Over 40

Over 40

Popolo degli "anta" fate sentire la vostra voce!

rebyf rebyf 27/02/2009 ore 21.54.00
segnala

(Nessuno)28

mila euro per fare un trattamento di staminali a bankoc
l'italia non ricosce il trattamento
azzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
scusatemi ma mi e' presa la rabbia :hell
indovino11 indovino11 27/02/2009 ore 22.15.19 Ultimi messaggi
rebyf rebyf 27/02/2009 ore 22.20.46
segnala

(Nessuno)RE: 28

le staminali curano quasi tutte le malattie degenerative direi sia tanto no ? :-)
indovino11 indovino11 27/02/2009 ore 22.29.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: 28

Anno 2008 Numero 161 del 14-03-2008

Italia. Prof. Bernardini su 'New Scientist': il Papa danneggia scienza e societa' italiana

Carlo Bernadini, professore emerito di fisica, e' stato uno dei 67 professori della Sapienza di Roma che sono finiti sulle prime pagine dei giornali per aver protestato contro l'invito del rettore dell'universita' a Benedetto XVI a parlare all'apertura dell'anno accademico.
In un'intervista rilasciata alla rivista scientifica New Scientist, a quasi due mesi di distanza, Bernardini torna a parlare e spiega perche' e' 'tempo per la scienza di combattere' contro i danni che stanno perpetrando le gerarchie cattoliche alla societa' e alla scienza in Italia.
'In questa universita' insegniamo ai nostri studenti che devono imparare a ragionare attraverso processi induttivi, a dubitare di cio' che hanno imparato attraverso le loro personali interpretazioni e a rigettare i pregiudizi, che sono invece diffusi nella tradizione cattolica. Non credo sia possibile riconciliare il pensiero dogmatico e la fenomenologia su cui si basa la ricerca scientifica. Durante la cerimonia di apertura, il nostro pro-rettore ha letto il discorso del pontefice, che in poche parole diceva che la scienza non raggiunge alcuna verita' senza la fede'.
Le gerarchie cattoliche stanno danneggiando, continua Bernardini, 'la scienza e la societa' italiana. i conflitti sulle cellule staminali, la fecondazione assistita, l'aids, l'aborto, la contraccezione e le cure terminali stanno paralizzando l'Italia. Si tratta di temi delicati, che definiranno il futuro della nostra societa', e di cui non si puo' discutere in termini di slogan emotivi o giocando con l'ignoranza dell'elettorato, come ha fatto la Chiesa con la legge 40'. Quello che preoccupa Bernardini, e' la 'reazione avuta dai media italiana, i commentatori e i politici di sinistra che ci hanno definito come intolleranti perche' volevamo chiudere la bocca al Papa. Ma Benedetto XVI parla continuamente'.
rebyf rebyf 27/02/2009 ore 22.32.47
segnala

(Nessuno)RE: 28

gia' indovino desolante non trovi ?
indovino11 indovino11 27/02/2009 ore 22.37.31 Ultimi messaggi
indovino11 indovino11 27/02/2009 ore 22.41.03 Ultimi messaggi
rebyf rebyf 27/02/2009 ore 22.41.21
segnala

(Nessuno)RE: 28

grazie indovino ...... quando ci faremo a pezzi tutti forse capiranno quanto male stanno facendo ma quanti cadaveri ci saranno ai lati della strada ...... ..
indovino11 indovino11 27/02/2009 ore 22.53.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: 28

PERO' BISOGNA ESSERE CAUTI PER QUESTO TRATTAMENTO O MEGLIO ANDARE IN STRUTTURE IDONEE
PERCHE' SAI COME FA A FINIRE GENTE SENZA SCRUPOLI AL MONDO CE NE TANTI
Era stato trattato per una rara malattia genetica
a Mosca quando aveva 9 anni

(Foto Ap)
LONDRA - Un ragazzo israeliano, curato con le cellule staminali per una rara malattia genetica ha sviluppato due tumori benigni. Il giovane, riporta la rivista Plos Medicine, nel 2001 ha ricevuto in un ospedale di Mosca un trapianto di staminali (all'epoca aveva appena 9 anni) per curare l'atassia, patologia che attacca le aree del cervello che sovrintendono ai movimenti e alla parola. Quattro anni più tardi i medici hanno scoperto che il giovane era stato colpito da due tumori al cervello e al midollo spinale. Tumori che, una volta rimossi e analizzati, hanno dimostrato con sufficiente certezza di essere derivati direttamente dalle cellule staminali impiantate anni prima. I ricercatori ora temono che oltre al rischio tumore, la terapia con le staminali possa portare ai pazienti infezioni virali e altri agenti patogeni.

TRE INIEZIONI - Il calvario del giovane israeliano è stato drammatico: dopo aver ricevuto tre cicli di iniezioni di cellule staminali nel cervello e nel fluido che circonda la colonna vertebrale, ha cominciato a lamentare atroci mal di testa. Quattro anni dopo la prima iniezione il suo medico al Sheba Medical Centre di Tel Aviv ha trovato due tumori - uno nella colonna vertebrale e una nel cervello - nello stesso posto dove erano state effettuate le iniezioni. I donatori delle staminali, secondo gli scienziati, potrebbero in qualche modo aver «passato» al ragazzo il tumore. Sui rischi delle staminali ha messo in guardia anche lo scienziato Stephen Minger, del King's College di Londra, secondo cui «bisogna essere prudenti, abbiamo bisogno di avere un monitoraggio a lungo termine e un follow-up dei pazienti con una rigorosa regolamentazione dei centri di terapia cellulare. Stando attenti soprattutto alla qualità delle cellule staminali utilizzate».
opa.bu opa.bu 27/02/2009 ore 22.59.20 Ultimi messaggi
segnala

SerenoRE: 28

:-) Nessuna novità amici !!!! La chiesa ha sempre combattuto la scienza , basta ricordare Galileo ,Giordano Bruno e molti altri ancora , se noi abbiamo una civiltà occidentale non ce l'abbiamo certo frazie alla chiesa , ma nonostante la chiesa !!!!
Non ce l'ho con i pricipi espressi dal Nazzareno , che tento di seguire e rispetto , ma con coloro che arrogandosi il diritto di interpretare questi principi ne fanno un bieco centro di potere !!!!! :ok
rebyf rebyf 27/02/2009 ore 23.00.46
segnala

(Nessuno)RE: 28

si lo so ma io ci credo molto e ogni cura ha i suoi retroscena purtroppo cmq andiamo avanti e vediamo che succedera' .....magari ce la facciamo noi e anche chi ci studia sopra ....
vedremo :-)
ciao indovino grazie notte a te e a tutto il forum

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.