Mondo diversamente abile

Mondo diversamente abile

Un punto di incontro e di dialogo tra ragazzi diversamente abilii e tra chi vive a loro stretto contatto.

luce.line luce.line 20/05/2011 ore 16.15.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

ho acceso ora il pc e leggento gli ultimi post nn riesco nemmeno a rispondere....mi tremano le mani....NO COMMENT!!!! quando mi sarò calmata forse risponderò!!!!!... :-x mi sto sforzando per nn essere offensiva!!!!
linx linx 20/05/2011 ore 16.41.57
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

La malattia mentale è in senso assoluto la peggiore.Non si vede ma c'è.
Spesso i malati mentali ben la nascondono agli estranei e si rivelano solo ai familiari, che purtroppo son le loro vittime,dato che non possono andarsene come fanno gli estranei.
L'amore dei parenti sovrasta tutto:sono i primi a cercare di nascondere la malattia.E sono i primi a subire la malattia del congiunto.
Comunque sia la malattia mentale colpisce la parte principale dell'essere umano:la sua mente.Senza normali funzioni mentali si è alla mercè del mondo mai benevolo,ma sempre ostile ai disabili,alla fine senzapietà.
Tu sei il disabile e gli altri non lo sono:e prima o poi te lo fanno pesare.
linx linx 20/05/2011 ore 16.47.52
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

Come quelli che vedono ai giardinetti il bel cane.
Tutti a dire "che bel cane" ma non sanno che costa mantenerlo bello e sano il cane.
enigma1972 enigma1972 20/05/2011 ore 19.19.37
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

@ KeepOnRocking Cos'è stà storia che i bambini devono stare lontani dai bipolari? Dillo ad alta voce così ti rendi conto di quello che dici, parli come un profeta in crisi maniacale, ho forse ti si è scatenata una crisi d'onnipotenza(e vieni proprio quì).
Noi ogni giorno lottiamo per raggiungere un equilibrio, arrivi tu e.... ti dico sono le persone come te che non devono stare vicino ai bipolari!
Come dici tu.... a buon intenditore poche parole



SADLILLY SADLILLY 20/05/2011 ore 19.27.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

@ enigma1972: se penso che io che nn sono bp mi sono sentita ferita per tutti i cari amici bp qui presenti... allora nn sono come dice il mio ex... io purtroppo (anche se ho fatto si che mia figlia lo conoscesse e sono diventati amici) ho pensato di allontanarla da lui ma solo perche' lui ha avuto un terribile scatto d'ira contro di me un giorno di fronte a lei.... un autobus ci era venuto addosso mentre eravamo parcheggiati, rovinando il mio sportello mentre io quasi ci perdevo una mano.. e lei e' ovviamente entrata in panico per lo spavento.. E' STATA L'UNICA VOLTA CHE GLI HO SENTITO CHIEDERE SCUSA. e lo ha fatto direttamente con lei....pero' lei nn e' sua figlia se lo fosse stata non avrei avuto scelta..
15728712
@ enigma1972: se penso che io che nn sono bp mi sono sentita ferita per tutti i cari amici bp qui presenti... allora nn sono come...
Risposta
20/05/2011 19.27.43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
KeepOnRocking KeepOnRocking 20/05/2011 ore 19.35.44
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

enigma1972 scrive:
@ KeepOnRocking Cos'è stà storia che i bambini devono stare lontani dai bipolari?


Certo che riesco ad attirarmi le ire di tutti anche qui. Sono proprio un bel fenomeno.

Chiusa parentesi.

I bambini non hanno la capacità di distinguere la malattia o il disagio (a seconda di come volete definire questo disturbo bipolare) da quello che invece è il carattere del genitore o comunque della persona adulta che fa parte della vita del bambino. Io, ripeto, lo dico per esperienza vissuta, ritengo che sia pericoloso. Perchè il bambino vede ed assorbe passivamente certi attenggiamenti e/o reazioni del genitore e si colpevolizza per la maggior parte dei casi. È un discorso un po' lungo da fare.

Per tutti gli altri, scusate se ho il vizio di esprimermi in modo schietto e diretto, scusate se vi tratto in realtá come persone normali, giacchè l'anormalità non esiste.

