50-60 anni dell’uomo. Sei mesi dopo averli infettati con l’ Helicobacter pylori sono emersi i primi sintomi equivalenti a quelli del Parkinson: difficoltà di movimento e la riduzione di dopamina nel cervello.

La molecola risultante da questa modifica è molto simile a quella trovata nei semi di una pianta che provoca il Parkinson nell’uomo nell’isola di Guam dove gli abitanti sono soliti consumare questo seme neurotossico. Una volta che la malattia si è sviluppata però sarebbe inutile rimuovere il batterio in quanto i neuroni danneggiati non posso essere recuperati. Questo batterio, molto diffuso nel mondo, è la principale causa di gastrite cronica ed è inoltre responsabile del linfoma gastrico MALT. Intanto i medici continuano ad usare le cure per ostacolare le sintomatologie del Parkinson come la neuromodulazione, un intervento chirurgico, in grado di facilitare il movimento dei pazienti e modularne le funzioni alterate. Altri rimedi vengono dagli studi clinici effettuati con le cellule staminali per curare la Paralisi Sopranucleare Progressiva una patologia che rientra tra i cosiddetti parkinsonismi. Il batterio Helicobacter pylori nella maggior parte dei casi risulta essere un infezione asintomatica. La diagnosi può essere effettuata con test non invasivi come il C13 Urea Breath test, un esame che viene effettuato facendo soffiare il paziente in una provetta dopo aver bevuto una soluzione contenente una piccola quantità di urea marcata con carbonio13, e l’esame delle feci. In caso positivo sarà successivamente necessario effettuare un esame esofagogastroduodenoscopia per valutare l’entità dei danni causati dall’infezione.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.