Mondo diversamente abile

Mondo diversamente abile

Un punto di incontro e di dialogo tra ragazzi diversamente abilii e tra chi vive a loro stretto contatto.

london.cat london.cat 29/06/2012 ore 01.01.03
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

mbe wender, suppongo tu fossi un figaccione prima e lo sei anche adesso. il modo di trattare una donna sarà rimasto probabilmento lo stesso. ma penso che le persone che convivono con una disabilità specialmente se visibile o tendondono ad cadare di fronte alle reazioni sbagliate della società, o ad assumere l'attegiamento l'attaco è la miglior difesa
huckleberry huckleberry 29/06/2012 ore 21.47.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ Wender1978

Caro Wender 1978, forse hai letto velocemente e distrattamente tutti i miei contributi a questo forum. Ti invito a farlo di nuovo, ma con più attenzione. Se non è sufficiente, puoi anche leggere i messaggi nel forum FARE SESSO CON UN DISABILE, TABU' O RAZZISMO???. In questo modo avrai un idea di come sono fatto. Se io scrivo quelle cose non posso certo essere un bambino perché non credo che un bambino di, che so?, 10 anni possa fare quei discorsi. Allora non dire che è colpa mia se la gente mi tratta come un bambino da accudire e da proteggere. Se poi il posto in cui vivi è pieno di gente che considera un portatore d’handicap come tutti gli altri, dimmelo e mi trasferisco lì immediatamente. Per il resto, ti assicuro che io ho molti interessi (cinema, letteratura, storia, sport, viaggi, pittura, musica, ecc.). Ma vediamo un po’, parlami di te: davvero tu vuoi farmi credere che dopo l’incidente il modo con cui la gente si rapporta a te non è cambiato? Conosco una ragazza che ad un certo punto della sua vita ha deciso di mettere dei piercing e mi ha detto che ha sperimentato un vistoso cambiamento di come la gente si rapporta a lei; figuriamoci per uno che zoppica vistosamente… Una volta un’altra ragazza ebbe un infortunio e dovette usare una stampella per un po’ di tempo: mi confessò che la gente la guardava come un’appestata. Non so, possibile che dovunque io vada ci siano persone che non vogliono avere a che fare con chi ha una diversità? Dimmi un po’ quando hai avuto l’incidente? E da allora quante ragazze che prima dell’incidente non conoscevi hanno fatto sesso con te? Sii sincero perché, in tutto onestà dubito che la tua vita sia rimasta la stessa. Il tono di voce con cui la gente ti parla dovrebbe essere diventato abbastanza compassionevole. A presto
wender1978 wender1978 30/06/2012 ore 18.30.28
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

Huckle,ti chiedo scusa se ti sei sentito offeso,ma preciso che non ho detto che tu sei o sembri un bambino.Ok,ti racconto...5 anni fa con un tuffo in piscina mi è esplosa la 5° vertebra cervicale con il risultato di essere diventato tetraplegico,che suppongo tu sappia cosa significa...altrimenti ti posso tranquillamente parlare dei particolari.
Ero sposato da 3 anni...ho fatto 18 mesi consecutivi di ospedale prima di rientrare a casa.Io e mia moglie ci siamo separati 6 mesi dopo il rientro.Il mio primo rapporto,non sessuale,ma con scambi di affetto e baci l'ho avuto quando ancora ero in ospedale,con una paziente (da lì ha avuto inizio il crollo del matrimonio).Dopodichè da metà 2009 ad oggi ho avuto rapporti sessuali completi con 3 ragazze.una di queste conosciuta anni prima,le altre 2 conosciute post incidente. Le ragazze con cui ho scambiato baci o diciamo 'palpate' sono state altre 3 conosciute sempre dopo. Mi è capitato di rifiutare anche delle attenzioni e mi è capitato di prendere dei pali galattici :incazzato . Come vedi non sono il chiavatore di Madrid :sbong . Credo più o meno di essere nella norma. La gente...mah,quelli che conoscevo mi trattano nello stesso modo...forse mi chiedono una volta in più se ho bisogno. Ad essere sincero di voci compassionevoli non ne ricordo. Sulle donne...nei rapporti avuti non ho dovuto 'convincere' nessuna di loro,perchè tutto è nato da una chiacchierata,poi una battuta e via dicendo...diciamo un pò come succede a tutti. Certo,io cerco sempre di mettermi nelle condizioni per me migliori.Ad esempio,quando esco cerco sempre luoghi in cui posso muovermi liberamente da solo e agilmente.E poi c'è una cosa che alle donne piace tantissimo...l'autoironia.E' grandiosa,perchè usi il tuo problema per farle ridere e contemporaneamente le fai sentire più a loro agio nei tuoi confronti.Però tutto parte da me...ora ti chiedo una cosa. Visto che, secondo te, ciò che vedono gli altri guardandoti non è colpa tua, mi spieghi come pensi di cambiare le cose e invertire questo trand negativo? Vorresti cambiare tutto il mondo? non credi sia più facile guardare dentro di te e prenderti le tue colpe? Mi spiace se in qualche modo ti offendo o ti ferisco,ma è così che le cose le cambi...aprendo gli occhi e sbattendoci la faccia. perchè se continui a pensare che sia colpa degli altri o dai colpa alla società o a chiunque tu voglia,le cose resteranno così...e sai meglio di me che la vita non è così lunga come sembra.
huckleberry huckleberry 01/07/2012 ore 14.22.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ Wender1978

