Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

cristian1977 cristian1977 29/08/2008 ore 09.38.03
segnala

Importanteper littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»


da il secolo XIX

Le multe date dagli ispettori dell’Amt appostati su un terrazzino ai veicoli che passavano sulle corsie gialle di corso Quadrio sono valide. E come tali dovranno essere pagate. Sarà pur vero, dicono in coro Amt (che ha già preso le distanze dall’iniziativa dei suoi due dipendenti), Comune e Polizia municipale, che quel comportamento è stato discutibile e inopportuno; «ma quelle multe sono pienamente legittime - precisa il comandante dei vigili Roberto Mangiardi - in primo luogo perché l’obbligo di informative è sancito solo per i casi di accertamento della velocità e inoltre gli ispettori Amt, come gli ausiliari del traffico, non hanno in alcun caso il potere di intimare l’alt ai veicoli che sanzionano: quindi, se il veicolo è in transito, non è assolutamente necessario che stiano a piano strada». Ma è stato lo stesso comandante a ribadire che «la trasparenza deve essere sempre totale».

Il Comune, con lo stesso sindaco Marta Vincenzi e l’assessore Francesco Scidone, confermano l’inopportunità del caso e promettono «che un caso del genere con i vigilanti appostati in segreto non avverrà più», ma non transigono su un fatto: «L’errore sta nel fatto di aver percorso la corsia gialla». Dice il sindaco: «Se io rubo sono un ladro comunque, non solo se mi beccano». E Scidone: «Il nemico della città di Genova non è il vigile che dà la multa, ma chi trasgredisce le regole». L’Amt sta alla finestra e una prima dichiarazione del vicedirettore Daniele Diaz sulla possibilità di annullamento delle multe, è stata velocemente smentita dai fatti e dalle precisazioni di Mangiardi. La decisione finale è che «le sanzioni sono valide».

Allo stesso modo, tutte le istituzioni stigmatizzano l’aggressione ai danni di due controllori dell’Amt subita da parte di alcuni genovesi a Rivarolo. «Un fatto assurdo», dice Vincenzi; «Non trovo le parole per commentarlo», aggiunge Diaz. Ed è in questo contesto che Scidone rafforza la sua tesi sul «vero nemico di una città che sta puntando sulla mobilità per favorire gli spostamenti e persino per velocizzare il traffico provato».

Questo il bilancio dell’incontro di ieri a Palazzo Tursi, dopo la polemica nata dalla “pubblicazione” su youtube e sul Secolo XIX del video e delle foto dei due “agenti” dell’Amt. Un tipo di controlli che ha scatenato su internet una vibrante protesta: «Quale è l’obiettivo delle sanzioni? Prevenire gli intralci o fare cassa?». È stato proprio Diaz a specificare che «alla lunga il potenziamento del trasporto locale favorisce anche chi, per sue esigenze, deve usare l’auto». «Tutte le esperienze europee - ha aggiunto - dimostrano che il potenziamento del mezzo pubblico riqualifica i quartieri e porta persino più clienti nei negozi».

Ancora. La nuova linea che sta impostando l’Amt, in sintonia con il Comune, è quella di rafforzare i controlli su strada da affiancare, nei tratti più insidiosi, alle telecamere: «Solo i controllori possono esercitare una certa tolleranza, magari nei casi in cui il veicolo invade la corsia protetta per evitare un ostacolo o un incidente o banalmente perché c’è un auto parcheggiata male: chi si serve temporanemente delle striscie gialle per un motivo comprensibile non deve essere multato». «Saranno multati i trasgressori che occupano la corsia a lungo e intenzionalmente».

Multe, trasparenza e buon senso, dunque. Ma sono proprio questi ingredienti - soprattutto gli ultimi due - a essere mancati nella vicenda di corso Quadrio. Palazzo Tursi ne è consapevole, l’Amt pure. Anche perché proprio queste operazione sono alla base dell’intollerabile reazione dell’altro giorno a Rivarolo, con i due ispettori aggrediti. Vincenzi ieri ha più volte ripetuto il suo profondo rammarico, «per ciò che è successo proprio nel mio quartiere, un fatto da stigmatizzare senza remore sapendo che nel giusto erano in ogni caso i due controllori». «Noi chiediamo il rispetto delle regole - conclude Scidone - e non vorremmo che questo clima di protesta arrivi a sfociare in aggressioni; si tratta di persone che lavorano e queste cose non devono succedere. Nessun motivo può giustificare un fatto del genere».