Ecco, scusatemi molto!

ps: in apparenza parrebbe tutto un controsenso. Ma dipende dalla gravitá ovviamente del disagio. Ripeto se ancora non fosse chiaro. Un genitore affetto da disturbo bipolare è pericoloso per la crescita di un bambino.

pps: il mio commento iniziale era diretto a Bergman. Per cortesia ho risposto anche a Sad Lilly. Non lo avessi mai fatto!
KeepOnRocking KeepOnRocking 20/05/2011 ore 20.10.31
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

Sucomponidore scrive:
@ KeepOnRocking: Scusa ma non ti capisco. Quindi i bambini non si devono avvicinare ai bP. Non si commenta nemmeno ciò che scrivi. Senza offesa. Almeno dovresti spiegare perché. Dici che considerarsi malati e il primo passo verso l isolamento...poi etichetti lilly come una persona COn LA SINDROME DI CROCEROSSINA. e questo e un forum per aiutare i BP.


Ripartiamo da capo. Per puro caso ho avuto l'occasione di leggere non solo qui dei commenti di Bergman. E il suo attinente a questo thread lo condivito da cima a fondo.

Quando un medico, un parente o chicchesia inizia a diagnosticarti una disturbo si arriva inesorabilmente ad un bivio: o si accetta il giudizio del medico e pertanto si inizia a ritenersi malati oppure non lo si accetta, e in quest'ultimo caso solitamente si tende a cercare soluzioni o vie diverse da quelle che possono essere psicoterapie, psicanalisi o cure con psicofarmaci.

Per come la vedo io l'accettare la malattia e quindi accettare di sottoporsi a cure e trattamenti è una sconfitta.

Ma questo è solo il mio misero punto di vista. E non voglio offendere né tantomeno provocare nessuno. Perchè vi sono molto più vicina di quanto possiate nemmeno lontanamente immaginare. Ho solo il vizio di essere troppo schietta.

Quando Bergman consiglia tra le righe un percorso spirituale, vi da in realtà un suggerimento straordinario. Ma il seguirlo o meno sta al singolo individuo.. in base alle proprie propensioni, inclinazioni e via discorrendo. Semplice.

Infine, poichè ho visto con i miei occhi come le sofferenze delle persone vengono gestite e come si fa uso delle persone per testare i vari medicinali (grosso immenso business) vi invito a riflettere anche su questo. Perchè è un problema enorme. E ultimamente la tendenza è sempre quella di saltare a pié pari la fase della psicoterapia per arrivare alla cura con psicofarmaci, in modo troppo sbrigativo. E la maggior parte dei farmaci in commercio creano dipendenza e/o hanno effetti collaterali devastanti che rischiano spesso di peggiorare la situazione anziché migliorarla. Un circolo vizioso infernale.

La cura migliore è sempre quella "umana".

Fine del predicozzo.

Buona serata.
luce.line luce.line 20/05/2011 ore 20.38.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

Carissima nn credo che tu possa attirare le ire di tt qui dentro per il tuo modo schietto e diretto di parlare.....figurati noi lo facciamo da sempre fin troppo, che dà fastidio è il contenuto delle tue parole.....probabilmente è la rabbia che provi nei confronti di tua madre che parla per te.....nn aggiungo altro!!!!
15728981
Carissima nn credo che tu possa attirare le ire di tt qui dentro per il tuo modo schietto e diretto di parlare.....figurati noi...
Risposta
20/05/2011 20.38.02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
linx linx 20/05/2011 ore 21.00.29
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

KeepOnRocking scrive:
si inizia a ritenersi malati oppure non lo si accetta, e in quest'ultimo caso solitamente si tende a cercare soluzioni o vie diverse da quelle che possono essere psicoterapie, psicanalisi o cure con psicofarmaci.

Per come la vedo io l'accettare la malattia e quindi accettare di sottoporsi a cure e trattamenti è una sconfitta.

il malato di mente vero rifiuta le cure
tipo:gli dai la pastiglia e poi di nascosto la sputa,perchè lo vuoi avvelenare.....
linx linx 20/05/2011 ore 21.04.08
segnala

(Nessuno)RE: Noi Bipolari

KeepOnRocking scrive:

Quando Bergman consiglia tra le righe un percorso spirituale, vi da in realtà un suggerimento straordinario.

questa di Bergman mettiamola nel cestino senza commentare.
te lo imagini un malato di mente che fa il percorso spirituale?
Si vede che Bergman non ha mai avuto a che fare dal vero con un malato di mente.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.