Over 40

Over 40

Popolo degli "anta" fate sentire la vostra voce!

filia filia 02/11/2008 ore 09.43.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...

molto interessante la tua riflessione sulle parole. io le uso per mestiere e a volte ne sento tutti i limiti: le parole mi ingabbiano, quando scrivo siono l'unico strumento a disposizione e bisogna far con quel che si ha..... Dici che non scrivi poesie, e non ti interessano: male. Perché in nessun posto come nelle poesie le parole danno il loro massimo. Oltre c'è molto: ma non lo puoi scrivere. Sono d'accordo: le parole sono armi possenti. Possono ferire più di una lama. Una volta una psicologa stupida mi disse: le parole non sono spade. Pensa, che ci ho creduto e, per anni, ho cercato di farmi andare bene questa sentenza: così mi sono lasciata ferire. Le parole sono spade, eccome. Un saluto...   
DonnaGenziana DonnaGenziana 02/11/2008 ore 09.46.04 Ultimi messaggi
solonellanotte1 solonellanotte1 02/11/2008 ore 09.48.48
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...

buona domenica donna genziana
Pestiferaa Pestiferaa 02/11/2008 ore 09.48.59
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...

o carezze x l'anima... :mmm chissà! :-)
Fiore Fiore 02/11/2008 ore 09.54.31
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...

A filia che il 02/11/2008 9.43.42 ha scritto:
molto interessante la tua riflessione sulle parole. io le uso per mestiere e a volte ne sento tutti i limiti: le parole mi ingabbiano, quando scrivo siono l'unico strumento a disposizione e bisogna far con quel che si ha..... Dici che non scrivi poesie, e non ti interessano: male. Perché in nessun posto come nelle poesie le parole danno il loro massimo. Oltre c'è molto: ma non lo puoi scrivere. Sono d'accordo: le parole sono armi possenti. Possono ferire più di una lama. Una volta una psicologa stupida mi disse: le parole non sono spade. Pensa, che ci ho creduto e, per anni, ho cercato di farmi andare bene questa sentenza: così mi sono lasciata ferire. Le parole sono spade, eccome. Un saluto...

Rispondo:

ogni parola detta e non detta ha il suo peso :mmm specie se detta o non detta :-) da qualcuno che si stima e a cui si vuole bene :-)))
filia filia 02/11/2008 ore 09.58.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...

vero. Ma credo che i silenzi non siano parole. Un conto è esprimersi, e lo si fa con lo sguardo, il silenzio, le mani, gli occhi. Un conto lo strumento parole. E' un'altra cosa. Ripeto: uno strumento, come il martello per il falegname. Uno strumento "costruito". Lo usiamo per esprimerci. Questo per me sono le parole
DonnaGenziana DonnaGenziana 02/11/2008 ore 10.16.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...


ho imparato con gli anni e con l'esperienza --- che a volte le parole sono marginali --- esprimesrsi con il silenzio a volte è decisamente più efficace ---

:rosa
archinto archinto 02/11/2008 ore 12.56.49
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...


Ringrazio cumulativamente tutti coloro che hanno perso qualche minuto a leggere questo post.

Non prendetelo troppo sul serio, sono proprio soltanto elucubrazioni emerse nel dormiveglia stamattina!

E dire che la cena è stata pure leggera!:-)

Buona domenica a tutti ed alla prossima occasione!


zagsal zagsal 02/11/2008 ore 13.05.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...

uuaannnnmmmmmmmmm archi , si nu ............no (parola buona , che signfica - .....) e ch sarà , o dormveglia eccc . ecc . e va buo' Buona domenica con pranzo ;-)
Amenophis.III Amenophis.III 02/11/2008 ore 13.23.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: ... parole ...

A filia che il 02/11/2008 9.43.42 ha scritto:
molto interessante la tua riflessione sulle parole. io le uso per mestiere e a volte ne sento tutti i limiti: le parole mi ingabbiano, quando scrivo siono l'unico strumento a disposizione e bisogna far con quel che si ha..... Dici che non scrivi poesie, e non ti interessano: male. Perché in nessun posto come nelle poesie le parole danno il loro massimo. Oltre c'è molto: ma non lo puoi scrivere. Sono d'accordo: le parole sono armi possenti. Possono ferire più di una lama. Una volta una psicologa stupida mi disse: le parole non sono spade. Pensa, che ci ho creduto e, per anni, ho cercato di farmi andare bene questa sentenza: così mi sono lasciata ferire. Le parole sono spade, eccome. Un saluto...

Rispondo:
In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. Tutte le cose furono fatte per mezzo di lui E senza di lui nulla fu fatto di ciò che fu fatto. In lui era la vita, e la vita era la luce degli uomini. E la luce risplende fra le tenebre, ma le tenebre non l’hanno ricevuta. Nel vangelo di Giovanni la parola diviene non più e soltanto espressione del pensiero, ma assume una propria forza evocativa e generatrice, autonoma, equiparabile a quella del simbolo; cristallizzata in un’energia immutabile che si perpetua attraverso il tempo, ed autonomamente rispetto ad esso. Questo era, presso gli antichi, il valore attribuito alla parola. Oggi, io credo, il mondo in cui viviamo ne fa un uso superficiale ed improprio. Ma le parole conservano il loro potere di ferire e gratificare, di distruggere e di creare. Altro che spade... :-)

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.