Ma quali colpe devo prendermi? Io non voglio certo cambiare il mondo (allora, forse, dicendo questo ammetti che non è colpa mia). Poi, hai letto i miei post (e mi riferisco ad entrambi i forum)? Proseguo con un aneddoto: vado ad una festa e incontro un ragazzo a cui manca una gamba (lo conosco da tempo). Presto si finisce per discutere dei problemi che incontra chi ha un problema, ma mi dice che per lui va tutto bene e che probabilmente sono io che vivo male la situazione. Mi distraggo un attimo per salutare un po’ di gente e lui si dilegua. Nel frattempo vado in bagno e lo trovo lì che da pugni al muro, tanto da lasciarvi il sangue. Gli guardo le dita e scopro che al posto delle unghie e di tutta l’ultima parte di alcune dita (ossa comprese), ci sono dei ciccioli di carne. Gli chiedo spiegazioni e mi dice “La rabbia”. L’attività di prendere a pugni qualcosa va avanti da molto tempo perché non ci si può ridurre le dita in quel modo in una sera. Morale della favola: poco prima aveva bluffato. Negare il problema non lo risolve. Mi chiedo: premesso che non ho ragione di dubitare dei tuoi rapporti sessuali, stai negando anche tu il problema? Per concludere, dimmi, quali colpe devo prendermi? Ci tengo a sapere questa cosa. Vorrei tanto che dipendesse da me, almeno potrei fare qualcosa. A presto
wender1978 wender1978 01/07/2012 ore 16.00.37
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry: Allora...mi sto spiegando forse male. io non ho ammesso nulla...
Sto cercando,sarà durissima,di farti cambiare il punto di vista delle cose. Tu hai delle difficoltà nei rapporti con la società,giusto? ok,la domanda è questa. Sarebbe più facile cercare di cambiare il modo di vedere (a detta tua sbagliato) di 6 miliardi di persone o provare a lavorare su te stesso?
E' in questo senso che intendo dire che la colpa è tua...tu non potrai mai cambiare gli occhi della gente,ma puoi lavorare su ciò che possono vedere. Credi che io non abbia pianto da solo nella mia stanza?o che non abbia gridato o preso a pugni (per quel che posso) un tavolo per il nervoso?la prima volta che mi sono visto nudo allo specchio,sono stato male per i 3 giorni successivi...ma poi il tempo passa,va avanti e devi decidere cosa fare. Andrea,cosa vuoi fare?lo sfigato che si piange addosso di continuo?certo,potrei farlo se cercassi la pietà della gente...ma non è così. Mi guardo e dico...va bene,questa è la mia nuova forma,ammetto che rispetto alla prima mi fa cagare...ma mi convinco che il meglio è dentro di me. A proposita,una cosa che io non faccio assolutamente è parlare di me e delle mie condizioni a meno che non me lo chiedano espressamente...
Una domanda...da quanto tempo hai questo problema?
huckleberry huckleberry 02/07/2012 ore 15.14.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)@ Wender1978