Amt vigilerà. «Certe cose, nate per altro su iniziativa autonoma dei dipendenti, non succederanno più».

COSA PENSATE?

mi dispiace littlewolf ma alla fine ha vinto amt. le multe sono valide e dovranno essere pagate

trovo ipocrita la seguente frase

«Solo i controllori possono esercitare una certa tolleranza, magari nei casi in cui il veicolo invade la corsia protetta per evitare un ostacolo o un incidente o banalmente perché c’è un auto parcheggiata male: chi si serve temporanemente delle striscie gialle per un motivo comprensibile non deve essere multato». «Saranno multati i trasgressori che occupano la corsia a lungo e intenzionalmente».

Multe, trasparenza e buon senso, dunque. Ma sono proprio questi ingredienti - soprattutto gli ultimi due - a essere mancati nella vicenda di corso


mc2 mc2 29/08/2008 ore 10.10.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»


mi sfugge l'ipocrisia della frase.

E comunque deve finire il malcostume tutto italiano che le regole sono fatte per essere infrante. Se io trasgredisco devo pagare, sia che mi becchi un cecchino sul tetto che un satellite in cielo. Non è il modo in cui vengo scoperto, il centro del discorso, ma il fatto che non ho rispettato una regola.


cristian1977 cristian1977 29/08/2008 ore 10.14.35
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»

A mc2 che il 29/08/2008 10.10.23 ha scritto:

mi sfugge l'ipocrisia della frase.

E comunque deve finire il malcostume tutto italiano che le regole sono fatte per essere infrante. Se io trasgredisco devo pagare, sia che mi becchi un cecchino sul tetto che un satellite in cielo. Non è il modo in cui vengo scoperto, il centro del discorso, ma il fatto che non ho rispettato una regola.



Rispondo: è un thread, questo qui, che si rifà ad uno scritto da littlewolf ieri inerente questa vicenda

io ieri gli scrissi di non cantare vittoria e che le multe, anche se dichiaravano il contrario, le avrebbero fatte pagare e non le avrebbero levate

oggi, purtroppo, la conferma che avevo ragione e la presa per il culo verso i genovesi rispetto all'articolo di ieri unita alla presa per il cuo odierna con la frase che ho voluto riprendere che parla di buon senso ma che nei casi citati il buon senso non è stato usato ma per far cassa va benissimo
mc2 mc2 29/08/2008 ore 10.29.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»

A cristian1977 che il 29/08/2008 10.14.35 ha scritto:
A mc2 che il 29/08/2008 10.10.23 ha scritto:

mi sfugge l'ipocrisia della frase.

E comunque deve finire il malcostume tutto italiano che le regole sono fatte per essere infrante. Se io trasgredisco devo pagare, sia che mi becchi un cecchino sul tetto che un satellite in cielo. Non è il modo in cui vengo scoperto, il centro del discorso, ma il fatto che non ho rispettato una regola.



Rispondo: è un thread, questo qui, che si rifà ad uno scritto da littlewolf ieri inerente questa vicenda

io ieri gli scrissi di non cantare vittoria e che le multe, anche se dichiaravano il contrario, le avrebbero fatte pagare e non le avrebbero levate

oggi, purtroppo, la conferma che avevo ragione e la presa per il culo verso i genovesi rispetto all'articolo di ieri unita alla presa per il cuo odierna con la frase che ho voluto riprendere che parla di buon senso ma che nei casi citati il buon senso non è stato usato ma per far cassa va benissimo

Rispondo:

Mi da un po' fastidio la locuzione "fare cassa".

Si è trasgredito? si.

Allora si deve pagare. L'errore è non far pagare chi ha trasgredito e non è stato "preso". Il buon senso si riferisce al fatto che se uno mi taglia la strada, piuttosto di portarmelo via, salgo sulle strisce gialle.

E' un po' come se davanti alla stazione di Mestre, dove tutti parcheggiano in divieto di sosta, mi dessero la multa perchè per passare sono costretto a scavalcare una doppia linea continua.
cristian1977 cristian1977 29/08/2008 ore 10.32.43
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»

A mc2 che il 29/08/2008 10.29.11 ha scritto:
A cristian1977 che il 29/08/2008 10.14.35 ha scritto:
A mc2 che il 29/08/2008 10.10.23 ha scritto:

mi sfugge l'ipocrisia della frase.

E comunque deve finire il malcostume tutto italiano che le regole sono fatte per essere infrante. Se io trasgredisco devo pagare, sia che mi becchi un cecchino sul tetto che un satellite in cielo. Non è il modo in cui vengo scoperto, il centro del discorso, ma il fatto che non ho rispettato una regola.



Rispondo: è un thread, questo qui, che si rifà ad uno scritto da littlewolf ieri inerente questa vicenda

io ieri gli scrissi di non cantare vittoria e che le multe, anche se dichiaravano il contrario, le avrebbero fatte pagare e non le avrebbero levate

oggi, purtroppo, la conferma che avevo ragione e la presa per il culo verso i genovesi rispetto all'articolo di ieri unita alla presa per il cuo odierna con la frase che ho voluto riprendere che parla di buon senso ma che nei casi citati il buon senso non è stato usato ma per far cassa va benissimo

Rispondo:

Mi da un po' fastidio la locuzione "fare cassa".

Si è trasgredito? si.

Allora si deve pagare. L'errore è non far pagare chi ha trasgredito e non è stato "preso". Il buon senso si riferisce al fatto che se uno mi taglia la strada, piuttosto di portarmelo via, salgo sulle strisce gialle.

E' un po' come se davanti alla stazione di Mestre, dove tutti parcheggiano in divieto di sosta, mi dessero la multa perchè per passare sono costretto a scavalcare una doppia linea continua.

Rispondo: a genova hanno di fatto usato questo sistema
LittleWolf84 LittleWolf84 29/08/2008 ore 11.58.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»

No cristian io contesto...
Perchè se fossi stato preso da una telecamera allora posso anche accettarlo !!!
Ma non da una persona che può tranquillamente multarmi senza alcun strumento di prova, per puro e semplcie soggetivismo !!!
Se vado dal giudice di pace penso che dovrebbe invalidare la multa !
LittleWolf84 LittleWolf84 29/08/2008 ore 11.59.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»


io proporrei un commandos di persone il cui compito è trovare questi tizi e buttarli giù dal tetto :many
cristian1977 cristian1977 29/08/2008 ore 12.08.13
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»

A LittleWolf84 che il 29/08/2008 11.59.50 ha scritto:

io proporrei un commandos di persone il cui compito è trovare questi tizi e buttarli giù dal tetto :many

Rispondo: secondo me qualcuno sta già effettuando il reclutamento :ok
cristian1977 cristian1977 29/08/2008 ore 12.09.50
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»

A LittleWolf84 che il 29/08/2008 11.58.39 ha scritto:
No cristian io contesto... Perchè se fossi stato preso da una telecamera allora posso anche accettarlo !!! Ma non da una persona che può tranquillamente multarmi senza alcun strumento di prova, per puro e semplcie soggetivismo !!! Se vado dal giudice di pace penso che dovrebbe invalidare la multa !

Rispondo:

dipende da quello che scrivono nel verbale (sicuramente scriveranno una bugia) il che rende difficile provare la malafede di questi controllori amt
cristian1977 cristian1977 29/08/2008 ore 12.35.18
segnala

(Nessuno)RE: per littlewolf: Multe “pirata” valide «Ma non accada più»


littlewolf

l'articolo 201 del CdS prevede la possibilità di non contestare una violazione al CdS per determinati casi specifici

questi casi specifici sono regolamentati dall' articolo 384 del regolamento d'attuazione al CdS che prevede le seguenti casistiche:

a) impossibilità di raggiungere un veicolo lanciato al alta velocità;
b) attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante luce rossa;
c) sorpasso in curva;
d) accertamento di una violazione da parte di un funzionario o un agente a bordo di un mezzo pubblico di trasporto;
e) accertamento della violazione per mezzo di appositi apparecchi di rilevamento che consentono la determinazione dell’illecito in tempo successivo, ovvero dopo che il veicolo oggetto del rilievo sia già a distanza dal posto di accertamento o comunque nella impossibilità di essere fermato in tempo utile o nei modi regolamentari; (esempio telecamere)
f) accertamento della violazione in assenza del trasgressore o del proprietario dell’auto (esempio divieto di sosta)

di certo gli accertatori amt nei loro verbali scriveranno nei loro verbali che non hanno potuto contestare immediatamente la violazione scrivendo le motivazioni A e D e non che erano su un tetto nascosti

se tu passando sulle striscie gialle ti accorgi che ci son sui tetti dei controllori nascosti sui tetti, se vuoi vincere il ricorso (quindi devi pensare che ti hanno "beccato") devi chiamare le FdO per far identificare i controllori in modo che quando ti arriverà il verbale a casa potrai contestare il loro verbale falso e potrai pure denunciarli per aver commesso il reato di falso in atto d'ufficio (art 317 C.P.)

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.