Ciao, comincio rispondendo alla tua domanda conclusiva: ho questo problema da quando avevo pochi mesi. Ma veniamo a noi: finalmente siamo sulla buona strada, nel senso che hai cominciato ad ammettere le difficoltà dell’handicap. Per il resto, ti assicuro che non è dura farmi capire che bisogna lavorare su sé stessi: lo sto facendo da anni. Per quanto attiene agli altri, ogni tanto mi capita di uscire con delle persone e noto una superficialità palpabile, anche se non sono cattivi. Gli ultimi arrivati, con cui ho seguito l’europeo, non li ho mai sentiti parlare di qualcosa di serio: questi ragazzi sembrano non avere spazio per la loro interiorità, anche se sono problematici; classico caso, quello di una ragazza del gruppo che si fa problemi perché deve perdere peso (fisicamente, però, è davvero bella!). Perdipiù, il suo fidanzato, anziché rassicurarla, accentua il problema; questi casi sono diffusi, ma poi, se si tratta di uscire con me, che nelle relazioni do sempre il meglio, le donne scappano via – e ti assicuro che con me 8 ragazze su 10 si potrebbero sentire principesse. Ora, la cosa che mi preoccupa di più è che questo è un andazzo generale che pervade un po’ tutta la società. E' difficilissimo trovare persone in gamba e, soprattutto, mi sembra che le persone non abbiano voglia di approfondire i rapporti, di conoscersi davvero; poi ci lamentiamo di separazioni e divorzi. Con gli amici le cose vanno meglio, ma il problema di fondo rimane: la gente non vuole avere a che fare con me perché offro loro il penoso spettacolo delle gambe che camminano male. Non mi resta che continuare a cercare. A presto

huckleberry huckleberry 03/07/2012 ore 07.25.47 Ultimi messaggi
ballalinda81 ballalinda81 25/08/2012 ore 02.23.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

ciao huckleberry sono molto d' accordo per il sesso e la disabilita, anche io ho problemi con i ragazzi, perche sono disabile, perche ho un problema occhio, e mi schifino, perche vorrebbero la ragazza perfetta senza difetti........nn buttutarti giu mi raccomando.... alla prossima
an.imagemella an.imagemella 28/08/2012 ore 05.37.07
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

london.cat scrive:
Intendo dire che anche l'altra ersona a volte non la fa facile...teme il pregiudizio, teme cosa diranno gli altri.
parlo della mia esclusiva esperienza

è VERO la fa' molto difficile e devi essere tu, non disabile a cercare di tutto per fare stare tranquillo la persona! anch io ho avuto un esperienza con una ragazza del genere disabile, con una gamba completamente distrutta dal ginocchio al piede, una cosa che farebbe impressione a molti ma che a me dava tanta ricchezza reciproca nell aiutarsi a vicenda.
è dalle avversita' che si cresce anche noi cosi' detti normali, aiutando queste persone soprattutto psicologicamente, invece di demoralizzarle...
sentirsi dire da certi amici di 25 anni: che stai ancora con "zampa di cotechino"?
credo che l avrei dovuto ammazzare ma non l ho fatto e gli ho risposto con un sorriso dritto dritto verso la sua faccia di merda, a fargli capire che non mi fa' caldo ne freddo delle parole dette da imbecilli come lui! perche' è quella la reazione che ognuno di noi dovrebbe fare alla provocazione dell altro, un sorriso e nient altro perche' le parole per lui, come ha dimostrato, non possono pesare per lui quanto possono pesare invece per chi c' è dentro nella situazione e a rispondere alle provocazioni di un provocatore, fai proprio il suo gioco, quello che si aspettava...
Comunque vivetevi la vita serena disabili, non c'è motivo di sentirsi meno che di noi... siamo tutti uguali e basta
un augurio di buona felicita' per tutti i disabili!
an.imagemella an.imagemella 28/08/2012 ore 05.45.55
segnala

(Nessuno)RE: sesso e disabilita

@ huckleberry:
vorrei dirti solo questo: anche per i cosi' detti normali è molto difficile oggi come oggi trovare una persona che ti stia accanto e che ti voglia bene per quello che sei!
la vita è difficile per tutti, siamo tutti "disabili" in amore... ti immagini per una donna che generalmente è il sesso piu' debole, se va' incontro ai problemi che gia' sono in evidenza!ma ti pare!
infatti mi sono stupido di aver letto di una donna che è andata incontro ad un uomo disabile,ma boh! sara' vero???
se è vero, "tanto di cappello" a questa donna che dimostra di avere sensibilita', coraggio e tutte le piu' grandi virtu' che un uomo o una donna puo' avere!

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.